Segnali gratis per opzioni binarie

Fare trading di opzioni binarie utilizzando i segnali per aumentare i guadagni. More »

Il monopolio di Google

Google ha ormai una posizione di monopolio assoluto nel mercato della pubblicità online e sta schiacciando i piccoli publisher indipendenti. More »

Prospettive del mercato petrolifero

Come si muoveranno i prezzi del petrolio nei prossimi mesi? Probabilmente scenderanno a causa della crisi, vediamo meglio quello che sta succendendo. More »

Il crollo delle azioni di facebook

Le azioni Facebook hanno perso la metà del loro valore rispetto alla quotazione e la situazione non sembra affatto in miglioramento. More »

Le opzioni binarie

Le opzioni binarie sono un nuovissimo sistema per investire, in modo facile e sicuro, nei mercati finanziari, adatto anche ai principianti More »

 

Quanto vale una Sterlina in Euro?

Quanto Vale una Sterlina in Euro

Attraverso questa nostra mini-guida, semplice e veloce da leggere, ci occuperemo principalmente del cambio Euro-Sterlina (EUR/GBP) quindi, cercando di capire quanto vale una sterlina in euro, e come fare per calcolare questo cambio, in maniera molto simile a come facemmo per il discorso di quanto vale un dollaro in euro.

È molto importante considerare il fatto che, nonostante la Gran Bretagna non faccia parte dell’Europa, la coppia forex EUR/GBP è comunque tra le coppie di valute più contrattate sul mercato forex. Stiamo quindi parlando di valute che hanno una grande liquidità, e quindi cambio Euro/Sterlina deve essere preso in considerazione non solo da un punto di vista prettamente turistico, ma anche macroeconomico.

Cambio euro sterlina

Con un grafico di trading, è possibile notare l’andamento del cambio Euro/Sterlina, per capire come investire al meglio in questa coppia di valute.

cambio euro sterlina

Quanti euro sono una sterlina

Per capire quanti euro sono una sterlina, è semplicemente necessario effettuare un calcolo con il prezzo attuale.

Se il cambio Euro/Sterlina è pari a 0,8442, significa che 1(Euro)=0,8442(Sterline), quindi questo significa che per sapere quanto vale una sterlina in euro, è necessario fare 1/0,8442= 1,1842. Ogni volta, è quindi necessario dividere il numero 1 (uno) con il prezzo del cambio EUR/GBP per capire quanto vale in tempo reale quanti euro sono una sterlina (ovvero quanto vale una sterlina in euro).

Il valore della Sterlina, cambia sempre in continuazione, in quanto subisce delle variazioni abbastanza importanti per quanto concerne la domanda e l’offerta, gli agenti scatenanti principali del mercato finanziario.

Come e dove cambiare Euro in Sterline

Qualsiasi banca che si rispetti, permette di cambiare gli euro e le sterline (o vice versa) in base al prezzo corrente, ma oggi è possibile cambiare i propri soldi anche nei cosiddetti “Currency Exchange” o “Forex Exchange”, che sono presenti sia sul suolo inglese, che negli aeroporti italiani. Tuttavia, c’è da considerare che negli aeroporti, le commissioni sono altissime e quindi spesso non conviene. Anche il prelievo da una carta in EURO attraverso un ATM inglese, non è molto conveniente., in quanto verranno applicati dei tassi di cambio sfavorevoli. Quello che conviene, è confrontare i currency exchange presenti in Regno Unito, in modo da trovare quello più vantaggioso.

Previsioni Euro Sterlina

Sicuramente, dopo la questione Brexit, la sterlina è ancora di più scambiata sui mercati forex, che si sono adeguati alla decisione del popolo inglese sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Subito dopo la crisi Brexit, c’è stato un crollo sostanziale della Sterlina Inglese, che è comunque una delle valute principali dell’Europa, e continuerà ad essere per ancora molti anni.

I mesi che seguiranno la Brexit, saranno periodi di grande incertezza per la Sterlina inglese, che è influenzata da svariati fattori, come ad esempio le varie notizie macroeconomiche che vengono rilasciate periodicamente, sia da parte del Regno Unito che dell’Europa, e altri numerosi fattori tecnici, o il tasso d’interesse.

Sicuramente, fare trading sulla coppia EUR/GBP è più consigliabile durante la sessione di Day Trading (dalle 9 fino alle 5 di pomeriggio), proprio nel momento in cui le borse europee sono aperte, ore in cui la volatilità e maggiore, e quindi le occasioni di trading sono maggiori e più ghiotte.

Per quanto concerne i tassi d’interesse, un aumento dei tassi da parte del Regno Unito significherà un apprezzamento della Sterlina Inglese, e invece un abbassamento dei tassi d’interesse porterà ad un abbassamento del valore della sterlina inglese.

Il consiglio è sempre quello di scegliere i migliori broker Forex per fare trading con le coppia EURGPB.

Migliori broker Euro/Sterlina

BrokerBonusLicenzaDeposito min.
25€ senza obbligo depositoCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC100 €Apri un conto
Opinioni Markets.com
25 € couponCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC100 €Apri un conto
Opinioni XTrade
20 € couponCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC200 €Apri un conto
Opinioni Etoro
25 € senza depositoCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC100 €Apri un conto
Opinioni Plus500
10.000 $ bonusCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC250 $Apri un conto
Opinioni 24FX

Investire nei beni rifugio, conviene?

Beni Rifugio

Siamo in un importante periodo di grande incertezza economica mondiale, ed è sempre più difficile investire nell’azionario USA, per non parlare di quello italiano, che durante quest’anno non è andato certamente bene. La risposta a tutte queste incertezze, oltre che alla speculazione, sono quei beni considerati “beni rifugio”, dei mercati in grado di migliorare in maniera abbastanza significativa il rapporto di rendimento/rischio (R/R) del proprio portafoglio.

Molti non sanno che è presente una correlazione inversa tra l’andamento dei beni rifugio (i cosiddetti “safe haven” e gli altri asset finanziari. Inoltre, i rendimenti ai minimi termini dei bond, stanno mandando al rialzo gran parte dei beni rifugio, in particolar modo di quelle materie prime molto richieste, come l’Oro o l’argento.

I beni rifugio, sono quindi dei componenti che non devono assolutamente mancare nel portafoglio di qualsiasi investitore che ha a cuore la stabilità e l’andamento del proprio portafoglio, in quanto i benefici sono estremamente alti.

Che cosa sono i Beni Rifugio

Un rifugio sicuro è un investimento che nel tempo mantiene il suo valore o addirittura aumenta il suo valore in tempi di turbolenza dei mercati. I rifugi sicuri vengono ricercati moltissimo dagli investitori per limitare la loro esposizione alle perdite, in caso di crisi del mercato. Tuttavia, rifugi sicuri quelli che vengono considerati si possono alterare nel tempo in base alle condizioni di mercato.

A volte, le decisioni azzeccate di acquisto e di vendita, potrebbero far sembrare un investimento un rifugio sicuro quando non lo è realmente.

L’oro è in genere considerato un rifugio sicuro in momenti dove i mercati valutari sono volatili. Anche i Buoni del Tesoro USA sono considerati un rifugio sicuro in un clima economico instabile, perché sono sostenuti dalla piena fiducia e credito del governo degli Stati Uniti. Nel mercato forex, il franco svizzero è considerato una valuta “rifugio sicuro”. Infine, se un intero settore economico sta andando male, ma una società all’interno di tale settore, si sta comportando bene, le sue azioni possono essere considerato un rifugio sicuro.

Investire Beni Rifugio

Investire nei beni rifugio è sicuramente una strategia di copertura eccellente, sopratutto in periodi di crisi finanziaria terribili, come ad esempio quello che stiamo vivendo in questo momento, grazie al fatto che un safe haven è in grado di migliorare, senza troppi sforzi, la performance del proprio portafoglio.

Un esempio potrebbe essere il crollo dei mercati finanziari durante la crisi Brexit, che ha visto materie prime come l’Oro, a tornare ad avere degli importanti movimenti rialzisti. I rifugi sicuri, sono dei beni che aumentano a dismisura il rendimento del proprio portafoglio, a maggior ragione in periodi come questi, minimizzando i rischi e massimizzando i profitti.

I beni rifugio, sono quindi dei beni preziosi che vengono percepiti come “senza rischio” dagli investitori, che hanno un incredibile movimento rialzista ed apprezzamento durante le crisi finanziarie ed economiche.

Come investire Beni Rifugio

Attraverso il trading online, è molto semplice investire nei beni rifugio, come ad esempio le materie prime, che sono i beni rifugio per eccellenza. Per iniziare ad investire nei beni rifugio, l’unica cosa da fare è registrarsi ad una piattaforma di trading, per aprire un conto con una delle migliori piattaforme di trading online che permettono di fare trading su questi mercati, e scegliere la quantità con cui si vuole investire. Ovviamente, l’investimento dovrebbe essere di tipo BUY (ovvero al rialzo).

Supponiamo di voler investire nel mercato dell’Oro. In questo caso, si decide di comprare dell’oro, che farà parte del proprio portafoglio. In questo modo, si diversifica automaticamente, in quanto l’Oro ha solitamente un comportamento inverso rispetto ai classici investimento (Azioni, ETF, Obbligazioni) etc. Il rendimento, viene quindi stabilizzato, riducendo i rischi al minimo in caso di crollo. Per iniziare ad investire nell’Oro, è sufficiente scegliere una delle migliori piattaforme di trading.

Migliori broker beni rifugio

BrokerBonusLicenzaDeposito min.
25€ senza obbligo depositoCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC100 €Apri un conto
Opinioni Markets.com
25 € couponCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC100 €Apri un conto
Opinioni XTrade
20 € couponCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC200 €Apri un conto
Opinioni Etoro
25 € senza depositoCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC100 €Apri un conto
Opinioni Plus500
10.000 $ bonusCySEC, CONSOB, MiFID, ASIC250 $Apri un conto
Opinioni 24FX

Perché investire nei Beni Rifugio?

Investire nei beni rifugio, significa dunque mettere al sicuro i propri investimenti in momenti alquanto incerti. L’Oro è in continuo movimento rialzista negli ultimi anni, in quanto è aumentato di oltre il 30% da inizio anno, in un movimento rialzista che ha visto il suo culmine anche con la questione Brexit, in un rialzo che ormai perdura dal 2014. Ecco la panoramica di XAU/USD, che negli ultimi mesi ha performato in maniera alquanto eccellente:

Bene-Rifugio-Oro-Andamento

Detto questo, è importante investire nel mercato dell’Oro, bene rifugio per eccellenza, considerando anche altri fattori:

  • In caso di aumento dell’economia mondiale, l’oro potrà accrescere per effetto dell’aumento del flusso di domanda dell’Oro e anche per cause puramente industriali;
  • Importante anche considerare il fatto che la correlazione negativa dell’oro con le altre classi, stabilizza il portafoglio, migliorando il rapporto di rischio/rendimento.

La correlazione dei Beni Rifugio

Come abbiamo già avuto modo di accennare, per quanto riguarda i beni rifugio, è presente una particolare correlazione.

La correlazione è infatti di tipo negativo, o meglio, inversa, permettendo quindi di “spalmare” il rischio del proprio portafoglio, mitigando e riducendo ai minimi termini, la volatilità e quindi il rischio del mercato finanziario. Durante eventi catastrofici, come ad esempio il fallimento di un paese, i beni rifugio hanno l’oneroso computo di “salvare” il capitale dell’investitore dai possibili effetti negativi del “Cigno Nero”.

È quindi una grande opportunità poter sfruttare le svariate correlazioni che sono presenti tra i beni rifugio e gli altri mercati finanziari, in modo da poter trarre vantaggio al massimo dalla correlazione di tipo negativo, in modo da “coprire” i propri investimenti, grazie ad una stabilità enormemente aumentata, grazie ad esempio, a rifugi sicuri come ad esempio l’Oro.

Quanto e dove investire nei beni rifugio

Attualmente, uno dei migliori beni rifugio, è sicuramente l’Oro, che rende l’investimento nei beni rifugio estremamente interessante e profittevole. L’Oro può anche vantare il primato di essere il bene rifugio migliore, il più performante. Il settore immobiliare è infatti in grande crisi, per non parlare di quelle energetico, che non sta passando uno dei suoi periodi migliori.

L’Oro sta invece avendo una crescita alquanto sostenuta della domanda, e a differenza dell’Argento, continua ad aumentare il suo valore, anche grazie ai mercati come quelli della Cina e India che stanno letteralmente trainando il settore dei preziosi.

Mercati sofferenti in attesa delle dichiarazioni di Fed e Boj

fed

In attesa delle dichiarazioni della Bank of Japan di venerdì continua a mantenersi imprevedibile l’andamento dello yen. Mercoledì la valuta giapponese ha vissuto l’ennesima sessione volatile, e anche analizzando l’andamento della coppia USD/JPY degli ultimi giorni si può osservare come ai mercati manchi ancora una direzione condivisa, e quanto ancora lo scenario sia dominato dall’incertezza.

OptionWeb

Primo broker di opzioni binarie a offrire il trading su Forex, OptionWeb sin dal suo primo giorno sul mercato opera direttamente sotto licenza dell’Unione Europea (regolamentazione CySEC) e di Consob, potendo offrire così al cliente una totale sicurezza e trasparenza, e ponendolo sempre nelle condizioni ideali per potersi muovere con coscienza sul mercato. Per venire incontro alle esigenze dei trader è stata poi creata una elegante application per Android e iOS: semplice e intuitiva, attraverso una grande varietà di funzioni permette di investire direttamente in opzioni binarie o di gestire gli attuali investimenti in corso, inclusa la nuova tipologia di opzioni con scadenza a 30 o 120 secondi, un nuovo tipo di scadenza messo a punto da OptionWeb per approfittare rapidamente delle continue fluttuazioni del mercato. Per cominciare subito a scoprire OptionWeb clicca qui e apri il tuo conto gratuito.


Continuano quindi le speculazioni sul titolo, mentre il primo ministro Shinzo Abe ha da poco fornito qualche dettaglio sugli stimoli fiscali preparati da Banca centrale e governo
. Per risollevare la danneggiata economia nipponica, da 15 anni minata dalla deflazione, pare che la BoJ voglia mettere in gioco un pacchetto da oltre 28mila miliardi di yen (pari a circa 265 miliardi di dollari).

Viste le poche aspettative, già martedì durante l’apertura europea la coppia USD/JPY era scesa a un minimo di 103,99, mentre mercoledì si è attestato a 106,5 contro la valuta americana, stabilizzandosi infine a 105,50, in discesa di circa l’1% sia su euro che su dollaro. Per quanto riguarda le nuove misure di stimolo, le attese al momento rimangono orientate verso un nuovo intervento espansivo, che dovrebbe riguardare i tassi di interesse e la composizione del programma di acquisto asset dell’istituto.

Anche dalla Fed non sono attese grandi sorprese, dato che l’istituto americano non pare avere dati solidi a sostegno di un rialzo dei tassi di interesse, e probabilmente interventi più importanti verranno comunque rimandati all’appuntamento previsto per settembre. La coppia EUR/USD ha infatti annaspato a Tokyo, rimanendo bloccata sotto la soglia a 1,10, mostrando per il quarto giorno consecutivo un’inclinazione negativa. Il biglietto verde si mantiene comunque stabile contro le altre principali valute, in attesa della importante decisione sulla politica monetaria da mantenere che arriverà venerdì.

In calo anche la sterlina, con il cambio GBP/USD che scende dello 0,27% a 1,3098. L’Ufficio Nazionale di Statistica ha reso tuttavia noto che l’economia inglese ha in realtà superato le aspettative, dimostrando nel secondo trimestre una crescita del 2,2%, contro le attese ferme invece a 2,0% in seguito ai diffusi timori post Brexit.

Anche per quanto riguarda le materie prime i prezzi hanno continuato per lo più a calare, a causa di una eccessiva offerta e di una ristagnante domanda, scendendo sotto la soglia dei 45 dollari a barile. Il greggio aveva già perso il 4% durante la scorsa settimana, e ha continuato a deprezzarsi durante la sessione di mercoledì. L’indicatore internazionale del petrolio Brent è sceso infatti dello 0,18% a 44,80 dollari al barile, mentre il West Texas Intermediate è calato dello 0,23% attestandosi a 42,85 dollari al barile.

NoiPA 2016: come fare registrazione e login

NoiPA

Oggi daremo uno sguardo al sistema NoiPA, ovvero spiegheremo come si fa per entrare, vedere e scaricare tutti i dati e il cedolino (che è essenzialmente la nuova busta paga dei dipendenti pubblici), che rappresenta i vari stipendi emessi da parte delle pubbliche amministrazioni. Il servizio NoiPA è un portale relativamente nuovo, che fa parte del progetto di digitalizzazione del governo, che mira a portare in rete tutti quei documenti che altrimenti viaggerebbero su carta, agevolando quindi il rapporto tra i dipendenti e le amministrazioni pubbliche.

NoiPA è quindi una piattaforma che è nata nel 2012, come una vera e propria evoluzione dei prodotti precedenti (in questo caso stiamo parlando del Portale Stipendi PA e Portale SPT).

Oggi vedremo tutti i punti, partendo dalla registrazione sul portale NoiPA, fino al login, per poi capire come visionare e scaricare tutti quei documenti estremamente importanti per i dipendenti pubblici, come ad esempio il cedolino stipendio, modello 730 e modello di Certificazione Unica (Modello CU),

NoiPa 2016: cos’è e come funziona

Il portale NoiPA è una sito internet dedicato a tutti i dipendenti della pubblica amministrazione, come ad esempio il Personale (dipendenti pubblici), Amministrazione (Scuole, Sanità, Enti Locali, Amministrazioni Statali, Enti Pubblici etc), Partner (Banca d’Italia, Enti Creditori, CAF, Istituti di Previdenza, Professionisti).

Si tratta quindi di un sistema informativo che è stato realizzato per gestire tutti i numerosi dati dei dipendenti di una pubblica amministrazione. Con il NoiPa è possibile dunque distribuire la busta paga, creazione del cedolino mensile, gestione dei dati elaborati, calcolo presenze e assenze, elaborazione dati economico-giuridici e molto altro ancora.

Come funziona NoiPA?

Il sistema NoiPa, per poter funzionare, ha bisogno di un accesso, che deve essere richiesto direttamente alla propria pubblica amministrazione. Per entrare nel NOiPA infatti, è semplicemente necessario essere membri, dipendenti di un’amministrazione sopracitata. Ci si deve quindi registrare, e possedere la password fornita dalla Pubblica Amministrazione per la quale si lavora, e validare.

Ogni dipendente che lavora per un’Amministrazione Pubblica, riceve il proprio stipendio. Per vedere e scaricare la busta paga ricevuta, è necessario entrare nel portale NoiPA, attraverso l’area riservata.

NoiPA Primo Accesso

Per accedere all’interno del Portale NoiPA, il dipendente deve avere le credenziali, che sono essenzialmente il codice fiscale e la password personale.

Per ottenere queste credenziali, è necessario un tipo di convalida attraverso il numero di telefono ed anche l’email, i mezzi con i quali il dipendente pubblico dialoga con NoiPA. Il numero di cellulare e indirizzo email può essere fornito direttamente al responsabile dell’amministrazione.

Per la convalida dell’indirizzo di posta elettronica, si riceverà dunque una mail dal no-reply.NoiPA@tesoro.it, con il link dove inserire il codice fiscale:

NoiPA-Codice-Fiscale-Validazione

Dopo aver validato il codice fiscale, potrà essere impostata la domanda segreta, che è necessaria al fine del recupero password. Inserire poi tutti gli altri dati richiesti.

Dopo la conferma di tutti i dati, il sistema invierà una nuova email con una password provvisoria e un link, dove inserire la password fornita, inserendo quella definitiva.

Dopo che verrà completato il tutto, una volta che si dovrà accedere al portale, verrà mostrata la schermata di login NoiPA.

NoiPA Registrazione

Per registrarsi al NoiPA è necessario avere sottomano i due ultimi cedolini, che è possibile richiedere direttamente all’ente pubblico per il quale si lavora. Per tutte le persone che vogliono dunque accedere per la prima volta, è necessario seguire un processo di registrazione facile ed indolore.

Per poter accedere al cedolino, è necessario avere i seguenti dati:

– Codice fiscale (che poi sarà anche il nome Utente per accedere al servizio)
– ID dei cedolini delle ultime 3 mensilità

NoiPA cedolino accesso all’area riservata

Il cedolino può essere trovato attraverso queste istruzioni in foto:

NOiPA-Cedolino

Per chi ha invece la Carta Nazione dei Servizi (CNS) non serve l’ID del cedolino.

NoiPA codice fiscale e password

Per poter usufruire dei servizi NoiPA, serve un codice fiscale e una password. Il codice fiscale è sicuramente molto semplice da trovare, basta infatti cercare la propria tessera sanitaria e annotarsi le cifre che sono sul fronte della tessera:

NoiPA-Codice-Fiscale

Per quanto concerne invece la password, basta recarsi al proprio ufficio di servizio e rivolgersi al responsabile dell’identificazione del dipendente, per poter fornire l’indirizzo di posta (ed eventualmente, se volete, anche il numero di cellulare) dove ricevere la password. L’email che si riceverà conterrà il link per il primo accesso. Seguire poi tutte le indicazioni contenute nella sezione NoiPA Primo Accesso di questa guida.

NoiPA login

Per effettuare il login sul portale NoiPA, è sufficiente recarsi sul sito internet https://noipa.mef.gov.it/, cliccare in alto a destra su Entra, e ci si troverà davanti ad una schermata di questo tipo:

NoiPA-Login

Inserire poi dunque tutte le informazioni richieste:

  • Codice Fiscale
  • Password

Se non si conoscono alcune di queste informazioni, seguire i paragrafi precedenti per risolvere i vari problemi di primo accesso o recupero password.

NoiPA reset password

Sul portale NoiPA è possibile resettare la propria password in maniera molto semplice. Basta andare su https://noipa.mef.gov.it/jim-self/resetpassword inserire il codice fiscale, completare la verifica captcha e si riceverà un’email per resettare la propria password.

Per poter procedere al recupero della password in maniera semplice e veloce, sarà necessario essere in possesso di una serie di info:

  • Codice fiscale
  • Risposta alla domanda segreta

Inserire tutte le informazioni richieste per procedere al NoiPA reset password.

NoiPA assistenza

Dal giorno 1 aprile 2014 ci sono stati dei lievi cambiamenti per quanto concerne la fase di registrazione al portale. Dal 2014 è infatti obbligatorio mettersi in contatto o recarsi presso all’Amministrazione di appartenenza o presso la segreteria scolastica per fornire indirizzo email, numero di cellulare, che verrano dunque inseriti direttamente dentro il sistema NoiPA.

Attraverso questo sistema il sito internet invierà una email con tutte le info per accedere direttamente all’interno del sito web NoiPA attraverso cui è possibile poi entrare con il PIN identificativo per utilizzare i vari. Per ottenere assistenza o informazioni è  possibile sempre chiamare il numero verde NoiPA 800991990.

Una volta che si saranno ricevute le credenziali di login devono essere confermate tramite la procedura descritta nell’email che si è ricevuta a seguito del primo accesso al sito web NoiPA.

La password sarà utilizzabile per un periodo di 90 gg massimo al termine del quale dovrà essere cambiata. Il cedolino sarà invece disponibile in rete per tredici mesi successivi a quello a cui si riferisci, differente invece il discorso per la certificazione unica CU e 730 che sono disponibili online per oltre 5 anni.

Bilderberg: il club di Rockefeller

Bilderberg

Bilderberg, o meglio, il gruppo Bilderberg, è stato oggetto di critiche (da parte delle stesse persone che criticano i Rothschild o la Commissione Trilaterale), in quanto è dai più considerato una “società segreta” di “illuminati”, quando in realtà non è propriamente così.

La realtà, è che il Gruppo Bilderberg è un incontro annuale, composto da all’incirca 130 partecipanti, dove vengono invitate personalità nel campo economico, bancario e politico. All’interno della conferenza, vengono trattati svariati temi, politici, economici, finanziari, ma anche globali.

La conferenza avviene in hotel di lusso, solitamente in Europa, e una volta ogni quattro anno almeno negli USA o in Canada. Il gruppo Bilderberg ha sede a Leida nei Paesi Bassi, i partecipanti vengono inoltre resi pubblici attraverso una conferenza stampa.

Storia Bilderberg

Fin dalla sua riunione inaugurale nel 1954, Bilderberg è stato un forum annuale per le discussioni informali, volte a favorire il dialogo tra l’Europa e il Nord America. Ogni anno, circa 120-150 leader politici ed esperti dell’industria, della finanza, del mondo accademico e dei media, sono invitati a partecipare alla riunione. Circa due terzi dei partecipanti provengono dall’Europa e il resto dal Nord America; un terzo dalla politica e governo e il resto da altri campi. L’incontro è un forum di discussioni informali circa i trend e le principali problematiche che affliggono il mondo. Gli incontri si svolgono sotto la Chatham House Rule, in cui si afferma che i partecipanti sono liberi di utilizzare le informazioni ricevute, ma né l’identità né l’appartenenza di chi ha affermato queste parole, né di qualsiasi altro partecipante possono essere rivelati. Grazie alla natura privata della riunione, i partecipanti non sono vincolati dalle convenzioni del loro ufficio o dal ruolo pre-concordato. In quanto tali, possono prendersi il tempo necessario per ascoltare, riflettere e raccogliere le informazioni. Non vi è alcun programma dettagliato, non vengono proposte delle risoluzioni, nessun voto viene preso, e nessuna dichiarazione politica viene emessa.

Proprio a causa della segretezza dell’evento e delle discussioni contenute all’interno di esso, il Gruppo Bilderberg è stato spesso oggetto di critiche e teorie del complotto.

La prima conferenza in assoluto, fu organizzata grazie ad una iniziativa di David Rockefeller il 29 Maggio del 1954 presso l’hotel de Bilderberg a Oosterbekk, Paesi Bassi. La conferenza nacque principalmente per favorire la cooperazione tra Europa e Stati Uniti in campo politico, economico e militare.

Fu un grande successo, e il primo incontro portò poi a pianificare delle conferenze Bilderberg annuali.

In Italia, ci sono state ben 3 riunioni Bilderberg dal 1954 ad oggi:

  • 4-6 ottobre 1957: Fiuggi, Italia;
  • 24-26 aprile 1987: Villa d’Este, Cernobbio, Italia;
  • 3-6 giugno 2004: Stresa, Italia.

Perché viene fatta la Bilderberg

La riunione Bilderberg è un forum annuale di tre giorni costituito principalmente da delle discussioni informali volte a favorire il dialogo tra l’Europa e il Nord America. L’incontro è nato a causa della preoccupazione, espressa da leader di entrambe le sponde dell’Atlantico, sul fatto che l’Europa occidentale e il Nord America non avevano un buon rapporto sulle questioni di interesse comune.
Sin dal primo incontro, i rappresentanti maggiori dei settori economici, sociali, politici e culturali sono stati invitati a tenere discussioni informali per contribuire a creare una migliore comprensione delle principali tendenze che colpiscono le nazioni occidentali, a causa del difficile dopoguerra.
Nel corso degli anni, gli incontri annuali sono diventati un forum di discussione su una vasta gamma di argomenti; dal commercio, ai posti di lavoro, dalla politica monetaria per gli investimenti e dalle sfide ecologiche per il compito di promuovere la sicurezza internazionale. Nel contesto di un mondo globalizzato, è difficile pensare a qualsiasi questione sia in Europa o nel Nord America che possa essere affrontata in modo unilaterale.

Bilderberg italiani

Ci sono anche negli italiani nel club Bilderberg. Nell’ultima riunione del 2016, i partecipanti italiani sono stati ben sei:

Bilderberg-Lilli-Gruber

Bernabè, Franco (ITA), Chairman, CartaSi S.p.A.
Costamagna, Claudio (ITA), Chairman, Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.
Dassù, Marta (ITA), Senior Director, European Affairs, Aspen Institute
Elkann, John (ITA), Chairman and CEO, EXOR; Chairman, Fiat Chrysler Automobiles
Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor “Otto e mezzo”, La7 TV
Ratti, Carlo (ITA), Director, MIT Senseable City Lab

Bilderberg-agnelli-rockfeller

Gianni Agnelli (destra) con David Rockefeller (sinistra).

In passato, ci sono stati anche tanti altri membri italiani nella Bilderberg. Tra i quali spicca il nome dell’ex premier Mario Monti, un vero e proprio habitué della Bilderberg. Poi spiccano i nomi di Giovanni Agnelli, Umberto Agnelli, Renato Ruggiero, Barbara Spinelli, Marco Tronchetti Provera, Mario Draghi, Alessandro Profumo, Monica Maggioni e molti altri ancora.

Bilderberg Monica Maggioni

Monica Maggioni, presidente della Rai, ha partecipato alla Bilderberg del 2014, ed è anche un membro della Commissione Trilaterale, dal 2015.

Commissione Trilaterale

Una commissione molto legata alla Bilderberg, è la commissione Trilaterale (Trilateral Commission), che è un gruppo di studio (proprio come la Bilderberg) che non è governativo ma apartitico. All’interno della commissione trilaterale, sono presenti più di 100 membri, provenienti da Europa, America e Giappone.

Commissione-Trilaterale-Gruppo-Italiano

Anche la Trilaterale fu fondata, anni dopo la Bilderberg, da David Rockefeller e altri dirigenti, tra cui Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski (molti sostengono anche da Gianni Agnelli, ma non ci sono documenti ufficiali in grado di provarlo). L’organizzazione Trilaterale, fu fondata a motivo del crollo, in quegli anni, dell’influenza del Council on Foreign Relations, un gruppo di studio americano di politica estera, le cui posizioni sulla guerra del Vietnam erano divenute impopolari.

Mario Monti, è stato presidente dal 2010 al 2011 della Trilateral Commission.

Nel 2016, la Commissione Trilaterale è tornata dopo ben 33 anni in Italia, a Roma. Gli italiani ad aver partecipato, sono stati oltre venti, tra cui: Mario Monti, John Elkann, Marco Tronchetti Provera, e la presidente Rai Monica Maggioni.

Sessione del 26 luglio, tremano i colossi italiani

borsa italiana

La giornata di martedì non ha riservato grandi sorprese alla borsa italiana. La sessione si è infatti conclusa con minime variazioni positive, leggermente al di sotto rispetto alle altre borse europee che hanno invece registrato maggiori rialzi frazionali. Sono inoltre iniziati i tre giorni in cui verranno svolte le aste di titoli di Stati italiani: il Tesoro ha infatti collocato un CTZ e un Btp indicizzato all’inflazione, per un totale di oltre 3,5 miliardi di euro, anche se a ora il rendimento del CTZ si conferma negativo.

OptionWeb

Per investire i vostri capitali in totale sicurezza e serenità, anche in questo momento instabile, affidatevi alla pluriennale esperienza di OptionWeb. Fornito di regolamentazione CySec e Consob, garantisce ritorni fino al 90%, e vanta una piattaforma di trading moderna e intuitiva, dotata di una interfaccia personalizzabile e operante su oltre 190 diversi asset con scadenze multiple. È inoltre garantita una formazione d’eccellenza, disponibile sul sito attraverso seminari, webnair giornalieri e un servizio di coaching personalizzato che vanta la collaborazione dei migliori analisti finanziari. Visitate il sito OptionWeb cliccando qui per scoprire tutti gli unici vantaggi e per aprire un conto demo su cui iniziare a testare le vostre abilità da trader.

Brutta giornata invece per Mediaset, che a trattativa già conclusa ha ricevuto in giornata l’annuncio dell’Ad del colosso francese Vivendi, il quale intende acquistare soltanto il 20% del capitale di Premium (rispetto al 100% originariamente concordato) arrivando a detenere in 3 anni circa il 15% del capitale di Mediaset, attraverso un prestito obbligazionario convertibile. L’emittente televisiva di Berlusconi ha già fatto sapere di essere “fermamente determinata a far valere ogni proprio diritto in ogni sede”, ma oggi il titolo è crollato a -6,94% a 3,006 euro.

Sempre alta rimane poi l’attenzione per le trimestrali che giungeranno nei prossimi giorni dai maggiori istituti di credito del Vecchio Continente. Si conferma spinosa la situazione italiana, come dimostrato anche dalla sessione di oggi: Molto volatile il Monte dei Paschi, che dopo essere arrivato al -8% è tornato in parità oscillando stabilmente e a lungo, per poi chiudere con un disastroso -15. Molta la speculazione sul titolo in questi giorni, complici gli uscenti esiti degli stress test e soprattutto il palese ritardo del governo sul piano della cessione di NPL. Rimane possibile un ritorno ai minimi storici toccati a inizio mese, a 0,2530 euro, ma la discesa non dovrebbe andare oltre l’intervallo 0,20/0,18 euro.

Meglio il Banco Popolare che chiude con un soddisfacente +2,51% a 2,452 euro e la Popolare di Milano, che si attesta a +3,56% a 0,4221 euro. Gli analisti di Equita SIM hanno tagliato il prezzo obiettivo sui due istituti, portandolo rispettivamente a 4,6 euro e a 0,72 euro, in seguito alla riduzione delle stime sulla redditività per il triennio 2016/2018.

Scende anche Unicredit, da poco guidata da Jean-Pierre Mustier, il quale ha insieme al consiglio d’amministrazione definito una nuova e più efficiente policy: semplificare le interazioni interne, assumere un più pratico assetto operativo, identificare ruoli chiari e netti, mantenere linee decisionali condivise e maggiormente proiettate sul breve termine. Nonostante la fiducia del Nuovo CEO tuttavia Unicredit scende del 2,27% a 2,242 euro, mentre la Consob ha reso noto che il 25 luglio Marshall Wace ha incrementato la posizione corta sull’istituto, portandola dallo 0,51% allo 0,61%.

Anche Luxottica ha rivisto le stime per l’intero 2016, prevedendo un fatturato in crescita costante del 2-3%, contro la precedente stima del 5-6%. Ha infatti perso il 4,03 attestandosi a 43,32 euro, mentre brillante si è rivelato l’esordio di Enav. La società di controllo del traffico aereo ha infatti registrato un +10,6% a 3,65 euro, e la stessa azienda ha confermato di aver ricevuto domande per quasi 1,82 miliardi di azioni, paragonato a un’offerta finale di 252,6 milioni di titoli.

Trading CFD: cosa sono e come si guadagna con i CFD

trading CFD

Il trading CFD è una forma di trading online particolarmente facile e adatta anche ai principianti. In effetti grazie al trading CFD moltissimi principianti si sono potuti avvicinare per la prima volta al trading online, anche ottenendo profitti elevati. Il trading CFD è comunque adatto anche ai professionisti del trading: la maggior parte di coloro che riescono a vivere di trading adoperano proprio i CFD per guadagnare sui mercato finanziari.

Cosa sono i CFD

L’acronimo CFD sta per Contratti per Differenza. Si tratta di uno strumento derivato inventanto negli anni ’90 da alcuni broker che operavano sulla Borsa di Londra. Il loro obiettivo era fare trading senza pagare imposte al governo inglese. Questa invenzione divenne subito molto popolare perché i Contratti per Differenza semplificano moltissimo il trading online. Che cosa è un CFD? E’ un derivato che replica esattamente il prezzo dell’asset su cui è costruito. Possiamo avere, per esempio, un CFD sull’oro. In questo caso il suo valore replica esattamente la quotazione dell’oro sui mercati finanziari. Ma allora perché non fare trading direttamente sull’oro? Perché grazie al CFD è possibile guadagnare sia quando il valore dell’oro sale sia quando scende. Inoltre, il trading di CFD non prevede commissioni sull’eseguito o imposte sulla transazione. Il trading di CFD è quindi assolutamente più conveniente rispetto al trading diretto sull’asset. Chiariamo, comunque, che i profitti che si ottengono devono essere sottoposti poi alla tassazione come rendita finanziaria, attualmente pari al 26% per chi risiede in Italia. Il risparmio fiscale risiede nel fatto che non si pagano bolli di nessun tipo o imposte sulla singola transazione.

Trading CFD online

Ma questo vantaggio non è l’unico dei CFD. Fare trading di CFD online conviene per le seguenti ragioni:

  • Il trading online di CFD è più semplice rispetto ad altre tipologie di trading
  • Non ci sono commissioni sull’eseguito
  • Non ci sono bolli di tenuta conto o imposte sulla singola transazione
  • E’ possibile guadagnare sia quando il valore dell’asset sale sia quando scende
  • E’ possibile operare a leva, moltiplicando ulteriormente i guadagni
  • Le piattaforme di trading CFD sono di altissima qualità

In effetti quando si fa trading online di CFD quello che è davvero importante è scegliere la piattaforma in maniera opportuna. Ma quali sono le migliori piattaforme per fare trading di CFD? Tra le piattaforme più famose al mondo non possiamo che citare Plus500: si tratta di una piattaforma sicura, affidabile, autorizzata e regolamentata all’autorità britannica Financial Conduct Authority. Operare con Plus500 con i CFD è così conveniente perché CFD non applica commissioni sull’eseguito nè costi fissi ma anzi offre un bonus di benvenuto a tutti i clienti. Al momento dell’apertura del conto si ricevono 25 euro senza necessità di effettuare alcun deposito. Si tratta di soldi veri che si possono utilizzare per fare trading di CFD e ovviamente non ci sono limniti nè vincoli di nessun tipo: i profitti ottenuti con il trading a partire da questi 25 euro si possono prelevare.

Francamente 25 euro non sono un grande capitale per cominciare il trading di CFD ed è quindi necessario depositare il proprio denaro sul conto di trading offerto da Plus500. Si tratta di un conto sicuro, garantito al 100% dalla severissima FCA. Inoltre, Plus500 offre dei generosi bonus di benvenuto che possono arrivare anche a 7.000 euro.

Grazie a questi bonus è facile incrementare i profitti e diminuire il rischio di trading: moltissimi dei trader professionali approfittano di questa offerta. Se anche tu vuoi cominciare a fare trading online di CFD con Plus500, clicca qui.

Plus500 è veramente un’ottima piattaforma di trading CFD, ma non è l’unica. Un’altra piattaforma che sta riscuotendo moltissimo successo ultimamente è 24fx. Si tratta di una piattaforma sicura e affidabile, autorizzata e regolamentata da CONSOB, facilissima da usare. Anche 24fx offre un generoso bonus gratuito a tutti gli iscritti e non applica nessun tipo di commissione. Per aprire un conto su 24fx clicca subito qui.

Quale piattaforma scegliere per fare trading di CFD? E’ meglio Plus500 o è meglio 24fx? Si tratta di domande a cui difficilmente è possibile dare una risposta univoca. Ci sono trader che preferiscono Plus500 e trader che invece scelgono 24fx. In linea generale possiamo dire che i trader un po’ più esperti scelgono Plus500 mentre quelli davvero alle prime armi di solito scelgono 24fx. Ma non è una regola generale. Il nostro consiglio è quello di provarli entrambi e poi scegliere quella che garantisce le prestazioni migliori. Si tratta, effettivamente, di un giudizio completamente soggettivo.

Investire con i CFD

cfd bitcoinQuali sono i beni su cui è possibile investire con i CFD? I CFD sono estremamente versatili e si possono adattare a tutti i mercati: con i CFD è possibile speculare in Borsa così come operare sul forex o sulle materie prime. Con piattaforme di alta qualità come Plus500 è possibile anche guadagnare con i bitcoin: in questo caso si riesce a coniugare gli elevatissimi rendimenti che i bitcoin offrono con la sicurezza e l’affidabilità di una piattaforma come Plus500. Di solito, infatti, i bitcoin devono essere negoziati su piattaforme inaffidabili, il cosiddetto dark web. I CFD che hanno come sottostante i bitcoin possono essere negoziati su una piattaforma controllata, autorizzata e regolamentata. E il valore dei CFD con sottostante il bitcoin ricalca esattamente il valore del bitcoin: un ulteriore esempio di come i CFD siano utilissimi per coloro che vogliono fare trading sui mercati finanziari.

Trading CFD opinioni

Quali sono le opinioni più comuni riguardo al trading di Contratti per Differenza? Qui occorre fare una distinzione tra le opinioni veritiere e quelle invece completamente fasulle. Il trading di CFD è una forma particolare di investimento speculativo, in grado di generare profitti elevati a patto di utilizzare le migliori piattaforme di trading e di operare con intelligenza e preparazione. Non serve essere dei geni e, per quanto riguarda la preparazione, può essere acquisita facilmente con l’esperienza e con i tanti corsi completamente gratuiti che si possono trovare online. Insomma, anche un principiante può guadagnare soldi con il trading online di CFD ma attenzione: non è possibile diventare milionari in 7 giorni con il trading di CFD. Il trading di CFD non è una sorta di macchina che stampa e distribuisce soldi. Il trading di CFD non è nemmeno un gioco o una scommessa. Queste purtroppo solo opinioni fasulle che spesso si trovano sui forum finanziari come FinanzaOnline e simili. I CFD non sono nulla di tutto questo: sono un modo per guadagnare soldi dai mercati finanziari ma si tratta di investimenti, non di un gioco o peggio.

Trading CFD strategie

strategie trading cfdQuali sono le migliori strategie per fare trading online di CFD? Molto spesso si pensa che le strategie di trading per CFD siano astruse e complicate. Nulla di più falso. Le strategie di solito sono facili da utilizzare, esistono anche strategie per beginners in grado di generare profitti elevati. Ci sono anche trader esperti, come Bruno Moltrasio, che condividono online la propria esperienza sulle strategie di trading di CFD. Ci sono due punti molto importanti, alla base di qualunque strategia di trading di CFD: il money management e il trading system.

Money management

Il money management è alla base del successo dei trader: si tratta di una tecnica estremamente semplice da applicare che consente di evitare di limitare fortemente le perdite in caso di operazioni che vanno male e di massimizzare i profitti quando invece le cose vanno bene. Come funziona il momey management quando si fa trading di CFD? E’ molto semplice: è sufficiente suddividere il capitale totale a disposizione (quindi capitale iniziale + bonus ottenuti in regalo se si usano piattaforme come Plus500 o 24fx) in piccole parti. Ad esempio, una suddivisione ideale del capitale è quella in tranche pari al 2% del totale. Su ogni operazione CFD si investe quindi solo il 2% di tutto il capitale inizialmente disponibile. Questa semplicissima strategia di trading CFD garantisce che anche in caso di operazione che non va a buon fine, le perdite sono minuscole rispetto al capitale totale. Se si opera con intelligenza e con piattaforme di qualità, la grande maggioranza di operazioni chiude in profitto e quindi i profitti superano largamente le perdite.

E’ importante sottolineare che il trading CFD comporta sempre un certo grado di rischio
, in altre parole è estremamente probabile che un certo numero di operazioni chiuda in perdita. Grazie al money management si possono annullare le perdite complessive.

Trading system

Un altro elemento molto importante di una strategia di trading CFD è il trading system. Praticamente, è necessario indicare il punto in cui si vuole uscire dal mercato sia in caso di perdita che di profitto. Con piattaforme di altissima qualità come Plus500 o 24fx, infatti, è possibile specificare direttamente uno stop loss, cioè un livello di perdita massimo che è possibile accettare sulla singola operazione. Allo stesso modo è possibile specificare un take profitt, cioè un livello massimo di profitto che si intende incassare sulla singola posizione. Specificando sempre take profitt e stop loss è possibile ottenere sempre il massimo controllo sul trading di CFD.

The Millionaire in PJs conviene o è una truffa?

the millionaire in pjsIn questi giorni si sente parlare moltissimo di The Millionaire in PJs un metodo sicuro per guadagnare soldi, almeno secondo coloro che lo pubblicizzano. Anzi, per coloro che lo pubblicizzano, The Millionaire in PJs è un modo per diventare ricchi rapidamente, senza fare niente. Sarebbe sufficiente aprire il conto su questo sistema per iniziare a guadagnare in maniera automatica perché si tratterebbe di un robot di opzioni binarie (qui puoi scoprire che cosa sono le opzioni binarie).

Ma le cose stanno davvero così? Si diventa ricchi aprendo un conto su The Millionaire in PJs?

Purtroppo la risposta è no, non si diventa ricchi senza fare niente grazie a The Millionaire in PJs. Se qualcuno chiede se The Millionaire in PJs è una truffa noi rispondiamo che non lo sappiamo. Può darsi anche che si guadagni davvero dei soldi (questo non lo sappiamo ma francamente consigliamo di non fare la prova). Quello che sicuramente consideriamo come truffa è il modo in cui viene fatto marketing di questo prodotto. Promettere che un semplice robot per opzioni binarie possa far diventare ricco è una truffa, punto e basta.

Le recensioni di The Millionaire in PJs sono influenzate (negativamente) proprio da questo marketing aggressivo e, sostanzialmente, poco veritiero. Noi non consigliamo di aprire conti su The Millionaire in PJs, così come non consigliamo, almeno al momento, di utilizzare alcun robot di opzioni binarie.

Ma allora chi è alle prime armi e vorrebbe automatizzare il trading di opzioni binarie non può farlo? No, può farlo sicuramente con risultati eccezionali ma deve utilizzare gli strumenti giusti.

Uno dei metodi in assoluto più adatti ai principianti che vogliono guadagnare da subito con le opzioni binarie è costituito dai segnali gratis che il broker 24option offre a tutti i propri iscritti. Questi segnali sono suggerimenti su operazioni di trading che si possono fare sul mercato e che di solito hanno una probabilità altissima di generare profitti.

Attenzione: parliamo di probabilità alta ma non c’è alcuna certezza. Perfino utilizzando i segnali di 24option è possibile (anche se non probabile) che l’operazione si chiuda in perdita. Per questo motivo si consiglia sempre di puntare solo una piccola quota del proprio capitale su ogni operazione.

Se vuoi cominciare a guadagnare con i segnali di opzioni binarie di 24option, clicca qui e apri il tuo conto gratuito.

Attenzione: non c’è nessuna garanzia di guadagnare anche se le probabilità sono francamente molto alte. Inoltre è sicuro che non ti arricchirai velocemente: diventare ricchi con il trading online non è facile e sicuramente non diventa ricco un principiante che comincia a utilizzare un servizio di segnali di opzioni binarie gratis. Ci vogliono anni di impegno, di studio e di esperienza per poter diventare ricchi. E non c’è assolutamente nessuna garanzia.

A proposito di 24option

24option è considerato uno dei migliori broker di opzioni binarie: è autorizzato e regolamentato CONSOB e offre una piattaforma di trading davvero molto semplice da utilizzare, una piattaforma che persino i principianti trovano facile e intuitiva. Tra le caratteristiche salienti di 24option dobbiamo ricordare anche il bonus del 100% su tutti i depositi: in pratica quando trasferisci sul TUO conto di trading una somma di denaro, 24option aggiunte al TUO conto la stessa somma. Insomma, se depositi 250 euro, 24option te ne regala subito altri 250. Questi soldi non possono essere prelevati direttamente (24option è generoso ma non fa beneficenza, ovviamente) ma possono essere utilizzati per operare sul mercato. Inoltre, come abbiamo già detto, 24option regala dei segnali di trading sicuri e affidabili a tutti coloro che aprono un conto.

Per ricevere il bonus di 24option, clicca qui: potrai operare sul mercato con il doppio dei soldi e quindi guadagnare il doppio.

Se vuoi scoprire nei dettagli come funziona 24option e quali sono tutte le promozioni che mette a disposizione dei suoi clienti, puoi leggere la nostra recensione. In ogni caso, stai alla larga da Millionarie in Pjs, non ne ricaverai nulla di buono.

Come guadagnare da casa

Come guadagnare da casa

Guadagnare da casa è sicuramente l’ambizione di molti italiani: cosa c’è di meglio di farsi uno stipendio direttamente dal proprio tavolo o scrivania, costruendo giorno dopo giorno, senza troppi sforzi, uno stipendio, e forse anche qualcosa di più? Tuttavia, moltissime persone partono con il piede sbagliato, ascoltando individui di dubbia professionalità e registrandosi a servizi che in realtà promettono il mondo ma che in realtà fanno perdere solo tempo.

Non sei ricco perché nessuno te lo ha insegnato?

Sicuramente ci sarete passati, vi sarà capitato il genio/guru/mentore su Facebook che vi ha detto: Ehi tu, non sei ricco perché nessuno te lo ha ancora insegnato! Compra le mie lezioni, paga per la mia conferenza!. A volte mi viene da ridere a leggere questi fantomatici guru, come può ad una persona essere istruita “a diventare ricca”, a maggior ragione del fatto che in un momento del genere circa 60 persone hanno in mano metà della ricchezza del pianeta? E’ ovviamente un’utopia, la realtà è che non si nasce imparati, ma non si può nemmeno essere istruiti per diventare ricchi. Con la mia formazione Universitaria, mi è sempre stato insegnato che si studia per accrescere la propria cultura, e per poi applicare questa cultura, questo insieme di conoscenze quindi, ad un mestiere lavorativo una volta presa la Laurea. Ed è così che funziona per tutto, la pappa pronta non esiste, o meglio esiste, ma non vi permetterà certamente di diventare ricchi, vi svuoterà solo le tasche per riempirle a chi vi chiede soldi per corsi ed ebook della dubbia utilità.

Prima di parlare sul Come guadagnare da casa, è necessario fare un elenco di Come NON guadagnare da casa.

Come non guadagnare da casa

Abbiamo elencato in un comodo elenco numerato, i 5 peggiori modi per NON guadagnare da casa. E vi possiamo assicurare che questi sono soltanto alcuni dei metodi per non guadagnare da casa.

  1. Affidati ai Guru: se una persona è ricca, perché vorrebbe condividere le sue conoscenze con me, a pagamento e per giunta pubblicizzandosi su Facebook a tutto spiano? Dovrebbe farlo gratis, no? Molti sostengono che gran parte di questi motivatori/guru siano in realtà dei cloni di Robert Kiyosaki, e molto probabilmente è vero. Quindi, se proprio volete affidarvi ad uno di questi guru (non ve lo consiglio), compratevi un libro su Amazon di Kiyosaki, giusto per curiosità ed intrattenimento, ma non vi farà certamente diventare ricchi. Tuttavia,  è sempre meglio rivolgersi all’originale che ad una serie di mezze tacche da quattro soldi.
  2. Scommetti: il mondo delle scommesse non è un modo per guadagnare da casa, ma bensì un modo per giocare da casa. Le probabilità di vincere sono molto basse, e giocare alle slot machine online molto probabilmente contribuirà a farvi divertire, ma scatenerà in voi una sorta di attaccamento morboso, che ha portato sul lastrico molte persone. Basti pensare al famoso cantante Pupo (al secolo Enzo Ghinazzi), che negli anni 90, dopo anni di successi, è andato in rosso di vari milioni di euro per colpa della sua passione dei Casinò. Le scommesse sono un buon metodo per divertirsi, ma sono assolutamente uno dei più deleteri metodi per guadagnare da casa.
  3. Fai un blog e monetizzalo con Adsense: di blog ce ne sono a bizzeffe, ed i guadagni per click di Adsense sono in calo da anni. Sicuramente un buon metodo per guadagnarsi un caffè al giorno, ma il gioco ne vale la candela?
  4. Scrivi per altri siti: Se sapete scrivere in maniera accattivante, qualche webmaster potrebbe interessarsi a voi e proporvi un modo per guadagnare scrivendo, solitamente a cottimo. Attualmente il prezzo che i gestori dei siti pagano per un articolo di 500 parole è di 2 euro/articolo (se vi va bene, ma la concorrenza è molta e quindi è probabile che vi dobbiate accontentare di 1euro/articolo), e spesso e volentieri il proprietario del sito si prende gli articoli e scappa senza pagare. Per fare 20 euro al giorno è quindi necessario scrivere ben 20 articoli da 500 parole, che molto probabilmente vi richiederanno 15 ore di lavoro, dovete poi fatturare con la Partita IVA (che ha costi spropositati in confronto a quello che guadagnerete). Sicuramente è meglio dei 3 metodi sopracitati, ma dubito seriamente che potrete andare in attivo.
  5. Apri un negozio online: se hai il know-how per creare e gestire un e-commerce, un magazzino, ed hai anche una partita IVA, potrebbe essere una buona idea, ma la concorrenza (sopratutto di Amazon ed eBay) è agguerrita, e se non proporrai prezzi incredibilmente bassi ed investendo migliaia di euro sui social e sui motori di ricerca, nessuno comprerà sul tuo negozio, ma andranno ovviamente su Amazon che offre un sito all’avanguardia, prezzi competitivi e spedizioni in 24 ore ed ottima assistenza clienti. Sicuramente una buona idea se siete già dei negozianti con prodotti ricercati ed avete esperienza e fornitori, ma con la crisi che c’è in giro non è sicuramente la strada più intelligente da percorrere.

Come guadagnare da casa, seriamente

I like when money makes a difference, but don’t make you different” tradotto in italiano significa “Mi piace quando il denaro fa la differenza, ma non ti rende differente“, è una delle migliori citazioni del rapper Canadese Drake, che ci fa capire quanto sia importante il denaro, ma quanto sia anche importante non farci catturare dal vortice di eccessi che inevitabilmente arrivano insieme al denaro. Con la nostra guida molto probabilmente ne farete molto di denaro, ma vi avvisiamo di utilizzarlo soltanto a scopi etici, che possano accrescere sia la vostra vita che quella delle persone che avete intorno. Il denaro non vi cambierà, cambierà quello che potrete fare o comprare, ma sarete sempre voi e guidare la vostra vita, nel bene o nel male.

Il denaro è certamente uno dei migliori mezzi per vivere al meglio, esistono vari metodi per guadagnare, ed ogni modo per guadagnare da casa porta con sè una certa quantità di rischio.

Fare soldi da casa in maniera veloce senza fare nulla, è essenzialmente un metodo inesistente. Per guadagnare online, è possibile farlo anche senza fare nulla, ma non è certamente possibile farlo in maniera veloce, è infatti necessario raggiungere un punto in cui si accresce la propria ricchezza personale, che ci permetterà di guadagnare cifre più grandi nello stesso periodo di tempo.
Senza sacrifici infatti, non raggiungerete nulla, non basta il classico “Computer ed una connessione internet”, ma forza di volontà, molto studio e alla fine lavoro ed analisi continua. Non importa che siate degli studenti, delle casalinghe, dei camerieri o dei direttori di banca, per raggiungere qualsiasi obiettivo non importa cosa si è stati in passato, ma cosa si vuole diventare in futuro.
Per fare soldi online, servono infatti le stesse capacità, le stesse skills, che sono necessarie nel mondo “reale”. Ogni tipo di guadagno porta in sè sia un livello di rischio, basso o alto che sia, ma anche un rendimento, che è la percentuale di guadagno. Abbiamo quindi stilato un’altro elenco numerato di metodi per guadagnare, dal livello con meno rischio al livello con più rischio.

1. Guadagnare da casa seriamente facendo trading online di azioni (livello rischio: basso)

Investire in azioni con un broker regolato in italia come Plus500, è senza dubbio uno dei migliori metodi per investire nelle aziende in cui si crede veramente. Amate Google? Bene, investite e guadagnate. Ecco il grafico dei guadagni di Google:

Guadagnare da casa facendo trading online di azioni

Come potete vedere, le azioni di Google nel giro di circa 10 anni sono passate da 40 dollari, a ben 684, con un profitto di circa il 180%. Stiamo parlando circa del 18% annuale, senza nemmeno calcolare l’interesse composto. Calcoliamolo adesso con un esempio di investimento in Google negli ultimi 5 anni, con un guadagno del 18% annuale:

1 anno: investimento iniziale 1000 euro, dopo un guadagno del 18% il proprio patrimonio sarà di 1180 euro.

2 anno: l’investimento è diventato di 1180 euro , dopo un guadagno del 18% il proprio patrimonio sarà di 1392,4 euro.

3 anno: l’investimento è diventato di 1392,4 euro , dopo un guadagno del 18% il proprio patrimonio sarà di 1643,14 euro.

4 anno: l’investimento è diventato di 1643,14 euro , dopo un guadagno del 18% il proprio patrimonio sarà di 1938,9 euro.

Come potete vedere, l’interesse composto è un fattore molto potente quando si tratta di investire. Dopo 4 anni, avrete già raddoppiato il vostro capitale. E il solito discorso può essere fatto sia con 1000, 10 mila, 100 mila euro, o anche di più. Non ci sono davvero differenze, l’importante è investire. Ovviamente la stessa cosa può essere fatta per altre azioni blasonate e stabili come Facebook, Apple, Yahoo! etc. Segnaliamo che se vi registrate attraverso questa pagina a Plus500 riceverete 25 euro gratuiti una volta che avrete fatto la verifica del telefono.

2. Guadagnare da casa seriamente copiando i migliori (livello rischio: basso)

Guadagnare da casa copiando i migliori

Se volete guadagnare da casa investendo in investitori reali, guadagnando quindi in maniera passiva, ci sono le soluzioni di eToro e Tradeo, che permettono di investire e diversificare il proprio portafoglio, anche con piccole cifre come ad esempio 200 euro, per investire in professionisti nel settore del trading, che fanno del guadagno un lavoro sistematico. Cosa ci guadagnano queste persone? Ovviamente se portano profitti ai propri Investitori, guadagnano un extra. Gli investitori guadagnano in rapporto 1:1 in base a quello che guadagna il trader che è in copia. Se il trader fa il 10% mensile, anche voi farete il 10%. Ad esempio: se avete investito 500 euro su un trader, e questo trader che copiate ha fatto il 50%, voi avrete guadagnato 250 euro. Non ci sono commissioni, e si guadagna da casa (oppure in mobilità con lo smartphone) veramente bene. Segnaliamo che se vi registrerete a Tradeo tramite questa pagina (clicca qui), Tradeo vi offrirà 25 dollari gratuiti non vincolati a deposito.
Anche eToro, è una soluzione eccellente per copiare trader esperti e guadagnare in automatico: il conto gratis si può aprire cliccando qui.

3. Guadagnare da casa facendo trading forex (livello rischio: medio)

A differenza del punto 1, dove parlavamo del trading di azioni, che è molto più sicuro, il trading forex è leggermente più rischioso ma ancora più remunerativo, in quanto in questo caso non è possibile investire in maniera “set and forget” (imposta e dimentica), ovvero comperiamo delle azioni e ce ne scordiamo, mentre continuano a crescere. Con il Forex è diverso, in quanto solitamente la leva è maggiore, e le valute a differenza delle azioni che si muovono in trend, fluttuano. E’ ovvio quindi che l’investimento nel mercato del forex deve essere più responsabile e “mordi e fuggi”, ovvero è necessario piazzare delle trades che verranno chiuse nell’arco di alcuni minuti ed ore, che andranno a rosicchiare pips di mercato ogni volta. Ecco un esempio (cliccate nell’immagine per aprirla ingrandita su un’altra scheda):

Guadagnare da casa facendo trading forexQuesto è il grafico di una delle coppie forex più famose: EUR/USD. Come potete vedere, le coppie fluttuano, ed anche in questo caso, la coppia, rappresentata su un timeframe giornaliero degli ultimi mesi, sta “ballando” sul supporto di 1.0500 e 1.1500, che fanno un totale di 1000 pips, un vero e proprio canale dove andremo ad acquistare nella parte bassa di esso, e a vendere nella parte alta. E’ davvero così semplice, e qualunque professionista che fa trading forex sul serio e vuole guadagnare da casa seriamente, utilizza questo semplicissimo metodo.

4. Guadagnare da casa facendo trading opzioni binarie (livello rischio: alto)

Le opzioni binarie sono state oggetto di discussione negli ultimi anni: molti sostengono che siano in realtà una truffa, altri invece che siano lo strumento più veloce per guadagnare. La verità è che se vi registrerete su uno dei migliori broker per Opzioni Binarie, come ad esempio 24Option, non rischiate la truffa ma rischiate bensì di guadagnare cifre ingenti, ovviamente con una moderata percentuale di rischio, e vi spieghiamo perché. Ne abbiamo parlato proprio la settimana scorsa, quando il gentile staff di 24Option ci ha invitato al suo booth alla London Affiliate Conference: con le opzioni binarie una volta che è aperta una posizione, ci sono il 50% di probabilità che la posizione si chiuda in profitto, e il 50% che la posizione si chiuda in perdita. È ovvio quindi che è lo strumento di investimento più “matematico che esista. Ovviamente una casistica del genere può esserci nel caso apriste una posizione con gli occhi chiusi. Studiando infatti i mercati grazie agli indicatori tecnici e macroeconomici, sarà possibile aumentare a dismisura la percentuale di successo, anche fino al 70-80%. I broker per opzioni binarie seri come 24Option, permettono di guadagnare fino all’85% su una trade, il 15% è guadagnato ovviamente dal broker, che vive di commissioni, e quindi vive in base al successo del cliente. Proprio per questo 24Option ha sviluppato un’ottima piattaforma desktop, che è affiancata da apps per gli smartphone rivoluzionarie e semplicissime da usare.

In questo articolo che parla del rimborso perdite opzioni binarie, potrete capire bene quanto si guadagna con le opzioni binarie. Tuttavia non ci siamo accontentati, e abbiamo fatto un nuovo confronto tra 24Option e Anyoption più tante altre formule di Win/Loss adottate dai più grandi broker online.

Andiamo al dunque, ipotizziamo di investire solo 100€ su una singola posizione per un totale di 10 posizioni.

Totale capitale investito 1000€

 Come leggere la tabella

  • W sono le vittorie
  • L  sono le posizioni perse
  • Rosso: Abbiamo evidenziato di rosso le serie dove la somma tra vincite e perdite è negativa, quindi avremo meno soldi di prima.
  • Verde: Abbiamo evidenziato di verde le serie dove la somma tra vincite e perdite è positiva, quindi avremo più soldi di prima.
4W-6L5W-5L6W-4L7W-3L8W-2L
75%/0% (Anyoption)-230€-70,5€80€230,5€390€
70%/0%-320€-150€20€190€360€
73%/0%-300,8€-130,5€30,8€210,1€380,4€
75%/0%-300€-120,5€50€220,5€400€
78%/0%-280,8€-110€60,8€240,6€420,4€
80%/0%-280€-100€80€260€440€
83%/0%-260,8€-80,5€90,8€280,1€460,4€
85%/0% (24Option)-260€-70,5€110€290,5€480€

Come è possibile notare, la formula di 24Option è migliore quando la strategia è vincente, quando è perdente però con 24Option si perde leggermente di più. Tuttavia se avete una strategia che vi permette di prendere 6 trade in profitto e 4 in negativo, continuerete a macinare molti soldi più con 24Option che con AnyOption. Anche AnyOption, in ogni caso, è un ottimo broker con cui lavorare, la scelta è anche un fatto soggettivo. Per cominciare a guadagnare con 24option puoi cliccare qui, per guadagnare soldi con Anyoption clicca qui.

In conclusione: guadagnare da casa è possibile!

Vi abbiamo promesso il meglio, e ve lo abbiamo dato. Adesso avete quattro metodi e diversi broker regolamentati e validi (solo quelli validi sono in realtà gli unici broker che vi permettono di fare soldi e non mettervi bastoni fra le ruote) sui quali vi potrete registrare per iniziare subito a fare soldi veri, senza dover investire un soldo, oppure investire piccoli quantitativi di denaro. Vi consigliamo inoltre di seguire continuamente il sito di Mercati24.com e la pagina Facebook di Mercati24. Se ti è piaciuta questa guida, lascia un commento nel box qua sotto, se hai bisogno di aiuto contattaci lasciando un commento nella comment box qua sotto, ti risponderemo entro mezz’ora.

La solidità del dollaro e le incertezze dello yen

dollaro usa

La sessione di apertura di questa settimana è stata l’ennesima dimostrazione della stabilità del dollaro. La valuta americana si conferma infatti solida, attestandosi non lontano dall’apice di quattro mesi contro le principali valute sul mercato.

Al momento l’attenzione è ovviamente tutta concentrata sulla Federal Reserve e sulla Bank of Japan: l’istituto statunitense non dovrebbe modificare l’attuale politica monetaria, ma mercoledì potrebbe fornire più chiare indicazioni circa le tempistiche previste per l’aumento dei tassi nei prossimi mesi. Una posizione di forza quella statunitense, solida e lineare, come confermato dalla coppia EUR/USD, che sale dello 0,09% a 1,0986, stabile vicino al minimo mensile di 1,0951 del passato fine settimana.

Più imprevedibile è invece l’esito della riunione della BoJ di venerdì, dove l’istituto potrebbe annunciare nuove misure di stimolo per l’economia nipponica, minata dalla deflazione da oltre un decennio. Ci si attende comunque un allentamento della politica monetaria, attraverso un taglio dei tassi di 20 punti base e un quantitative easing aggiuntivo di 3.000 miliardi.

Sale dello 0,20% il cambio USD/JPY, attestandosi a 106,33, mentre dopo essere scivolata dell’1% venerdì scorso, la sterlina (sempre suscettibile in queste settimane post Brexit) è arrivata a 1,3101 dollari, rimanendo anche nei confronti dell’euro tendenzialmente stabile. La coppia GBP/USD sale dello 0,34% a 1,3155, mentre il cambio USD/CHF scende invece dello 0,14%, attestandosi a 0,9856.

Positivo il dollaro australiano, con la coppia AUD/USD in rialzo dello 0,27% a 0,7484, mentre il cambio NZD/USD scende dello 0,19% a 0,6986. Intanto la coppia USD/CAD è in salita dello 0,31% a 1,3169, vicino al massimo di due mesi di venerdì di 1,3186. L’indice del dollaro si conferma in ogni caso stabile a 97,35, leggermente al di sotto del nuovo massimo di quattro mesi di 97,62 segnato nella notte.

OptionWeb

Nel mondo del Forex e del trading online non basta informarsi per avere un quadro corretto della situazione e cominciare a guadagnare: occorono informazioni sempre aggiornate e pertinenti, in grado di fornire una verosimile proiezione sui possibili andamenti dei mercati che il trader esperto sfrutterà per investire con oculatezza. OptionWeb da anni si occupa di fornire ai propri trader tutte le informazioni e il sostegno necessari non solo per investire, ma per imparare a investire.

Per questo oggi è tra i broker di opzioni binarie più rinomati al mondo, merito di una professionalità e di una fiducia guadagnate negli anni e garantite dall’Unione Europea e da Consob, oltre che del prezioso sostegno dei migliori analisti finanziari, grazie ai quali possiamo garantire ritorni fino al 91%. Visitate il pratico e moderno sito cliccando qui, dotato di una piattaforma tra le più apprezzate sul mercato, e iniziate a scoprire i vantaggi esclusivi disponibili per i clienti OptionWeb.

eToro: opinioni e recensioni

etoro

Ultimo aggiornamento 25 Luglio, 2016 eToro è una delle piattaforme di trading online in assoluto più famose al mondo e anche in Italia riscuote un successo immenso. Ma quali sono le opinioni più diffuse su eToro? E soprattutto, qual è la verità? Cominciamo subito con il dire che eToro è un’ottima piattaforma, autorizzata CONSOB, per il trading su forex, azioni, materie prime e bitcoin.

Prima di cominciare la nostra analisi sulle opinioni su eToro diciamo subito che è una piattaforma consigliatissima, una piattaforma che ha dimostrato in tanti anni di saper coniugare l’estrema semplicità d’uso con la capacità di generare redditi non indifferenti.

Puoi cliccare qui per cominciare a fare trading online con la piattaforme eToro.

eToro è affidabile?

La prima domanda che ci dobbiamo fare è eToro è affidabile?. La risposta è ovviamente sì, eToro è una della piattaforme in assoluto più affidabili che esistano oggi sul mercato. Non è solo il fatto che sia autorizzata e regolamentata dalla CONSOB ma è anche la testimonianza di tanti trader che nel corso degli ultimi 5 anni hanno utilizzato con successo la piattaforma eToro.
eToro è affidabile non solo perché è onesto, ma anche perché il software che utilizza è da sempre all’avanguardia, uno dei migliori software in assoluto tra quelli disponibili oggi sul mercato. Molto, molto meglio di Metatrader, se vogliamo fare un paragone.

Commenti su etoro

etoro opinioniMa quali sono i commenti più diffusi su eToro, ad esempio nei forum dedicati al forex trading o alla finanza? Il commento più diffuso è che sì, si tratta di un broker eccezionale e molto conveniente ma che sia destinato ad un pubblico di principianti. Intendiamoci bene: i principianti del forex possono trovare sicuramente un porto sicuro dove imparare con eToro. eToro, anzi, ha insegnato a schiere di aspiranti trader come ci si muove sui mercati, perché ha un’intefaccia veramente semplice da utilizzare e da capire e anche per il social trading.

La piattaforma di social trading merita, in effeti, un capitolo a parte perché è una delle innovazioni più grandi di eToro: si tratta di una piattaforma, simile a quella messa a disposizione dai social network, in cui è possibile seguire altri trader e persino copiarli in maniera completamente automatica. Il bello è che è possibile conoscere a priori i guadagni passati degli altri trader e quindi seguire solo quelli che meritano e che ci possono fare guadagnare. Non sono guadagni garantiti né sicuri, ma se si sceglie chi copiare con un minimo di intelligenza e buon senso, i profitti sono altissimi.

Ma che cosa ci guadagnano coloro che si fanno copiare? Semplice, oltre ai normali profitti di trading ricevono direttamente da eToro delle commissioni aggiuntive che non di rado raggiungono anche i 10.000 euro.

Ed ecco che sfatiamo una delle opinioni sbagliate diffuse su eToro: che sia un broker solo per principianti. Niente di più falso. Ci sono moltissimi trader esperti che hanno conti su eToro e che fanno soldi proprio grazie al social trading.

E’ importante specificare, inoltre, che la piattaforma di eToro è molto semplice da utilizzare ma questo non significa che non sia completa, anzi. Offre strumenti completi per soddifare le esigenze anche dal trader più esigente.

Le recensioni su Toro sono in generale estremamente positive, un po’ come succede per le opinioni su Plus500 che sono sempre e comunque positive. L’unica cosa che dobbiamo segnalare a proposito di eToro, è questa opinione dura a morire che sia un broker SOLO per inesperti. E’ vero, detto per inciso, che Plus500 necessita di un minimo di esperienza in più e quindi un trader totalmente inesperto fare bene a scegliere eToro rispetto a Plus500.

eToro Italia

La piattaforma di trading eToro è completamente disponibile in italiano. Anche il supporto è sempre erogato in italiano ed è persino disponibile un numero di telefono per ogni dubbio o richiesta. Insomma, gli italiani possono stare sicuri con eToro: e dopo tutto c’è l’autorizzazione CONSOB che richiede degli standard qualitativi veramente alti per approvare una piattaforma.

eToro recensioni

etoro recensioniOltre alle opinioni che vengono espresse, di solito, da semplici trader, abbiamo analizzato anche le recensioni scritte da professionisti. Ebbene, anche in questo caso, le recensioni su eToro sono molto positive. Le recensioni professionali del broker pongono l’accento sulla qualità della piattaforma e sul social trading. A parte gli aspetti di convenienza economica, che ormai tutti conoscono, queste recensioni mettono in evidenza come la piattaforma di social trading non sia solo un modo per guadagnare dei soldi in maniera tutto sommato facile ma anche una grandissima occasione per approfondire la conoscenza del trading online. In effetti molti trader principianti sono riusciti a diventare esperti proprio utilizzando il social trading di eToro: pare proprio che, con eToro, copiando si impara!

eToro demo

Per chi volesse provare, almeno inizialmente, ad utilizzare eToro senza depositare nulla, segnaliamo che è possibile aprire semplicemente un conto demo. Un conto demo è un conto che consente di operare in modalità assolutamente priva di rischi visto che i soldi utilizzati sono virtuali. Operare con il conto demo significa dunque sperimentare i tanti strumenti di trading avanzato che eToro mette a disposizione senza nemmeno dover effettuare un deposito. Tantissimi trader principianti cominciano la loro avventura nel mondo del trading online proprio con la demo di eToro.

Con eToro, è possibile utilizzare un conto demo in contemporanea ad uno virtuale, oppure utilizzare anche soltanto un conto demo. La differenza principale tra la piattaforma reale del social investment network eToro e quella virtuale, è che in quella virtuale i soldi vengono forniti direttamente da eToro, in quanto sono virtuali.

eToro-Investitore

eToro durante gli anni ha sviluppato una serie di servizi, come l’Openbook, Copytrader, Guru Finder, Copy.me e molti altri ancora. Alcuni di questi vengono ancora utilizzati tutt’oggi, e molti altri non vengono più utilizzati. eToro si evolve in continuazione, cercando di fornire il miglior servizio di social trading possibile.

Il conto demo di eToro si prefigura come l’opportunità migliore per iniziare a fare trading senza rischiare i propri fondi. Grazie alla piattaforma di trading virtuale fornita da eToro, sarà possibile iniziare a fare trading manuale e a copiare i migliori, senza dover investire denaro proprio. Questo significa anche che nessun profitto fatto durante la prova eToro, potrà essere prelevato.

Per aprire un conto demo, seguire i seguenti step:

1. Andare su www.etoro.com e compilare il modulo di registrazione
2. Scegliere un username facile da ricordare, e ricordarsi di inserire tutti i propri dati personali
3. Andare sulla homepage di eToro (www.etoro.com), e inserire i propri dati
4. Andare poi nella colonna di sinistra, cliccare su Portafoglio > Portafoglio Virtuale, e confermare la selezione
etoro demo
5. Adesso potrete iniziare a fare trading direttamente dal portafoglio virtuale di eToro

Apri subito il tuo conto

Le opinioni su eToro parlano chiaro: si tratta di una piattaforma sicura, onesta e affidabile, una piattaforma che conviene davvero provare e utilizzare: per aprire subito il tuo conto clicca qui subito. Scoprirai immediatamente che eToro è una piattaforma di trading unica, una piattaforma facilissima da usare ed estremamente affidabile. Praticamente perfetta.

eToro Login

Per fare login sulla piattaforma di eToro è molto semplice. Accedere alla piattaforma di eToro, significa interfacciarsi con oltre 4 milioni di utenti, che utilizzano la saggezza delle folle per prendere decisioni di trading più consapevoli.

Per iniziare, seguire questi passaggi:

1. Registrarsi su www.etoro.com
2. Andare sulla homepage di eToro
3. Cliccare in alto a destra su “Accedi
4. Troverete una schermata del genere
5. etoro login
6. Inserire i propri dati personali, e il sistema vi permetterà di entrare all’interno del network di eToro. È consigliabile salvare i propri accessi, in modo da velocizzare in futuro l’eToro Login.

eToro grafici

Per chi fa trading manuale, o anche per chi è semplicemente curioso e desideroso di studiare i mercati, eToro mette a disposizione un’ampia scelta di grafici di mercato, ottimi per l’analisi tecnica. Per iniziare, seguire i seguenti passi:

1. Una volta che si sarà dentro la piattaforma di eToro, cliccare sul tasto nella colonna di sinistra “Mercati”.
2. Selezionare un mercato a scelta, tra l’ampia selezione di: ETF, Azioni, Indici, Materie Prime, Valute e molto altro ancora.
3. Ci si troverà davanti ad una schermata del genere:
etoro grafici
4. Cliccare quindi sulla tab Grafico, verrà visualizzato un grafico. Cliccare poi in alto a destra rispetto al grafico, sul simbolo per ingrandire la finestra. Così facendo verranno visualizzate più funzioni del grafico eToro.
5. Sarà possibile scegliere svariate tipologie di personalizzazioni:
Rappresentazione: Candele vuote, Barra, Linea, Montagna, Candele.
Analisi Tecnica: Indice Accumulative Swing, ADX, Alligator, Aroon, Oscillatore Aroon, Average True Range, Oscillatore Awesome, Bande di Bollinger, Center of Gravity, Volatilità di Chaikin, Oscillatore Chande Forecast, Oscillatore Chande Momentum, Indice Comodità Channel, Coppock Curve e molto altri ancora.
Timeframe: 1 min, 5 min, 10 min, 15 min, 30 min, 1 ora, 4 ore, 1 giorno, 1 settimana.

eToro Webtrader

etoro-webtrader

Per chi non volesse fare trading direttamente su etoro.com, ma volesse una vera e propria piattaforma, c’è sempre la soluzione “classica” del webtrader di eToro, una piattaforma di trading online sviluppata in flash, e utilizzata prevalentemente prima dell’arrivo del trading integrato sul social trading network eToro. Il WebTrader di eToro è la piattaforma di trading più semplice, flessibile e bella che sia possibile trovare online, il webtrader di eToro ha svariati strumenti e funzionalità di trading sociale. La piattaforma WebTrader di eToro è sincronizzata con l’attività dell’OpenBook così sarà possibile monitorare, gestire ed analizzare il proprio portafoglio di trading.

eToro download

A differenza di come era in passato, adesso non è più possibile scaricare la piattaforme di trading per desktop. Le uniche due cose che è possibile attualmente scaricare, sono le App per Android ed iPhone.

etoro-download

Attraverso le piattaforme di trading mobile, è possibile proprio fare tutto quello che viene fatto solitamente con il computer. Trading, social e copiare tutti gli utenti della piattaforma. Adesso le App sono talmente evolute che molti utilizzano solo queste, senza neanche più collegarsi alla versione classica di eToro. È possibile impostare degli avvisi di trading, in modo da non rimanere mai indietro con i mercati finanziari.

eToro iPhone

Una delle peculiarità di eToro, è che è possibile scaricarlo anche direttamente dall’App Store.

etoro-iphone

Attraverso la piattaforma di eToro, è adesso possibile fare trading con iPhone e anche con iPad. eToro è il miglior social trading network per investire. Con l’App di eToro è possibile quindi osservare, seguire e copiare automaticamente i migliori trader al mondo.

* Segui gli investitori di eToro e ricevi le loro azioni di trading, idee ed analisi
* Crea un portafoglio basato su persone vere copiando automaticamente le attività degli investitori

Fare Social Trading con eToro iPhone, significa quindi attingere dalla saggezza delle folle per iniziare a collegarsi con gli altri “peer”, discutendo, tradando, investendo, imparando e condividendo automaticamente le attività degli altri.

eToro recensioni

eToro è uno di quei broker di trading online estremamente avanzati e moderni, ma allo stesso tempo anche semplici da utilizzare, che è diventato la prima scelta sia per attirare trader inesperti, ma anche veri e propri professionisti. Questo grazie anche al programma Popular Investor, che premia i trader che hanno tante persone che li copiano.

Grazie alla piattaforma di trading di eToro, i clienti del broker possono fare trading con svariati mercati CFD:

  • Forex (CFD)
  • Azioni (CFD)
  • Indici azionari (CFD)
  • Materie prime (CFD)
  • Bitcoin (CFD)

Il trading CFD è estremamente più economico e semplice rispetto a quello tradizionale. Non è quindi necessario scambiare fisicamente l’attività finanziaria, in quanto il CFD è un tipo di operazione dove le due parti (trader e intermediario) si accordano per scambiare denaro in base alla variazione del prezzo dell’attività sottostante in base al momento in cui viene aperta e viene chiusa. Per sapere in maniera più approfondita come funziona eToro, cliccare sul link.

etoro-recensioni

eToro è un broker molto valido, completamente regolamentato in svariati mercati finanziari, il broker eToro è infatti regolato da svariati enti:

– In Europa dalla CySec
– In Gran Bretagna dalla FCA
– Negli Stati Uniti è membro registrato della NFA
In Italia dalla CONSOB

eToro-Consob

Fare trading con un broker realmente regolamentato, significa dunque avere molti vantaggi e una grande sicurezza. Un broker con licenza, deve sempre rimanere sotto il controllo degli enti di regolamentazione, che effettuano controlli cadenzati. Le operazioni del broker vengono tenute sempre sotto controllo dagli enti. I broker tengono i fondi dei clienti registrati sulla piattaforma, in account segregati e completamente separati da quelli dell’azienda, in modo da evitare conflitti d’interesse, truffe o cose simili. Il broker eToro è sempre sottoposto al controllo degli organi e istituti, che si accertano che la piattaforma sia conforme alle leggi vigenti. Per qualsiasi tipo di disguido, è possibile rivolgersi alle autorità competenti, in Italia c’è LA CONSOB, in UK la FCA.

eToro è quindi un broker affidabile, con la piattaforma che gode di una ottima reputazione, grazie anche alla sua grande affidabilità. Si tratta quindi della soluzione perfetta per i trader alle prime armi, che vogliono una piattaforma semplice e funzionale, ma anche per quelli che trading lo fanno da anni, e vogliono il massimo della tecnologia e sicurezza.

Bail-in e Banche italiane, un quadro della situazione

bail in

Nonostante i toni fiduciosi tenuti dal presidente della Bce alla riunione svoltasi giovedì scorso, i mercati rimangono preoccupati per la delicatissima situazione delle banche italiane, specialmente in vista degli esiti degli stress test che l’Eba (l’Autorità bancaria europea) pubblicherà a fine luglio e che potrebbero confermare la necessità di un aumento dei capitali. In questo caso gli istituti di credito necessiterebbero di una importante ricapitalizzazione, ma proprio per trovare una diversa applicazione del bail-in si sono aperte in questi giorni le trattative con Bruxelles, in modo da non coinvolgere nelle perdite gli obbligazionisti subordinati, spesso piccoli risparmiatori ignari dei rischi.

OptionWeb

Affidare in sicurezza i propri capitali nelle mani di un intermediario capace e fidato è il primo e forse più importante passo che un trader deve intraprendere. Primo broker di opzioni binarie a offrire il trading su Forex, OptionWeb sin dal suo primo giorno sul mercato opera direttamente sotto licenza dell’Unione Europea (regolamentazione CySec) e di Consob, potendo offrire così al cliente una totale sicurezza e trasparenza, e ponendolo sempre nelle condizioni ideali per potersi muovere con coscienza sul mercato. Visitate il sito OptionWeb cliccando qui per seguire i pratici seminari online, o per aprire un conto demo gratuito per mettervi alla prova senza rischi, maturando esperienza e professionalità insieme al broker leader europeo nell’acquisto di opzioni binarie.

Le regole europee prevedono infatti che nel caso un istituto di credito necessiti nuovo capitale, sia esso stesso a reperirlo da investitori privati, mentre ora Roma e Bruxelles discutono circa la possibilità di ricorrere ai fondi pubblici. Solitamente quando una banca ricorre al supporto pubblico entra in fase di risoluzione, può cioè usufruire degli aiuti solo dopo aver imposto parte delle perdite agli azionisti e agli obbligazionisti.

La direttiva europea in materia prevede che il contributo (appunto bail-in) sia pari ad almeno l’8 per cento del passivo totale. Tuttavia, nel nostro Paese, questo requisito risulta problematico per via della quantità di obbligazioni bancarie detenute dai risparmiatori al dettaglio. Anche per casi estremi come questo, in grado di minare la stabilità finanziaria di un Paese, è stato comunque stillato un articolo che prevede il caso di ricapitalizzazione con fondi pubblici ma senza che l’istituto venga messo in risoluzione. Questa opzione limita il requisito di bail-in rispetto al caso in cui la banca sia messa in risoluzione, ma di fatto non lo elimina.

Una situazione spinosa, e una prospettiva certo non rosea per un governo che prepara un referendum cruciale in ottobre, specie dopo i segnali preoccupanti emersi dalle recenti elezioni. Esiste tuttavia un’eccezione all’eccezione: questa clausola permetterebbe di limitare ulteriormente o di sospendere il bail-in degli obbligazionisti subordinati. Opzione che potrebbe essere invocata dal governo italiano, ma che di fatto si basa su principi non condivisi. Infatti investire i propri risparmi in obbligazioni bancarie comporta sempre una percentuale di rischio, e la stessa Costituzione non garantisce giustamente il diritto a essere sempre e comunque salvati dalle conseguenze di scelte d’investimento sbagliate.

È infatti poco verosimile pensare che tutti gli obbigazionisti subordinati fossero realmente inconsapevoli dei rischi
, e che tutti siano stati ugualmente truffati. In questo caso pare forse più corretto optare per un bail-in ora, e mettere in piedi poi uno schema di compensazione per le vittime di frode, come già accaduto in passato. In secondo luogo la soddisfazione del criterio di rischio per la stabilità finanziaria richiesto per la sospensione del minimo bail-in richiesto è tutt’altro che scontata. Già il bail-in del 2015 non ha avuto grandi ripercussioni finanziarie e in ogni caso difficilmente condurrebbe a una reale instabilità finanziaria.

Siamo quindi di fronte a un bivio, da un lato un rimborso che si prospetta lungo e doloroso, anche nei suoi risvolti politici, ma che di fatto rientra nelle regole rispettate da tutta la comunità europea. D’altro canto, piegare le regole per evitare il coinvolgimento minimo degli obbligazionisti subordinati in caso di ricapitalizzazione creerebbe una pericolosa eccezione alla regola che porterebbe certamente confusione sul tema a livello europeo.