2013, l’anno delle opzioni binarie

Il 2013 è finalmente arrivato e i segnali che riceviamo dal mercato sono tutto sommato positivi. I problemi dell’economia mondiale sono tanti ma è bello cominciare l’anno con un post ottimista e quindi oggi ci occupiamo di opzioni binarie. Il trading di opzioni binarie è riuscito, nel corso del 2012, ad avere tassi di crescita a 3 cifre ma probabilmente sarà il 2013 a segnare la definitiva consacrazione di questa nuova tipologia di trading online.

In effetti continuare a definire nuova questa tipologia di trading potrebbe sembrare non corretto: dopo tutto ormai sono quasi 3 anni che si parla di opzioni binarie e il numero di trader cresce giorno dopo giorno. E in ogni caso si tratta di un paradigma talmente innovativo che viene praticamente spontaneo definirlo, appunto, nuovo.

Ma quali saranno le tendenze del settore nel 2013?

Finalmente il settore sta diventando maturo, quindi per il 2013 possiamo prevedere il consolidamento dei grandi broker di opzioni binarie, come 24 Option e Banc de Binary, mentre spariranno velocemente quei broker che, nati sulla cresta dell’onda del successo delle opzioni binarie, non offrono un servizio adeguato agli utenti.

Dopo tutto il successo delle opzioni binarie è stata una vera e propria corsa all’oro ed è quindi naturale che accanto ad operatori seri, qualificati e con offerte convenienti ci siano anche broker che è meglio evitare.

Trading per tutti?

Il fatto che le opzioni binarie siano così facili da utilizzare rendono il trading facile e immediato per tutti. Probabilmente i guadagni che si possono ottenere in questo modo costituiranno un sostegno al reddito molto importante per moltissimi italiani. E consentiranno anche di avere più consapevolezza dei processi economici e del funzionamento dei mercati.

Buon 2013

Non posso che concludere questo breve articolo augurando a tutti un buon 2013 e soprattutto un buon guadagno, qualsiasi sia lo strumento di trading utilizzato!

Fabio Craca

One Response to 2013, l’anno delle opzioni binarie

  1. lop scrive:

    Ottimo articolo, grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *