Bilderberg: il club di Rockefeller

Bilderberg

Bilderberg, o meglio, il gruppo Bilderberg, è stato oggetto di critiche (da parte delle stesse persone che criticano i Rothschild o la Commissione Trilaterale), in quanto è dai più considerato una “società segreta” di “illuminati”, quando in realtà non è propriamente così.

La realtà, è che il Gruppo Bilderberg è un incontro annuale, composto da all’incirca 130 partecipanti, dove vengono invitate personalità nel campo economico, bancario e politico. All’interno della conferenza, vengono trattati svariati temi, politici, economici, finanziari, ma anche globali.

La conferenza avviene in hotel di lusso, solitamente in Europa, e una volta ogni quattro anno almeno negli USA o in Canada. Il gruppo Bilderberg ha sede a Leida nei Paesi Bassi, i partecipanti vengono inoltre resi pubblici attraverso una conferenza stampa.

Storia Bilderberg

Fin dalla sua riunione inaugurale nel 1954, Bilderberg è stato un forum annuale per le discussioni informali, volte a favorire il dialogo tra l’Europa e il Nord America. Ogni anno, circa 120-150 leader politici ed esperti dell’industria, della finanza, del mondo accademico e dei media, sono invitati a partecipare alla riunione. Circa due terzi dei partecipanti provengono dall’Europa e il resto dal Nord America; un terzo dalla politica e governo e il resto da altri campi. L’incontro è un forum di discussioni informali circa i trend e le principali problematiche che affliggono il mondo. Gli incontri si svolgono sotto la Chatham House Rule, in cui si afferma che i partecipanti sono liberi di utilizzare le informazioni ricevute, ma né l’identità né l’appartenenza di chi ha affermato queste parole, né di qualsiasi altro partecipante possono essere rivelati. Grazie alla natura privata della riunione, i partecipanti non sono vincolati dalle convenzioni del loro ufficio o dal ruolo pre-concordato. In quanto tali, possono prendersi il tempo necessario per ascoltare, riflettere e raccogliere le informazioni. Non vi è alcun programma dettagliato, non vengono proposte delle risoluzioni, nessun voto viene preso, e nessuna dichiarazione politica viene emessa.

Proprio a causa della segretezza dell’evento e delle discussioni contenute all’interno di esso, il Gruppo Bilderberg è stato spesso oggetto di critiche e teorie del complotto.

La prima conferenza in assoluto, fu organizzata grazie ad una iniziativa di David Rockefeller il 29 Maggio del 1954 presso l’hotel de Bilderberg a Oosterbekk, Paesi Bassi. La conferenza nacque principalmente per favorire la cooperazione tra Europa e Stati Uniti in campo politico, economico e militare.

Fu un grande successo, e il primo incontro portò poi a pianificare delle conferenze Bilderberg annuali.

In Italia, ci sono state ben 3 riunioni Bilderberg dal 1954 ad oggi:

  • 4-6 ottobre 1957: Fiuggi, Italia;
  • 24-26 aprile 1987: Villa d’Este, Cernobbio, Italia;
  • 3-6 giugno 2004: Stresa, Italia.

Perché viene fatta la Bilderberg

La riunione Bilderberg è un forum annuale di tre giorni costituito principalmente da delle discussioni informali volte a favorire il dialogo tra l’Europa e il Nord America. L’incontro è nato a causa della preoccupazione, espressa da leader di entrambe le sponde dell’Atlantico, sul fatto che l’Europa occidentale e il Nord America non avevano un buon rapporto sulle questioni di interesse comune.
Sin dal primo incontro, i rappresentanti maggiori dei settori economici, sociali, politici e culturali sono stati invitati a tenere discussioni informali per contribuire a creare una migliore comprensione delle principali tendenze che colpiscono le nazioni occidentali, a causa del difficile dopoguerra.
Nel corso degli anni, gli incontri annuali sono diventati un forum di discussione su una vasta gamma di argomenti; dal commercio, ai posti di lavoro, dalla politica monetaria per gli investimenti e dalle sfide ecologiche per il compito di promuovere la sicurezza internazionale. Nel contesto di un mondo globalizzato, è difficile pensare a qualsiasi questione sia in Europa o nel Nord America che possa essere affrontata in modo unilaterale.

Bilderberg italiani

Ci sono anche negli italiani nel club Bilderberg. Nell’ultima riunione del 2016, i partecipanti italiani sono stati ben sei:

Bilderberg-Lilli-Gruber

Bernabè, Franco (ITA), Chairman, CartaSi S.p.A.
Costamagna, Claudio (ITA), Chairman, Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.
Dassù, Marta (ITA), Senior Director, European Affairs, Aspen Institute
Elkann, John (ITA), Chairman and CEO, EXOR; Chairman, Fiat Chrysler Automobiles
Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor “Otto e mezzo”, La7 TV
Ratti, Carlo (ITA), Director, MIT Senseable City Lab

Bilderberg-agnelli-rockfeller

Gianni Agnelli (destra) con David Rockefeller (sinistra).

In passato, ci sono stati anche tanti altri membri italiani nella Bilderberg. Tra i quali spicca il nome dell’ex premier Mario Monti, un vero e proprio habitué della Bilderberg. Poi spiccano i nomi di Giovanni Agnelli, Umberto Agnelli, Renato Ruggiero, Barbara Spinelli, Marco Tronchetti Provera, Mario Draghi, Alessandro Profumo, Monica Maggioni e molti altri ancora.

Bilderberg Monica Maggioni

Monica Maggioni, presidente della Rai, ha partecipato alla Bilderberg del 2014, ed è anche un membro della Commissione Trilaterale, dal 2015.

Commissione Trilaterale

Una commissione molto legata alla Bilderberg, è la commissione Trilaterale (Trilateral Commission), che è un gruppo di studio (proprio come la Bilderberg) che non è governativo ma apartitico. All’interno della commissione trilaterale, sono presenti più di 100 membri, provenienti da Europa, America e Giappone.

Commissione-Trilaterale-Gruppo-Italiano

Anche la Trilaterale fu fondata, anni dopo la Bilderberg, da David Rockefeller e altri dirigenti, tra cui Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski (molti sostengono anche da Gianni Agnelli, ma non ci sono documenti ufficiali in grado di provarlo). L’organizzazione Trilaterale, fu fondata a motivo del crollo, in quegli anni, dell’influenza del Council on Foreign Relations, un gruppo di studio americano di politica estera, le cui posizioni sulla guerra del Vietnam erano divenute impopolari.

Mario Monti, è stato presidente dal 2010 al 2011 della Trilateral Commission.

Nel 2016, la Commissione Trilaterale è tornata dopo ben 33 anni in Italia, a Roma. Gli italiani ad aver partecipato, sono stati oltre venti, tra cui: Mario Monti, John Elkann, Marco Tronchetti Provera, e la presidente Rai Monica Maggioni.

Sommario Articolo
Nome articolo
Bilderberg: il club di Rockefeller
Descrizione
Bilderberg è l'incontro annuale inventato da David Rockefeller, che dopo oltre mezzo secolo di storia, continua ad attirare critiche, a causa della sua segretezza. Vediamo da chi è composto e come funziona.
Autore
Nome editore
Mercati24
Logo editore

One Response to Bilderberg: il club di Rockefeller

  1. simone scrive:

    Pensare che le persone che vi partecipano, possiedono più della metà del patrimonio mondiale e che le multinazionali di questi “filantropi” ed economisti, fatturano più di interi stati (la general electric ha fatturato 39,7 miliardi di dollari nel 2015, l’ arabia saudita 9 Mld) fa sorgere spontaneo il dubbio che questi incontri servano “ad aumentare i dialoghi tra nord-america ed europa” dato che è già più che ampio e molto influente, soprattutto dalla parte del Paese “a stelle e strisce”. E’ ovvio che non si incontrano per passare un bel weekend tra amici. Del resto lo stesso rockfeller nella sua biografia alla domanda “l’opinione pubblica crede che la sua famiglia voglia conquistare il mondo” si è dichiarato reo-confesso e orgoglioso di volerlo fare. Del resto il suo potere è talmente ampio che può esporlo alla luce del sole ormai, e questo è solo l’ inizio. Ogni familiare di David Rockfeller è o direttore della CIA o ambasciatore all’ ONU o segretario di stato o un cardinale o un presidente della sanità; lui è il maggior azionista della Exxon Mobil (fatturato medio 829 miliardi annui, non so se mi spiego, metà del nostro prodotto interno lordo) general electric (39 miliardi e sappiamo bene cosa produce) oltre ad essere stato presidente e amministratore delegato di JP Morgan Chase & co. dal 2000, Non c’è da sorprendersi se alan greenspan è stato ad della federal reserve, amico di famiglia di rockfeller che fece l ‘ ad anche per jp morgan. Insomma…il Bildeberg non è certo informale, tanto meno a fin di bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *