Cade l’Azionario Europeo. 50-50 per l’innalzamento dei tassi della Fed

I mercati azionari europei hanno seguito i loro omologhi asiatici al ribasso questo lunedì. La vendita dei mercati era legata a dati più deboli del previsto dalla Cina, tuttavia, le perdite sono state limitate a causa dell’incertezza della decisione sui tassi di interesse della Federal Reserve degli Stati Uniti il Giovedì.

L’indice pan-europeo Stoxx 600 ha letteralmente “reso indietro” di nuovo i guadagni precedenti per poi chiudere al ribasso dello 0,6 per cento per la sessione. Gli acquirenti sono stati in grado di mantenere il piccoli guadagni nel DAX tedesco, che ha chiuso dello 0,1 per cento al rialzo. La vendita ha continuato a Londra con il FTSE 100 che ha chiuso in calo dello 0,5 per cento, mentre il CAC francese è riuscito a mantenere i guadagni precedenti, finendo dello 0.7 per cento in meno.

I volumi e la volatilità sono in calo come la maggior parte dei principali traders, si sono messi a bordo campo in vista della due giorni di riunione della Fed che si terrà nei giorni del 16 e 17 Settembre.

Un sondaggio condotto da Reuters nel mese di agosto ha suggerito che la Federal Reserve pensa di aumentare i tassi già da questo mese, si tratterebbe quindi della prima volta dal 2006. Tuttavia, le attuali condizioni di mercato ora danno le probabilità a circa il 25%. Ufficiosamente, gli operatori stanno sussurrando che le possibilità potrebbero essere molto vicine al 50/50.

L’influenza più grande sulla decisione della Fed dal momento che il sondaggio è stato fatto è stata la volatilità nei mercati globali e le rinnovate preoccupazioni sulla situazione finanziaria in Cina. Alcuni commercianti hanno messo in dubbio che la Fed andrà avanti con un aumento dei tassi perché potrebbe causare alcuni seri problemi per le economie emergenti.

Resta il fatto che tutti sono in trepida attesa di questa rivelazione da parte della Fed.

In conclusione, vediamo in che situazione versano i mercati.

Vediamo il Forex molto velocemente, miglior performer ancora una volta il Dollaro Australiano:

EUR/USD 1.1317 -0.0021 -0.19%
GBP/USD 1.5423 -0.0002 -0.01%
USD/JPY 120.18 -0.43 -0.36%
USD/CHF 0.9685 -0.0001 -0.01%
AUD/USD 0.7137 +0.0047 +0.66%
USD/CAD 1.3260 -0.0003 -0.02%
BTC/USD 228.42 +1.14 +0.50%

Vediamo invece gli Indici, USA in grande ripresa:

S&P 500 Futures 1,943.75 +0.25 +0.01%
Nasdaq Futures 4,299.00 +0.38 +0.01%
US 30 16,370.96 -62.13 -0.38%
S&P 500 VIX 24.25 +1.05 +4.53%
DAX 10,131.74 +8.18 +0.08%
Nikkei 225 17,965.70 -298.52 -1.63%
US Dollar Index 95.41 +0.02 +0.02%

Materie Prime, il Petrolio rimbalza ma i Metalli preziosi hanno qualche difficoltà:

Oro 1,108.10 -0.10 -0.01%
Argento 14.405 -0.100 -0.69%
Rame 2.411 0.001 0.00%
Petrolio 44.15 +0.07 +0.15%
Gas Naturale 2.763 -0.005 -0.18%
Cotone 62.71 -0.42 -0.67%
Caffè 120.05 +3.42 +2.94%

One Response to Cade l’Azionario Europeo. 50-50 per l’innalzamento dei tassi della Fed

  1. Conte Zio scrive:

    Valori azionari sconnessi dall’economia reale che va male, crolli continui all’orizzonte. Al ribasso come non ci fosse un domani, è il momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *