Fed, arriva il rialzo dei tassi. Il primo da 9 anni. Denaro più caro dello 0,25%

Fed primo rialzo tassi in nove ann

Vuoi guadagnare anche tu con il trading binario? Allora hai bisogno di un broker che ti insegni come massimizzare i tuoi profitti e minimizzare i rischi di perdita. Fare trading sulle opzioni binarie, sebbene piuttosto semplice ad un primo sguardo, può comportare rischi elevati. E’ quindi indispensabile iniziare a fare trading solo con una solida formazione di base, così da non dover fronteggiare condizioni di mercato avverse senza la giusta preparazione. A questo proposito Iq Option rappresenta è una delle migliori alternative per il trading binario. Questo broker regolamentato CONSOB, vi offre infatti un percorso formativo d’eccellenza con webinar gratuiti, e-book avanzati, sessioni di coaching, analisi giornaliere e molto altro ancora. Il programma Iq Option ti consentirà di divenire un trader di successo capace di gestire con prontezza le fluttuazioni di mercato. E se questo non fosse abbastanza, il broker si impegna a rimborsarti i primi trade così che tu possa avvicinarti ai mercati in tutta sicurezza. Prova oggi Iq Option qui.

È finalmente arrivata l’attesa decisione della Federal Reserve di alzare i tassi d’interesse, portandoli dall’intervallo tra zero e 0,25% a quello tra 0,25% e 0,50%.
La decisione, presa all’unanimità, è arrivata al termine di due giorni di riunioni del Fomc, il comitato monetario della Fed, e ad annunciarla è stata Janet Yellen, presidente della banca centrale statunitense.
“È la fine di una fase straordinaria”, ha ricordato la Yellen, quella di 9 anni di tassi vicini allo zero, frutto di una politica adottata per in risposta alla crisi finanziaria.

RIALZI GRADUALI La Fed ha annunciato che potrebbero esserci ulteriori piccoli rialzi che dovrebbero portare nel tempo il costo del denaro a 1,375% alla fine del prossimo anno, e a 2,375% per la fine del 2017.
Questo graduale aumento “dipenderanno dall’evoluzione da come si evolve l’economia”.

Per la Fed, persistono i rischi legati alle turbolenze internazionali
, in particolare riguardanti la Cina e i Paesi emergenti, che avevano consigliato di rinviare l’aumento dei tassi ma l’economia a stelle e strisce – secondo la banca centrale – si è “considerevolmente rafforzata” ed è capace di resistere ad eventuali crisi.

Nonostante non si siano ancora raggiunti in piano le condizioni che la Fed aveva posto per l’innalzamento dei tassi, in primis un’inflazione vicina al 2%, la decisione è stata presa perché “se il comitato avesse rimandato troppo a lungo l’avvio di una normalizzazione della sua politica – spiega la Yellen – avremmo probabilmente dovuto operare prima o poi una stretta in fretta per evitare un surriscaldamento dell’economia”, rischiando di riportare gli USA in una fase di recessione.

REAZIONE SUI MERCATI La decisione della Fed, ampiamente attesa, non ha fatto registrare rialzi considerevoli. Una risposta maggiormente positiva è arrivata solo dopo le dichiarazioni della Yellen, con rialzi del Dow Jones e del Nasdaq superiori al punto percentuale.

Il prossimo rafforzamento del dollaro nei confronti dell’euro, abbinato alla politica monetaria espansiva decisa dalla Banca centrale europea, potrebbero rappresentare un importante traino per l’economia europea, dando un importante slancio all’export. Non bisogna però abbandonarsi a facili illusioni, le scelte operate da Draghi hanno dimostrato che la politica monetaria può aiutare al rilancio diu un’economia ma da sola non basta; occorre il sostegno di una domanda interna forte.

One Response to Fed, arriva il rialzo dei tassi. Il primo da 9 anni. Denaro più caro dello 0,25%

  1. Conte Zio scrive:

    Una cosa che doveva essere fatta anni fa…troppo tardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *