Gli errori più comuni di chi comincia a investire in Borsa

investire in borsaAbbiamo dedicato un grande articolo a come iniziare a investire in Borsa, un articolo che ha aiutato più di un lettore a cominciare a guadagnare con le azioni. Ma quando si comincia a investire in Borsa si possono anche commettere errori. Proviamo ad esaminare quelli che sono gli errori più comuni commessi dagli aspiranti trader.

Investire in Borsa con la piattaforma sbagliata

Quando si decide di investire in Borsa, bisogna fare attenziona alla piattaforma. Si possono guadagnare tanti soldi ma solo e soltanto se la piattaforma è di alta qualità e risponde alle esigenze specifiche del trader. Per dire, un trader che non sa nulla di Borsa e di trading avrà bisogno di corsi e tutorial, un esperto vuole una piattaforma avanzata che gli consenta di operare in maniera flessibile e sicura. Sicuramente per evitare brutte sorprese una buona piattaforma deve essere sicura e affidabile. Solo la CONSOB può garantire davvero che una piattaforma sia affidabile, ecco perché il consiglio è sempre quello di utilizzare piattaforme autorizzate e regolamentate dalla CONSOB.

Ma questo non basta, purtroppo. C’è il problema della convenienza del trading: una piattaforma che applica commissioni sull’eseguito, anche se è autorizzata CONSOB, finirà per mangiarsi una parte importante del capitale. Meglio evitare se si vuole guadagnare. Ecco perché una buona piattaforma di trading deve applicare zero commissioni. Se poi regala anche un bonus omaggio, ancora meglio. Sbagliare piattaforma è uno degli errori più comuni degli aspiranti trader: ci sono trader che aprono conti su piattaforme non autorizzate CONSOB e perdono tutto subito, altri che aprono conti su piattaforme autorizzate ma che applicano commissioni e vedono il loro capitale evaporare a poco a poco. Per coloro che volessero cominciare a investire in Borsa, consigliamo queste piattaforme:

Plus500

Pensare che investire in Borsa significhi fare soldi facili

Vorrei avere tra le mani chi ha scritto per la prima volta un ebook con cui si spiegava come fare soldi facili con la Borsa. Perché investire in Borsa può voler dire guadagnare ma i soldi non sono facili. Concentrazione, impegno, tempo, un po’ di capitale da investire sono indispensabili. Davvero nulla è facile. Questi venditori di fuffa devono vendere i loro ebook e spingono a tutta forza con il loro marketing da quattro soldi. Risultato? La gente pensa che davvero in Borsa i soldi siano facili. E quando si comincia a pensare che si guadagna facile, poi si perde.

Pensare che il trading in Borsa sia una truffa

Cominciare a investire in Borsa pensando che il trading sia tutta una truffa è da stupidi. Scusami, se pensi che sia una truffa perché cominci? Vuoi gettare i tuoi soldi? La realtà è che il trading online non è assolutamente una truffa. Ci sono alcuni broker che truffano, ma è facile evitarli scegliendo broker di alta qualità, autorizzati e regolamentati da CONSOB. Pensare che il trading sia una truffa e fare trading contemporaneamente significa operare con l’atteggiamento psicologico sbagliato. E chi opera con la psicologia sbagliata poi i soldi li perde veramente e si convince che aveva ragione, il trading online era una truffa. L’istinto primordiale è quello di andare su un qualunque forum di finanza e scrivere che il broker che ha utilizzato è una truffa. Un vero e proprio circolo vizioso che ha rovinato molti trader dalle buone potenzialità.

Non dedicare al trading tutto il tempo necessario

Cominciare a investire in Borsa non è facile, ci vogliono ore di studio giornaliero e di esperienza. Se hai già un lavoro significa sacrificare tutto il tuo tempo libero sull’altare della Borsa. Sei pronto a farlo? Sei pronto a tornare a casa dal lavoro e dedicare tutti i giorni almeno un’ora a studiare e un’ora a praticare con la piattaforma? Ecco, se non sei pronto a farlo, allora difficilmente farai i soldi veri con la Borsa. Potrai guadagnare qualcosa ma saranno spiccioli rispetto a quello che puoi fare impegnandoti seriamente.

Andare sui forum in cerca di ispirazione

Cercare ispirazione sui forum per operazioni da eseguire in Borsa è da folli. O meglio, potrebbe essere intelligente se si conoscesse bene l’utente che da i consigli. Purtroppo la maggior parte dei frequentatori dei forum sono adoloscenti in cerca di passatempi per occupare il loro tempo. Nessun guru di Borsa perde preziose ore a scrivere sui forum. Al massimo lo possono fare i perdenti. Il forum è il moderno ritrovo del Parco Buoi. Fino a qualche anno fa li vedevi mentre si affollavano nella filiale della banca, si scambiavano idee su operazioni sicure da fare in Borsa che poi si concludevano, sistematicamente, con perdite colossali. Stai lontano dai forum, non portano a niente di buono.

Non fare money management

L’aspirante trader che ha studiato, ha scelto una piattaforma che funziona veramente, autorizzata e regolamentata CONSOB, ha acquisito la psicologia vincente, ha fatto tutti i compiti a casa, insomma, corre un ultimo grande rischio: quello di non fare money management. Questa espressione inglese, che significa gestione del denaro, indica una strategia semplice e intuitiva per contenere le perdite in caso le cose vanno male: investire solo una piccola parte del proprio capitale totale su ciascuna operazione. Per chi comincia, significa investire massimo il 2% su ciascuna operazione. E’ poco? E’ vero, è poco. Questo significa che i profitti saranno bassi, all’inizio, ma significa anche che le perdite saranno contenute o addirittura assenti se si fanno le cose per bene.

Se ho deciso di destinare 1.000 euro all’investimento in Borsa, vuol dire che su ciascuna operazione posso investire massimo 20 euro, giusto per capirci. Molti trader principianti, invece, fanno l’errore gravissimo di investire cifre cospicue. Se investo 500 euro alla volta, posso sbagliare solo 2 volte, poi avrò bruciato tutto il capitale e dovrò ritirarmi. Se investo 20 euro alla volta, posso fare 50 operazioni sbagliate prima di ritirarmi. E sicuramente qualcuna di queste andrà bene e chiuderà in profitto. Anzi, se si opera con intelligenza, preparazione, concentrazione e con una piattaforma di trading che funziona, probabilmente la maggior parte di queste operazioni chiuderanno in profitto. Su due operazioni la statistica e la legge dei grandi numeri non ci sono d’aiuto, su 50 sicuramente sì!

3 Responses to Gli errori più comuni di chi comincia a investire in Borsa

  1. Franco Modiano scrive:

    Eh eh io per dar retta ad un guru da forum ho perso più di 1.000 euro. Mi fece investire 1.000 euro che era il capitale totale che avevo deciso di investire in borsa su un’unica operazione. Titolo a me sconosciuto, per lui sicuro. Andavo a leva, mi fece perdere tutto in 15 minuti. Da quel giorno considero i forum come un virus, se ne apro uno per sbaglio lo chiudo subito. Per fortuna che poi con il tempo ho avuto modo di rifarmi, recuperare le perdite e guadagnare finalmente. Ma ci è voluto del tempo, eh

  2. Anna Bianchi scrive:

    Ma ce sono tanti di coglioni che pensano che il trading sia una truffa, ma quello che non capirò mai è perché cominciano se pensano che sia una truffa. Possono spaparazzarsi sul divano e godersi il Grande Fratello, Uomini e Donne, e simili. Attività a loro più consona. 😀 😀 😀

  3. David Riccardi scrive:

    Ottima l’osservazione che le commissioni devono essere sempre a zero. Chi comincia a investire con 100 euro potrebbe vedere il suo capitale evaporare se le commissioni sono elevate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *