Guida forex: quali sono i contenuti principali?

migliori brokerIniziare a fare trading sul mercato forex è un’aspirazione comune a molti principianti: il forex è un mercato che ha un grandissimo appeal perché consente profitti elevati e perché esistono molti servizi di segnali che rendono il trading praticamente automatico. Coloro che iniziano per la prima volta a fare trading sul mercato hanno però bisogno di un supporto didattico completo e organico, di una guida. Come fare a scegliere la migliore guida? E soprattutto, quali sono i contenuti davvero importanti che una guida deve fornire all’aspirante trader?

Migliori broker

Il primo punto assolutamente indispensabile di una guida forex che possa essere veramente utile è costituita da una guida alla scelta dei migliori broker. E’ un punto così fondamentale, il punto che può fare la differenza tra una guida e un’altra. Molti siti contengono classifiche dei migliori broker forex italiani e queste classifiche possono anche essere utili. Tuttavia ciò che è davvero importante per chi ha bisogno di cominciare a fare trading sul forex è una classifica ragionata, dove per ciascun broker vengono indicati pregi, difetti ma anche caratteristiche. Perché anche i migliori broker sono diversi tra di loro e possono essere adatti a classi di trader diversi. Pensiamo alla differenza fondamentale tra principianti e professionisti. Per i principianti potrebbe essere consigliabile, ad esempio, cercare i migliori broker di opzioni binarie piuttosto che i migliori broker forex. Detto questo, è anche vero che ci sono broker CFD che sono adatti anche ai principianti perché, ad esempio, dispongono di un’interfaccia di trading semplificata oppure perché il materiale didattico messo a disposizione dei trader è veramente eccezionale.

E’ vero che la scelta del miglior broker, infatti, è connessa anche alla guida che il broker può mettere a disposizione: in questo caso è possibile, dopo aver fatto la scelta ed aperto il conto reale, utilizzare proprio la guida messa a disposizione dal broker e abbandonare la guida inizialmente utilizzata. Tuttavia possiamo dire senza ombra di dubbio che la sezione della guida forex dedicata alla scelta del broker è davvero la più importante, quella che fa la differenza.

Per quanto riguarda le opzioni binarie è necessario fare un’osservazione: il settore è nuovissimo, quindi quello che è stato il miglior broker di opzioni binarie nel 2014 potrebbe non essere più il migliore nel 2015. Dunque in questo caso è necessario utilizzare guide piuttosto aggiornate. Nel caso dei broker forex CFD, invece, non è così strettamente necessario che la guida sia aggiornato perché i migliori broker ormai sono noti e i valori in campo difficilmente possono cambiare nel breve periodo.

Strategie di trading forex

Un altro dei punti importanti di una guida è costituito dalle strategie di trading sul mercato forex. In effetti non è così importante come la guida ai migliori broker perché è anche possibile fare trading senza strategie. Non stiamo suggerendo, sia chiaro, di operare in modo casuale o considerando il mercato valutario come una specie di gioco dove si guadagnano soldi facili. Quello che diciamo è che è possibile operare con il forex utilizzando i segnali (o una sistema di social network) e quindi il trading diventa automatico.

Quali sono le caratteristiche di una buona sezione dedicata alle strategie? Sicuramente non deve essere scritta con termini tecnici esasperati. Purtroppo molti esperti di trading forex tendono ad utilizzare una terminologia tecnica che solo loro sono in grado di capire (e purtroppo molti autoproclamati guru non capiscono nemmeno loro quello che scrivono). La guida deve essere semplice, dunque, e deve presentare strategie semplici. Le strategie complesse, infatti, non sono necessariamente quelle che fanno guadagnare di più, soprattutto nel caso dei principianti.

La crescita personale

Coloro che riescono a guadagnare soldi con il mercato forex non sono i più esperti, i più intelligenti, i più fortunati. Sono coloro che riescono ad acquisire una mentalità realmente vincente. Arrendersi alla prima operazione che chiude in perdita, ad esempio, non è da vincenti. E sui mercati finanziari nessuno è sicuro di nulla, anche le migliori strategie o il miglior servizio di segnali forex può comportare che un’operazione chiuda in perdita. E allora una buona guida al trading forex deve contenere necessariamente una parte importante dedicata alla crescita personale e al cambio psicologico. Esattamente come nel caso dei migliori broker, questa parte è assolutamente indispensabile: anche se si usa un servizio di segnali per forex o si copiano altri trader con una piattaforma di social trading è necessario avere una mentalità vincente, non disperarsi se si perde qualcosa e crederci sempre, andando fino in fondo.

2 Responses to Guida forex: quali sono i contenuti principali?

  1. David scrive:

    Si purtroppo il principiante apre il conto di trading forex sul primo broker che incontra, magari perché ha visto una pubblicità da qualche parte. Qualche volta può andare bene (o anche molto bene) qualche volta può andare male. La differenza ovviamente la fa la guida, come dite voi, ecco perché è sempre importante selezionare la guida giusta.

  2. Carlotta scrive:

    Sul fatto che i broker opzioni binarie siano più consigliati di quelli CFD per i principianti non mi trovo assolutamente d’accordo. Non è che tutti i principianti sono dei bamboccioni che vogliono la pappa pronta, se proprio vogliamo cominciare a fare i nomi dei broker, io ho cominciato con Plus500 che è il miglior broker CFD a livello mondiale. In molti dicono che è complicato da utilizzare ma io non l’ho trovato assolutamente complicato, anzi! Un piccolo sforzo iniziale in più rispetto alle opzioni binarie viene ampiamente ricompensato dalla soddisfazione di fare trading con uno strumento adatto ai professionisti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *