Il dollaro continua a toccare nuovi massimi

dollaro forexIl greenback attualmente si trova all’incredibile livello di 95.50 circa, dopo aver toccato livelli di 95.44, durante la sessione asiatica.

Il dollaro ha registrato un massimo di quasi 95.60 nel trading intraday. I traders continuano a sospingere il valore del dollaro mano a mano che i membri della Federal Reserve statunitense continuano a far pensare, settimana dopo settimana, che ci sarà un innalzamento dei tassi d’interesse a breve, si pensa a giugno.

Meeting della FOMC, l’evento più importante dell’anno

Con il prossimo meeting della FOMC, che ci sarà a brevissimo, intorno a metà del mese di marzo, i traders stanno “scommettendo” sempre di più in favore di un cambio della politica monetaria.

Durante la notte, c’è stata un pò di tensione durante le parole del capo supremo della Federal Reserve, Janet Yellen, in quanto ha sottolineato il fatto che lei ancora non sa quello che che succederà nel meeting di marzo. L’indice ISM di New York è cresciuto da 671 a 677 durante il mese di Febbraio. E le misure per la spesa privata della Federal Reserve di Dallas sono cadute dello 0.3% durante il mese di gennaio, dopo essere salite dello 0.7% nel mese di Dicembre.

Il movimento dell’Euro ha subito un’inversione

L’Euro si è mosso verso l’alto contro il dollaro, ma c’è stata un’inversione tardi nella giornata di martedì, intorno alla fine della sessione a 1.1170. L’Euro ha toccato un massimo di 1.1220. Durante la sessione asiatica di stanotte, l’euro ha continuato il suo trend discendente toccando fino a 1.1168, in quanto i traders si stanno preparando per il meeting della Banca Centrale Europea che ci sarà il prossimo giovedì.

Dati sull’economia europea

I prezzi dei produttori dell’eurozona sono scesi toccando livelli record degli ultimi sei anni, questo è stato dovuto ad un calo dei prezzi del petrolio e dell’energia in generale, l’Eurostat ha informato i media martedì scorso.

I prezzi dei produttori, sono calati del 3.4 percento annualmente, a gennaio, dopo un calo del 2.6 percento a Dicembre. Questo è stato il calo più grande da Novembre 2009, quando i prezzi calarono al 4.4 percento. Gli economisti avevano previsto un possibile declino del 3 percento.

Dati sulla Germania, inaspettatamente buoni

I dati sulla Germania hanno stupito ancora una volta, con una crescita inaspettata, registrando la crescita più alta nella vendita al dettaglio più alta negli ultimi 4 anni e mezzo, aumentando le speranze per la spesa dei consumatori, che potrebbe far riaccelerare la crescita economica. Le vendite al dettaglio, per quanto riguarda la crescita annuale, sono aumentate per il secondo mese di fila a Gennaio, a 5.3 percento dal 4.8 percento nel mese di Dicembre, i dati di destatis hanno mostrato martedì. Gli economisti avevano previsto una crescita del 3 % per gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *