Il Dollaro cresce, arriva l’innalzamento dei tassi USA?

Il Dollar Index è al rialzo del +0.36% a 94,89, i prezzi sono supportati da dei dati macroeconomici molto interessanti che hanno permesso alla Federal Reserve di essere molto hawkish.

Durante la giornata di Martedì, i dati hanno mostrato che i prezzi al consumo USA hanno registrato il più grande incremento in più di tre anni, nel mese di Aprile. Il Dipartimento del Lavoro ha affermato durante la giornata di martedì, che i prezzi al consumo sono aumenti dello 0.4% durante il mese scorso, si tratta dunque del più grande incremento dal Febbraio 2013, dopo essere salito dello 0.1% durante il mese di Marzo. Si tratta quindi di un incremento annuale dell’1.1% sul CPI, rispetto allo scorso anno.

Anche la costruzione di case negli Stati Uniti è rimbalzata nel mese di aprile, un segno che il mercato immobiliare potrebbe aver trovato trazione dopo un primo trimestre di cali. Il Dipartimento del Commercio ha detto Martedì che l’indice delle costruzioni edilizie private è aumentato del 6,6% rispetto al mese precedente a un tasso destagionalizzato annuale di 1.172.000 nel mese di aprile. Le cifre del primo trimestre sono stati riviste al rialzo di 40.000.

Inoltre, a sostenere il biglietto verde, sono stati i commenti che sostengono la linea dura di due membri di spicco della Fed. Sia il presidente della Fed di Atlanta Dennis Lockhart che il presidente della Fed di San Francisco John Williams hanno suggerito che ci saranno “due o tre rialzi dei tassi,” progettati per il futuro, mentre Lockhart ha osservato che un rialzo dei tassi rimarrà comunque sul tavolo quando la Federal Open Market Committee si riunirà per la due giorni del prossimo 14-15 Giugno.

Per quanto riguarda la situazione delle coppie Forex, possiamo notare un aumento generale del dollaro, in praticamente tutte le coppie major:

EUR/USD1.1262-0.0048-0.42%
USD/JPY109.43300.46800.43%
GBP/USD1.4429-0.0016-0.11%
EUR/GBP0.7805-0.0024-0.31%
EUR/JPY123.2390-0.0120-0.01%
AUD/USD0.7274-0.0044-0.60%

Il crollo più pronunciato c’è stato per la coppia AUD/USD. Il Dollaro Australiano sta infatti passando dei giorni di grande pressione. All’inizio della sessione di martedì scorso, l’assistente del governatore della RBA, Guy Debelle, ha affermato ad un pubblico cinese che la nazione dovrebbe continuare il suo percorso di internazionalizzazione della valuta, ma ha sostenuto l’approccio cauto di Pechino al compito.
Il dollaro australiano ha anche visto nuovi ribassi, in quanto i nuovi dati riguardanti la crescita dei salari sono stati più bassi del previsto. I salari sono aumentati solo dello 0,4% trimestralmente, e del 2,1% a/a – su entrambe le misure siamo di fronte al dato di crescita più lento di sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *