Il Greggio ha appena stabilito un record positivo

Se fate trading con il Petrolio Greggio, allora sicuramente non potete perdervi le nostre news su Mercati24, la risorsa migliore per aggiornarsi sul mondo dei mercati finanziari internazionali.

I prezzi del petrolio sono andati al ribasso oggi, dopo i guadagni del 3,5 per cento della sessione di mercoledì e dopo aver toccato il suo più alto livello dallo scorso Novembre. Il governo degli Stati Uniti ha affermato che c’è stata una caduta inattesa delle scorte di greggio. L’AIE ha affermato che i mercati globali del petrolio si stanno dirigendo verso un equilibrio a lungo termine. Il petrolio greggio è scambiato in questo momento al ribasso , con il seguente prezzo:

45.94-0.76-1.63%

Mentre il Brent è sceso a 47,37 (-0,71, -1,48%), tutti e due rimangono abbastanza vicini al loro livello più alto degli ultimi mesi. C’è stato comunque un crollo sorprendente confermato durante la sessione di mercoledì sera delle scorte settimanali degli Stati Uniti EIA, che ha aiutato la spinta rialzista dei prezzi di metà settimana. Dopo che l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha previsto un forte calo dell’eccesso dell’offerta, e in seguito a una caduta a sorpresa delle riserve di greggio degli Stati Uniti, i prezzi del petrolio si sono tenuti vicino ai picchi di sei mesi durante la sessione di giovedì.

Screenshot 2016-05-13 12.28.27

L’AIE prevede che la sovrabbondanza di petrolio potrà “ridursi drasticamente” entro la fine dell’anno, anche a seguito degli incendi che hanno sconvolto la produzione del Canada e il vigore della domanda indiana. Il rapporto mensile dell’AIE è stato pubblicato un giorno dopo la notizia di un calo delle scorte petrolifere statunitensi che segnalavano una forte domanda del consumatore di petrolio più grande al mondo – portando quindi i prezzi a salire repentinamente. Il broker AFP ha confermato che la “caduta a sorpresa nelle scorte USA di petrolio greggio è stata di grande aiuto per i futures del greggio”.
La domanda di petrolio a livello mondiale è destinata a crescere ad un tasso “molto solido“ nel 2016, con l’India che è ancora il miglior performer dell’anno secondo l’AIE, in quanto per adesso il paese costituisce di quasi il 30% la crescita globale della domanda nel primo trimestre dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *