Il monito di Bankitalia: riduzione del debito e limite sui contanti

Iniziare un percorso virtuoso che porti a una riduzione del debito pubblico “chiara, visibile e progressiva nel tempo” per mantenere e consolidare la fiducia dei mercati, questo è l’obiettivo principale che ha indicato alle commissioni Bilancio di Camera e Senato del vicedirettore generale della Banca d’Italia, Luigi Federico Signorini, in audizione sulla legge di Stabilità 2016. Per l’Istituto di via dei Mille i principali indicatori confermano che la ripresa si è avviata, ma resta necessario consolidarla perché sono ancora elevati i rischi provenienti dall’economia globale.

Un broker che avvisa sempre sui rischi e informa correttamente la clientela e’ Optionweb. Fondamentale per la riuscita degli investimenti finanziari affidarsi a un broker Cosob, provate qui la loro competenza.

Prevenire i rischi legati all’evoluzione dello stato di salute dell’economia mondiale è parte essenziale per la riuscita di un buon piano di trading, ed ecco perchè affidarsi ad un broker che metta costantemente a tua disposizione notizie aggiornate in tempo reale e strumenti professionali di analisi costituisce indubbiamente un primo passo per divenire un trader di successo! Se stai cercando un broker che possa fare realmente la differenza nella riuscita dei tuoi investimenti finanziari, OptionWeb è il broker CONSOB che fa per te, testa qui la loro competenza.

Il tetto dei contanti Signorini dedica, poi, un lungo passaggio al tema del tetto di 3.000 euro per l’utilizzo di contanti contenuta nel disegno di legge di stabilità, indicando chiaramente che un limite va tenuto e a livello basso.
La Banca d’Italia prende, dunque, una posizione chiara nel dibattito sulla proposta di innalzamento del limite da 1.000 a 3.000 euro per gli acquisti in contanti avanzata dal governo e sulla quale l’esecutivo mostra l’intenzione di non cedere alle critiche che arrivano da più parti; obiezioni motivate dal timore che la misura incoraggi l’evasione fiscale.

Sul tema Signorini sottolinea come “I limiti all’uso del contante non costituiscono ovviamente un impedimento assoluto alla realizzazione di condotte illecite, specie per il grande riciclaggio, ma introducono un elemento di difficoltà e di controllo sociale che può ostacolare forme minori di criminalità e di evasione”.

Il vicedirettore della Banca d’Italia precisa anche che non esistono dati empirici chiari che testimonino gli effetti macroeconomici della soglia sui consumi e che “Sembra tuttavia consigliabile mantenere un regime più severo per le attività più esposte a contaminazioni, quali i money transfer”.

Pur ammettendo di non aver elementi per escludere l’opportunità di un innalzamento de limite generale da 1000 a 3000 euro
– lasciando al Parlamento la decisione in tal senso – Signorini conclude la riflessione sul tema ribadendo come la riduzione del ricorso al contante resta comunque un obiettivo da perseguire, in particolare modo per motivi di efficienza. L’incentivazione delle transazioni effettuate con carta di pagamento andrebbe perseguita, secondo la Banca d’Italia, con la riduzione dei relativi costi e delle commissioni a carico degli esercenti.

Fondamentale controllare il Bilancio Secondo la Banca d’Italia per rispettare l’”impegno chiave” della riduzione del debito pubblico è necessario “tenere sotto controllo l’andamento del bilancio nel corso dell’anno, attuare in pieno le misure di copertura, realizzare le privatizzazioni” e conseguire una crescita del prodotto che rispetti le previsioni di crescita.
Il tasso minimo di crescita del Pil perché il rapporto tra prodotto e debito scenda è di poco inferiore al 2%, quello programmato dal Governo è del 2,6%; un margine risicato, anche in considerazione del rischio di peggioramento della congiuntura globale. Un rischio che oggi appare addensarsi minaccioso all’orizzonte.

One Response to Il monito di Bankitalia: riduzione del debito e limite sui contanti

  1. Carlo Dattoli scrive:

    La situazione italiana è quello che è, secondo me si può fare davvero ben poco per cambiare…grazie per la segnalazione di OptionWeb, l’ho scoperto grazie a voi e devo dire che veramente mi si è aperto un mondo, non pensavo fosse così facile operare sui mercati finanziari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *