Il petrolio crolla di nuovo

I prezzi del petrolio hanno invertito la propria rotta a metà giornata Lunedi scorso, generando una caduta per gran parte della giornata, dopo i dati sulle abitazioni degli Stati Uniti che sono stati poco brillanti ed hanno pesato moltissimo sui mercati. Il petrolio greggio è sceso di oltre 60 centesimi a 43.44 mentre il petrolio Brent è caduto di quasi 50 centesimi a 47.50. I prezzi bassi del petrolio sono volati verso l’alto per poco, dopo che un politico di alto rango degli Emirati Arabi Uniti ha detto che un range di $ 70- $ 80 al barile è ideale per il petrolio. Martedì mattina l’olio ha continuato a scendere, con il petrolio greggio che è crollato di altri 40 centesimi a 43,50 e il Brent che lo ha seguito a ruota, a 47.30.

Greggio 43.42 -0.44 -1.00%
Oro 1164.7400 2.59 0.22%
Gas Naturale 2.35 -0.02 -0.87%
Argente 15.8420 0.05 0.32%
Grano 507.25 -2.50 -0.49%
Caffè 117.75 0.33 0.28%

Come è possibile vedere, il petrolio sta perdendo più di tutte le materie prime, è infatti il settore energetico ad essere penalizzato più di tutti, in quanto adesso anche il Gas Naturale si ritrova a perdere molto terreno.

Con la scarsità del prodotto significa che il rimbalzo è inevitabile, Ali Al Mansoori, il capo del Dipartimento per lo Sviluppo Economico di Abu Dhabi, ha detto a Bloomberg in una intervista il 25 ottobre proprio queste parole. Il prezzo del greggio probabilmente recupererà il prossimo anno a $ 60 al barile, dopo aver toccato un minimo di $ 45, Al Mansoori ha affermato. Poi ha anche aggiunto che “E ‘un dono per il mondo che il petrolio è sceso a $ 50”, e ciò ha infatti consentito agli acquirenti di mettere a posto le politiche economiche necessarie per promuovere la crescita economica nei prossimi cinque anni.

Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, si aspetta ancora ulteriori riduzioni degli investimenti dell’industria petrolifera nel prossimo anno. Parlando a Singapore, durante la Settimana internazionale per l’energia, ha detto che sarebbe stata la prima volta in due decenni che gli investimenti di petrolio siano crollati per due anni consecutivi. Gli operatori sono anche in attesa di sentire se la Federal Reserve statunitense alzerà i tassi di interesse dopo la sua riunione di questa settimana. La speculazione che la Fed non alzerà i tassi ha spinto verso il basso la valuta statunitense.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *