In crescita il mercato dell’auto

forex broker autorizzati CONSOB

Buone notizie per il mercato dell’auto in Italia e per Fiat Chrysler. L’Italia delle quattro ruote continua a crescere, tanto che si stima che ad ottobre sono state immatricolate 132.929 auto, con un rialzo dell’8,56% rispetto allo stesso mese del 2014, che aveva anche una giornata lavorativa in più. Secondo gli analisti questo rialzo sarebbe il segno che il «dieselgate» non dovrebbe avere effetti su una ripresa ormai consolidata. La truffa delle emissioni è percepita dai consumatori come qualcosa di limitato ad alcune case automobilistiche in particolare, tanto che solo Volkswagen e Seat vanno giù, rispettivamente, del 6,85% e dell’11,7 per cento.

Va benissimo anche Fiat Chrysler, che avanza più del mercato: a ottobre il gruppo guidato da Sergio Marchionne e presieduto da John Elkann ha infatti consegnato 36.709 auto, il 10,8% in più rispetto all’ottobre dell’anno scorso. Nei dieci mesi di quest’anno Fca ha venduto 376.213 vetture, con un incremento del 16,9% sullo stesso periodo del 2014. Cresce anche Jeep, che trainata da Renegade raddoppia le vendite e nell’anno registra un +234,6%. Anche Fiat ha vissuto un mese positivo (+16%) grazie alla Panda – ancora la più venduta in assoluto – e della famiglia 500. I cinque modelli Fca nella top ten sono Panda, Punto, Ypsilon, 500X e 500L.

Emerge quindi un quadro positivo, come confermato dall’inchiesta congiunturale mensile del Centro Studi Promotor. Per gli operatori la ripresa del mercato dell’auto sembra «ormai consolidata e destinata ad accelerare nel prossimo futuro». “Intanto –  afferma Massimo Nordio, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione della Case automobilistiche estere in Italia – si irrobustisce la nostra previsione di un mercato che chiuda l’anno 2015 con un solido +14,7% a 1.560.000 unità, 200.000 auto in più rispetto al totale delle vendite 2014. Per le immatricolazioni dell’anno 2016, alle condizioni attuali rimane confermata la stima di luglio di un mercato a 1.640.000 unità vendute, in aumento del 5,2%; risultato determinato dal percorso di recupero previsto per la nostra economia e dalle esigenze di rinnovo del parco circolante”.

Per quanto riguarda il dieselgate invece, come già detto, questo non ha influito più di tanto sulle vendite. Per Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, in ogni caso “il mercato italiano delle automobili continua a crescere. Questo dato è molto importante perché, nel nostro Paese, l’affaire Volkswagen non ha intaccato né la richiesta delle motorizzazioni diesel né la richiesta dei prodotti del gruppo tedesco. Questo rappresenta una importante iniezione di ottimismo infusa dal sistema dagli stessi consumatori.”

E ci sono piccoli segnali di ripresa anche dal mercato giapponese e francese: nel mercato giaaponese, le vendite a ottobre salgono dello 0,2% su base annua, a 240.889 unità, rispetto al -3% di settembre. In Francia, analogamente, il mercato di nuove auto è rimasto quasi stabile a ottobre (+ 0,6%).

One Response to In crescita il mercato dell’auto

  1. Conte Zio scrive:

    Anche un gatto morto rimbalza…vediamo vediamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *