La Banca Romagna Cooperativa viene salvata dai suoi clienti. E’ il primo caso di Bail-In in Italia

Il sistema bancario italiano è sano, almeno questo ci raccontano. Ma poi ci sono notizie come quella che stiamo per dare oggi: ecco quanto è sano il sistema bancario italiano…

banca-romagna-cooperative


C’è qualcosa di insano nel mondo delle banche
, qualcosa secondo il quale queste banche non devono rimetterci mai, ma spesso e volentieri, quelli che ci devono rimettere sono i clienti stessi, quelli che in realtà dovrebbero trarre giovamento dalla banca, ma che in realtà si ritrovano fregati, in delle situazioni spiacevoli.

Plus500

Questo non è un articolo che vi invita a ritirare tutti i soldi dal vostro conto corrente, in attesa di tempi migliori. Ma dopo averlo letto, non dormirete la notte a causa di comportamenti come questo.

In queste settimane si parla tantissimo di Bail-In da parte delle banche italiane, non è un gioco, ma un bel nome che è già legge, che afferma che in caso di fallimento della banca saranno gli azionisti, obbligazionisti e clienti a pagare con conti correnti superiori ai 100 mila euro. La legge sarà infatti realtà dal 1 Gennaio 2016.

Dal 1 Gennaio 2016 inizia la pacchia per le Banche Italiane

Non appena questa legge verrà approvata, entrerà in vigore. Ma è già possibile per le banche approfittare di questa nuova grande agevolazione, che fa molto comodo alle banche, ma che manda in rovina i loro stessi clienti.

La prima banca nella storia d’Italia
, ad essere stata liquidata è stata proprio la Banca Romagna Cooperativa. Volevamo farvi uno screenshot del sito per farvi vedere il logo e l’homepage del loro sito, ma non riusciamo ad accedere al sito, che pare offline. Coincidenze? Io non credo.

La messa al sicuro della forza lavoro da parte di BRC

La Banca Romagna Cooperativa ha in primo luogo messo in sicurezza i suoi 184 dipendenti spostandoli da Banca Romagna Cooperativa a Banca Sviluppo. Poi è iniziato il processo di Bail-In, partendo dai creditori subordinati, ovvero tutti quei clienti che avevano sottoscritto le obbligazioni junior della banca.

Il salvataggio del Fondo di Garanzia Istituzionale delle BCC

C’è stato però un lieto fine, in quanto il Fondo di Garanzia Istituzionale delle BCC, ha deciso in via volontaria e senza alcun obbligo, di rimborsare integralmente e immediatamente tutti i clienti degli junior bond.

Fitch però già avverte la pericolosità della banche Italiane

L’agenzia di rating Fitch, non sta a guardare, segnalando in una lunga nota, criticando le banche italiane. Le segnalazioni sono per ”l’aumento delle probabilità che le perdite delle banche saranno sostenute dai creditori ora che il nuovo strumento di risoluzione e’ disponibile nella Ue” Ed inoltre: “Il comportamento carente delle banche nella raccolta attraverso i subordinati e gli strumenti ibridi presso la clientela retail”.

Insomma, teniamoci pronti, perché dal 2016 le banche avranno molta più libertà, e i clienti, molta meno.

2 Responses to La Banca Romagna Cooperativa viene salvata dai suoi clienti. E’ il primo caso di Bail-In in Italia

  1. Conte Zio scrive:

    Dico la mia: se uno presta i soldi ad una BCC merita di perdere tutto, chi conosce quel mondo sa che i bilanci di una BCC sono più che altro un’opera di fantasia. Il capitalismo ha i suoi meccanismi per difendersi da questi virus e sono appunto i fallimenti. Ma i fallimenti devono colpire anche chi ha avuto la pessima idea di depositare i propri soldi o comprare bond, altrimenti la cura non funziona e l’azzardo morale continuerà sempre più forte.

  2. Claudio Botta scrive:

    Se uno è così idiota da avere bond di una BCC…boh..merita di perdere tutto, anche la casa, anche i figli e la moglie, non solo i soldi del bond. Confesso che a me il bail in piace da morire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *