La Federal Reserve fa volare il Dollaro USA (Analisi Forex 24 Maggio 2016)

Yellen Fed Bearish

Maggio verrà ricordato dai trader come uno dei mesi più positivi per il Dollaro USA: l’economia continua a progredire, l’inflazione è stabile al rialzo, e quindi è arrivato il momento di innalzare i tassi d’interesse, e quindi il Dollaro è “costretto” ad andare verso l’alto, senza sosta.

L’Euro, sta perdendo lo 0.33% durante la sessione di questa mattina, in quanto il Dollaro ha guadagnato ulteriore forza, dopo che i membri della Federal Reserve hanno continuato ad essere sempre più hawkish già da questa settimana.

Se diamo uno sguardo all’Indice del Dollaro, indice che misura la forza del biglietto verde, contro un portafoglio di valute major:

Screenshot 2016-05-24 11.33.46

Il Dollaro USA, è in rialzo dello 0.20% durante la sessione attuale, in guadagno di 19 pips a 95,42. La resistenza importantissima dei 95 dollari, è stata superata, e adesso la coppia sembrerebbe essere finalmente ben direzionata verso i 96 dollari.

Questa nuova forza del Dollaro USA è dovuta al fatto che la Federal Reserve ha sorpreso gli investitori con le minutes del meeting, minutes rilasciate la scorsa settimana, che hanno lasciato le porte aperte ad un innalzamento dei tassi d’interesse già da Giugno, mandando quindi i mercati finanziari in una vera e propria “crisi isterica”, che ha contribuito a mandare i mercati finanziari sia a nord, che a sud. Abbiamo notato ovviamente una grande forza del dollaro, grazie al possibile innalzamento dei tassi d’interesse, che senza dubbio aumenterà il suo valore di tantissimo.

In cima alla lista delle cose a cui prestare attenzione sul calendario economico durante questa settimana, è se i dati macro degli Stati Uniti aumenteranno le probabilità di un aumento del tasso già da giugno o luglio. Il dollaro ha guadagnato e continua a guadagnare contro l’euro, ma è scivolato contro lo yen sui dati commerciali giapponesi e dopo la resistenza degli Stati Uniti per l’intervento di valuta da parte di Tokyo.
Il presidente della Federal Reserve di San Francisco, John Williams e Patrick Harker della Federal Reserve di Philadelphia, hanno confermato durante il giorno di lunedì che prevedono due o tre aumenti dei tassi nel 2016, aumentando dunque il coro di politici che vuole a gran voce un innalzamento dei tassi già dai prossimi mesi estivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *