La Gran Bretagna se ne andrà dall’UE per colpa dell’ISIS

brexit

Il terrorismo a quanto pare fornirà ulteriori preoccupazioni al mercato finanziario mondiale. Gli attacchi terroristici in Belgio di questi giorni che sono stati rivendicati dai fondamentalisti dell’ISIS, stanno facendo diventare Brexit come una realtà che rischia di mettere in grave difficoltà tutta l’europa.

Il Regno Unito infatti, adesso crede che “la minaccia non sarebbe uscire dall’unione Europea, ma la vera minaccia sarebbe quella di rimanere.”

Queste parole arrivano direttamente da Sir Richard Dearlobe, che è nientemeno che l’ex responsabile dell’MI6, ovvero i Servizi Segreti della regina, ed ha ricoperto questo ruolo dal 1999 al 2004.

Secondo Dearlobe, se la Gran Bretagna uscirà dall’UE, potrà essere libera di rafforzare le frontiere, deportando i soggetti pericolosi quali estremisti e terroristi. Secondo gli esperti quindi, la Gran Bretagna potrà solo guadagnare da questa pazzia che si chiama Europa.

La Gran Bretagna, uscendo dall’Unione Europea, potrebbe quindi guadagnare sia sulla sicurezza, anche perché uscendo dall’UE è possibile “liberarsi” dalla Convenzione europea sui Diritti Umani, e anche esercitare maggiore controllo sull’immigrazione, a differenza di quello che l’UE sta esercitando in questo momento.

Secondo gli esperti quindi, la Gran Bretagna avrebbe poco da perdere e tanto da guadagnare.

Anche gli Stati Uniti stanno criticano fortemente la politica europea sull’immigrazione. Gli ultimi attacchi terroristici stanno letteralmente smembrando l’Unione. Hillary Clinton ha affermato che “gli ultimi attacchi hanno ricordato in modo brutale la minaccia ISIS”, e ha subito proposto la creazione di un confine e una guardia costiera europea.

Donald Trump, ha definito l’Unione Europea “un vero disastro” proprio a causa della questione immigrazione che è ormai fuori controllo e “senza alcuna regolamentazione”.

La Gran Bretagna potrebbe quindi uscire dall’UE in men che non si dica, causando anche quindi una forte instabilità tr il mondo finanziario.

Le proteste stanno arrivando da tutto il mondo, anche il ministro dell’Intelligence Israeliana, Yisrael Katz, ha detto la sua, affermando che il Belgio non sta facendo altro che “far finta di nulla, tollerando questo scempio” e che in realtà non si è ancora reso conto di aver perso il controllo totale della situazione.

Inutile dire che i mercati finanziari sono sul filo del rasoio proprio a causa di questa possibile uscita. La volatilità della sterlina è aumentata a +15% in rapporto con il dollaro, invece tra euro/sterlina è aumentata di quasi al 14%.

Secondo gli esperti un’uscita Brexit potrebbe far crollare la sterlina ancora di più nei confronti del dollaro, anche fin giù a 1,2 dollari, o più in basso. Vuoi fare trading con la sterlina? Scegli il broker London Capital Group, regolato dalla Consob, Cysec ed FCA, che permette di fare trading anche con la piattaforma standard del settore MT4, un bonus subito per te si registri entro 24 ore, clicca qua per saperne di più.

Secondo i sondaggi, il sì per il Brexit è in vantaggio del 43%, il 41% è contrario e il 16% deve ancora prendere una decisione.

One Response to La Gran Bretagna se ne andrà dall’UE per colpa dell’ISIS

  1. Lorenzo scrive:

    Difficile vivere con la paura dell’ISIS. Speriamo passi presto questa minaccia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *