L’azionario USA si sta stabilizzando. La quiete prima della tempesta?

Così, all’improvviso, la situazione per quanto riguarda l’azionario, si è improvvisamente tranquillizzata.

All’inizio dell’anno abbiamo visto un’eccitazione a dir poco grandiosa con l’S&P 500, che è caduto di oltre il 3% soltanto nel mese di Gennaio, il Petrolio Greggio che ha perso più di qualsiasi altro mercato, e la Banca Nazionale Svizzera che ha rimosso il tappo contro l’Euro, e la Banca Centrale Europea, che ha incominciato il celeberrimo quantitative easing, mentre l’azionario americano si è seduto su uno dei range più stretti che abbiamo mai visto negli ultimi due decenni.

Plus500

Lo stesso, può essere detto per il mercato dei bond, che ha visto un violento sell-off nelle ultime settimane.

L’S&P 500 è ormai legato a un range. L’ultima volta che abbiamo visto questo indice iniziare ad andare più veloce, è stato nel maggio 2014.

Nel 1995, il mercato continuava ad andare verso l’alto, mentre nell’ultima decade il mercato ha rotto al ribasso dopo periodi multipli di range trading.

I rendimenti del tesoro a 10 anni, hanno toccato un nuovo massimo annuale a 2.26% lunedì scorso, e i bund tedeschi decennali sono scambiati a 0.7% dopo essere caduti fino a 0.05% giusto qualche settimana fa.

L’S&P 500 ha da diversi mesi trovato una resistenza molto forte, situata intorno al livello di 2100.

Dal 2014 al 2015, l’S&P 500 ha avuto un movimento rialzista, trovando un minimo intorno al livello di 1850 a ottobre 2014, per poi però trovare supporto e ripartire verso l’alto.

Questo coppia è caduta durante la scorsa settimana, ma ha trovato supporto per andare quindi a formare un martello. L’area di 2070 ha offerto supporto sufficiente per mantenere il mercato a galla, e il martello che si è formato è un segnale molto forte che questo mercato possa continuare ad andare verso l’alto, anche se come dicevamo, ci troviamo in una situazione di forte stallo in questo mercato.

Crediamo che il mercato possa continuare verso l’alto, solo e soltanto se dovesse continuare ad andare oltre il livello di 2120. Una volta rotto questo livello chiave, sarà possibile vedere nuovi massimi su questa coppia.

Non c’è alcun interesse a vendere l’S&P 500, in quanto crediamo che questo mercato possa trovare numerosi acquirenti con grande facilità, in qualsiasi dip da qui fin giù 2000.

One Response to L’azionario USA si sta stabilizzando. La quiete prima della tempesta?

  1. Flask scrive:

    Analisi eccellente, condivido lettera per lettera…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *