L’Euro crolla contro gran parte delle valute (tranne la Sterlina)

euro-crolla

Per la nostra consueta analisi dedicata a tutti coloro che fanno forex trading oggi ci concentriamo sull’euro. L’Euro è crollato contro il dollaro questa mattina, e al momento è in calo dello 0.56%, in caduta da 1.10 a 1.09. Diversa invece la sorte dell’euro contro la sterlina sterlina inglese, che al momento sta cavalcando su un rally impetuoso di +0.47%.

L’Euro crolla, ma la sterlina sta crollando ancora di più, a fronte dell’incertezza che è subentrata dopo l’annuncio del referendum del 23 Giugno. Attualmente sta perdendo l’1% contro il dollaro, e lo 0.50% contro l’Euro.

L’Euro crolla dopo dei dati macro deludenti

L’Euro ha perso molto terreno a causa principalmente del dollaro statunitense, alla produttività in calo dell’Eurozona, e dall’assenza generale di ottimismo dalla situazione attuale del business in Germania. Dati ufficiali hanno confermato che l’economia tedesca è cresciuta pochissimo durante l’anno scorso. Il PIL tedesco è cresciuto dello 0.3% trimestre su trimestre, rimanendo molto stabile rispetto ai dati che sono stati pubblicati nel terzo trimestre. L’espansione economica, è stata però tuttavia soltanto dello 0.4% per i primi due trimestri dello scorso anno.

La domanda interna è stato il fattore che ha dato il più grande contributo alla crescita del quarto trimestre. La spesa delle famiglie per i consumi è salita leggermente dello 0,2%.
La creazione lorda di capitale fisso, l’incremento netto dei beni fisici, è stato in aumento del 2,2% rispetto al terzo trimestre.
C’è stato anche un aumento della creazione di capitale per macchinari e attrezzature, che si è intensificato dell’1,0%, una cifra che è in gran parte attribuibile alla spesa in questo settore, da parte del governo.

Il commercio estero ha avuto un movimento al ribasso sulla crescita, in quanto le esportazioni di merci sono diminuite dell’1,7%. Anche le importazioni sono diminuite, ma non ad un ritmo più rapido delle esportazioni, in quanto sono diminuite dello 0,6%.
In totale, la bilancia commerciale ha avuto un effetto negativo sul PIL, riducendolo dello 0,5%.

EUR/USD

Screenshot 2016-02-24 14.12.29

Il The Fiber, continua a perdere punti. Si trova attualmente nell’area 1.09-1.10, area di importante supporto per la coppia in questione, in quanto si tratta di una resistenza diventata supporto (sul grafico giornaliero) che fungerà un pò da freno. Potrebbe quindi essere interessante sfruttare dei rimbalzi al rialzo da questo livello, anche se crediamo tuttavia che se una volta rotto questo livello, ci vorrà poco ad arrivare a 1.06, quindi attenzione massima.

GBP/USD

Screenshot 2016-02-24 14.28.23

La coppia GBP/USD ha perso circa lo 0.72% durante la giornata di oggi. Si trova in un canale ribassista, e non ci sono nemmeno delle resistenze storiche recenti che possano lasciar presagire ad un possibile rimbalzo di questa coppia. Se vuole ristabilirsi, dovrà trovare acquirenti disposti ad acquistare questa coppia che sembra veramente spacciata, specialmente adesso che Cameron ha indetto un referendum per uscire dalla zona Euro.

Trading sul mercato forex


Per tutti coloro che fanno trading sul forex suggeriamo di provare London Capital Group. Si tratta di un broker sicuro e affidabile, molto conveniente dal punto di vista degli spread, con un bonus vantaggioso. London Capital Group è autorizzato e regolamentato dalla britannica Financial Conduct Authority, una delle autorità di controllo finanziario più severe al mondo e questo garantisce la massima trasparenza e sicurezza per il trader.

Per aprire subito un conto di trading su London Capital Group clicca qui.

One Response to L’Euro crolla contro gran parte delle valute (tranne la Sterlina)

  1. Marco Anselmi scrive:

    Il signor Draghi sarà contento, sta svendendo un continente per evitare ai cialtroni al governo di pagare i debiti che hanno contratto. Paghiamo i debiti tagliando le spese inutili a partire dalle pensioni retributive e rilanciamo l’economia in modo sano partendo da chi lavora davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *