Metà degli italiani non conosce la correlazione tra rischio e rendimento

rischio

Oggi mentre guardavo Sky News, mi sono un po’ spaventato. Sul notiziario di Sky News italiano, più specificatamente nella sezione dedicata alla finanza, affermavano che metà degli italiani non conosce assolutamente la correlazione tra rischio e rendimento. Ad esempio la differenza tra azione e obbligazione, il 50% degli italiani non la conosce… E poi ci lamentiamo della Banca Etruria e delle varie truffe che vengono architettate ogni giorno.

La differenza tra azione ed obbligazione

Questo concetto è molto semplice: un’azione è in pratica il possedimento di una parte di azienda, un’obbligazione è un debito dove l’emittente promette di pagare il quantitativo concordato alla data specificata.

Sempre secondo il sondaggio, l’Italia è agli ultimi posti in Italia per l’educazione finanziaria.

L’esempio che è stato fatto è molto semplice: è un po’ come andare a comprare una macchina fa F1, ed il concessionario ci dice:

State tranquilli, questa macchina é facilissima da guidare e va veloce“.

È un po quello che è successo con Banca Etruria (e le altre 3 banche, recentemente salvate dal governo e Renzi), le persone che volevano investire sono state messe sotto pressione, senza conoscere assolutamente il profilo di rischio al quale andavano incontro. E questa situazione ricorda molto il film the Wolf of Wall Street, dove Belfort e i suoi amici “truffavano” ignari clienti, promettendo grandi guadagni ma in realtà li facevano finire in un pericoloso schema Pump and Dump.

Gli italiani non conoscono nemmeno il rapporto, o almeno la differenza tra il rischio e il rendimento. Non sono al corrente del fatto che più aumenta il rendimento, più aumenta il rischio.

Il problema è che non siamo più nella Wall Street degli anni 80, dove i mercati finanziari iniziavano ad essere accessibili alle persone “normali” e qualche sgarro ci poteva stare, siamo bensì nel 2016, e ci si aspetta che la gente sia un attimino più informata sui fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *