Obbligazioni Subordinate: in italia 67 miliardi emesse da banche top 10

Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti

Non si ferma lo scandalo delle obbligazioni subordinate, sì avete capito bene, proprio quelle che hanno portato sul lastrico i clienti di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti.

E’ di oggi la notizia che proprio queste tossiche obbligazioni subordinate che sono state emesse dalle numerose banche italiane, ammontano ancora ben 67 miliardi di euro, e circa il 46% è stato fornito alle famiglie, e pensate che ben l’83% è stato emesso dalle top 10 banche in italia.

Il report arriva direttamente dalla Banca d’Italia, alla luce dello scandalo di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti.




Vuoi guadagnare con i mercati finanziari? Prova Markets.com, la piattaforma più semplice, il modo migliore per investire i tuoi soldi senza rischi. Clicca qui per il tuo conto gratis.

Lo scandalo Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti

Ne abbiamo già parlato in passato del caso di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti e delle insistenti storie delle centinaia di migliaia di risparmiatori che non fanno altro che continuare a protestare pubblicamente cita i loro fondi andati in fumo per colpa dell’azzeramento delle azioni, diventata carta straccia. Stiamo parlando di ben 130 mila azionisti ed oltre 10 mila clienti che hanno investito in obbligazioni subordinate.

Quello che successe fu gravissimo: “In pratica agli sportelli chi lavorava per queste banche, era costretto a convincere più clienti possibili ad acquistare i prodotti della banca, ed ogni settimana erano obbligati a presentare dei report con delle somme che ogni banca doveva raggiungere ad ogni costo”. La persona che non aveva raggiunto gli obiettivi, o che comunque era l’ultimo della lista, veniva richiamato dal direttore.

Una vera e propria truffa legalizzata

Una volta che i clienti avevano investito e comprato quelle azioni e obbligazioni subordinate, era praticamente impossibile venderle, in quanto chi lavorava per Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti, affermava che “Era tutto finito sul mercato secondario, e quindi era impossibile da vendere”.

Un ricerca continua del lucro e dell’arricchimento della banca, azioni che però andavano a scontrarsi sull’interesse del cliente, che è stato trattato in maniera vera e propria come della carne da macello. E non solo il cliente, in quanto secondo alcuni dati, per ogni banca circa la metà della forza lavoro (stiamo quindi parlando di migliaia e migliaia di dipendenti) detenevano azioni e obbligazioni delle proprie banche, tranne che per Carichieti, dove solo in 25 su 700 erano anche anche titolari di azioni oppure obbligazioni.

One Response to Obbligazioni Subordinate: in italia 67 miliardi emesse da banche top 10

  1. Conte Zio scrive:

    Ci aspetta un meraviglioso bail in. Italiani, popolo bue, pagherete e pagherete ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *