Perché conviene comprare diamanti da investimento?

comprare diamanti

Comprare diamanti da investimento conviene? Questo articolo spiega perché.

In un’epoca in cui gli investimenti finanziari sono sempre più a rischio, il risparmiatore italiano si sente spaesato, alla ricerca di una sicurezza che ormai sembra essere sparita per sempre. Obbligazioni, azioni, titoli di Stato non rendono più nulla e presentano rischi elevati. Come fare a difendere il proprio capitale in un’epoca di così elevata incertezza? Comprare diamanti da investimento è una mossa intelligente e vincente.

Perché conviene comprare diamanti per investire? Ci sono 5 ragioni principali che spiegano perché l’investimento in diamanti è sempre un investimento sicuro e soprattutto un investimento che conviene.

I diamanti proteggono il capitale

Il primo punto fondamentale che spiega perché è così conviente investire in diamanti è che i diamanti proteggono il capitale. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale che il diamante sia certificato e che il prezzo di acquisto non sia gonfiato. In effetti bisogna puntare ad acquistare il diamante ad un prezzo che sia più o meno in linea con quello indicato dal listino Rapaport. Purtroppo i diamanti venduti in gioiellerie e banche hanno prezzi estremamente più elevati rispetto a quelli del Rapaport.

Per chi vuole davvero difendere il proprio capitale, un’ottima soluzione è rappresentata da Diamond Privilege. Diamond Privilege, infatti, offre i diamanti al prezzo ufficiale Rapaport e offre anche la necessaria certificazione.

Il valore dei diamanti è destinato a crescere nel tempo

Investire in diamanti conviene perché il loro valore è destinato a crescere nel tempo. Le riserve mondiali di diamanti sono estremamente limitate e la domanda mondiale è in costante crescita perché paesi come Cina o India, immensi e recentemente usciti dalla povertà, acquistano quantità immense di diamanti.

Per dare qualche numero, la domanda mondiale di diamanti sale di un buon 6% l’anno, mentre la produzione sale appena di un 2%. Inoltre, gli esperti stiamano che non esistano altre riserve di diamanti apprezzabili oltre a quelle già note. Dunque la produzione prima o poi è destinata a calare drasticamente.

Insomma, un diamante non perderà mai di valore ma anzi crescerà sempre: per incrementare questo profitto è sempre opportuno, come già detto, acquistare i diamanti ad un prezzo onesto, quello indicato dal Rapaport.

I dimanati non sono tassati

Per tanti anni abbiamo detto che in Italia è tassata anche l’aria che respiriamo. Per anni si è trattata di una esagerazione ma da quanto è stata introdotta la tassa sui condizionatori (governo Renzi) è diventata una triste realtà. Sappiamo che l’Italia è un paese dove le tasse sono tante e fantasiose, dopo tutto c’è necessità di denaro per mantenere milioni di parassiti oltre a garantire le ruberie di una classe politica avida e corrotta.

Per fortuna, i diamanti non sono tassati. L’investimento in diamanti non deve essere inserito nella dichiarazione dei redditi e le elevate plusvalenze che si possono ottenere dalla vendita dei diamanti non sono soggette a ritenuta fiscale.

Questa considerazione rende l’investimento in diamanti veramente conveniente: tutti gli altri investimenti, infatti, sono tassati al 26%, ad eccezione dei titoli di Stato che sono tassati al 12,5%. Investire in diamanti non significa quindi solo garantirsi elevati rendimenti ma questi rendimenti sono anche esentasse.

Ovviamente, tenuto conto dell’avidità del fisco italiano, non possiamo garantire che questa condizione valga per sempre. Per il momento è così.

I diamanti non sono carta

In un momento in cui molte banche e istituzioni finanziarie sono virtualmente fallite, possedere semplici pezzi di carta non è una buona idea. Da un momento all’altro potrebbe scatenarsi un’apocalisse finanziaria. E anche chi pensa di detenere titoli sicuri, deve considerare gli effetti dei fallimenti bancari.

Supponiamo di possedere un titolo finanziario sicuro (ad esempio, Bond tedeschi) ma di averli in custodia presso una banca che fallisce. Che cosa succede ai titoli? Al momento nessuno è in grado di dirlo con certezza. Con molta probabilità, l’investimento potrebbe essere recuperato dopo lunghe controversie giudiziarie, magari dopo 30 o 40 anni di cause costosissime. I diamanti invece possono essere sempre custoditi in casa, in maniera sicura.

I diamanti equivalgono a denaro sonante

L’ultimo elemento, non certo il meno importante, è che i diamanti sono equivalenti a denaro contante. In un momento di necessità, è possibile liquidare il diamante con profitto. I diamanti sono apprezzati in tutto il mondo e hanno anche il vantaggio di essere facilmente trasportabili date le loro ridotte dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *