Rimbalzo di molti metalli in atto

L’oro è riuscito a recuperare ben 5 dollari nella sessione di questa mattina, 5 dollari sono un’infinità in mercati come questo, in quanto i traders hanno deciso di comprare questa materia prima che ha perso davvero tanto negli ultimi mesi.

Adesso l’oro è in fase di trading a 1096 circa ben sotto l’importante supporto che si attesta a 1100, e che purtroppo (per molti investitori che erano e magari sono ancora long in questo mercato) è stato rotto.




AvaTrade è la migliore piattaforma per trading online di oro e commodity: clicca qui per aprire subito il tuo conto.

L’argento invece si sta comportando in maniera similare, perdendo oltre 65 punti a arrivando intorno al livello di 14.790. Il Platino invece è riuscito a guadagnare quasi 9 dollari grazie ad una sessione stellare, e grazie anche al buon prezzo del platino, buon prezzo che i traders hanno subito visto e approfittato in men che non si dica.

Il dollaro invece è salito leggermente mentre l’oro è diventato un investimento più attraente per gli investitori.

I prezzi dell’oro sono scesi questo mercoledì per la settima volta in otto settimane, riflettendo la sostenuta pressione al ribasso, dopo la sua caduta più ripida in quasi due anni. Ci sono addirittura più perdite previste per il futuro, mentre la domanda continua a calare. Un’escursione che incombe nei tassi di interesse degli Stati Uniti potrebbe intaccare l’oro come investimento, incoraggiando altri venditori nel mercato dopo la rottura del 4 per cento di Lunedi.

Il Gold US per il mese di agosto è sceso di ben l’1%, andando ad attestarsi a 1,092 dollari per oncia. Registrando quindi la decima settimana consecutiva di perdite.

Dove è destinato il Gold

L’oro potrebbe a breve toccare un nuovo target importante, ovvero quello dei 1000 dollari. Questo è un livello chiave per questo mercato, ma non saremmo molto sorpresi dal vedere un possibile test di un supporto del genere.

Gli investitori si stanno man mano allontanando da gran parte degli investimenti nelle materie prime, in quanto la Federal Reserve si sta avvicinando sempre di più ad un possibile innalzamento dei tassi d’interesse, mentre l’economia americana si sta espandendo al ritmo più basso dal 1990 in Cina, il più grande compratore di materie prime del mondo. Una domanda al ribasso da parte dei paesi in via di sviluppo sta permettendo a questi mercati di avvicinarsi ad un vero e proprio disastro.

Per quanto riguarda gli altri metalli, il Rame ha recuperato qualcosa questa mattina aggiungendo 9 punti e andando quindi a 2440 in quando i traders hanno preferito buttarsi su questa materia prima, che è molto economica al momento in quanto si trova al di sotto del range tipico di trading.

Nella giornata di ieri il rame ha perso l’1.8% a Londra, mentre i Futures dell’oro hanno perso per la decima giornata consecutiva. Si tratta della serie di perdite più grande dal 96.

Non è una bella situazione per i metalli.

One Response to Rimbalzo di molti metalli in atto

  1. Tampoco scrive:

    Ottima occasione per fare profitti grassi grassi, mi ci butto 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *