Secondo la UBS dobbiamo vendere le azioni e comprare Oro

oro-donna

Il 2015 è stato senza ombra di dubbio un anno in cui i mercati azionari sono stati estremamente volatili, un anno caratterizzato da luci e ombre, dove lo S&P500 ha chiuso per la prima volta dopo anni, in negativo. E il 2016 si è aperto in una maniera ancora peggiore, in quanto il mercato Cinese ha subito dato non pochi grattacapi già in questo periodo di festività.

Il Grafico dell'Oro degli ultimi 20 anni.

Il Grafico dell’Oro degli ultimi 20 anni. Clicca per vederlo in alta qualità.

La UBS ha da qualche giorno inviato una comunicazione a tutti i propri clienti, un’email che illustra uno studio dove si consiglia l’acquisto dell’Oro.

L’Oro, lo sappiamo tutti, è in fase bearish da ormai il 2011, nel 2016, la UBS si aspetta finalmente un vero e proprio cambio di trend per questo metallo, in quanto ci stiamo avvicinando al “pavimento del mercato” e quindi potrebbe essere un nuovo inizio per una cavalcata bullish.

plus500
Plus500 è la migliore piattaforma per il trading online di oro, al rialzo come al ribasso: clicca qui per aprire subito il tuo conto gratis.

L’Oro trarrà vantaggio quindi dallo stato di “Rifugio Sicuro”, e dal 2017 in poi potrebbe addirittura trarre vantaggio anche dal Dollaro, che si avvicina ai suoi massimi in questi mesi.

L’oro è visto come un rifugio per contanti, e si ci avete fatto caso, sale sempre quando il dollaro è in difficoltà. Non ha grosse commissioni come le obbligazioni, e non paga un dividendo come i titoli azionari, ma questo significa che una volta che si compra l’oro, sia sotto forma fisica che CFD, siamo in acque sicure, in quanto è un bene tangibile.

Un picco nel mercato dell’oro di solito significa che gli investitori sono preoccupati per lo stato delle classi di attività più volatili, come azioni o obbligazioni.

Gli analisti tecnici guardano ogni giorno i grafici per individuare i modelli in vari mercati e classi di assets. Da questo, è possibile prevedere che direzione i prezzi prenderanno in futuro.

Molti analisti, non solo quelli di UBS, hanno sostenuto l’ipotesi che le azioni avevano hanno goduto di un aumento dei prezzi, ma adesso con il nuovo panorama macroeconomico che si prospetta, tutto cambierà.

Un minimo potenziale nel 2016 potrebbe essere un dato piuttosto importante per l’oro, dal momento che insieme con il minimo del ciclo degli ultimi quattro anni abbiamo un minimo della proiezione degli ultimi otto anni, proprio quest’anno. In questo contesto, ci aspettiamo un 2016 che sarà contraddistinto da un eventuale “tocco del minimo” da parte dell’Oro, che con grande probabilità incomincerà a risalire tra il 2016 e il 2017, in concomitanza con la debolezza del dollaro.

One Response to Secondo la UBS dobbiamo vendere le azioni e comprare Oro

  1. Marco Guglielmi scrive:

    Ancora più intelligente: non vendere ne comprare nulla, ma speculare al rialzo sull’oro e al ribasso sulle azioni usando i CFD. Con Plus500 è tutto facile e immediato 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *