Vendite Apple in calo. E’ arrivato il momento di shortare AAPL?

Apple Pride

Comprare azioni Apple? Secondo gli analisti di Morgan Stanley, il 2016 potrebbe essere l’annus horribilis di Apple, in quanto le vendite dell’azienda con sede a Cupertino potrebbe vedere la prima flessione storica sul mercato, proprio nel 2016, in quanto le unità vendute del dispositivo di punta dell’azienda fondata da Steve Jobs, potrebbero essere in declino.

Se la previsione dovesse essere veritiera, si tratterebbe del primo segno meno dell’azienda, che ha venduto sempre più iPhone dal 2007 in poi, anno del primo iPhone 2G (quello ancora prima del 3G, quest’ultimo è stato infatti il primo modello ad essere commercializzato in italia).


Vuoi fare trading su Azioni Apple? Inizia qui con 24option, la migliore piattaforma di trading di azioni. Al momento del deposito, riceverai un bonus gratuito del 100%.

Secondo Morgan Stanley, ci sarà una diminuzione del 5.7% nel 2016, quindi circa 218 milioni di unità vendute (invece della precedente previsione di 224 milioni di unità. L’aumento delle vendite, pari al 6,1% previsto per il trimestre corrente è stato rivisto con un -0.6%.

L’aumento di vendite del 6,1% previsto per il trimestre in corso è stato corretto e scambiato con un -0,6%. Il target price previsto per il 2016, ovvero il “prezzo target” delle azioni di Apple su cui convergerà il titolo nell’arco dell’intero anno- passa da $162 a $143 (quindi in calo dello -12%).

Gli agenti scatenanti che motivano le stime a ribasso sono senza ombra di dubbio l’aumento dei prezzi internazionali e la troppa saturazione del mercato al di fuori di quello asiatico. Ad allarmare gli analisti sono anche le stime degli ordini di componenti dell’iPhone alle fabbriche cinesi: sarebbero state tagliate del 10% in questo trimestre e lo saranno del 20% nel prossimo.

Tuttavia, hanno ricordato gli esperti durante una conferenza stampa, che le stime sono state ritoccate tenendo in considerazione “gli scenari peggiore possibili”. Il ridimensionamento della catena di montaggio potrebbe esser dovuto non a vendite insufficienti ma a magazzini ben forniti, e se l’espansione dell’iPhone in Cina segue i progetti di Apple, le stime potrebbero essere ulteriormente al rialzo.

Quindi non è ancora detta l’ultima parola, ma resta il fatto che tutte queste attese al ribasso potrebbero far presagire il vero primissimo stop per apple. Del resto, quando si sale talmente tanto, anche al di sopra delle possibilità di un’azienda “teoricamente” di nicchia come Apple, non si può far altro che scendere, prima o poi.

Le azioni, sono infatti in calo:

Screenshot 2015-12-14 23.07.58

One Response to Vendite Apple in calo. E’ arrivato il momento di shortare AAPL?

  1. Conte Zio scrive:

    Apple, un’azienda gestita letteralmente con il CULO. Adesso galleggia per il grande lavoro fatto da Steve Jobs, ma arriverà il giorno che tutto si sgonfierà come un sufflè mal riuscito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *