10 cose che accadranno sui mercati nel 2016 secondo Goldman Sachs

Previsioni 2016 Goldman Sachs

Goldman Sachs non fa previsioni a caso, anzi. 

I mercati sono molto incerti, ma Goldman Sachs ha pronte per noi 10 cose che perdureranno nel 2016 nei mercati finanziari. I mercati sono stati spesso incerti durante il primo trimestre delle contrattazioni, sopratutto per quanto concerne i dati macro USA, che sono sempre molto negativi ad inizio anno. La Cina però corre rischi seri con la sua valuta, e la BCE e la BOJ stanno seriamente tentando di riportare l’inflazione sui livelli giusti. Ma passiamo subito alle previsioni degli analisti di Goldman, probabilmente chi fa trading finanziario sarà ansioso di leggerle:

1. Potremo aspettarci un ulteriore disappunto dall’economia USA. Il dollaro infatti si è comportato bene nell’ultimo anno, salendo del 26 percento contro le principali valute, ma così non è stato per l’economia USA.

2. L’ECB e la BOJ continueranno a stampare denaro. Infatti gli analisti sono molto preoccupati dal fatto che la ECB e BOJ stanno mancando al loro impegno di aumentare l’inflazione. Sicuramente qualcosa sarà fatto a livello di politiche monetarie.

3. Le Banche Centrali lasceranno fluttuare liberamente le loro monete. Non far fluttuare le monete aumenta il rischio, portando le condizioni finanziarie ad essere estremamente più “stringenti”. Probabilmente da questa condizione ne trarrà vantaggio il dollaro USA, in quanto sembra far parte dell’economia più salutare al momento.

4. L’inflazione bassissima perdurerà nell’Eurozona.

5. La Banca del Giappone è estremamente incline al quantitative easing.

6. I tassi d’interesse negativi sono sopravvalutati.

7. Il dollaro è un rifugio sicuro, ma con dei costi. La correlazione del dollaro con il rischio è cresciuta da negativa e positiva negli ultimi anni, per quanto concerne i Differenziali sui Tassi di Interesse.

8. Il dollaro guadagnerà dal petrolio a buon prezzo sul lungo termine. I prezzi del petrolio in crollo hanno certamente un effetto negativo sull’economia nel breve termine, pesando anche sul dollaro. Ma gli Stati Uniti sono un importatore abbastanza importante di petrolio, quindi il prezzo basso per il petrolio è destinato a risultare benevolo sul lungo termine.

9. La bilancia dei pagamenti Cinese è sotto controllo. La fuga di capitali dalla Cina ha fatto preoccupare un po’ tutti, ed ha svalutato il RMB tantissimo. Con un surplus però quest’anno di 400 miliardi, il bilancio della Cina è al sicuro ed ha un ottimo cuscinetto in caso di nuove fughe di capitali.

10. La Cina non vuole destabilizzare i mercati. La Cina è un esportatore fondamentale nel mondo, quindi dipende più dagli altri per la sua crescita. Quindi non c’è alcun motivo di destabilizzare i mercati.

Piattaforma di trading online consigliata: Plus500

plus500
Vuoi fare trading sui mercati finanziari? Scegli Plus500, piattaforma sicura, affidabile, onesta e soprattutto conveniente. Plus500 non applica commissioni sull’eseguito e non ha costi fissi. In più, per tutti i nuovi clienti è previsto un bonus omaggio fino a 7.000 euro. Clicca qui per iscriverti.

One Response to 10 cose che accadranno sui mercati nel 2016 secondo Goldman Sachs

  1. Marco Falchi ha detto:

    In fondo non ci voleva molto a fare queste previsioni, più o meno credo che tutti coloro che conoscono i mercati avevano in mente questi punti. La grande sfida per noi trader è trasformare queste previsioni in soldi grazie al trading finanziario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *