Attenti all’eToro: la strana storia

etoro

eToro è veramente un broker affidabile e sicuro per fare trading sui mercati finanziari? Oppure è una truffa come qualcuno dice? Che cosa c’è dietro? Ci possiamo fidare di eToro? Quando in gioco ci sono i soldi, è doveroso stare attenti e verificare accuratamente le notizie. Perché bufale e fake news sono sempre un pericolo. E le trovi dove meno te le aspetti.

Negli ultimi tempi eToro (clicca qui per il sito all’ufficiale) è diventato veramente famoso. Per i primi 10 anni di vita eToro ha avuto un buon numero di clienti affezionati, è vero, ma non era sicuramente conosciuto al grande pubblico. Adesso invece moltissimi conoscono eToro e cercano su Google per saperne di più, alcuni pensando che si tratti di una truffa. Ed ecco, di tanto in tanto, in queste ricerche spunta un articolo diffamoatorio intitolato “Attenti all’eToro”.

Ora, non ci interessano i risvolti penali e civili che dovrà affrontare chi ha scritto l’articolo ma è importante analizzare alcuni aspetti fondamentali. La tesi dell’articolo è che eToro sia una specie di truffa, costruita apposta per derubare le persone. Si tratta di una grandissima falsità. eToro non è affatto una truffa, si tratta di un broker affidabile e sicuro che ha ricevuto tutte le autorizzazioni di legge e che tutela in maniera rigorosa gli interessi finanziari dei suoi clienti.

eToro non solo offre eccellenti servizi di trading, in modo sicuro e senza nessun tipo di rischio di truffa, ma permette anche di copiare in modo completamente automatico quello che fanno gli altri trader. Insomma, molti principinati possono iniziare da subito a ottenere profitti elevati anche senza avere alcuna esperienza, semplicemente copiando i trader migliori della piattaforma. E se questo non basta, possono anche parlare con i guru di eToro per imparare da loro a fare trading.

Che cosa ci guadagnano i guru di eToro a farsi copiare ed essere così disponibili? Semplice, eToro premia i suoi guru pagandoli in base al numero di follower. Questi guru, più propriamente detti investitori professionali, sono esperti di trading che decidono di aprire un conto sulla piattaforma eToro e che poi vengono ulteriormente premiati dalla piattaforma in base al numero di persone che li copia. Questi premi si aggiungono, ovviamente, ai normali profitti che queste persone riescono ad accumulare con il trading.

Puoi iniziare gratis con eToro cliccando qui
.

Insomma, operare con eToro non è affatto una truffa e ci sono anche vantaggi veramente significativi e allora, perché dovremmo stare attenti all’eToro? Che cosa c’è dietro? Abbiamo un sospetto terribile che ci è venuto leggendo l’articolo e soprattutto verificando il resto del sito. Ma andiamo con ordine.

eToro: si può perdere?

Il primo punto che il famigerato articolo “Attenti all’eToro” mette in evidenza è che con eToro si possono perdere soldi. Si tratta di una grande verità: tutti gli investimenti finanziari possono comportare il rischio di perdita, anche investendo in Titoli di Stato si possono perdere soldi. E’ buona pratica, ogni qual volta si decida di investire, soppesare il rischio di investimento ed evitare di rischiare denaro che non ci si può permettere di perdere.

Attenzione: questo è vero sempre e comunque, non solo con eToro. Insomma, invece che “Attenti all’eToro”, se fosse questo il problema, l’articolo si sarebbe dovuto intitolare “Attenti all’investimento”.

E noi di Mercati24, che da sempre siamo in prima fila nella battaglia per la difesa degli investitori (guardate quanti commenti sul nostro articolo sugli azionisti della Banca Popolare di Bari), avremmo sicuramente scritto un articolo di appoggio.

Invece no: il fatto che con eToro, come con tutti i tipi di investimenti finanziari, si possono perdere soldi è utilizzato abilmente dall’autore dell’articolo “Attenti all’eToro” per dimostrare che eToro è una truffa.

Leggendo l’articolo si capisce chiaramente che si tratta di un’arrampicata sugli specchi, basta un minimo di conoscenza del trading per capirlo. Ma che cosa succede al principiante che ha sentito parlare di eToro, non sa nulla di investimenti o trading, e si trova scritto che eToro è una truffa perché si possono perdere soldi?

Succede che pensa davvero che eToro sia veramente una truffa e magari si iscrive su qualche altro broker. Quali? Magari uno di quelli pubblicizzati sullo stesso sito che pubblica l’articolo “Attenti all’eToro”. E qui possiamo tornare al nostro terribile sospetto: eToro è una piattaforma che sta avendo un successo storico, sta attirando decine di migliaia di clienti al mese perché è completamente gratuita, perché si possono copiare automaticamente i trader migliori, perché l’interfaccia è intuitiva.

Non sarà che qualche concorrente si sente minacciato dal successo di eToro? Magari qualche concorrente che applica commissioni salate, che non è affatto facile da utilizzare, dove non esiste assolutamente la possibilità di copiare altri trader.

Questo tipo di broker sono abbondamente pubblicizzati sul sito dove troviamo “Attenti all’eToro”. Il terribile sospetto è che l’articolo serva ad affossare eToro per avvantaggiare i broker che pagano il proprietario del sito. Questi broker, per inciso, applicano salate commissioni di trading, quindi hanno un bel budget da spendere per farsi pubblicità.

E’ solo un sospetto: non abbiamo le prove ma come diceva qualcuno, a pensar male del prossimo si fa peccato ma si indovina…

eToro funziona davvero

eToro funziona davvero anche se si possono perdere dei soldi, come abbiamo appena scritto. Supponiamo di aprire un conto su eToro, depositare 500 euro e iniziare a fare trading. Abbiamo sentito da nostro cugino che con eToro si possono guadagnare molti soldi ma non sappiamo assolutamente nulla di trading. Iniziamo a fare trading più o meno a caso, comprando e vendendo asset finanziari come se stessimo giocando in un casino online. Quanto tempo ci durano i 500 euro utilizzando questa strategia? Forse pochi minuti, poi il conto arriverà sicuramente a 0.

Supponiamo invece di dedicare del tempo a studiare il trading con le guide messe a disposizione da eToro, di fare pazientemente esperimenti con la demo gratuita, di passare molto tempo ad analizzare le classifiche dei migliori guru di eToro per scegliere chi copiare. Anche in questo caso, è vero, si può perdere del denaro ma la probabilità che questo succeda è più bassa.

Per abbassarla ulteriormente si dovrebbero scegliere un certo numero di trader esperti da copiare, non uno solo, in modo che se uno di questi ha una giornata storta e perde dei soldi, i profitti degli altri sono in grado di coprire più che abbondamente le perdite.

Insomma, eToro funziona, la piattaforma funziona e il social trading è geniale. Ma se non c’è un minimo di impegno e non si dedica un minimo di tempo non si può avere successo con eToro.

Articoli come “Attenti all’eToro” non aiutano affatto il lettore: dipingono eToro come una truffa che fa perdere soldi quando dovrebbero invece spingere a fare trading in maniera consapevole, tenendo presenti i rischi e le opportunità. Ma probabilmente il trading consapevole non è certo tra gli obiettivi di chi paga profumatamente per fare pubblicità su quel sito. In fondo, un trader consapevole non paga commissioni di trading, mai…

Chiudere account eToro

Alcuni dei più ingenui lettori, dopo aver letto l’articolo “Attenti all’eToro” hanno deciso di disattivare account eToro. Come si fa a chiudere un account eToro? Per prima cosa bisogna ovviamente rientrare in possesso del proprio denaro. Con grande sorpresa di chi si era fatto suggestionare dall’articolo “Attenti all’eToro”, eToro paga e paga anche piuttosto velocemente. Il massimo che si deve aspettare per ricevere indietro i propri soldi è 6 giorni (tempi tecnici delle banche italiane).

Molto spesso i tempi sono sensibilmente più brevi,
tutto dipende dal carico di lavoro dello staff di eToro: il grande successo della piattaforma ha fatto sì che qualche pagamento si sia ritardato di qualche giorno, ma eToro sta già assumendo nuovo personale per far fronte a questa emergenza.

Molti di coloro che hanno deciso di disattivare account etoro a causa delle calunnie lette hanno deciso di tornare indietro dopo aver visto che eToro paga effettivamente e che i soldi richiesti vengono restituiti subito.

Con eToro è possibile prelevare
, in tutto o in parte, il capitale che si è depositato sul conto di trading e i profitti ottenuti. Non ci sono ostacoli di nessun tipo e non ci sono perdite di tempo. Zero problemi. Persino nel caso in cui eToro dovesse fallire (evento quasi impossibile) i soldi dei clienti sarebbero al sicuro.

Primo perché eToro deposita i fondi dei suoi clienti in conti correnti separati dai suoi. E secondo, perché c’è un fondo statale di garanzia a cui eToro aderisce che copre fino a 20.000 euro.

Tornando alla procedura di chiusura del conto, una volta ricevuto tutto il denaro si può fare richiesta al supporto di eToro per concludere la procedura di chiusura. Chiudere un conto su eToro è completamente gratis e non comporta alcun tipo di spesa. Se si cambia idea si può sempre aprire un nuovo account, sempre gratuitamente.

eToro sostituto d’imposta

Un altro punto chiave su cui l’articolo “Attenti all’eToro” alza un’inutile polverone è la questione delle tasse. Parliamoci chiaro: a nessuno piace pagare le tasse e sicuramente ancora meno è bello pagare le tasse allo stato italiano visto che i soldi pubblici vengono dilapidati in un modo vergognoso, tra politici che rubano (siamo passati da Tangentopoli a Rimborsopoli) e milioni di parassiti che preferiscono vivere di spesa pubblica invece che andare a lavorare.

Tuttavia le tasse bisogna pagarle e si pagano con tutte le piattaforme di trading, sia con quelle che applicano commissioni salate e che tanto piacciono all’autore di “Attenti all’eToro” sia che eToro e altre piattaforme di trading gratuita. L’unica differenza tra eToro e le piattaforme italiane è che eToro non è un sostituto d’imposta (nel resto d’Europa il sistema fiscale italiano, di stampo medioevale, non è che sia così tanto apprezzato).

Che cosa significa che eToro non è sostituto di imposta? Significa che per pagare le tasse sui guadagni fatti con eToro (ammontano al 26% del profitto netto) bisogna chiedere al commercialista di fare una dichiarazione a fine anno (ovviamente se gli importi sono alti). Dichiarazione semplice da fare e che costa al massimo 50 euro, visto che molti commercialisti la considerano parte della dichiarazione dei redditi e la fanno gratis. Tutto qui. L’autore di “Attenti all’eToro” ne fa una questione gravissima, per intorpidire ancora di più le acque.

eToro e le criptovalute

Il grande successo di eToro è dovuto anche al boom delle criptovalute. In effetti eToro, tra tutte le piattaforme di trading, è quella che più ha creduto nel boom delle criptovalute. Quando ancora nessuno parlava di Bitcoin, eToro ha investito tantissimo nel creare una piattaforma di trading di criptovalute facile da usare, senza commissioni e aperta a tutti, non solo ai grandi esperti. Grazie a eToro Bitcoin anche il grande pubblico ha potuto trarre beneficio dal boom delle criptovalute.

Un merito in più per il broker eToro ma siamo sicuri che per l’autore di “Attenti all’eToro” anche questo merito di eToro è in realtà una grave colpa. Non sappiamo quale, ma siamo sicuri che lo sia. Peccato che l’articolo sia stato pubblicato prima del boom delle criptovalute, altrimenti ci saremmo divertiti a leggere le più bizzarre arrampicate sugli specchi, tutto per dimostrare che eToro è una truffa.

Attenti all’eToro ma anche a quello che leggete

Insomma, fate bene a stare attenti all’eToro, ma state attenti anche a Fineco e a qualunque altro investimento finanziario fate. Gli investimenti possono generare profitti, più o meno elevati, ma hanno anche un rischio. Un buon investimento non è un investimento senza rischio, ma è un investimento il cui rendimento è correlato al rischio.

Per chi vuole provare il trading in maniera consapevole, magari partendo dalla modalità demo e quindi senza nessun tipo di rischio, consigliamo di provare eToro: basta cliccare qui per ottenere un conto demo gratis

Concludiamo questo articolo invitando tutti a studiare sempre prima di fare trading online, selezionando le fonti che si trovano su internet. Attenti ai forum e attenti anche ai siti che fanno terrorismo psicologico a pagamento, giusto per abbattere qualche broker che magari sta dando fastidio a chi non dovrebbe…

3 Responses to Attenti all’eToro: la strana storia

  1. Antonio Frizzi ha detto:

    Io ho investito 5.000 euro a novembre con etoro, ho lavoro su Bitcoin e ripple e sono uscito poco prima del crollo, dopo tutto quel crollo era più che prevedibile. Mi sono portato a casa un profitto netto di 10.000 euro. Ho aspettato 9 giorni per ricevere i soldi ma mi hanno chiesto scusa, spiegandomi che il numero di prelievi è stato impressionante e non ce la facevano a fare tutto più velocemente.

    Gli credo. Quando il treno del Bitcoin riparte, penso fra qualche settimana, tornerò a metterci soldi su eToro.

    Questo articolo attenti all’etoro lo avevo letto anche io poco prima di iscrivermi a eToro e mi aveva fatto venire dei dubbi, poi ho capito che cosa c’era dietro e meno male, altrimenti mi sarei perso bei soldini

  2. Andrea ha detto:

    Antonio, come fai hai fatto a leggerlo prima se l’articolo è stato pubblicato oggi 23 febbraio.
    Il crollo del Bitcoin è iniziato alla fine del 2017.
    Booooo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *