Banca Mediolanum nei guai: deve 344 milioni di euro al fisco

L’Agenzia delle Entrate ha appena notificato a Banca Mediolanum una serie di avvisi di accertamento per complessivi 344 milioni di euro. L’accusa, per l’istituto finanziario diretto da Ennio Doris e controllato, in parte, anche da Silvio Berlusconi è quella di aver nascosto parte dei profitti all’estero.
Detta così sembrerebbe tutto facile, ma se poi si vanno a vedere le carte le cose si complicano notevolmente, il giudizio diventa sempre più difficile.

ennio doris mediolanum

Premetto subito che ho sempre considerato il modello Mediolanum in modo negativo, con prodotti finanziari inutilmente costosi, dal rendimento basso e condizioni estremamente opache. E anche la rete di vendita, più simile alla rete di vendita di un multilevel marketing che a quella di una banca, ha sempre suscitato molte perplessità.
In ogni caso l’attacco dell’Agenzia delle Entrate si basa su una considerazione piuttosto arzigogolata. E’ stato analizzato il livello di commissioni che vengono pagate da Mediolanum International Funds, una società di diritto irlandese che confeziona i fondi di investimento poi ceduti alla clientela di tutta Europa, e secondo qualche anonimo funzionario queste commissioni sono leggermente più basse di quelle applicate da altri concorrenti.
In pratica l’accusa è che Mediolanum tenda a far guadagnare meno le sue controllate italiane per far guadagnare di più la controllata irlandese. E sappiamo che in Irlanda esiste un fisco dal volto umano, a differenza che in Italia.
Come andrà a finire questa faccenda è difficile dirlo, ma ancora una volta emerge la necessità assoluta di un coordinamento a livello europeo anche per la questione fiscale.
Non è possibile, infatti, che in barba ai trattati contro la doppia imposizione, un’azienda non possa avere la certezza di operare senza temere future contestazioni non del tutto trasparenti.
In un momento di crisi come quello che stiamo affrontando anche la serenità e la fiducia delle aziende conta moltissimo e deve essere preservata ad ogni costo.

One Response to Banca Mediolanum nei guai: deve 344 milioni di euro al fisco

  1. aldo ha detto:

    Il suo commento del tutto fazioso, arbitrario e senza cognizioni di causa, ed anche impreciso laddove cita “MEDIOBANCA”. La rete di vendita (così come la chiama Lei e come purtroppo viene definita all’interno dell’azienda) è costituita da professionisti iscritti a ben 2 albi di stato per la stragrande maggioranza onesti e corretti, altrimenti il sistema li butta fuori (ciò che si verifica, appunto, in una minimissima parte della totalità. In un periodo in cui si parla di “BERLUSCONICIDIO” tutta fa’ brodo, vero?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *