Bitcoin Cash: cos’è, come funziona, valore e come guadagnare

Il Bitcoin Cash è il nuovo fenomeno dell’estate 2017 nel mondo delle criptovalute. Ma che cos’è questa nuova criptovaluta, come funziona e sopratutto come è possibile investire? È vero che è profondamente differente dal ben più conosciuto Bitcoin?

Adesso cercheremo di dare risposta a tutte queste domande, spiegando che cos’è e come funziona il Bitcoin Cash, fornendo anche le nostre opinioni e recensioni sul Bitcoin Cash.

Investi in Bitcoin Cash con Plus500

Bitcoin Cash Cos’è

Cos’è Bitcoin Cash e perché esiste? Il Bitcoin è un “hard fork” della criptovaluta Bitcoin. Il fork di un progetto si verifica quando gli sviluppatori prendono una copia del codice sorgente da un pacchetto software e iniziano lo sviluppo indipendente su di esso, creando un separato e distinto pezzo di software.

Il termine spesso implica non solo un ramo di sviluppo, ma anche una divisione nella comunità degli sviluppatori, una sorta di “scisma”.

Spesso un fork avviene quando ci sono delle dissonanze tra il team degli sviluppatori di un dato progetto, e ciò è proprio quello che è avvenuto nel team di Bitcoin: una parte di esso non era d’accordo con alcune specifiche tecniche del progetto, ed ha deciso di “andarsene” creando (grazie al fork) una nuova criptovaluta in base alle proprie esigenze e desideri.

Ma andiamo subito al sodo, evitando di perderci in questi tecnicismi da addetti ai lavori. La nascita del Bitcoin Cash è avvenuta il 1 agosto 2017, una parte dei portafogli e exchange di criptovalute hanno fornito ai proprietari di Bitcoin il solito quantitativo anche in Bitcoin Cash già dal primo di agosto.

Intanto vorremmo tranquillizzare tutte le persone che avevano acquistato Bitcoin prima della scissione con il Bitcoin Cash. Tutte quelle persone che avevano Bitcoin, hanno automaticamente la solita quantità di Bitcoin Cash. Esempio: se il 30 luglio avevo 100 Bitcoin prima della scissione con Bitcoin Cash, il 2 agosto ho 100 Bitcoin e 100 Bitcoin Cash, spendibili liberamente.

Storia del Bitcoin Cash

La storia del Bitcoin Cash è tuttavia molto breve, in quanto trattasi di un hard fork molto recente. Tuttavia crediamo che la vita di questa criptovaluta possa avere una vita molto longeva.

Il 20 luglio 2017, la comunità bitcoin ha votato, il 97% a favore, sulla proposta di miglioramento del bitcoin (BIP) 91. La proposta, fatta da James Hilliard, dell’assistente di garanzia di Bitmain, era quella di attivare l’algoritmo Segregated Witness (SegWit) il 1 agosto 2017 tramite un soft-fork.

Tuttavia, alcuni membri della comunità bitcoin hanno ritenuto che l’adozione del BIP 91 senza aumentare il limite di dimensioni di blocco avrebbe semplicemente rimandato la risoluzione del problema reale del Bitcoin (ovvero la lentezza per confermare le transazioni) soluzione che avrebbe favorito le persone che trattano il Bitcoin come un investimento digitale piuttosto che una valuta di transazione.

Questo gruppo di persone ha quindi espresso la sua intenzione di implementare un hard-fork della criptovaluta Bitcoin, denominata Bitcoin Cash, durante la giornata del 1 agosto. Ereditando la cronologia delle transazioni della valuta bitcoin in quella data, ma le successive transazioni (dopo il fork) sarebbero risultate separate. Il Bitcoin Cash ha come caratteristica principale che lo contraddistingue le dimensioni di blocco a 8 MB, rendendolo incompatibile con la blockchain del bitcoin. Bitcoin Cash ha iniziato il trading a termine a 0,5 BTC il 23 luglio, ma è sceso a 0,10 BTC il 30 luglio.

La capitalizzazione di mercato è apparsa dalle 23:15 UTC, il 1 agosto 2017. L’offerta totale del Bitcoin Cash rimane a 21 milioni di token, proprio come il Bitcoin originale.

I primi problemi di Bitcoin Cash

Bitcoin Cash è il risultato quindi di una spaccatura tra i team interni allo sviluppo del Bitcoin e le grandi mining pool che hanno ormai creato un vero e proprio “cartello”, controllando la rete sia da un punto di vista della potenza computazionale che politica.

L’obiettivo principale degli sviluppatori è sempre stato quello di dare più potere agli utenti, mentre ovviamente quello dei miners è quello di eliminare la decentralizzazione della rete in loro favore.
Le risposte dagli exchange (i luoghi dove è possibile comprare e vendere i Bitcoin sono state eloquenti. Soltanto in due exchange supportano attualmente il Bitcoin Cash (Kraken e Bitfinex) mentre Coinbase, GDAX, Bitmex, Exodus, Bitstamp hanno deciso di non supportare il Bitcoin Cash.

Il problema della scalabilità del Bitcoin

Ciò che ha portato al Bitcoin Cash è il problema della scalabilità di Bitcoin, che è una conseguenza del fatto che i blocchi nella blockchain sono limitati ad un megabyte di dimensione. I blocchi più grandi di un megabyte vengono automaticamente rifiutati dalla rete come non validi.

I blocchi di Bitcoin portano le transazioni sulla rete bitcoin sin dall’ultimo blocco creato. Ciò consente circa tre transazioni al secondo di capacità massima.

Il limite ad un megabyte ha creato un “collo di bottiglia“ nella rete del bitcoin, con un conseguente aumento delle commissioni di transazione e della ritardata elaborazione di transazioni che non possono essere inserite nel blocco. Sono state presentate varie proposte su come rendere scalabile il bitcoin, e negli ultimi anni c’è stato un dibattito alquanto acceso sulla questione. Business Insider nel 2017 ha caratterizzato questo dibattito come una “battaglia ideologica sul futuro di bitcoin”.

Il 21 Luglio era stato proposto tramite il BIP 91 l’adozione del SegWit, che avrebbe quindi “migliorato” il Bitcoin senza la necessità di dover creare un hard fork. Tuttavia molti miners credevano che l’update a SegWit non sarebbe bastato e sarebbe servito bensì un cambiamento più radicale. Questo ha portato quindi all’hard fork in Bitcoin Cash.

Nelle ore successive al fork del bitcoin, il bitcoin si trova ancora ad essere scambiato al livello di $ 2.700, praticamente lo stesso prezzo di prima. Il prezzo della nuova cryptovaluta, Bitcoin Cash, è di circa $ 200-450, a seconda della liquidità dell’exchange in cui viene negoziata. In breve, le due criptovalute ora hanno due valori ben distinti, e ciascuno è derivato dalla loro tabella di marcia tecnica e dalle community di supporto.

Per chi investe in questi mercati, c’è il rischio che queste due criptovalute possano entrare “in competizione” tra di loro, erodendosi il valore a vicenda.

Bitcoin Cash Valore

Il valore del Bitcoin cash è in continua evoluzione, la piattaforma di trading migliore per conoscere in tempo reale il suo valore (ed eventualmente investire sul rialzo oppure sul ribasso) è Plus500. Clicca qua per leggere la nostra recensione sul broker, in modo da ottenere più informazioni su questa piattaforma di trading regolamentata in Europa dalla CySEC, utilizzata da centinaia di migliaia di utenti ogni giorno.

Ecco il valore del Bitcoin Cash in tempo reale:

Guadagnare Bitcoin Cash

Con il Bitcoin Cash è possibile guadagnare denaro grazie alla possibilità di investire al rialzo oppure al ribasso in questo mercato finanziario.

Attraverso la piattaforma di trading Plus500 è possibile investire al rialzo oppure al ribasso sul Bitcoin Cash in tempo reale. Questo significa che è possibile guadagnare in ogni situazione di mercato: sia quando il mercato si muove al rialzo sia quando si muove al ribasso.

Per guadagnare con il Bitcoin Cash, è necessario acquistare la criptovaluta quando il mercato è in fase di crescita, e venderla allo scoperto quando il mercato è in fase di ribasso.

E’ possibile farlo con grande semplicità attraverso la piattaforma di trading online Plus500, che mette a disposizione sia l’applicazione per gli smartphone Android e iOS ed un webtrader per il computer.

Plus500 è completamente gratuita, senza commissioni e senza costi di nessun tipo: puoi iscriverti gratis cliccando qui.

Tutti gli iscritti hanno la possibilità di operare sia in modalità demo (soldi virtuali) che in modalità reale (soldi veri). E’ consigliabile fare qualche prova in modalità demo prima di passare alla modalità reale.

Bitcoin Cash Euro

Quando vale un Bitcoin Cash in Euro? Quanti Bitcoin possono essere comprati con un Euro? E quanti euro sono necessari per acquistare un Bitcoin?

Al momento della scrittura dell’articolo, per acquistare un Bitcoin Cash sono necessari 470 euro circa, in quanto la coppia BCH/EUR ha un valore di 470 euro.

La capitalizzazione di mercato è pari a €7,751,967,538.1 ed il volume di trading è di €298,276,774.6.

Caratteristiche Bitcoin Cash

  • Simbolo: BCC
  • Dimensione Blocco Blockchain: 8 MB
  • Tecnologia: Replay, Protezione Wipeout, SigHash
  • Exchange Supportati: ViaBTC, BITTREX, Kraken, Bitfinex, Kex, Huobi, Korbit, BTCBOX,Toubi, Coinfloor, HitBTC, BTCPOP, BitStarEx, Mercado Bitcoin
  • Wallet Supportati: Bitcoin ABC, Bitcoin Classic, Bitcoin Unlimited, BXT, Ledger, Trezor, Btc.com.
    Servizi Aggiuntivi: BlockChair

Vantaggi Bitcoin Cash

  • Veloce: Transazioni fulminee in pochi minuti
  • Affidabile: il network funziona senza congestioni
  • Basse commissioni: invia denaro in tutto il mondo per qualche centesimo
  • Semplice: facile da usare
  • Stabile: un sistema altamente affidabile
  • Sicuro: la tecnologia blockchain più solida
Vantaggi Bitcoin Cash

Vantaggi Bitcoin Cash

4 Responses to Bitcoin Cash: cos’è, come funziona, valore e come guadagnare

  1. Domenico Furlan ha detto:

    Per me è un’opportunità immensa di guadagnare con una nuova criptovaluta che sarà caratettizzata da un’elevata volatilità e quindi ci saranno grandi margini per fare profitti.

  2. Luca Lemmi ha detto:

    Il Bitcoin Cash è riuscito a consentire al Bitcoin di salire ancora più verso l’alto. Non me l’aspettavo, all’inizio ero scettico, ma oggi sono pronto ad investire ancora di più in questo mercato finanziario.

  3. Matteo Berni ha detto:

    Il Bitcoin Cash doveva essere la rovina del Bitcoin, invece ha consentito a quest’ultimo di continuare al rialzo. Adesso mi chiedo i grandi analisti dove siano finiti adesso… Tutti con la coda tra le gambe??? Andate a ca**re!

  4. Edo ha detto:

    Non vedo il motivo per la creazione di questo Bitcoin Cash. A me pare infatti una vaccata pazzesca, non ha assolutamente senso. Che senso ha fare un doppione del Bitcoin, spostando parte della potenza mining verso un qualcosa privo di storia? Boh, sicuramente ha qualcosa a che vedere con il cartello delle criptovalute. Non mi convince!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *