Criptovalute

Borsa o Bitcoin: cosa conviene? Differenze e opportunità

Conviene più investire in Borsa oppure in Bitcoin? Sono così diversi questi investimenti? Oppure è possibile che siano complementari? Il Bitcoin ha rivoluzionato i mercati finanziari mentre la Borsa è, da sempre, il rifugio degli investitori tradizionali.

Che cosa ci aspetta il futuro? In questa guida analizzeremo le due tipologie di investimento nel dettaglio, con pro e contro di ognuna. In questo modo, il lettore potrà valutare con più consapevolezza dove investire in base al capitale a disposizione e soprattutto al profilo di rischio.

Per iniziare, noi di Mercati24 forniamo una tabella completa con tutti i migliori Broker attraverso i quali è possibile investire sia in Borsa che sulle criptovalute più capitalizzate. Il tutto, partendo da un conto Demo gratuito e senza nessuna commissione fissa:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    79.20 % dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Borsa o Bitcoin Introduzione generale

    Quando Bitcoin è nato, era poco più di un progetto per Nerd, cioè per esperti informatici. All’inizio utilizzare il Bitcoin era estramente complesso, per farlo ci volevano doti da programmatore informatico (anche esperto) e una certa frequentazione con gli ambienti, spesso poco raccomandabili, del dark web.

    L’investitore comune non poteva comprare Bitcoin quando valeva ancora pochi centesimi, all’epoca non era ancora quotato presso Broker ufficiali. Per capire il profitto potenziale di questo investimento, basta esaminare la quotazione odierna che sfiora i 10.000 dollari. Tuttavia, anche se fosse stato facile negoziarlo, quasi nessuno lo avrebbe comprato: Bitcoin era un progetto troppo rivoluzionario, basato su una teoria economica sacrosanta ma invisa alla casta politica perché toglie potere alle Banche Centrali.

    Ovvio, bisogna anche dire che all’epoca per comprare BTC era necessaria una competenza tecnica elevata, non di certo era possibile comprare Bitcoin in banca…! Insomma, un piccolo investimento in Bitcoin poteva generare profitti elevatissimi, ma in pochi erano in grado di farlo.

    I primi anni di vita del Bitcoin sono stati anche costellati da una serie di truffe impressionanti: da truffe vere e proprie come Bitcoin Code fino ad Exchange con politiche poco chiare che hanno chiuso i battenti senza lasciare traccia, da un giorno all’altro, facendo sparire il denaro dei clienti. Potremmo tracciare la storia del Bitcoin degli ultimi anni raccontando le truffe che hanno dovuto subire gli investitori. Anche gli Exchange tutto sommato onesti, come CoinEXCoinbase, hanno dato origine ad ogni sorta di problema per i clienti.

    Ad oggi ci sono ancora tante truffe sulle criptovalute, tuttavia è possibile investire in Bitcoin in modo assolutamente sicuro, senza rischiare di essere derubati grazie allo sviluppo di piattaforme autorizzate e regolamentate. Soprattutto, molte di queste piattaforme sono veramente semplici da usare e non richiedono particolari competenze tecniche.

    Approfondimento: migliori piattaforme di Criptovalute

    Bitcoin e Borsa Differenze

    La Borsa, al contrario del Bitcoin, è uno dei mercati finanziari in assoluto più antico e più consolidato. Le Borse valori esistono da secoli ed hanno meccanismi ormai oliati perfettamente.

    In effetti, la maggior parte degli investitori attivi, cioè coloro che gestiscono direttamente il proprio capitale senza affidarsi ad intermediari o fondi di investimento, puntano alla Borsa.

    Borsa e Bitcoin, a prima vista, sembrano completamente diversi. La Borsa gode delle seguenti caratteristiche:

    • Antica
    • Consolidata
    • Istituzionale

    Il Bitcoin, al contrario, ha le seguenti peculiarità:

    • Progetto nuovissimo
    • In fase di evoluzione
    • Non istituzionale

    Il meccanismo con cui funzionano le Borse, in fondo, è uguale da secoli. Negli ultimi decenni sono cambiati i mezzi, è vero: prima con l’introduzione dei computer pe la gestione dei mercati, poi con la possibilità di operare con piattaforme di trading online. Attualmente i titoli di Borsa sono completamente dematerializzati ma il meccanismo con cui vengono gestiti è lo stesso con cui si gestivano i titoli quando erano in formato cartaceo.

    Approfondimento: Dove e come investire in Borsa.

    Il Bitcoin, invece, è un progetto così innovativo che ancora deve trovare la sua forma definitiva: ad oggi, infatti, ci sono ancora proposte di fork del Bitcoin, cioè di creazione di criptovalute figlie, che provano a migliorare un qualche aspetto della criptovaluta per renderla più efficiente o più scalabile. Questi tentativi nascono dal fatto che l’infrastruttura Bitcoin, oggi come oggi, non potrebbe reggere una vera adozione di massa. Insomma, Bitcoin non è ancora ben formato, eppure è diventato uno degli asset finanziari con la capitalizzazione più elevata al mondo.

    Regolamentazione

    Una delle differenze fondamentali tra il Bitcoin e le Borsa sta nella regolamentazione.

    Le Borse sono uno dei mercati in assoluto più regolamentati. Le aziende che decidono di quotarsi in Borsa devono rispettare delle norme di trasparenza veramente stringenti, norme che impongono ad esempio la diffusione di dati completi e veritieri su moltissimi aspetti della vita dell’azienda. Anche gli azionisti, se superano una certa quota, devono rendere pubblici i loro movimenti (se comprano o se vendono).

    Il Bitcoin invece è un asset finanziario ancora completamente non regolamentato. Anzi, il Bitcoin è un asset che potenzialmente è completamente anonimo e quindi sfugge a tutte le possibili norme di regolamentazione. Probabilmente i truffatori hanno avuto una vita così facile negli anni scorsi proprio per la natura stessa (anonima) del Bitcoin. Insomma, hanno potuto rubare Bitcoin e poi farli sparire senza poter essere rintracciati in alcun modo.

    Oggi le cose stanno cambiando, se si decide di investire con una piattaforma autorizzata e regolamentata bisogna verificare la propria identità inserendo i propri dati reali e inviando anche una foto di un documento di identità in corso di validità.

    Approfondimento: Comprare Ripple.

    Volatilità

    Chi decide di investire in Bitcoin deve tener presente che i livelli di volatilità sono incredibilmente più alti. Per il Bitcoin è normale scendere del 5% un giorno e risalire del 10% il giorno dopo. Questi movimenti di mercato del BTC sono così comuni che oggi non fanno nemmeno più notizia. Un aumento del 10% delle quotazioni di Borsa, invece, è un evento eccezionale che finisce direttamente nell’apertura del telegiornale (e probabilmente la Borsa raramente ha fatto +10% in un giorno).

    Insomma, chi decide di investire in Bitcoin non deve avere il cuore debole perché altrimenti rischia di perdere la calma e subire delle perdite anche economiche. Si tratta di un Asset che richiede sangue freddo e determinazione.

    Modelli di rendimento

    Un’altra differenza fondamentale tra il Bitcoin e la Borsa sta nei modelli di rendimenti. Un’azione distribuisce un dividendo che rappresenta (in tutto o in parte) l’utile aziendale che viene distribuito tra i soci azionisti, in proporzione alla quota di capitale posseduta. Di fatto, il prezzo delle azioni sale o scende soprattutto in relazione alle attese di dividendi.

    Se gli investitori pensano che un’azione potrà distribuire un elevato dividendo, la comprano e quindi il prezzo sale. Il Bitcoin, ovviamente, non distribuisce alcun dividendo e il suo valore sale perché ci si aspetta che in un futuro potrà aumentare la domanda di Bitcoin per eseguire transazioni nel mondo reale.

    In un certo senso, il Bitcoin è molto simile all’oro: il valore dell’oro aumenta non perché ci sia un dividendo ma perché da sempre è noto che l’oro è un ottimo modo per conservare il proprio patrimonio, soprattutto in tempi di crisi.

    Approfondisci: Trucchi Bitcoin.

    Bitcoin e Borsa Similitudini

    Non ci sono però solo differenze tra il mercato della Borsa e quello del Bitcoin: ci sono anche alcuni interessanti punti di unione. Prima di tutto, sia la Borsa che il Bitcoin si muovono secondo le regole tipiche dei mercati finanziari: in pratica, rispondono alla legge della domanda e dell’offerta.

    Esattamente come non esiste alcun asset finanziario che possa salire per sempre senza scendere mai di prezzo (anche la Borsa scende), anche il Bitcoin non può salire per sempre. Certo le prospettive sono ottime, ma bisogna sempre mettere in conto che ci sono periodi di discesa, come quello che ad esempio ha segnato negativamente i primi mesi del 2018.

    Nel corso del 2017, poi, i due mondi si sono avvicinati anche a livello tecnico. Ricordiamo, ad esempio, che sono stati emessi dei future ufficiali sul Bitcoin quotati sulla Borsa di Chicago (Chicago Board Options Exchange, Cboe).

    E poi c’è il fatto che tutte le piattaforme per il trading online di azioni hanno cominciato a offrire la possibilità di operare anche sul Bitcoin. Con queste piattaforme, in effetti, è possibile anche vendere allo scoperto il Bitcoin, proprio come è possibile fare con i future. L’introduzione di questa possibilità non è stata vista di buon occhio da alcuni appassionati di Bitcoin, in particolare da persone che vedono la criptovaluta come un mezzzo per cambiare la società più che come un asset da investimento. tuttavia, senza dubbio hanno contribuito a rendere le quotazioni di Bitcoin più mature e leggermente meno volatili.

    bitcoin o borsa

    Bitcoin o Borsa?

    Su cosa conviene investire, sul Bitcoin o sulla Borsa? E’ una domanda difficile e che non può avere una risposta univoca. Una delle principali regole degli investimenti, enunciata dal celebre Warren Buffett, è quella di investire solo su asset che si comprendono pienamente. Chi ancora non ha capito che cosa sono le criptovalute non dovrebbe investire sul questo strumento. Esattamente allo stesso modo, chi non comprende il modello di business di un’azienda, non dovrebbe comprare la sua azione.

    Approfondimento: Che cosa sono le criptovalute.

    In ogni caso, visto l’elevato livello di volatilità del Bitcoin e delle altre criptovalute, non è opportuno investirci una quota troppo elevata del proprio capitale.

    Il Bitcoin può quindi essere visto come un’interessante diversificazione che costa relativamente poco (se consideriamo ovviamente il totale del capitale) ma che potrebbe dare rendimenti stellari nel corso del tempo.

    C’è anche da dire che proprio per l’elevato livello di volatilità, il Bitcoin si presta particolarmente al day trading e potrebbe quindi generare profitti elevati sia al rialzo che al ribasso. In questo caso le prospettive macroeconomiche contano pochissimo e conta soprattutto l’analisi tecnica.

    Piattaforme per investire su entrambi gli Asset

    Come abbiamo già visto, tutte le migliori piattaforme per investire in Borsa offrono oggi la possibilità di investire anche in Bitcoin. Qui di seguito una recensione di alcune tra le migliori in assoluto: con un unico conto si può investire sia in azioni che in Bitcoin, in modo sicuro e senza commissioni.

    eToro

    Una soluzione ottimale per investire sia sulla Borsa che sulle criptovalute è eToro. Parliamo di un Broker di grande qualità con centinaia di azioni nel suo listino e tutte le migliori crypto per operare.

    Su eToro è possibile investire sia con i contratti CFD, in modo diretto, che in modo automatico. Una soluzione eccellente può essere rappresentata proprio da un investimento automatico attraverso il Copy Trading. Ecco come attivarlo:

    • Registrazione su eToro
    • Selezione dei migliori Trader nella sezione Popular Investor
    • Creazione di un portafoglio composto dai Top Trader

    In questo modo sarà possibile creare un portafoglio automatico con i migliori investitori e diversificare l’investimento tra Borsa e Bitcoin sulla base delle scelte di questi esperti.

    Clicca qui per iscriverti gratuitamente su eToro in pochi minuti

    ForexTB

    Grazie a ForexTB sarà possibile negoziare tutti gli Asset più importanti da un’unica piattaforma: la Metatrader.

    Si tratta delle piattaforma più amata dai Trader di tutto il mondo, con tutti i migliori indicatori e gli strumenti tecnici per operare al meglio. La scelta se investire sulla Borsa o sul Bitcoin può essere risolta in modo molto diretto e professionale grazie ad un servizio offerto gratuitamente da ForexTB: i segnali di trading.

    Si tratta di indicazioni fornite in tempo reale, con chiaro riferimento all’Asset dove occorre investire. Questi segnali vengono inviati sia per le azioni che per le criptovalute. Quindi, comodamente dalla nostra Metatrader, possiamo attendere la ricezione del segnale ed entrare a mercato su uno dei due Asset, a seconda dell’indicazione ricevuta.

    Ricapitoliamo:

    • Richiesta per ricevere gratis i segnali
    • Ricezione del segnale in tempo reale
    • Entrata a mercato (Borsa o Crypto, a seconda del segnale)

    Questo eccellente servizio può essere testato anche su conto Demo, senza nessun costo o vincolo. Per iniziare, ecco il Link:

    Clicca qui per attivare il servizio di Segnali di Trading di ForexTB

    Conclusioni

    In questa guida abbiamo analizzato l’opportunità di investire sulla Borsa o sul Bitcoin. Dopo un’introduzione generale, abbiamo passato in rassegna le differenza dei due Asset ed i punti in comune, sempre maggiori negli ultimi anni.

    Una soluzione di investimento ottimale è rappresentata dall’opportunità di mixare entrambi gli Asset: in questo modo una parte più consistente del nostro portafoglio sarà dedicata all’azionario, ed un buon 20% al settore crypto. Questa strategia è sempre più utilizzata non solo dai trader ma anche dalle banche di investimento e dagli Hedge Fund.

    Quale soluzione? Sicuramente il Copy Trading di eToro. In questo modo la diversificazione avviene alla “fonte”, ovvero basterà selezionare i Trader più profittevoli e poi penseranno loro a comporre il portafoglio. Tutte le loro operazioni verranno copiate in automatico sul nostro conto: un’opportunità di investimento eccellente!

    Per scoprire tutte le funzionalità del sistema Copy, ecco il link per la registrazione:

    Registrati qui su eToro per saperne di più sul Copy Trading

    Conviene investire sulla Borsa o sul Bitcoin?

    Sicuramente su entrambi gli Asset, mixando in modo opportuno il nostro portafoglio, con un peso maggiore per l’azionario ed un 20% circa per le criptovalute.

    Borsa e Bitcoin sono entrambi Asset regolamentati?

    No, solo la Borsa è regolamentata. Il Bitcoin è un Asset nuovo ed è in fase di studio la sua regolamentazione.

    Quale dei due Asset è più volatile?

    Sicuramente il Bitcoin e le criptovalute in generale. Sono Asset giovani e quindi tendenzialmente più volatili.

    Dove negoziare sia Borsa che Bitcoin?

    Sicuramente sui migliori Broker con CFD, sono dotati di numerosi Asset e permettono di investire su entrambi senza commissioni fisse.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un commento