Forex

Forex broker con spread bassi: la nostra classifica

Quando ci si approccia al trading online, è naturale cercare soluzioni convenienti, concentrandosi sui forex broker con spread bassi. Come ben si sa, lo spread è l’unico onere economico a carico di chi fa trading oggi. Fino al 2009/2010 era normale pagare commissioni. Oggi come oggi, le cose sono molto diversi. I broker degni di considerazione sono infatti quelli che applicano solo la differenza tra bid e ask.

Per vederci più chiaro, è il caso di approfondire la situazione. Il trading online è infatti una galassia molto complessa e può non essere subito facile trovare i broker con i migliori spread, tra i quali ricordiamo 24option (clicca qui per ottenere un conto forex gratuito) e Plus500 (clicca qui per ottenere un conto forex gratuito).

Se vuoi capirci qualcosa di più, non ti resta che scoprire la nostra guida. Come puoi vedere, per aiutarti a leggerla meglio, abbiamo preparato anche un indice. Grazie ad esso, potrai scegliere e approfondire gli argomenti che ti interessano di più!

Broker spread più bassi: perché è importante trovarli

Parlare di trading online e di forex nello specifico, significa chiamare in causa un aspetto su tutti: per operare con lucidità e consapevolezza, prima di tutto bisogna prepararsi a perdere. Ciò vuol dire togliersi dalla testa l’immagine idilliaca del trader ricchissimo che opera dalla classica spiaggia tropicale.

La realtà di tutti i giorni è ben diversa: molti trader, infatti, iniziano con budget molto bassi a disposizione, magari frutto di mesi e mesi di risparmi. Per questo motivo, è molto utile ragionare in ottica di risparmio.

Detto questo, parliamo un attimo dello spread come concetto tecnico. Capirlo bene è importantissimo, dato che si tratta di una delle basi del trading online. Lo spread altro non è che la differenza tra il prezzo bid e il prezzo ask di una coppia di valute scambiata sul mercato forex.

Considerare quest’ultimo per le proprie operazioni di trading online è a dir poco vantaggioso. Il forex (foreign exchange) è infatti un mercato estremamente liquido, il più liquido al mondo per essere precisi.

Da ricordare è anche la possibilità di fare trading con la leva finanziaria, un moltiplicatore che consente di aumentare anche di 400 volte il capitale di partenza. Questo amplifica i profitti ma, non dimentichiamolo mai, fa lo stesso anche con le perdite!

Un alto aspetto indubbiamente positivo riguarda la già citata mancanza di commissioni e la presenza dello spread come unico onere. Questa minima somma, viene addebitata a ogni transazione. L’addebito avviene o nella fase di acquisto, o in quella di vendita della diade valutaria.

In concreto la cosa pesa davvero poco sulle tasche dell’utente che fa forex. Si parla infatti di un costo di pochi centesimi a singola transazione.

Coppie di valute con il miglior spread

Dopo aver letto queste righe, senza dubbio ti sarà sorto qualche interrogativo sulle coppie di valute con i migliori spread. Ricordiamo a tal proposito che i singoli broker hanno diritto di applicare lo spread a propria discrezione, mettendo in campo formule sia variabili, sia fisse. In quest’ultimo caso, la somma è generalmente un po’ più alta.

Le informazioni sui valori di bid e ask delle valute sono pubblicate su specifiche pagine dei broker. Si tratta di riferimenti molto importanti, in quanto chiariscono subito tutto quello che riguarda lo spread. Il valore in questione può variare tra i 2 e i 10 pips.

In ogni caso, ogni singola coppia ha uno spread diverso. Bisogna poi ricordare che le diadi più popolari, da EUR/USD a GBP/USD, hanno costi decisamente inferiori rispetto alle altre. Per questo motivo, sono considerate particolarmente convenienti per chi fa forex.

Dopo questa premessa iniziale, ampia ma doverosa, è bene specificare che i broker di cui parleremo applicano spread decisamente più bassi rispetto ai 10 pips. eToro (apri qui il conto demo gratuito), una delle piattaforme di cui approfondiremo le caratteristiche, ha uno spread pari a 1,5 pips, ossia circa 80 centesimi di euro a singola operazione.

Gli spread, inoltre, possono variare a seconda della tipologia di conto che viene aperto dall’utente. Alla luce di questo aspetto, si consiglia di leggere con attenzione i termini e le condizioni del broker prima di procedere con l’apertura del conto stesso.

Miglior spread forex: alla scoperta dei broker più convenienti

# BROKER DETTAGLI
1 eToro* LICENZA: CYSEC CONTO DEMO GRATUITO DEPOSITO MIN: 200 $

Opinioni eToro

2 Plus500* Licenza: CySEC Conto demo gratuito Deposito min: 100 €

Opinioni Plus500

3 24Option* Licenza: CySEC Conto demo gratuito Deposito min: 200 €

Opinioni 24Option

4 Markets* Licenza: CySEC, MiFID Conto demo gratuito Deposito min: 100$

Opinioni Markets

*piattaforma provata e testata da Mercati24.com

A questo punto, è arrivato il momento di soffermarsi sui forex broker con spread bassi. Come già detto, si tratta di piattaforme molto diverse tra loro che, per questo motivo, meritano un’attenzione particolare.

Iniziamo ad approfondire il tutto parlando di Plus500 (apri qui il conto demo). Questo broker è online dal 2008. Marchio registrato di Plus500 Ltd, opera attraverso diverse consociate quotate sulla Borsa di Londra.
Questo rappresenta un’importante garanzia di sicurezza per gli utenti, che possono comunque prendere come punto di riferimento la licenza Cysec – la 250/14 per la precisione – essenziale per la tutela di chi opera, a prescindere dall’asset scelto.

Come già detto, Plus500 consente di aprire un conto demo. Per attivarlo, bisogna cliccare sul pulsante “Inizia a fare trading adesso” presente sulla home. Si può anche partire selezionando l’asset scelto – Forex in questo caso – dal menu “Strumenti di trading” nella parte alta della pagina principale.

Una volta superato questo step, ci si trova davanti alla pagina visibile nell’immagine sottostante.

miglior spread forex

 

Il passo successivo consiste nella scelta dell’opzione “Modalità demo”. Una volta finalizzato il tutto, non resta che familiarizzare con la schermata, che presenta le caratteristiche visibili qui sotto. Chiaramente, si tratta dei dati relativi alla coppia EUR /USD.

miglior spread forex

Quando si parla di forex su Plus500, è necessario ricordare che il broker non solo ha uno spread molto concorrenziale, ma rappresenta anche il maggiore fornitore di CFD al mondo. Con i Contracts for Difference, che sono strumenti derivati, è possibile replicare l’andamento dei vari asset, coppie valutarie comprese, senza bisogno di acquistare nulla.

In questo caso, ci si tutela dalla volatilità che caratterizza anche molte coppie valutarie, guadagnando anche se la diade perde quota. Quello che conta, infatti, è aprire la posizione giusta tra long e short, azzeccando l’andamento dell’asset.

Come è chiaro dall’immagine visibile qui sopra, su Plus500 è possibile aprire e chiudere posizioni in pochi secondi. Chiaramente, con il conto senza denaro reale, si mette direttamente a rischio il capitale. Per fare il passaggio dal conto demo (clicca qui per aprirlo), bisogna effettuare un deposito minimo di 100 euro.
Le suddette somme vengono custodite su conti diversi da quelli della società. In questo modo, si evitano problemi per gli utenti in caso di criticità relative al broker. Detto questo, possiamo passare a un altro broker che si contraddistingue per la possibilità di fare forex con spread molto bassi.

Comparazione spread forex: cosa sapere su 24Option

Quando si parla dei forex broker con spread bassi, è necessario chiamare in causa 24Option. Anche in questo caso abbiamo a che fare con una piattaforma regolamentata. 24Option, infatti, è dotato di licenza Cysec, la 2017/13 per la precisione.

Il broker supporta la piattaforma MT4 e permette di fare trading su diversi asset, tra i quali troviamo anche le valute Forex. 24Option è un broker che si contraddistingue per diverse peculiarità. Una delle principali è la possibilità di accedere aisegnali di trading.

Di cosa si tratta? Di informazioni storiche basate sulle decisioni e le indicazioni di trader esperti. Grazie ai segnali di trading, forniti in collaborazione con Trading Central, è possibile individuare dei pattern specifici, grazie ai quali è possibile affrontare con maggior consapevolezza le decisioni di trading.

I segnali di trading consentono di operare in maniera più mirata su diversi asset, dal forex alle materie prime. La sicurezza dei segnali di trading di 24Option è garantita dalla solidità e alla serietà di Trading Central, una società internazionale che mette a disposizione strategie di trading, ma anche informazioni e analisi relative a titoli azionari, valute forex, materie prime.

La correttezza dei segnali di trading di 24Option (apri qui il conto demo) è certificata da società indipendenti. I dati in questione, sono accessibili ovunque nel mondo.

Un’altra caratteristica importante del broker riguarda la possibilità di accedere a consulenze telefoniche gratuite, messe a disposizione da esperti in trading online che hanno la massima consapevolezza degli aspetti pratici del forex.

Informazioni su eToro

Un altro broker degno di nota quando si parla di forex e di spread bassi è senza dubbio eToro. Online dal 2007 e autorizzato a operare in Italia dal 2010, ha rivoluzionato il mondo del trading. Come già detto, ha uno spread bassissimo, pari a poche decine di centesimi di euro a transazione.

La sua caratteristica principale è però un’altra. Quale di preciso? L’approccio social. Ogni singolo utente infatti ha a disposizione un profilo gratuito. Tramite esso, ha la possibilità di condividere con il resto della community informazioni sulla sua strategia e sui risultati in particolare.

Chi concretizza i migliori può essere seguito in qualità di guru e guadagnare. Chi segue, dal canto suo, ha modo di progredire partendo da basi di effettiva qualità (dati alla mano).

Quando si parla di eToro e del social trading, è il caso di ricordare che gli utenti hanno davanti diverse opzioni. Ci si può concentrare sull’approccio di un singolo guru, ma anche “spalmare” i propri investimenti su più investitori, questo rimanendo sempre nell’ambito del medesimo asset.

eToro demo

Per sperimentare in prima persona le caratteristiche di eToro senza mettere subito a rischio il capitale, è il caso di aprire il conto demo (clicca qui per attivarlo). Per aprirlo, bisogna innanzitutto accedere alla home del broker e cliccare su “Iscriviti subito”.

A questo punto, bisogna scegliere se inserire credenziali come il nome, la mail o la password o se accreditarsi con l’account Facebook o Google. Una volta finalizzato il tutto, ci si trova davanti alla schermata sottostante.

etoro demo

 

Come è chiaro, grazie a eToro è possibile tradare sulle principali diadi valutarie. Cliccando sulla sezione “Persone”, accessibile anche a chi ha il conto demo, è possibile visionare le schede dei guru. Ricordiamo a tal proposito che ciascuna è corredata di foto e che, selezionando i mercati di interesse, è possibile visionare alcuni dei principali guru che hanno investito nel Forex.

La ricerca si può perfezionare ulteriormente, scegliendo i guru da seguire sulla base di criteri come il numero dei copiatori. Come già detto, tutto questo si può visionare anche con il conto demo (clicca qui per aprirlo). Dopo averlo utilizzato per un paio d’ore, si consiglia di passare a operare con un conto di trading reale.

Che cos’è lo spread

la parola Spread significa essenzialmente “Differenza”, anche se in realtà nel mondo della finanza può assumere due significati diversi.

Uno è quello dello spread nel mondo del trading, che è la differenza tra il prezzo di acquisto e di vendita, e proprio questa differenza è solitamente il modo in cui guadagna il broker. L’altro è lo spread che denota la differenza tra il tasso di rendimento di un’obbligazione e di un’altro titolo preso come riferimento. Sul TG1 vi è sicuramente capitato di vedere una schermata del genere:

spread-tg1

Ma andiamo con ordine e vediamo tutti i tipi di spread.

Lo Spread Italiano

In questo caso entriamo nel mondo del credit spread, ovvero la differenza tra il rendimento di un’obbligazione (italiana in questo caso) con un’altra obbligazione di riferimento, e solitamente viene fatto con le obbligazione tedesche.

Esempio: se un BPT ha un rendimento del 5% e i corrispettivi Bund tedeschi (con stessa scadenza) hanno un rendimento del 4%, lo spread sarà calcolato facendo 5-4=1 che equivale quindi a 100 punti base.

Spread BTP Italia:BUND 10 Anni

In italia questo calcolo, che abbiamo semplificato all’osso, è utilizzato per misurare essenzialmente la tensione del debito pubblico italiano, ed anche la crisi dei debiti sovrani Europei.

Si prende come lasso di tempo 10 anni, per il semplice motivo che secondo molti analisti la scadenza a 10 anni è considerata un periodo più attendibile per misurare per bene la percezione da parte dei traders del rischio.

Tutti possono calcolare quindi la differenza tra i due rendimenti. Basta guardare i due rendimenti ed eseguire la sottrazione. Tuttavia non molti sono al corrente di quale BTP e quale Bund guardare. Ultimamente Reuters ha infatti aggiornato il suo sistema di calcolo utilizzando per l’Italia il BTP con scadenza a Settembre 2022, che ha un rendimento più elevato. Di recente quindi, lo spread BTP-Bund è diventato più ampio.

Spread nel trading

Andiamo in profondità adesso spiegando che così lo spread nel forex trading: ogni buona guida forex dovrebbe spiegarlo chiaramente. Come avrete visto, sul vostro broker di trading, sono presenti due prezzi: uno di acquisto e uno di vendita.

Spread, che cos’è? La guida completa

Cioè la differenza tra il prezzo più basso a cui un venditore è disposto a vendere un titolo (bid) e il prezzo più alto che un compratore è disposto ad offrire per quel titolo (ask) e per questa ragione è spesso usato come misura della liquidità del mercato.

Nell’immagine qua sopra, potete vedere che il broker (in questo caso eToro) propone le sue coppie forex, con un prezzo di ask e uno di Bid. Proprio grazie a questa differenza, che nel caso di eToro è fissa a seconda della coppia Forex.

Quando si opera nel forex è sempre consigliabile scegliere broker che applicano spread bassi e convenienti: ad esempio,eToro (clicca qui per il sito) applica ottimi spread, come anche Plus500 (clicca qui per il sito) e Markets.com (clicca qui per il sito).

Attenzione però: per la scelta del broker non possiamo basarci solo sullo spread, ci sono altri fattori che sono veramente importantissimi. Ad esempio tutti i broker che abbiamo citato sono autorizzati e regolamentati da CONSOB e quindi offrono il massimo livello possibile di sicurezza.

In conclusione quindi, lo spread come differenza tra domanda ed offerta nel mondo del trading e come differenza tra i BTP italiani e i BTP Bund è sicuramente tutto quello che dovete sapere per essere aggiornati sul significato reale dello spread.

Lascia un commento