Trading

Broker Regolamentati: cosa sono, come funzionano e come sceglierli

La rete ormai imperversa di piattaforme di trading online. Ce ne sono veramente tantissime, ma non tutte sono così affidabili quanto sembra. Vediamo quindi come scegliere i migliori broker regolamentati e come non farsi fregare dalle truffe che si aggirano sul web.

Migliori broker regolamentati

Prima di iniziare con la nostra analisi, è opportuno fissare l’attenzione sui migliori broker regolamentati per fare trading online. Per fortuna oggi abbiamo a disposizione molti broker con cui fare trading senza rischi di fregature. Abbiamo selezionato alcuni broker regolamentati che sono particolarmente semplici e intuitivi. Ecco le loro recensioni.

Broler regolamentato eToro

eToro è considerato il broker regolamentato più facile da utilizzare in assoluto. E’ sicuro, affidabile e completamente gratuito. Tra le caratteristiche di eToro che i trader principianti apprezzano di più c’è la possibilità di copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno gli altri trader.

Molti principianti, quindi, si iscrivono su eToro e cercano i trader ce hanno guadagnato di più in passato. Con un semplice click possono iniziare a copiarli: ottengono così da subito un buon livello di profitto e, allo stesso tempo, possono imparare a fare trading online osservando quello che fanno i grandi trader.

Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui. Se vuoi approfondire, puoi leggere la recensione di eToro.

Broker regolamentato 24option

24option è un’ottima opzione per chi inizia a fare trading online e vuole ottenere da subito ottimi risultati, senza errori e senza rischi. Tra le caratteristiche più importanti di 24option ricordiamo la piattaforma semplice e intuitiva e la possibilità di farsi aiutare al telefono da un vero esperto di trading online che fornisci consigli molto utili.

24option regala anche un ottimo ebook che spiega come funziona il trading e come si guadagna. Puoi scaricarlo gratis cliccando qui.

Questo ebook è già stato scaricato gratuitamente da centinaia di migliaia di italiani perché è semplice da capire (anche per un principiante) e spiega nella pratica come si guadagna con il trading.

24option è un broker regolamentato gratuito e senza commissioni. Offre anche un conto demo gratuito illimitato.

Puoi iscriverti su 24option cliccando qui. Se vuoi approfondire, puoi leggere il nostro articolo che parla delle opinioni su 24option.

Broker regolamentato Iq Option

Iq Option è uno dei migliori broker regolamentati a livello europeo. E’ sicuro e affidabile, oltre che facile da usare persino per chi non ha mai fatto trading online. Iq Option è famoso perché consente di cominciare a fare trading online con un capitale iniziale di appena 10 euro. Praticamente nessun altro broker regolamentato consente di cominciare con così poco. Inoltre Iq Option offe un ottimo conto demo gratuito, illimitato e senza vincoli.

Puoi iscriverti gratis su Iq Option cliccando qui. Se vuoi approfondire, puoi leggere la recensione di Iq Option.

Broker: che cos’è un broker

Siamo abituati ad associare la parola broker ad una persona, come ad esempio un broker assicurativo o finanziario, che vende i suoi servizi attraverso un negozio o un ufficio. Con l’avvento del trading online, il broker può anche non essere più una persona fisica ma spesso è un’azienda che effettua larga parte del suo business direttamente online, a costi concorrenziali.

Non solo il trading si sta spostando sempre più sulla rete, ma anche altri servizi come ad esempio le assicurazioni. Basti pensare alla compagnia assicurativa Direct Line, che offre i suoi servizi assicurativi direttamente online a prezzi molto bassi.

Ma torniamo al nocciolo della questione: che cos’è un broker di (trading online)?

Un broker può essere un individuo oppure un’azienda che richiede una commissione e uno spread per eseguire ordini di acquisto e di vendita da parte di un investitore.

Il ruolo di un’azienda che fa il broker, è quello di essere l’intermediario e di caricare una commissione per i suoi servizi.

Un broker, come gran parte degli enti presenti nel mercato finanziario, deve rispettare una serie di normative molto severe. Il trading online è un mercato regolamentato, ma non è accessibile a tutti. Per accedere al mercato finanziario, è prima di tutto necessario utilizzare un broker. Alcune banche come Fineco oppure Ing Direct offrono direttamente il servizio di brokeraggio integrato alla banca, ma gran parte dei trader preferisce rivolgersi ad un broker non bancario, in modo da risparmiare moltissimo sullo spread e commissioni.

La regolamentazione dei Broker

Entriamo però più nello specifico, con un occhio di riguardo alla regolamentazione su territorio italiano ed europeo per quanto riguarda i broker. Le società di broker online e fisiche devono rispettare una serie di norme alquanto severe per erogare i loro servizi sul territorio. Per quanto concerne l’Italia, il broker deve essere autorizzato dalla propria authority di vigilanza vigente sul territorio. Secondo la normativa europea numero 2004/39/CE, anche conosciuta come MiFID (Markets in Financial Instruments Directive), un broker regolato può avere accesso a tutti i mercati europei anche se solo regolato in un paese della Comunità Europea. Questo spiega perché gran parte dei broker di trading online sono registrati con sede a Cipro. L’ingresso di Cipro nell’UE ha portato dal 2004 ad oggi una ventata di freschezza all’interno del mercato, grazie anche ad una pressione fiscale vantaggiosa e normative comunque molto strette, grazie alla CYSEC.

È tuttavia consigliabile scegliere un broker non solo regolato dalla CYSEC, ma con il sigillo della CONSOB, l’ente di regolamentazione italiana, che fornisce un “layer” aggiuntivo di sicurezza. La Consob e gli altri organismi di vigilanza non si fermano soltanto fornendo la licenza di intermediario finanziario, ma controllano anche molto attentamente l’operato del broker, fornendo soluzioni di protezione per l’utente. Infatti nel caso ci dovesse essere qualche problema di qualsiasi tipo (deposito, prelievo, posizioni a mercato etc) sarà sempre possibile risolvere il problema con la CONSOB, che si adopererà per risolvere l’anomalia con la piattaforma di trading online.

Un broker regolato è una garanzia aggiuntiva in quanto secondo la normativa MiFID, il broker non può utilizzare i soldi depositati dal trader. Infatti una volta che viene effettuato il versamento, i soldi saranno direttamente versati su conti segregati e separati quindi da quello del broker. Il broker non potrà quindi utilizzare i fondi dei propri clienti per scopi commerciali. Si tratta quindi di una grande tutela in caso di possibile bancarotta della società. I nostri saranno sempre al sicuro in qualsiasi condizione. Ovviamente è necessario scegliere un broker regolamentato.

È quindi necessario scegliere sempre un broker con licenza Consob, CySec, FCA oppure anche tutti e tre (esistono infatti broker con tutte e tre queste regolamentazioni). È necessario scegliere sempre bene questo aspetto, le piattaforme trading migliori sono quelle regolamentate.

Tipologie di broker

Adesso che abbiamo ben appurato quanto sia fondamentale scegliere un broker regolamentato, vediamo che tipologie di broker esistono.

Broker Market Maker

È senza dubbio la tipologia di broker più comune, a costi molto bassi e rimborsi alti. In sostanza quando un ordine viene effettuato, non viene inviato nella liquidità interbancaria, ma rimane “all’interno” della piattaforma. Il broker è quindi la controparte e fornisce la liquidità per effettuare l’operazione a mercato. In questo caso il broker guadagna in base alle commissione, e non certamente in base alle perdite del cliente.

Broker No Dealing Desk

Il broker No Dealing Desk è un broker che opera da intermediario tra il trader e la liquidità interbancaria. Quando il cliente immette un ordine in piattaforma, questo viene trasmesso al mercato interbancario, in cerca di un compratore. All’interno dei Broker No Dealing Desk, possiamo ritrovare altre due tipologie di broker: STP ed ECN.

Il broker ECN è un broker con comunicazione elettronica, dove si trovano all’interno i commercianti al dettaglio, broker, hedge fund, grandi banche etc. È possibile quindi interfacciarsi con una liquidità interbancaria molto vasta attraverso questa tipologia di broker.

Con lo Straight Through Processing e a differenza dell’ECN, questo broker trasmette gli ordini dei cienti a una rete interna, composta dai suoi fornitori di liquidità abituali.

Broker che truffano i clienti

Perché è così importante scegliere solo broker regolamentati? Perché purtroppo non tutti i broker sono onesti e ci sono broker che truffano i loro clienti. Ad esempio alcuni broker funzionano normalmente fino al giorno in cui il trader chiede di prelevare i profitti.

Appena il trader fa la richiesta, succede il finimondo e sorgono infiniti problemi. E’ impossibile prelevare e si finisce per perdere tutto. Altri broker eseguono addirittura operazioni in perdita senza il consenso dei clienti. Infine ci sono i broker che spariscono completamente (magari chiudono pure il sito internet per riapparire subito dopo con altro nome).

L’unico modo sicuro per difendersi da questo tipo di truffe è utilizzare esclusivamente broker autorizzati e regolamentati: in questo caso sono le autorità europee competenti (CONSOB per l’Italia) che evitano le truffe e difendono il capitale dei trader.

Lascia un commento