Calcio e finanza, come investire sulle squadre di calcio

investire calcio

L’Italia possiede indubbiamente una storia sportiva importante, che in passato e ancora oggi continua a essere motivo di grande orgoglio per diversi comparti del variegato mondo dello sport: dai mitici Coppi e Bartali al Settebello, dall’iconica Ferrari fino alla rombante Lamborghini, sono molti i settori e le discipline in cui il Belpaese eccelle, ma di questi sicuramente il più noto, amato, seguito e praticato continua a rimanere il calcio. Il gioco del pallone infatti in tutta Europa continua a rimanere lo sport più seguito in assoluto, un dato peraltro in crescita visto il sempre maggiore interesse dimostrato dalla Cina e dagli Stati Uniti che negli ultimi hanno esponenzialmente incrementato i propri investimenti in questo settore.

Se tuttavia in molti Paesi il calcio è considerato un settore in crescita, nella nostra penisola si tratta di una passione radicata, quasi quotidiana e ormai penetrata in profondità nel tessuto sociale: sono appassionati di calcio gli operai e i dirigenti, i bambini e gli anziani, gli uomini e le donne, senza distinzione alcuna di ceto, etnia, sesso o età. Insomma tutti amano il calcio, tutti amano la sensazione di un pallone che entra in rete mentre lo stadio esplode di gioia, mentre anche la sofferenza della sconfitta viene condivisa e sostenuta da squadra e tifosi uniti e insieme per farsi forza. Come tutti gli sport quindi anche in questo caso vengono dispensate gioie e dolori, ma se vi dicessimo che in realtà è possibile anche guadagnarci?

Molti tifosi e appassionati in realtà già pensano di guadagnare con la propria squadra del cuore scommettendo ogni settimana su schedine in grado di fornire anche buone entrate in alcuni casi, ma si tratta in realtà di un pessimo investimento e di uno specchietto per allodole in quanto si tratta di pronostici improbabili e sottoposti a troppe variabili per poterli valutare seriamente. Questo vuol dire infatti scommettere, mentre un vero investimento prevede una strategia, una conoscenza della materia, una pianificazione e quindi un calcolo dei margini di rischio e delle percentuali di payout. Sicuramente fattori che la domenica il tifoso non calcola prima di giocare la tradizionale schedina, ma che davvero sono in grado di fare la differenza quando si parla di investire oggi.

Una soluzione a questo problema potrebbe essere per i risparmiatori decidere di investire direttamente nelle società di calcio
, una scelta ormai sempre più diffusa ma anche interessante e potenzialmente redditizia. Si tratta tuttavia di un questione particolare in quanto investimento atipico, nel senso che si differenzia certamente dalla schedina ma anche dalle tradizionali tipologie di investimento come le azioni. Infatti una società calcistica non è propriamente un’azienda ma una squadra, e in questo senso i risultati possono essere altalenanti e imprevedibili in quanto dipendenti da variabili ben diverse rispetto alle normali aziende: se infatti per esempio già oggi è possibile fornire una realistica previsione sui guadagni futuri di un colosso come Ferrari o Fca, non altrettanto facile sarebbe fornire una previsione sull’andamento dell’imminente campionato per la Juventus o la Roma.

Sono infatti molte come già accennato le variabili in grado di inficiare i risultati calcistici: il mercato in primis e l’altissimo valore dei giocatori al giorno d’oggi sono in grado di influire anche pesantemente sul bilancio annuale di una squadra, ma anche gli infortuni, gli allenatori e infine purtroppo in alcuni rari casi anche vere e proprie sciagure, come è capitato in passato al Torino a Superga o alla Chapecoense di recente. Insomma i rischi esistono, alcuni più immediati e ben noti anche ai normali tifosi, altri decisamente più complessi e difficili da prevedere.

In compenso una realtà ben avviata e dotata soprattutto di proprie infrastrutture potrebbe rappresentare un ottimo e solido asset in cui investire nel 2017: in questo senso inoltre molti club europei e non stanno dotandosi di un proprio stadio, un progetto a lungo termine e oneroso ma in grado sul lungo periodo di diminuire drasticamente i rischi e aumentare il valore del titolo.

Molte prestigiose società sono infatti estremamente solide a livello economico, e anzi mai nella storia sono state spese cifre così alte come in questi ultimi anni per l’acquisto di giocatori: l’esempio più recente è in questo caso il più esemplare, il passaggio di Neymar dal Barcellona al Psg per la cifra record di 220 milioni di euro. Ulteriori introiti possono poi essere garantiti ai club dalla partecipazione a competizioni internazionali come la Uefa o la Champions League, ma anche in questo caso si tratta di previsioni troppo incerte per poter azzardare ipotesi.

I risultati insomma sono sempre incerti, lo sanno bene i tifosi e gli appassionati, ma a prescindere da questo la solidità di una squadra non si basa appunto solo su previsioni, ma consiste in un progetto di largo respiro e di lungo termine: come in un’azienda infatti anche in un team di calcio tutto contribuisce a definire la struttura della società, nel bene e nel male, ma allo stesso tempo un progetto solido e ben orientato sul lungo termine può davvero rivelarsi un vero investimento. Tra i più prestigiosi partner finanziari in grado di offrire investimenti calcistici nel variegato e redditizio mondo del trading CFD online vi è certamente Trade.com, la piattaforma completa di trading che vanta oltre 2.100 solidi asset tra cui appunto anche diverse squadre di calcio italiane: grazie agli investimenti in CFD il sito offre interessanti opportunità anche in questo senso, permettendo ai risparmiatori di investire nella propria squadra del cuore e sul campionato che tanto amano con interessanti ritorni e la certezza di un’altro anno di passione e gol.

Trade.com è completamente gratuito, non applica alcuna commissione e consente di investire sia in modalità reale che in modalità demo. Puoi iscriverti gratis cliccando qui. Se vuoi, puoi leggere la nostra recensione di Trade.com.

2 Responses to Calcio e finanza, come investire sulle squadre di calcio

  1. JuveMerda ha detto:

    Da antijuventino nato e convinto mi piange il cuore ammettere che quest’anno mi sono pagato delle vacanze di lusso come non ne facevo da anni con i soldi vinti speculando sull’azione juventus con trade.com

    Una sola cosa spero: di poterne guadagnare di più, molto presto, andando al ribasso sulla stessa Juventus.

    Comunque le 3 settimane in resort extra lusso in Thailandia con TUTTO INCLUSO (e con TUTTO Intendo TUTTO, chi vuol intendere, intenda) meritavano questo sacrificio 😀

  2. Marcello De Corato ha detto:

    Investire sulle squadre di calcio, anche con un piccolo capitale (qui si parla di 100 euro) è una buona diversificazione in un’epoca in cui i rendimenti non è che sono scesi, sono scomparsi o diventati negativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *