Caso Volkswagen: lo scandalo si allarga alle emissioni di Co2, coinvolte anche le auto a benzina

Investire sui mercati finanziari può essere un’attività estremamente redditizia purché condotta tenendo sempre presente i rischi ad essa connessi. Altro fattore essenziale è quello di affidarsi ad un broker regolamentato che abbia a cuore la tutela e la sicurezza dei fondi dei suoi clienti. OptionWeb è questo e tanto altro ancora. Se vuoi investire sulle azioni Volkswagen con condizioni di trading d’eccellenza prova oggi OptionWeb cliccando qui.

Nuovi guai in arrivo per la casa automobilistica di Wolfsburg. Dopo lo scandalo delle centraline elettroniche che truccavano i livelli di NOx (ossido di azoto), facendoli rientrare nei limiti di legge, sono state accertate nuove irregolarità anche nelle emissioni di CO2 per l’omologazione dei veicoli.

L’ammissione arriva direttamente dalla Volkswagen, che in un comunicato ha dichiarato che a seguito di indagini interne sono state riscontrate anomalie nel “processo di certificazione di determinati modelli”. Sono stati dichiarati livelli di consumo, e quindi di emissioni, troppo bassi. I veicoli in questione sarebbero circa 800mila (da aggiungere agli 11 milioni già coinvolti nel Dieselgate) con un potenziale costo addizionale che l’azienda tedesca valuta in circa 2miliardi di euro.

Secondo fonti interne i modelli del gruppo coinvolti in queste nuove irregolarità sarebbero, per la Volkswagen, Polo, Passat e Golf; l’Audi A1 e A3, la Seat Ibiza e la Skoda Octavia.

azioni Volkswagen

Ad aumentare i già tanti problemi della casa tedesca arriva anche il coinvolgimento dei motori a benzina. Degli 800 mila veicoli coinvolti, infatti, 98mila montano motori a benzina. Il propulsore in questione è il 1.4 dotato del dispositivo ACT (Active Cylinder Technology) che permette la disattivazione di due dei quattro cilindri per ridurre consumi ed emissioni.

Il comunicato della Volkswagen arriva a distanza di 24ore dalle nuove accuse fatta alla casa tedesca dall’agenzia federale statunitense per la protezione ambientale (EPA). Per l’Agenzia i tedeschi avrebbero dotato alcuni modelli Volkswagen, Audi e Porsche, in vendita tra il 2014 e il 2016, di un motore diesel da 3 litri V6 di un sistema capace di ingannare i test sulle emissioni.

Dopo un iniziale tentennamento, il gruppo tedesco ha deciso di bloccare temporaneamente la vendita nella sua divisione nordamericana del SUV Porsche Cayenne diesel. Il coinvolgimento nello scandalo di Porsche, non solo mina l’immagine del più prestigioso marchio del gruppo ma mette in difficoltà anche la figura di Matthias Müeller, chiamato a sostituire Martin Winterkorn come CEO del gruppo, che fino a poco tempo fa era amministratore delegato proprio del marchio sportivo.

Inevitabile il tracollo in borsa del titolo del gruppo che ieri ha perso quasi dieci punti percentuali, avvicinando la soglia psicologica dei 100 euro. Solo un anno e mezzo fa ne valevano 250. Possiamo dire che chi ha deciso di giocare in Borsa al ribasso su Volkswagen in questo momento sta stappando bottiglie di champagne.

A seguito del nuovo scandalo sulle emissioni di CO2, Moody’s ha deciso di tagliare il rating di Volkswagen da A2 ad A3.
Fino ad ora i tedeschi hanno accantonato 6,5 miliardi di euro per affrontare i danni economici dello scandalo, portando alla chiusura in negativo del bilancio trimestrale, per la prima volta da quindici anni, con una perdita netta di 1,67 miliardi di euro e una operativa di 3,48 miliardi.
A rendere l’orizzonte ancora più fosco potrebbero arrivare le sanzioni dell’Unione europea. L’UE, infatti, potrebbe multare Volkswagen per aver superato i limiti di CO2 che l’Unione fissa per ogni produttore di automobili.

Il titolo di Volkswagen è destinato quindi a scendere ancora, un’ottima occasione per andare al ribasso e guadagnare soldi. Rircoda che grazie a OptionWeb puoi guadagnare sia quando il valore del titolo scende sia quando sale, ovviamente facendo la previsione giusta: clicca qui per aprire un conto e iniziare subito a guadagnare

One Response to Caso Volkswagen: lo scandalo si allarga alle emissioni di Co2, coinvolte anche le auto a benzina

  1. Daddo ha detto:

    Che goduria, io la bottiglia di champagne la stappo non tanto per i soldi visto che chi fa trading online i soldi li può fare con molti asset, ma per la goduria di fare soldi sulle disgrazie di questi crucchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *