Trading

Commissioni trading online: guida ai broker che non applicano commissioni (garantito)

Le commissioni trading online sono un costo che le piattaforme di trading applicano alle operazioni eseguite. Può trattarsi di costi espliciti o di costi impliciti (cioè costi nascosti). In ogni caso le commissioni sono, ovviamente, odiatissime dai trader che si ritrovano a pagare sia quando guadagnano sia quando perdono. Quale sono le commissioni per il trading online più convenienti? Ovviamente, la commissione più conveniente quando si investe sui mercati finanziari è sempre zero.

Non è necessario pagare commissioni per fare trading online: tutte le migliori piattaforme di trading sono assolutamente gratuite e non applicano commissioni, ne implicite ne esplicite. Insomma, con le migliori piattaforme si può fare trading a commissioni zero (garantito).

Commissioni di trading più basse

Broker Commissioni di trading Inizia
0 € Apri un conto
0 € Apri un conto
0 € Apri un conto
0 € Apri un conto
0 € Apri un conto

In pratica, le piattaforme CFD come Plus500 o 24option hanno un modello di business completamente diverso, che consente loro di fare profitti senza dover chiedere ai loro clienti delle commissioni.

Il profitto della compagnia è determinato dallo spread, cioè da una piccola differenza tra il prezzo a cui è possibile comprare e il prezzo a cui è possibile vendere.

Inutile dire che aprire un conto su Plus500 (clicca qui per l’iscrizione) o 24option (clicca qui per l’iscrizione) è completamente gratuito. Plus500 CY Ltd è autorizzato e regolamentato dalla Securities and Exchange Commission di Cipro (licenza n. 250/14). Anche 24Option è regolamentato CySEC e registrato CONSOB.

Costo commissioni trading 2018

Il fatto che ci siano piattaforme assolutamente gratuite, senza commissioni, che permettono di operare su qualunque tipo di mercato finanziario non deve farci dimenticare che esistono broker che invece sono costosi, applicano commissioni implicite o esplicite come accadeva nel 2010 o nel 2011.

Insomma, per alcuni broker il tempo sembra non essere passato, siamo ancora alle vecchie commissioni sull’eseguito. Ricordo ancora quando, più di 10 anni fa, comparivano sui quotidiani la pubblicità dei vari broker on line con la promessa di commissioni sull’eseguito molto basse. Ebbene, questi tempi sono finiti: pagare ancora commissioni nel 2018 è veramente da stupidi, non ci sono altre parole per descrivere chi paga per avere un pessimo servizio, quando scegliendo broker senza commissioni potrebbe risparmiare e ricevere anche un servizio molto migliore.

Provate a fare un giro sui forum finanziari dove si parla di commissioni. Troverete lamentale su Xelion, su Directa Trading Online o su Banca Intesa Trading. E oltre alle lamentele sulle commissioni, si troveranno anche lamentele sulle inefficienze, sulle cadute del sistema, sulla lentezza.

Scegliendo broker senza commissioni come 24option o Plus500 non solo si risparmia sulle commissioni ma si evitano anche tutti questi problemi perché sono broker che funzionano davvero.

Confronto commissioni trading on line

Il confronto delle commissioni applicate dalla piattaforme di trading deve essere dunque uno dei primissimi passi da fare per la scelta della piattaforma da utilizzare. Se nel 2010 o nel 2011 era ancora accettabile (anche se poco piacevole) pagare delle commissioni di trading, nel 2018 è assolutamente impensabile. Come ho già detto, continuare a pagare commissioni di trading nel 2018 è da stupidi o da masochisti.
Se vuoi operare senza commissioni e con un livello di servizio eccezionale puoi scegliere:

Esistono anche altre piattaforme di trading on line di elevata qualità, con elevati bonus e senza commissioni. Continuare a utilizzare piattaforme on line con commissioni elevate è da stupidi.

Quante volte dobbiamo ripeterlo? In fondo il motivo per cui facciamo trading on online sono i soldi: vogliamo guadagnare il massimo. Se paghiamo commissioni elevate i profitti scendono, se paghiamo zero commissioni per operare on line i profitti sono più elevati. E’ così difficile da capire?

Trading on line commissioni

Abbiamo deciso di fornire ben 5 stelle a questa recensione sulle commissioni sui broker di trading online, proprio in qualità del fatto che questa tipologia di broker è a basso costo, e quindi non chiede alcun pagamento di commissioni. Per dimostrare la veridicità di questa informazione, abbiamo deciso di prendere in esame i termini e condizioni del broker Plus500. Abbiamo deciso di riportare dunque il pezzo in cui si parla proprio delle commissioni.

Quello che abbiamo dunque scoperto e doppiamento confermato, è che questo broker di trading online, permette di fare trading senza commissioni:

Solo spread

Diversamente ad altri fornitori di servizi che addebitano anche commissioni per ogni negoziazione, Plus500 non addebita alcuna commissione di negoziazione.

Ecco lo screenshot:

No Commissioni Solo Spread

No Commissioni Solo Spread

Addirittura, con questo particolare broker, è possibile guadagnare commissioni! Infatti, se si ha una posizione aperta alla fine della  giornata lavorativa, significa che si è quindi tecnicamente detenuto tale posizione “overnight” durante la notte. Viene aggiunto un premio di finanziamento (una commissione) per le posizioni long (quindi si guadagna), e invece per le posizioni corte viene sottratto.

Ma quindi, se non ci sono commissioni, il broker in base a cosa guadagna? In assenza di commissioni il broker guadagna dunque dalla differenza tra il prezzo di acquisto e vendita (che sarebbe dunque lo spread), spread che viene addebitato il cliente, e che solitamente è basso e fisso. Si tratta quindi di un modo altamente sostenibile per offrire i servizi ai clienti, che sono così sempre più attratti dal trading online.

Commissioni Trading Online Banca Fideuram

Banca Fideuram Truffa Commissioni

Banca Fideuram Truffa Commissioni

Per capire quanto sia più costoso fare trading sulle banche classiche, che offrono il trading con commissioni, basta verificare la Commissioni Trading Online Banca Fideuram. Prima di tutto, questa banca non solo ha spread, ma anche commissioni, che alzano l’asticella delle spese a dei livelli spesso insostenibili per il trader che vuole risparmiare. Esistono sia delle commissioni di compravendita, che delle spese di compravendita. Per l’acquisto di un titolo azionario italiano infatti, sarà necessario sostenere queste spese:

  • Titoli azionari/diritti – Italia – comm.% 0,485%
  • Titoli azionari/diritti – Italia Internet – comm.% 0,07%
  • Titoli azionari/diritti – Italia – minimo euro 1,50
  • Titoli azionari/diritti – Italia – massimo tramite internet euro 25,00
  • Titoli azionari e diritti – Italia euro 4,00
  • Titoli azionari e diritti Internet – Italia euro 0,50
  • Titoli azionari e diritti – Estero euro 5,00
  • Titoli azionari e diritti Internet – Estero euro 0,50

Conviene quindi neanche cercare di proseguire, in quanto è ovvio che fare trading su una banca “classica” è molto svantaggioso (e molto più burocratico) rispetto ad un economico broker di trading online a commissioni zero.

→ Ottieni commissioni zero sul trading delle opzioni con 24Option! Clicca qua!

Imposta di bollo deposito titoli

Fino a questo momento ci siamo occupati solo di un problema, quello delle commissioni trading online. A chi fa trading per ottenere i migliori risultati economici, però, piace operare in modo completamente gratuito. Chi opera con piattaforme con sede legale in Italia si trova sempre a pagare, oltre alle commissioni elevate, anche l’imposta di Bollo Deposito Titoli.

Questo tipo di imposta è forse ancora più odiata delle commissini di trading, visto che colpisce il semplice fatto di possedere dei titoli finanziari. Esiste un modo per sfuggire a questa imposta? Sì, ed è molto semplice: utilizzare le piattaforme CFD come 24option o Plus500 che non hanno sede in Italia e quindi non sono tenute ad applicare l’imposta di Bollo Deposito Titoli.

Ovviamente in tutti i casi bisogna pagare l’imposta sostitutiva sui profitti ottenuti (pari al 26% dei profitti netti): se possiamo sfuggire alle commissioni trading online non possiamo sfuggire in nessun modo alle tasse, almeno fino a quando viviamo in Italia.

Consigliamo a tutti di pagare questa imposta, non solo per ovvi motivi morali, ma anche perché se non si paga e si viene scoperti le conseguenze possono essere davvero gravi.

La scelta della piattaforma di trading online: non solo commisioni zero

Fino a questo momento abbiamo parlato delle commissioni di trading online e della convenienza assoluta di operare con commissioni zero. Ma le commissioni di trading non sono l’unico elemento di cui bisogna tener conto quando si sceglie una piattaforma.

Per prima cosa, oltre al fatto di risparmiare sulle commissioni, bisogna puntare a non farsi derubare: le truffe di trading online sono tante, al giorno d’oggi, ma c’è un modo molto semplice per evitarle: operare esclusivamente con piattaforme di trading autorizzate e regolamentate.

Non è un caso che le migliori piattaforme di trading a livello europeo, come Plus500 o 24option, siano piattaforme di trading regolamentate.

Oltre alla sicurezza, è opportuno tener presente anche altri fattori come ad esempio la facilità d’uso: se fai trading online, il tuo obiettivo principale è guadagnare, ricordalo sempre.

Piattaforme di trading online e costi nascosti

Se scegli una piattaforma per fare trading sui mercati finanziari, assicurati sempre che non ci siano costi nascosti. Delle commissioni di trading abbiamo parlato in modo completo ma spesso ci sono costi piuttosto subdoli. Ad esempio, alcune piattaforme possono applicare costi quando si richiede di prelevare il denaro.

Ebbene, è conveniente stare lontani da questo tipo di piattaforme: per prima cosa, è sempre conveniente risparmiare. In secondo luogo, una piattaforma che non è completamente trasparente per quanto riguarda i costi non è una piattaforma di cui ci si può fidare…

26 Commenti
  • Io sì che mi sono sventato con commissioni sull’eseguito, se non ci fossero state ai miei tempi avrei come minimo una bella villetta in più 😉 comunque pazienza, fortunati i trader di oggi che non devono pagare queste commissioni di trading online e che possono incassare il 100% del frutto del loro lavoro!

  • Purtroppo sono una stupida, ho pagato commissioni fino a quando non ho letto questo articolo, adesso faccio trading senza commissioni e devo dire che ho fatto una scoperta incredibile: la qualità di una piattaforma di trading è inversamente proporzionale alle commissioni, meno paghi e migliore è il servizio, più paghi e più funziona male.

  • Maria non ti abbattere, siamo tutti vittime delle banche italiane che non ci lasciano vivere e respirare, ci fanno pagare anche l’aria che respiriamo. Per fortuna che poi ci sono i broker con cui uno può fare trading liberamente, senza rischiare nulla e senza pagare alcun tipo di commissione. E questo fa la differenza!

  • Io faccio trading con plus500 e non pago commissioni di trading, se uno vuole pagare libero di farlo ma perché? Non ha assolutamente senso, siamo nel 2014 non nel 2010 come giustamente dice l’articolo!

    Io penso che molti trader siano pigri, sono abituati a lavorare con una piattaforma che li uccide di commissioni e non vogliono mettersi a cercare una soluzione alternativa.

    E poi penso anche che molti trader non hanno come obiettivo guadagnare con il trading online ma solo avere una scusa per rinchiudersi nella loro stanzetta e masturbarsi sui portali porno al riparo della moglie che pensa appunto che il marito sta guadagnando soldi con il trading.

    Scusate lo sfogo, ma di questi trader pipparoli che poi sono i primi a pontificare sui forum io mi sono letteralmente rotto le palle!

  • Grandissimo Davide, hai detto quello che penso di molti di questi signorini che vanno a scrivere sui forum…e poi penso che mentre loro stanno a far finta di fare trading, a scrivere sui forum e a masturbarsi con i video porno, le mogli sono con l’amante.

    Mercati24 mi piace sempre di più non solo perché dice le cose come stanno, senza abbassare la cresta davanti al sistema bancario corrotto e infingardo, ma anche perché mi piacciono i suoi lettori, la pensano come me 😀

  • Qui ci sono coglioni che cercano commissioni di trading basse e furbi che fanno trading senza commissioni! Alla faccia dei coglioni e scusate se è poco!

  • Ma lasciate che i coglioni paghino commissioni sull’eseguito, i perdenti che pagano commissioni meritano tutto il peggio. Auguro loro non solo di perdere tutto (ma questo non c’è nemmeno bisogno, il coglione che paga commissioni perde tutto per definizione) ma anche di essere cornificati dalla moglie e sputati in faccia dai figli.

  • Per quanta mi riguarda, la scelta vincente è sempre operare con zero commissioni e zero spese, non capisco proprio i tanti italiani che ancora regalano i soldi faticosamente guadagnati con il trading online a banche e sim sotto forma di commissioni.

  • La maggior parte dei trader si rivolge al commercialista, si tratta di compilare un campo in più nel modello unico con i dati che i broker di solito ti forniscono. Alcuni sono anche sostituti di imposta quindi non devi fare nulla ma in effetti i migliori in assoluto non sono sostituti di imposta e quindi è consigliabile il commercialista.

  • Chi paga commissioni di trading online è un pirla che merita di essere spellato vivo dalle piattaforme di trading online. Ma come cazzo si fa a pagare commissioni nel 2014? Manco fossimo nel 1999! Ma ragazzi aprite gli occhi, vi stanno rubando se pagate commissioni di trading, anche se sono basse

  • Io ho fatto un semplice calcolo. Ho preso il peggiore broker con spread (CFD) e l’ho confrontato con il miglior broker con commissioni sull’eseguito. Ho fatto il confronto sul mercato azionario. Transazioni intraday.

    Risultato: il PEGGIORE tra i broker CFD è migliore della MIGLIORE piattaforma con commissioni.

    Auguri, parco buoi.

  • Boh secondo me chi vuole buttare i suoi soldi in commissioni che lo faccia, io ovviamente non butto i soldi perché sono nato povero e il benessere me lo sono conquistato, strappato a morsi direi. Ma se uno è nato ricco ed è contento di pagare, a noi che importa?

    Buon anno a tutti, amici!

  • Pagare commissioni per fare trading on line è stupido. Le commissioni per il trading on line sono zero nelle migliori piattaforme. Chi paga è stupido. Auguri comunque anche ai fessi.

  • Io sono tra quelli che ha pagato commissioni per anni, se sommo tutte le commissioni che ho pagato in 5 anni di trading on line penso che svengo perché mi compravo una macchina nuova con quei soldi. Sono due anni che ho scoperto che è possibile fare trading on line senza pagare commissioni, consiglio a tutti di fare il passaggio 🙂

  • Va tutto bene il discorso delle commissioni ma secondo me i meriti di una piattaforma come 24option vanno molto ben al di là del fatto che le commissioni di trading on line sono zero (0!). Io opero con 24option non perché lo posso fare gratis ma perché guadagno davvero. Pagherei anche commissioni di trading per operare con 24option 😀

  • Sono un cretino. Un idiota. Un down.

    Ho pagato fior fiori di commissioni a piattaforme come directa, fineco o via discorrendo, quando potevo risparmiare soldi e guadagnare di più con plus500 che è a commissioni zero.

    Ma forse non mi devo offendere più di tanto, ho già pagato lo scotto della mia scempiaggine con tutti i soldi che ho letteralmente buttato nel water pagando commissioni 🙁

    che coglione che sono.

  • C’è da dire che anche uno spread è un costo da mettere in conto e quando si fa trading di CFD c’è sempre uno spread. E’ vero però che questo costo è molto inferiore a quello applicato dalla stragrande maggioranza degli intermediari bancari sotto forma di commissioni di trading online.

  • Anche io sono ovviamente per le commissioni di trading online più basse possibili e cioè per le commissioni 0 ma sinceramente non condivido tanto astio e tante offese nei confronti di chi utilizza broker dove si pagano commissioni. Alla fine sono persone vittime di un raggiro, magari che non sanno nemmeno della possibilità di fare trading senza commissioni, io direi che non è carino sbeffeggiarli e offenderli. Magari spiegare con calma perché non ha senso pagare delle commissioni per fare trading online, questo potrebbe aiutarli a vivere meglio 😀

  • Coglione patentato numero uno al mondo, avrò pagato 3.000 euro di commissioni di trading online all’anno per parecchi anni, se avessi scelto i broker giusti avrei potuto risparmiare veramente una barca di soldi.
    Non siate coglioni come me, mi raccomando, scegliete broker con commissioni gratis e risparmiate

  • Quanto costa il trading online? Se ci sono commissioni, costa troppo. L’unico trading online che posso accettare è il trading a commissioni zero: poi si può guadagnare o perdere (perdi se sei cretino) ma se cominci a pagare commissioni sei un cretino patentato. Meriti il peggio.

  • Io mi sento truffata da fineco che mi ha fatto pagare per anni fior di commissioni mentre broker come plus500 è gratis. Ma è colpa mia che non mi sono informata prima e che ho accettato questa condizione capestro. Perché quando ti iscrivi di solito non leggi e fai male e le condizioni capestro ti entrano nel contratto. Anzi, in un altro posto che non dico perché sono una persona decente.

  • Salve a tutti vorrei come voi usare piattaforma 500plus a commissioni zero potete indicarmi come iscrivermi o se esiste num verde?

  • Ciao a tutti sapete dirmi quale piattaforma non mi fa pagare la giacenza come accade con le banche?
    Ho saputo che alcune on line fanno pagare l’ineseguito….se ad esempio mi tengo azioni Fiat perché scendono per 5 gg pago un tot al giorno….

    Grazie

  • Ciao Flavio, da quello che ci risulta, il broker azioni, forex e CFD eToro non ha commissioni di giacenza, ma ha solo una commissione di inattività (se non fai trading per 12 mesi):

    “Se un conto viene indicato come inattivo (nessun login per 12 mesi per conti di deposito, 4 mesi per conti non-deposito), verrà addebitata una tassa mensile di inattività pari a 5USD a qualunque saldo rimanente disponibile. La tassa d’inattività è solo applicabile se ci sono ancora fondi disponibili a saldo. Non verrà chiusa nessuna posizione aperta per coprire la tassa. Il prelievo della tassa verrà interrotto nel momento in cui il conto smette di essere inattivo, ad esempio in seguito ad un login del titolare del conto.”

    Clicca qui se vuoi registrarti ad eToro con il bonus >>
    Saluti,
    Staff

  • Scusate,una sola domanda,faccio.da.poco trading con intesa Sanpaolo,vorrei passare a un broker a zero commissioni,però ho visto che tutti quelli citati hanno operatività solo su una parte di titoli del mercato italiano,mercato sul quale opero abitualmente,vi risulta?

Lascia un commento