Mercati azionari

Comprare azioni Akamai: come e perché farlo?

Comprare azioni Akamai è conveniente? In questa guida analizzeremo a fondo gli elementi utili ai fini di un corretto investimento sulle azioni dell’azienda statunitense, leader nel settore dell’hosting.

Ci preme far sapere che questo particolare settore è in continua evoluzione in quanto ancorato al progresso tecnologico; di conseguenza, parliamo di servizi molto comuni, utilizzati quotidianamente dalla maggior parte degli individui.

Basti pensare ad una semplice emittente nazionale quale ad esempio la RSI, sigla di Radiovisione Svizzera in lingua italiana; essa figura tra i clienti dell’azienda presa in considerazione, servendosi dei servizi di hosting proposti per diffondere la propria programmazione su scala nazionale.

Ma veniamo a noi.

Sicuramente ciò che interessa sapere a chi legge questa guida sono i possibili vantaggi da trarre in seguito agli investimenti su azioni Akamai. Una volta effettuate le rispettive analisi e fatta chiarezza su alcuni punti chiave dell’azienda, potrai trovare tre broker da noi consigliati, per muovere i primi passi nel trading online.

Per cominciare citiamo eToro (visita il sito ufficiale) in quanto offre servizi gratuiti e un buon metodo di investimento grazie allo strumento del Copy Trading. Proseguendo andremo nello specifico delle nostre proposte, al fine di mettere a disposizione degli utenti tutti gli strumenti appropriati.

Comprare azioni Akamai: Panoramica dell’azienda

Akamai Technologies, Inc. è un’azienda statunitense, con sede a Cambridge (Massachusetts), che fornisce una piattaforma per la distribuzione di contenuti via Internet (CDN). Il servizio di hosting consiste principalmente nell’allocare su un server web delle pagine di un sito web, per renderle accessibili ai suoi utenti dalla rete Internet.

L’azienda nasce nell’ormai lontano 1998. A fondarla sono Daniel Lewin, neolaureato al MIT, insieme ad un professore, Tom Leighton, e ad altri due studenti.

La società crebbe rapidamente fino a distribuire il primo servizio di traffico web in tempo reale nel febbraio del 1999. Il mese successivo, l’azienda ottenne una notevole esposizione sul mercato consentendo la distribuzione di un trailer di Star Wars per Entertainment Tonight.

La vera e propria svolta ebbe luogo nell’aprile del 1999, quando Akamai riuscì ad aggiudicarsi la clientela di Yahoo!, una delle web property che registravano il più alto traffico al mondo.

Oggi giorno, l’azienda statunitense vantare una vasta clientela, oltretutto di livello molto alto. Tra i vari citiamo quelli più rinomati: Adobe, Apple, IBM, Audi, Logitech, Myspace, Amazon.com, Facebook, Microsoft, NASA, NBA ed NFL.

Anche le maggiori emittenti televisive della nostra nazione quali Rai, Mediaset e Sky Italia usufruirono del servizio di hosting proposto da Akamai per un breve periodo tra Marzo e Aprile 2003, quando quest’ultima decise di interrompere bruscamente la relazione.

L’azienda, con sede centrale a Cambridge, attualmente dispone di oltre 7.500 dipendenti. Nel 2019 ha presentato un fatturato di 2,7 miliardi di dollari statunitensi, facendo verificare un aumento dell’8% sull’utile netto dell’anno precedente.

Vanta di numerose filiali, tra le quali ricordiamo la JanRain con sede a Portland, la Prolexic Technologies situata in Florida e la SOASTA con sede in California. Inoltre, Akamai è stata classificata al 1° posto nell’elenco delle maggiori aziende di sicurezza informatica nel Massachusetts del 2019, dal Boston Business Journal per il secondo anno di fila.

Investire in azioni Akamai conviene?

Akamai Technologies, Inc. è un pilastro anche e soprattutto nel settore finanziario. Il suo fatturato in costante aumento negli anni permette all’azienda statunitense di crescere sfrontatamente, facendo registrare, come abbiamo accennato prima, un aumento dell’8% dell’utile netto nel 2019 rispetto all’anno precedente.

Presenta una capitalizzazione di mercato pari a 15,38 miliardi di dollari statunitensi e le azioni dell’azienda sono reperibili nell’indice NASDAQ.

Il titolo Akamai è in costante crescita, non a caso possiamo notare un surplus del 2,21% circa rispetto ai valori precedenti.

Ci teniamo a sottolineare che in periodi particolarmente difficili come l’avvento di una crisi, lo stesso mercato azionario subisce degli arresti improvvisi o comunque dei rallentamenti generali. Detto ciò, Akamai Technologies, Inc. potrebbe inizialmente mostrare dei segni di cedimento, anche se provvedrà in tempi piuttosto brevi ad un’autonoma rivalsa.

Questo perché il settore tecnologico, o meglio, qualsiasi settore operante in rete, che non è obbligatoriamente legato a fornire agli utenti un servizio propriamente fisico, riesce comunque a propagare i propri prodotti.

Ancor più nello specifico, un’azienda del calibro di Akamai, la quale effettua un mirror di contenuti (in genere audio, grafica o video) del cliente sui propri server, permette agli utenti di accedere ai suoi servizi solo ed esclusivamente mediante Internet e l’elettronica di consumo, che siano essi cellulari, laptop o televisioni.

Dunque, comprare azioni Akamai conviene? Si, se lo fai servendoti dei CFD.

Comprare azioni Akamai con CFD

I CFD (Contracts for Differents) sono uno degli strumenti derivati più diffusi al giorno d’oggi. Sono perlopiù utilizzati da chi dispone di piccoli capitali da investire e possono essere visti anche come un’alternativa al classico trading bancario.

I Contratti per Differenza, traduzione alla lettera della più comune nomenclatura anglosassone, differiscono dalle vere e proprie azioni in quanto essi consentono di trarre profitti sulle variazioni di prezzo piuttosto che sul possesso dei titoli.

Una caratteristica fondamentale dei CFD è che essi ci permettono di investire al ribasso. Ciò cosa comporta? Investendo in CFD possiamo avvantaggiarci di entrambi i trend lungo i quali può svilupparsi un titolo: rialzista e ribassista.

Detto ciò, i Contratti per Differenza sono rigorosamente regolamentati, dunque per investirvi ci dovremo rifare a dei broker riconosciuti dalla CONSOB (una delle due autorità che controllano il trading online e i mercati finanziari), come ad esempio eToro.

Su questo ci soffermeremo in seguito.

Ultime direttive da sapere riguardo i CFD: sono strumenti derivati scambiati perlopiù sui mercati OTC (Over the Counter), ossia mercati che non hanno un vero e proprio riferimento fisico; ognuno di essi ha una scadenza, fissata di solito in 24 ore.

Volendo continuare ad avere un contratto aperto andremo incontro ad un costo specifico: il tasso di overnight. Ecco perché consigliamo di comprare CFD azioni Akamai solo intra-day. Ma nella stessa maniera è consigliabile comprare azioni Google, o comprare azioni Visa e di qualsiasi altra grande azienda: i CFD offrono molte soluzioni.

Migliori piattaforme per comprare azioni Akamai

Andiamo ora a vedere tre dei broker più importanti e vantaggiosi per investire in azioni Akamai con i CFD:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo gratis
  • Corso trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    79.20 % dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita Illimitata
  • Deposito minimo basso
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    eToro: Investire con il servizio di Copy Trader

    eToro (visita il sito ufficiale) è sicuramente una garanzia. Vanta di un numero non indifferente di utenti (circa 9 milioni) ed è noto soprattutto per il servizio di Copy Trading.

    Cos’è il Copy Trading? Attraverso questo servizio, eToro ci permette sostanzialmente di copiare degli investimenti. Ovviamente, essendo dei principianti, andremo ad osservare e a replicare gli investimenti di traders specializzati nel campo, che ben sanno come muoversi nei mercati finanziari.

    Clicca qui per iniziare a investire con il Copy trading di eToro

    Questa pratica può esserci utile sia per farci muovere i primi passi all’interno di questo nuovo mondo che è il trading online, sia per assicurarci un surplus nei primi movimenti. L’offerta di eToro, inoltre, ti mette a disposizione strumenti molto interessanti per gli investimenti sulle azioni.

    Clicca qui per scoprire tutti i dettagli degli investimenti in azioni con eToro

    ForexTB: sfruttare i segnali di Trading Center

    Altra piattaforma di trading online, in alternativa ad eToro, è ForexTB (visita il sito ufficiale) regolamentata e certificata da CONSOB e CySEC.

    L’offerta di ForexTB si concentra in particolar modo sulle analisi dei prospetti degli investimenti; ciò è possibile grazie ai segnali di Trading Central.

    ForexTB fornisce ai suoi utenti in maniera completamente gratuita i segnali di Trading Central di cui abbiamo appena parlato. La differenza con le tradizionali analisi algoritmiche, spesso suscettibili all’errore, sta nel fatto che quella elaborata da Trading Center prende in considerazione anche la componente di analisi tecnica.

    Clicca qui per ricevere i segnali di trading di ForexTB e registrati sulla piattaforma

    Il broker, inoltre, ricompensa il primo deposito con un manuale di trading scaricabile gratuitamente in formato eBook.

    Attraverso questo servizio, i traders possono usufruire gratuitamente di un’ulteriore analisi sull’andamento di un possibile investimento, in grado di rassicurare l’utente e di fornire un risultato preciso.

    Ricevi il manuale di ForexTB registrandoti sul broker direttamente da questo link

    Con ForexTB sono disponibili anche i titoli della Juventus e si possono comprare azioni American Airlines e altre di importanti aziende.

    Trade.com: Imparare il trading online

    Il terzo broker che consigliamo in questa guida è Trade.com (visita il sito ufficiale), anch’esso con regolamentazione CySEC.

    Questa piattaforma sarà in grado di fornire agli utenti anche gli aspetti più tecnici degli investimenti online.

    Possiamo dire che Trade.com va ad arricchire l’offerta del manuale gratuito di trading appena citata di ForexTB. Trade.com, infatti, si differenzia rispetto agli altri broker per questo aspetto: offre un ricco programma formativo che prevede video lezioni dei movimenti più noti nel trading online in aggiunta ad un manuale di trading disponibile in versione eBook. Il tutto completamente gratuito.

    L’offerta presenta:

    • Corso per principianti per iniziare ad investire sul forex apprendendone le basi e le terminologie tecniche più utilizzate in formato video di 15 lezioni disponibili qui;
    • Tutorial MT4. Essendo un broker particolarmente diffuso per investimenti sui CFD, fornisce un tutorial per effettuare le prime manovre nel mondo del trading online;
    • Strategie di trading. Fornisce video tutorial estremamente articolati sulle operazioni di trading online. Ciò può essere testato anche nella versione demo gratuita;
    Ricevi l’intero pacchetto formativo di Trade.com registrandoti sulla piattaforma e cliccando qui

    Puoi sfruttare il pacchetto formativo di Trade.com usandolo in combinazione con il suo conto demo gratuito, per familiarizzare con gli strumenti di mercato per comprare azioni Akamai a rischio zero. Si tratta, infatti, di una valida simulazione di trading.

    Clicca qui per aprire un conto demo con Trade.com

    Ricordiamo che con Trade.com si possono anche comprare azioni Boeing e comprare azioni Disney.

    Comprare azioni Akamai: i concorrenti

    Come già accennato, Akamai è un’azienda leader nel settore dell’hosting. Si preoccupa di instaurare un buon rapporto con i propri clienti, motivo per cui la maggior parte dei “big” continuano ad usufruire dei servizi dell’azienda statunitense.

    Essendo una vera e propria “major”, Akamai tende a spaziare come ritiene più opportuno nei mercati, promuovendo offerte che vanno ad arricchire la sua fama e la sua notorietà. Dunque, non ha bisogno di tener conto della concorrenza, in quanto il settore in cui opera non è definibile saturo.

    Ciò comporta un’ampia libertà di scelta sia delle produzioni, sia delle modalità di fornire queste ultime.

    Difatti, Akamai Technologies, Inc. ha annunciato di essere stata selezionata come leader nel Forrester New Wave: Bot Management relativo al primo trimestre 2020.

    Forrester ha valutato i 13 provider più significativi della categoria. L’azienda statunitense ha ricevuto il rating “differentiated”, il più alto possibile, negli standard di Attack Detection, Attack Response, Management UI, Reporting e Analisi, Feedback Loops, Performance Metrics, Roadmap e Market Approach.

    Nonostante ciò, Akamai non è la sola ad operare in questo campo.

    Le aziende concorrenti di Akamai

    1. Amazon Cloudfront

    Tra le concorrenti del colosso Akamai, possiamo citare Amazon Cloudfront, un servizio di CDN (Content Distribution Network) offerto da Amazon.com.

    Cloudfront viene lanciato nel Novembre del 2008 ed è strutturato con la modalità pay-as-you-go. Ciò significa che, a differenza degli altri servizi CDN, non sono previsti costi di setup.

    Le tariffe Amazon Cloudfront sono basate sull’utilizzo attuale del servizio in diverse aree:

    • Trasferimento dati in uscita (Internet/Origine).
    • http/HTTPS.
    • Richieste di invalidamento.
    • Richieste di crittografia a livello di campo.
    • Certificati SSL personalizzati di IP dedicato associati alla distribuzione cloudfront.
    1. Cloudfare

    Altra società che si occupa di Content Delivery Network, anch’essa americana, è la Cloudfare, Inc. Possiamo definirla come quella che più si avvicina ai risultati già discussi del colosso Akamai.

    Cloudfare, Inc. nasce nel 2009 ad opera di Matthew Prince, Lee Hollywood e Michelle Zatlyn e viene presentata al pubblico soltanto l’anno dopo. Riesce a richiamare l’interesse dei media nel giugno del 2011, dopo essersi occupata della sicurezza del sito LulzSec.

    Ha sede a San Francisco e vanta l’apertura di sei filiali, rispettivamente a Londra, Singapore, Boston, Washington, Austin e Champaign.

    Inoltre, i servizi di Cloudfare per la sicurezza e le prestazioni agiscono congiuntamente per ridurre la latenza di siti Web, applicazioni mobili e API end-to-end, proteggendoti nel contempo da attacchi DDoS, bot abusivi e violazione di dati.

    Ha difeso SpamHaus da un attacco DDoS superiore ai 300 Gbit/s. Lo stesso capo dell’azienda Akamai ha dichiarato che è stato “il più grande attacco DDoS annunciato pubblicamente della storia di internet”.

    Infine, Cloudfare, Inc. è una società quotata in borsa alla NYSE (New York Stock Exchange), ha presentato un fatturato di 192,7 milioni di dollari statunitensi ed ha all’attivo circa 750 dipendenti.

    Comprare azioni Akamai: considerazioni finali

    Avendo analizzato l’organizzazione societaria e il modo efficace di lavorare di Akamai, possiamo constatare che investire in azioni sull’azienda statunitense possa comportare dei risultati soddisfacenti.

    Ovviamente il consiglio che diamo per i principianti, è quello di utilizzare i CFD per comprare azioni Akamai, in modo da concepire nel miglior modo la direzione e il modo di agire dei mercati.

    Akamai resta leader indiscusso nel settore dell’hosting, con più di venti anni di lavoro all’attivo e un numero di clienti sempre maggiore. Il suo primato è particolarmente solido, specialmente se si considera che le principali concorrenti sono al tempo stesso sue clienti.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un commento