Mercati azionari

Comprare azioni AutoDesk: perché è un must? Guida completa

Il mercato dei software non fa che crescere di anno in anno, attirando quote di mercato sempre più grosse di investitori interessati a comprare anche azioni AutoDesk. L’epopea Microsoft, ma anche Apple, ha fatto da spartiacque ed è anche grazie all’ingegno dei loro fondatori se oggi questo settore è così sviluppato.

In un settore così florido spicca il nome di AutoDesk, multinazionale leader per ciò che riguarda il settore dei software per la progettazione di strutture civili e industriali, ma che si occupa anche di intrattenimento, altro mercato in rapida espansione.

Con il settore delle materie prime e del Forex sempre vittime delle varie situazioni geopolitiche o contingenti che via via si presentano nel tempo, potrà essere utile considerare questo tipo di investimenti, magari attraverso un buon broker che offre i CFD.

Cerchiamo dunque di capire lo stato di salute di questa importante azienda, partendo dalla sua storia e dai prodotti offerti.

Questo permetterà di intuire il momento migliore di comprare azioni AutoDesk, utilizzando strumenti particolarmente utili come il Copy Trading di eToro (da provare gratis qui).

Ricordiamo che sono a disposizione degli utenti anche alcune altre piattaforme di trading regolamentate davvero ottime per comprare azioni:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Con questi intermediari si possono anche comprare azioni Visa o comprare azioni Facebook e di qualsiasi altra grande azienda a livello globale.

    Comprare azioni AutoDesk: storia aziendale

    L’azienda nasce in un periodo di grande sperimentazione per l’informatica. La società vede la luce nel 1982, grazie alla collaborazione tra John Walker e ben 12 co-fondatori, non molto tempo dopo era già quotata sull’indice NASDAQ.

    Ricordiamo che appena 6 anni prima erano nati i futuri colossi di Microsoft ed Apple: il mondo dell’informatica stava per vedere, difatti, uno sviluppo tumultuoso e repentino.

    Il settore dei software per la realizzazione di progetti architettonici, tuttavia, era ancora parzialmente vergine, sebbene fosse obiettivo di molte società invadere questo mercato.

    Lo sviluppo di software davvero performanti non era, però, una questione di facile realizzazione. Le macchine dell’epoca non potevano vantare grosse capacità di calcolo, soprattutto per ciò che riguarda la resa grafica dei progetti.

    Il mercato di AutoDesk: i suoi prodotti

    In quasi 40 anni di storia, l’azienda è riuscita ad inserirsi in svariati ambiti, con prodotti di grande successo ed affidabilità.

    Il mondo dei software è molto vasto e l’impegno dell’azienda è stato sempre orientato a coprirne il più possibile, diversificando l’offerta e raggiungendo più utenti possibili.

    Presentiamo di seguito i prodotti di punta di questa azienda, analizzandone lo sviluppo, le qualità e le applicazioni che queste hanno avuto nel mondo del lavoro e non solo.

    AutoDesk: progetto AutoCAD

    Come che sia, nel 1982 nasce AutoCAD, software per il disegno tecnico assistito, per l’appunto CAD, e programma di punta dell’azienda.

    Si tratta del primo programma del genere ed ancora oggi subisce aggiornamenti continui e migliorie. AutoCAD ad oggi può vantare circa 40 versioni, che si sono succedute negli anni, così da venire incontro alle nuove esigenze poste dal settore della progettazione architettonica tridimensionale.

    Nonostante l’età, rimane il prodotto leader del settore ed ancora il più usato da architetti e informatici. Ciò soprattutto per la possibilità di creare nuovi strumenti, modificando il codice del programma, reso parzialmente open source.

    In questo modo, il programma è massicciamente personalizzabile, in modo tale da adattarsi alle varie esigenze dei progettisti.

    AutoDesk nelle simulazioni: 3D Max Software

    Il buon successo di AutoCAD ha spinto l’azienda a diversificare l’offerta, inoltrandosi nel mercato dei software 3D di animazione e grafica vettoriale.

    Siamo nel 1990 e il settore in questione vedeva un vero e proprio boom, grazie anche all’esplosione del mercato videoludico.

    Il successo di questo programma è dovuto a due caratteristiche su tutte: la qualità dell’editing, completo e molto versatile, e soprattutto la possibilità di scegliere programmi di terze parti che aggiungono così infiniti strumenti alla base.

    La qualità delle animazioni 3D era all’avanguardia e versioni successive di questo programma furono anche utilizzate per la modellazione poligonale in alcuni videogiochi di successo, come Half Life 2 e Max Payne 2.

    Gli inizi del 2000 videro l’azienda impegnata su più fronti: tra il 1998 e i primi del duemila la società partorirà 2 programmi di enorme successo, pensati per invadere 3 settori come cinema, videogiochi e progetti di design, che proprio in quegli anni vedranno una rapida espansione.

    AutoDesk Maya: l’azienda entra nel cinema

    Gli inizi del 2000 vedono sempre più settori utilizzare programmi di modellazione 3D, così da facilitare di molto il lavoro di produzione.

    Un facile esempio è il cinema: negli ultimi anni l’utilizzo di animazioni ed immagini in CGI si è fatto sempre più corposo e non è raro vedere film High Budget quasi interamente prodotti con questa modalità (a tal proposito potrebbe interessare comprare azioni Disney).

    Nel 1999 l’azienda decide di lanciarsi in questo campo e produce AutoDesk Maya, attualmente leader del settore per ciò che riguarda la progettazione di modelli pensata per il cinema e non solo.

    La qualità grafica delle immagini prodotte con il motore di rendering Maya si avvicina al fotorealismo e perciò è il programma più usato nel cinema.

    Inoltre, è concessa la possibilità di far interagire il programma con plugin esterni, migliorando ancora la qualità dei modelli.

    Leggi la guida comprare azioni Baidu.

    Progettazione di design: AutoDesk Revit

    Altro settore in cui l’azienda eccelle è quello legato alla progettazione di interni ed esterni.  Revit è tra i programmi più utilizzati in questo mondo, grazie a peculiarità molto innovative.

    Con Revit è possibile, ad esempio, progettare con velocità viste prospettiche o assonometriche di grande precisione, che richiederebbero lunghissimi tempi e molto lavoro per produrle attraverso un disegno manuale.

    Punto di forza del programma è l’aggiunta della quarta dimensione: il tempo. Si tratta di un vero e proprio unicum nel settore, che permette lo sviluppo di realtà dinamiche, riproducendo il rapporto tra la struttura e la luce naturale o le ombre.

    I punti deboli sono da rilevare nella poco intuitività del programma. Rimane infatti un prodotto di élite, poco consigliato per programmatori inesperti.

    Comprare azioni AutoDesk: stato di salute finanziario

    Le crisi, come quella del 2008 o quella del Coronavirus, non hanno risparmiato quasi nessun ambito e anche le aziende high tech ne hanno fatto le spese. il ramo non performa benissimo, anche a causa dei problemi di logistica tra produttori di componenti e aziende madri.

    La strategia di AutoDesk è stata definita da molti analisti come “difensiva”. Gli accordi con i propri abbonati la tengono, difatti, lontana da rischi come cancellazioni di massa degli ordini in caso di recessione.

    Inoltre può vantare un’offerta molto diversificata, tutela sempre utile contro le crisi. Tra i suoi prodotti alcuni software si sono resi molto utili per studiare soluzioni infrastrutturali per contenere emergenze (come accaduto nel periodo del virus).

    Nonostante le crisi non sembrino risparmiare proprio nessuno, AutoDesk si è sempre difesa molto bene e rimane, perciò, un’ottima soluzione per investitori e trader.

    Tuttavia, come vedremo, usando strumenti finanziari come i CFD, ci si può avvantaggiare molto anche dei periodi di crisi, grazie al fatto che permettono di investire anche al ribasso. Si possono così sfruttare i crolli di mercato e guadagnare!

    Per questo è consigliabile speculare anche su altri titoli azionari negoziando anche quelli di azioni che vivono di alti e bassi. Ad esempio, è una buona idea anche comprare azioni Caterpillar o Comprare azioni Aramco.

    Analisi del prezzo azioni AutoDesk

    Nel momento in cui viene scritto l’articolo, il prezzo di listino si aggira mediamente intorno ai 130 euro, ancora lontana dal suo prime storico.

    Gli analisti stimano che il valore reale di queste azioni, tuttavia, si aggiri intorno ai 180-200 euro. Stima, questa, che tiene conto di tutti i dati di bilancio e i risultati finanziari di AutoDesk. Per controllare le quotazioni in tempo reale, è possibile accedere gratuitamente ai grafici di un broker come eToro e seguire gli sviluppi del mercato.

    Il periodo negativo non deve, però, far dimenticare l’incredibile ascesa del mercato riguardante i software, il quale ha aumentato i profitti dell’8,6% negli ultimi anni.

    Per quanto invadente, le varie crisi economiche non sono che contingenze storiche, che non possono minare le certezze che questo settore sta costruendo negli anni.

    Nei prossimi dieci anni, sarà proprio il settore tecnologico a dominare la scena e difficilmente questo incidente di percorso potrà cambiare le cose.

    Si può dire, senza paura di essere smentiti, che investire oggi in questo settore può ancora essere un’ottima idea, a patto, di conoscere il giusto timing e usare gli strumenti necessari.

    in seguito presenteremo due diverse modalità di investimento, l’una che prevede i canali tradizionali del mercato, l’altra che consente di sfruttare lo strumento dei CFD, molto utile per investire anche al ribasso.

    Infine analizzeremo 3 dei migliori broker presenti sul mercato, come eToro, ForexTB e Plus500.

    Comprare azioni AutoDesk: quale metodo usare?

    Con un prezzo delle azioni relativamente basso, si potrebbe provare ad usare una strategia conservativa, comprando le azioni per mantenerle nel tempo e rivenderle quando il loro prezzo sarà cresciuto.

    Gli analisti sono d’accordo sulla crescita di queste azioni, anche se prevedere le giuste tempistiche non è cosa semplice.

    Potrebbe comunque essere una buona idea per gli investitori specializzati in strategie long, che sfrutteranno senza problemi i prezzi odierni.

    Il problema risiede, però, altrove. Accedere ai mercati in modo tradizionale, non è cosa semplice per la maggior parte delle persone. In più, per quanto i prezzi delle azioni possano risultare convenienti in certi periodi, rimangono ancora una spesa proibitiva per il cittadino medio.

    Non dobbiamo dimenticare poi le conoscenze necessarie a questo tipo di investimenti, che certo non possono detenere tutti. Quindi qual è la soluzione per comprare azioni Autodesk in maniera semplice e diretta? Basta sfruttare i CFD.

    Comprare azioni AutoDesk: meglio i CFD

    Se investire attraverso i metodi tradizionale può ancora essere un po’ rischioso, si presenta come interessante la possibilità di investire attraverso CFD.

    Con questo strumento finanziario sarà possibile investire senza problemi anche nel caso un titolo dovesse incontrare un periodo ribassista.

    Questi, infatti, permettono l’investimento al ribasso, pertanto risultano molto utili qualora il mercato dovesse entrare in un periodo di crisi, come successo nel 2008.

    Per fare ciò, è necessario utilizzare piattaforme intermediarie, chiamate broker, che permettono agli utenti di entrare in contatto con i mercati. Negli ultimi anni queste piattaforme hanno progressivamente aumentato il proprio bacino di utenza, per motivi tanto semplici quanto efficaci.

    In primis, questi broker permettono praticamente a chiunque di investire sui mercati finanziari. Inoltre sono generalmente dotati di piattaforme molto intuitive, così da non disorientare i nuovi utenti.

    Sul web si possono trovare dozzine di broker e scegliere, per i nuovi utenti, non è troppo semplice. Non mancano poi le truffe telematiche collegate a questo settore, che tuttavia non sono affatto difficili da individuare.

    Ad aiutare gli utenti ci sono poi vari enti ed agenzie di vigilanza finanziaria, come la nostrana CONSOB o l’europea ESMA.

    Il consiglio è di non iscriversi a piattaforme che non abbiamo una certificazione rilasciata da uno dei due enti di regolamentazione, potrebbe facilmente trattarsi di truffe o broker quantomeno sospetti o poco trasparenti.

    Tra le piattaforme certificate negli ultimi anni ce ne sono state 3 che hanno incontrato un grande favore di pubblico: queste sono eToro, ForexTB e Plus500.

    eToro: leader mondiale di Social Trading

    La prima piattaforma che andremo a presentare è eToro (qui il sito ufficiale), famoso broker israeliano, molto amato dalla community per i suoi strumenti innovativi.

    eToro è, infatti, leader mondiale di Social Trading, una funzione che offre tutti i vantaggi di un moderno social network ma legato al mondo degli investimenti online.

    Lo strumento più apprezzato di eToro è, però, il Copy Trading (da provare qui). Questo strumento offre la possibilità di copiare letteralmente ogni investimento compiuto da un altro utente, magari più esperto.

    Iscriviti su eToro e sfrutta il Copy Trading per investire sui mercati!

    Questo si traduce in vantaggio per ambo le parti: l’utente inesperto potrà replicare gli investimenti dei migliori trader presenti sulla piattaforma, mentre i secondi riceveranno dei bonus legati al numero di follower.

    Il tutto è contornato da una piattaforma molto intuitiva, che strizza sicuramente l’occhio anche ad utenti meno esperti o addirittura principianti.

    I vantaggi di eToro

    Il deposito minimo è nella media e si attesta sui 200 euro. Caricata questa cifra si potrà subito accedere ai mercati e comprare anche azioni Tesla o azioni Amazon.

    Tra gli asset offerti dal broker, spicca la possibilità di acquistare criptovalute in maniera tradizionale, dunque senza utilizzare i CFD.

    Compra azioni con eToro ed iscriviti subito con soli 200 euro!

    eToro si presenta come un ottimo broker sia per principianti che per trader esperti e i suoi strumenti peculiari, oltre alla possibilità di acquistare criptovalute, faranno il piacere di molti investitori.

    ForexTB: comprare azioni AutoDesk con i segnali di trading

    Altra piattaforma molto apprezzata è ForexTB (sito ufficiale qui). Questo broker è particolarmente indicato per chi ha poca o nessuna esperienza con il trading online.

    ForexTB mette, infatti, a disposizione in maniera gratuita di guide e video lezioni, in cui viene sviscerato ogni aspetto di questa attività.

    Oltre a ciò, presenta un’ottima offerta di utilissimi segnali trading (disponibili gratis, iscriviti qui). Questi sono consigli ed indicazioni sugli investimenti, importantissimi anche per coloro che hanno già dimestichezza con questa attività.

    Sfrutta anche tu i segnali di trading e iscriviti su ForexTB!

    Avere questi strumenti a disposizione è di vitale importanza per un settore come il trading online. Nonostante possa sembrare molto semplice ed intuitivo, rimane comunque una forma di investimento. Pertanto affrontarlo senza la dovuta preparazione può portare solo rischi inutili.

    Anche qui abbiamo una piattaforma proprietaria molto curata ed intuitiva.

    Inoltre è presente una seconda piattaforma, MetaTrader 4, apprezzatissima nel settore, soprattutto dagli utenti esperti grazie alla quantità e alla qualità degli strumenti messi a disposizione.

    ForexTB è un broker dell’Ivy League del settore e ciò per ragioni molto precise. L’offerta formativa è di altissimo livello e la possibilità di scegliere tra due diverse piattaforme, pone questo broker nell’olimpo del trading online.

    Utilizza MetaTrader4 ed investi su azioni con ForexTB!

    Plus500: asset per tutti i gusti

    Ultimo broker da analizzare è Plus500 (sito ufficiale qui), broker israeliano con sedi nel Regno Unito e a Cipro.

    Caratteristica principale di questo broker è l’incredibile scelta in fatto di asset proposti. Sono più di 2.000 le scelte possibili, tra cui materie prime, valute fiat e anche criptovalute.

    Inoltre, la piattaforma dispone di ben 3 piattaforme di trading, ognuna ottimizzata per determinate specifiche.

    Fai trading online comodamente da mobile ed iscriviti su Plus500!

    Tra queste spicca una piattaforma per il trading da mobile, ottimizzata per tutti i dispositivi iOS e Android. Nonostante sia una piattaforma mobile risulta molto fruibile, che poco ha da invidiare ad una canonica piattaforma da PC.

    Un grosso vantaggio offerto da Plus500 è il deposito minimo sotto la media. Basteranno, difatti, 100 euro per iscriversi ed iniziare a fare trading.

    Plus 500 risulta un ottimo broker per tutti i palati. Inoltre il deposito minimo molto basso non è da sottovalutare, soprattutto per i principianti, a cui non è consigliato investire sin da subito grandi somme di denaro.

    Investi in criptovalute con solo 100 euro su Plus500!

    Comprare azioni AutoDesk: conclusioni ed opinioni

    La storia di questa società ci ha mostrato quanto essa sia solida e in piena ascesa. Leader nel settore dei software di rendering, non sembra mostrare particolari criticità.

    Nonostante i pericoli che una qualsiasi crisi possa portare per molte società, AutoDesk dimostra di potersi difendere bene, mostrando grande solidità da un punto di vista finanziario.

    Le prospettive future sono interessantissime. Il settore e in ascesa e AutoDesk ne è il leader assoluto. Gli analisti sono dunque d’accordo nel prevedere un’imminente ascesa di questa società, il che si traduce in ottime possibilità per gli investitori.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un commento