Mercati azionari

Comprare azioni McDonald: analisi e consigli per iniziare ora

Comprare azioni McDonald è davvero un buon affare? Nel panorama dei tanti titoli disponibili sul mercato azionario, non si può in alcun modo non tenere conto di uno dei titoli che maggiormente rappresenta l’ideale americano di società di successo: ed è proprio McDonald.

In questa guida completa noi di Mercati24 analizzeremo a fondo il titolo e la società McDonald, restituendo a tutti gli investitori che fossero interessati un quadro chiaro delle analisi da svolgere e dagli approcci possibili a questo titolo.

In particolar modo terremo conto delle opinioni sia dei dipendenti che dei clienti della famosa catena di fast food. Se la psicologia di trading, infatti, è alla base di numerose strategie di investimento, parimenti essa è capace di decidere del successo o dell’insuccesso di un’azienda.

Infine, uno spazio apposito verrà dedicato agli strumenti adatti a investire sulle azioni McDonald e alle migliori piattaforme che te li mettono a disposizione. Un esempio? eToro è tra le migliori piattaforme gratuite: tra gli altri servizi offre la possibilità di copiare in tempo reale investimenti sull’azionario fatti da altri professionisti.

McDonald: conoscere l’azienda

La storia di McDonald è diventata ormai leggenda. Vi si sono fatti studi approfonditi in ambito accademico e vi è stata dedicata anche una pellicola, The Founder, di John Lee Hancock.

La storia dell’azienda, infatti, parte nel 1938, con la fondazione del primo ristorante, il “McDonald’s Bar-B-Q” di San Bernardino. I fratelli Dick e Mac McDonald mettono in pratica un innovativo e rivoluzionario sistema di preparazione e gestione della produzione che permette di gestire numerosi ordini contemporaneamente.

Nasce, con loro, il concetto di fast food.

A portare l’azienda al livello globale sarà, tuttavia, Ray Krock, che fondò e assunse il controllo della McDonald’s Corporation nel 1955. Da allora la società ha iniziato una vertiginosa diffusione prima negli Stati Uniti e poi, a partire dal 1967, nel resto del mondo.

Attualmente la società può contare su oltre 30.000 ristoranti in tutto il mondo e un numero di dipendenti che supera il milione e mezzo e un afflusso giornaliero di persone stimato di oltre 68 milioni di persone.

Il 70% dei ristoranti sono gestiti tramite franchising, ma la McDonald’s Corporation, sebbene li dia in gestione ai privati, detiene il possesso del terreno su cui sono ubicati. La libertà d’impresa concessa ai gestori del ristorante è molto limitata e il controllo sulla qualità e sulla tipologia dell’offerta è stata fin dal principio una caratteristica distintiva della società.

Nel tempo l’offerta di McDonald si è andata diversificando e attualmente abbraccia una ampia categoria di distribuzione di generi alimentari, rivoluzionando completamente il concetto stesso di fast food tradizionale da essa stessa introdotto.

Leggi anche: comprare azioni Moncler

Investire in azioni McDonald conviene?

McDonald’s Corporation è una società da record anche dal punto di vista finanziario. Si tratta di una delle società globalmente considerate too big to fail, con una capitalizzazione di mercato di oltre 127,75 miliardi di dollari e fatturati in costante aumento.

Nel 2019 la società ha registrato un fatturato di 21,08 miliardi di dollari, in aumento del 0,24% rispetto all’anno precedente, con proventi netti di oltre 6,07 miliardi di dollari.

Si tratta di dati estremamente rilevanti se si considera che è dall’inizio del millennio che, nonostante le variazioni dell’opinione pubblica nei confronti del brand, i proventi aziendali sono stati sempre in aumento.

Le azioni McDonald, del resto, sono costrette a confrontarsi con un settore che è notoriamente saturo. Non diversamente dal settore delle bibite, infatti, anche la ristorazione risulta essere decisamente punitiva per quel che riguarda le performance dei titoli sul breve termine.

Osservando un grafico delle azioni McDonald’s ci si rende conto, infatti, che la crescita risulta essere costante se si considerano periodi anche sufficientemente ampi. In periodi brevi le oscillazioni sono frequenti, per quanto di entità relativamente ridotta.

Si tratta, di conseguenza, di un titolo che favorisce gli investimenti sul lungo periodo e che è caratterizzato da una presenza massiccia di investitori istituzionali (circa 2172, che detengono il 71,36% del pacchetto azionario).

Per quanto riguarda gli investimenti online, di conseguenze, capaci di mettere in campo capitali limitati, si consiglia di non optare per una soluzione di acquisto diretto. La distribuzione dei dividendi da parte della società è costante ma l’ammontare di questi non rendono l’operazione vantaggiosa.

Investire in azioni McDonald’s conviene?

Ebbene, sì. Ma sono necessari gli strumenti giusti: i CFD.

Comprare azioni McDonald: le piattaforme di CFD

I CFD (Contracts for Difference) sono strumenti finanziari derivati. Letteralmente “contratti per differenza”, questi permettono di investire non sul possesso delle azioni della società quanto piuttosto sulle variazioni di quotazione delle stesse.

Andando a comprare direttamente azioni McDonald, infatti, si può ricavare profitto esclusivamente dalla variazione in positivo delle sue quotazioni (un semplice ragionamento di prezzo di vendita – prezzo di acquisto).

Se il prezzo delle azioni delle società invece di salire, scende allora si perdono soldi, in quanto il valore delle azioni possedute risulta essere inferiore al capitale impiegato per acquistarle.

Impiegando i CFD, invece, non si va a possedere un numero di azioni quanto, piuttosto, si investe sulle variazioni di prezzo di una certa unità di volume, il lotto. Se si investe sul rialzo delle quotazioni McDonald’s con i CFD si va ad investire sull’aumento di valore del lotto stesso.

Parimenti, una simile operazione può essere eseguita anche investendo al ribasso. In questo modo possono essere sfruttati ambo i trend lungo i quali può svilupparsi un titolo.

In altre parole, i CFD risultano essere uno strumento estremamente flessibile pensato appositamente per gli investimenti online, ovvero per operazioni sul breve periodo.

Ecco una lista delle migliori piattaforme CFD per comprare azioni McDonald:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    79.20 % dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: ubrokers
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Formazione Gratuita
  • Zero Commissioni
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Migliori piattaforme per comprare azioni McDonald?

    Ebbene, di seguito presentiamo alcune brevi recensioni delle migliori piattaforme riportate nell’elenco soprastante, che rendono possibile l’accesso al mercato dei CFD.  Prima su tutte eToro.

    Registrarsi su eToro: come e perché?

    Registrarsi su eToro è un’operazione semplice, che prende poco più di una manciata di secondi:

    1. Clicca qui per accedere direttamente alla pagina di registrazione
    2. A questo punto riempi il form con i tuoi dati
    3. Complimenti, puoi già accedere a eToro e negoziare azioni

    Una volta scelto il nome utente, la password e aver inserito l’e-mail, non scordarti di spuntare sia i “Termini e condizioni di eToro Europe Ltd.” Sia “Informativa sulla privacy e sui cookie”, come in qualsiasi altra registrazione su Internet.

    Perché registrarsi su eToro?

    Il motivo è semplice: il Copy Trading.

    Il Copy trading di eToro, infatti, è uno degli strumenti più efficaci nel panorama del trading online. Questo permette agli utenti di copiare automaticamente gli investimenti dei professionisti che operano sul broker, in modo da ricavare profitti proporzionali ai loro anche se non si posseggono le conoscenze necessarie a realizzarli.

    D’altro canto eToro concede ai principali trader dei bonus proporzionali al numero di followers che accumulano periodicamente, sicché anche i professionisti ottengono vantaggi dal meccanismo.

    Iscriviti a eToro 100% gratis: clicca qui.

    Ricordiamo che sulla piattaforma di eToro, l’azionario è ampiamente disponibile e permette di operare anche su altri titoli: ad esempio è possibile comprare azioni Tesla o comprare azioni Caterpillar.

    Comprare azioni McDonald: le alternative ad eToro

    eToro non è l’unica soluzione per investire online: vi sono altre due piattaforme particolarmente indicate, che ti forniscono gli strumenti adatti per realizzare una buona analisi tecnica del titolo McDonald’s:

    1 – ForexTB

    ForexTB è un broker che si è contraddistinto per l’offerta gratuita di uno strumento molto utile per capire quando inserirsi sul mercato: i segnali di trading.

    I segnali di trading di ForexTB vengono comunicati quotidianamente agli utenti e non presentano alcun costo aggiuntivo. Chiunque si iscrive sulla piattaforma e apre un conto di trading li riceve automaticamente, senza nemmeno doverne fare esplicita richiesta.

    Oltre ai segnali, ForexTB ti permette di accedere ad un comodissimo manuale di trading formato e-book (da scaricare gratis qui) per apprendere tutti gli aspetti tecnici dell’investire online.

    In ogni caso, per quanto riguarda l’azionario ForexTB è davvero un broker all’avanguardia. Permette di negoziare a ZERO commissioni su molti titoli: ad esempio con questo broker si possono comprare azioni Google oppure si possono anche comprare azioni Facebook.

    2 – Trade.com

    Trade.com (qui il sito ufficiale) è la piattaforma di riferimento quando si tratta di apprendere tutti i segreti e gli aspetti più tecnici degli investimenti online.

    Se ForexTB mette a disposizione un manuale, infatti, Trade.com completa l’offerta con video-lezioni (video-corso completo di trading qui), corsi per principianti e corsi avanzati, webinar e tanto altro.

    Calendari economici aggiornati, inoltre, risultano essere estremamente utili anche per realizzare una buona analisi fondamentale dei principali titoli offerti, comprese le azioni McDonald’s.

    Trade.com è broker molto specializzato sul mercato azionario e lo dimostra anche il fatto che sul suo sito si possono comprare azioni Coca Cola e azioni Exxon Mobil.

    McDonald’s: una società di impatto globale

    Investire sulle azioni McDonald’s è impossibile senza considerare l’effettiva presenza della compagnia nella società contemporanea.

    Il marchio McDonald’s si è ormai sedimentato nella cultura pop del nuovo millennio come sinonimo di globalizzazione e libero mercato. Abbiamo detto che la società può contare su oltre 30.000 ristoranti in tutto il mondo, il 70% dei quali in franchising?

    Ebbene, questo ha contribuito alla fama del logo di McDonald’s, riconosciuto dagli esperti del settore come il logo di maggior successo in assoluto: i golden arches che compongono la “M” di McDonald, infatti, risultano essere riconosciuti e ricondotti alla società dall’88% della popolazione occidentale (Europa e America).

    Tra le tante cose rilevanti che attestano la fama della società statunitense vi è la Golden Arches Theory, secondo la quale paesi che presentano al loro interno dei ristoranti McDonald’s non sono mai entrati in aperto conflitto tra loro e che considera il prezzo del Big Mac un indicatore informale del potere di acquisto nelle varie nazioni.

    Queste sono solo alcune curiosità su una società che è 90° al mondo per fatturato, ma 1° per fama e impatto.

    McDonald’s: in quali settori opera?

    Contrariamente a quanto si può pensare, McDonald’s non è solo attiva nel settore della ristorazione. La compagnia americana, infatti, è anche il più grande distributore al mondo di giocattoli.

    Lo storico contratto per lo sfruttamento dei personaggi che la Disney e McDonald’s hanno stipulato ormai da tempo, infatti, permette alla società di fidelizzare ancor di più una ampia fetta di consumatori, costituita da minorenni e famiglie.

    Il 20% delle vendite è composto dagli Happy Meal, che hanno in allegato un giocattolo ricavato dall’immagine di un personaggio Disney.

    Si tratta di un contratto che ha visto una sola interruzione in tutta la sua storia, dal 2006 al 2012, ed ha un valore complessivo che supera il miliardo di dollari.

    Oltre a questo McDonald’s è attiva anche nel settore immobiliare: la società, infatti, possiede tutti i terreni su cui sono edificati i propri ristoranti, compresi quelli dati in franchising.

    Approfondisci: Comprare Azioni Conviene?

    McDonald’s: il rapporto con i dipendenti

    Un altro punto fondamentale circa l’importanza di una compagnia come McDonald’s riguarda il rapporto con i dipendenti e in che modo esso è in relazione con la sua fama.

    Specialmente per i ristoranti direttamente posseduti dalla società, infatti, questi sono stati tra i primi ad introdurre personale a contratto determinato. Si è trattato di un ovvio vantaggio fiscale per la società ma di un altrettanto vantaggio anche per il brand.

    Secondo alcune stime, infatti, negli Stati Uniti 1 lavoratore su 8 è stato un dipendente McDonald’s e non sono pochi i personaggi famosi dello spettacolo che, nella loro vita, hanno servito dietro i banconi dei ristoranti della compagnia.

    Questo ha aiutato notevolmente la diffusione di una generale affezione nei confronti del brand.

    Anche se spesso contestato, il lavoro presso McDonald’s, specialmente nei ristoranti di proprietà, non viene mai a mancare e le stime rendono noto che i contratti a tempo determinato o di collaborazione occasionale permettono alla società di impiegare, ogni anno, un milione di nuovi lavoratori.

    Le proteste avvenute nel corso degli anni hanno per lo più coinvolto i lavoratori ingaggiati a tempo indeterminato, che lamentano una condizione di lavoro alienante specialmente nel reparto di produzione degli alimenti.

    I lavoratori a tempo determinato, invece, hanno aiutato il brand a diffondersi ulteriormente sul territorio.

    McDonald’s: il rapporto con i clienti

    Il marchio McDonald’s iniziò la propria campagna di marketing spingendo prevalentemente sulle caratteristiche “fast” del suo “food”.

    Attualmente le campagne di marketing della società spingono esattamente nella direzione indicata dalle principali campagne di contestazione, obbedendo a quello che è diventato un principio fondamentale del marketing contemporaneo.

    Dopo qualche sbandamento agli inizi del nuovo millennio, il colosso del fast food mondiale ha accettato le accuse che gli sono state rivolte dalle organizzazioni ambientaliste e salutiste, prima tra le quali Greenpeace, e ne ha fatto il suo cavallo di battaglia.

    In questo modo opinione pubblica e politica aziendale di branding coincidono a pieno: McDonald’s non è visto come una catena di ristorazione sana.

    I suoi prodotti, è stato dimostrato scientificamente, sono dannosi per l’organismo e possono provocare, se consumati con costanza, a patologie anche letali.

    Ecco perché McDonald’s si presenta come il prodotto della trasgressione e del vizio, come un piacere esclusivamente del palato che ci si concede. Tutto questo racchiuso nel motto funzionale “I’m lovin’ it” che ha contribuito a riportare in auge il prodotto negli ultimi anni.

    Un’opinione pubblica controversa che proprio per questo contribuisce alla fama del prodotto: si tratta della più importante conquista di McDonald’s negli ultimi anni.

    McDonald’s: la concorrenza

    La concorrenza della società è portata avanti principalmente da altre catene di fast food americane, ognuna delle quali si è dimostrata capace di ritagliarsi un proprio settore specifico.

    Da un punto di vista di branding, l’unica società che si pone come diretta concorrente di McDonald’s, ovvero che punta al medesimo settore, è Burger King.

    Nonostante la diatriba aperta tra la clientela, effettivamente scissa tra i due marchi, Burger King rimane comunque una società di seconda fascia: può vantare una diffusione decisamente ridotta rispetto a McDonald’s (ne possiede la metà, circa) e di un fatturato di 9,9 miliardi di dollari.

    Le due società, dopo essere state in aperto conflitto per numerosi anni, attualmente hanno optato per una soluzione di reciproca sopportazione, dando il via a campagne di marketing combinate, come quella del “A day witout whooper” di Burger King, associata al “McHappy day” di McDonald’s.

    McDonald’s rimane comunque leader indiscusso nel settore e prima società di ristorazione per fatturato al mondo.

    Comprare azioni McDonald’s: in conclusione

    In conclusione, comprare azioni McDonaldsignifica operare con uno dei leader indiscussi nella ristorazione mondiale.

    Come succede per la maggior parte delle società leader, dunque, la questione che si pone non è tanto se investire o meno. Il problema è, piuttosto, come investire, quali strumenti risultano essere maggiormente adatti ad un titolo del genere.

    Con questa guida, oltre a mettere in luce i pregi e i difetti delle azioni McDonald’s, infatti, abbiamo introdotto anche uno strumento estremamente utile per aver ragione di titoli appartenenti a settori saturi come quello della ristorazione.

    Comprare azioni McDonald tramite una delle tre piattaforme indicate, infatti, permette di trarre dei proficui vantaggi sia dai rialzi che dai ribassi del titolo.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un commento