Mercati azionari

Comprare azioni Webuild: guida completa e aggiornata 2020

Vale la pena comprare azioni Webuild? se si, come farlo e dove? Questa tipologia di domande sono soltanto alcune delle tante che i lettori di questo sito ci hanno posto nel corso del tempo.

Mercati24 nell’articolo di oggi si impegnerà a fornire una risposta completa ed esauriente su questo importante titolo azionario, per sapere se le azioni Webuild sono un investimento valido. Se la risposta sarà affermativa, daremo anche tutte le informazioni su come farlo nel miglior modo possibile.

Webuild S.p.A., è dal 2020 il nuovo nome dato all’originaria Salini Impregilo S.p.A., ed è un gruppo italiano che opera nel settore delle costruzioni e dell’ingegneria. Questa società è attiva in oltre 50 paesi nella costruzione di dighe e impianti idroelettrici, oltre che di opere idrauliche, ferrovie, metropolitane, aeroporti e costruzioni civili e industriali.

Il gruppo, che nacque nel 2014 dalla fusione di Salini S.p.A. e Impregilo S.p.A. (due aziende italiane attive nel settore delle costruzioni), è al primo posto nella classifica delle imprese italiane operanti all’estero.

Webuild è quotata nell’indice FTSE Italia Mid Cap della Borsa di Milano ed è soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte della Salini Costruttori S.p.A.

La guida di oggi, quindi, andrà a fare diverse valutazioni su questo titolo e tratterà la sua storia, si andranno a fare delle analisi personalizzate per appurarne la salute e si vedranno i vantaggi e svantaggi di Webuild.

Inoltre, vedremo quali sono le modalità di investimento che si possono condurre,  descrivendo alcune delle piattaforme dove poterci investire. Una di queste, eToro (visita il sito ufficiale), grazie al suo Copy Trading permette anche ai nuovi arrivati nel trading di ottenere dei profitti.

Iniziamo la nostra guida dopo aver scritto questa breve intro.

Elenco migliori piattaforme per comprare azioni Webuild

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo gratis
  • Corso trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    79.20 % dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita Illimitata
  • Deposito minimo basso
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Comprare azioni Webuild: storia del gruppo

    Un ottimo metodo per valutare un titolo per decidere se investirci o meno tramite un buon broker online come ForexTB, è quello di guardare alla sua storia nel tempo.

    Le origini del gruppo Webuild sono da ricercarsi nella Impregilo, in origine un consorzio di imprese formato nel 1955 per edificare la diga di Karibam fra lo Zambia e lo Zimbabwe. Al termine della costruzione il consorzio si costituì in una vera e propria società, la Impregilo S.p.A. per occuparsi dei grandi lavori edilizi all’estero.

    Tra l’1989 e il 1990 anche la Fiat Impresit si unì all’Impregilo.

    Un’importante acquisizione avviene nel 2006, quando la società Fisia Italimpianti diventa di proprietà del gruppo al 100%.

    Dal 2007 al 2011 l’assetto azionario di maggioranza era composto da un patto in modo paritetico al 33% tra le società Argofin (famiglia Gavio), Autostrade ( Benetton) e Immobiliare Lombarda ( famiglia Ligresti).

    Alle fine del 2011 Il gruppo Gavio divenne l’azionista di maggioranza relativa.

    L’altro fondatore di Webuild: Salini

    Il gruppo Salini nasce nel 1936 a Roma. Sin dall’inizio delle sue attività, la società è cresciuta fino a diventare il terzo gruppo italiano nel settore dell’edilizia. Nel 2011, quindi, acquistando azioni sul mercato, Salini diventa azionario di Impregilo S.p.A.

    Nel 2013 Salini lancia un’offerta pubblica di acquisto sulle azioni ordinarie Impregilo, ancora non in suo possesso, a 4 euro l’una. Con quest’Opa, Salini ottiene la quota dell’86,5% delle azioni Impregilo.

    A inizio 2014, viene ufficializzato il progetto di incorporazione di Salini in Impregilo. Il nome del gruppo diventa Salini Impregilo S.p.A, rimanendo sempre quotato in borsa.

    La neonata società è attiva nella realizzazione di grandi opere edilizie attraverso i suoi 31.000 dipendenti di numerose nazionalità. Nel 2013 i ricavi registrati sono stati di circa 4 miliardi di euro e il suo portafoglio ordini era pari a 29 miliardi, di cui 21,9 miliardi nelle costruzioni.

    Nel 2020, Salini Impregilo decide di cambiare la sua denominazione e il nome del gruppo diventa quello di Webuild. La parola build sta a rappresentare il DNA dell’azienda di infrastrutture, mentre il We vuole esprimere l’importanza per il gruppo delle persone e della squadra che ne fanno parte.

    Si può vedere, quindi, come nel corso degli anni questo gruppo sia stato uno dei protagonisti del made in Italy nell’edilizia, ed è riuscito a costruire importanti strutture sia in Italia che all’estero. Non a caso, infatti, è al primo posto nella classifica delle imprese italiani che lavorano all’estero.

    Comprare azioni Webuild: presenza nel mondo

    Webuild risulta attiva in oltre 50 paesi in tutto il mondo, nella costruzione di grandi infrastrutture complesse e nelle attività di concessione. Con il suo know how ingegneristico progetta e costruisce dighe, impianti idroelettrici, autostrade, ferrovie, metropolitane, ospedali, costruzioni civili e industriali.

    Nel corso del tempo ha costruito più di 257 dighe e impianti idroelettrici, una insieme di 6.830 km di linee ferroviarie e quasi 400 km di linee metropolitane. Webuild, inoltre, ha edificato oltre 51.660 km di strade e autostrade e 350 km di ponti.

    Insomma, questo è un gruppo di tutto rispetto, un colosso dell’edilizia che potrebbe rivelarsi un’occasione particolarmente interessante da avere nel proprio portafoglio investendo tramite un broker certificato come Plus500.

    Approfondisci, leggi altri articoli per investire sui titoli italiani:

    Webuild: un’analisi del titolo

    Quando ci prepariamo a condurre un investimento su una azienda come Webuild, non dobbiamo lasciare nulla al caso. Un esempio è quello di fare una seria analisi sul titolo. Per fare una analisi non si può improvvisare, ma bisogna possedere competenze, dedicarsi con pazienza e spendere del tempo.

    Mercati24 andrà a condurre le principali analisi su questo gruppo per permettere a coloro che sono alle prime armi di iniziare a farle da soli.

    Innanzitutto, bisogna esser messi a conoscenza del fatto che ci sono due tipi principali di analisi:

    • L’analisi fondamentale;
    • L’analisi tecnica.

    Con la prima andremo a studiare il maggior numero di informazioni disponibili su Webuild per poterne stabilire il valore reale.

    Il secondo tipo di analisi, diversamente, è una tipologia di studio che prende in considerazione l’andamento del titolo nel corso del tempo e lo analizza. Attraverso questa, quindi, saremo in grado di prevedere la futura tendenza delle azioni del titolo e comprendere la quotazione attuale che sta vivendo.

    Integrando i risultati di entrambe le analisi, avremo degli ottimi dati con cui poter decidere se investire o meno tramite un broker serio come eToro.

    Comprare azioni Webuild: analisi fondamentale

    La nostra prima analisi permetterà a chi non ha ancora le competenze necessarie di condurre da sé un’analisi fondamentale su un titolo di interesse.

    Possiamo sin da ora affermare, come ribadito più volte, che il gruppo Webuild è uno dei più importanti nel panorama italiano e internazionale.

    Questa società di edilizia ha la propria sede principale a Milano e Roma. Il gruppo, come raccontato nei paragrafi precedenti è stato fondato nel 2020 e la sua vecchia denominazione era Salini Impregilo S.p.A.

    La Salini S.p.A era stata fondata da Pietro Salini, mentre l’Impregilo S.p.A era un consorzio edilizio con varie società al suo interno.

    Nel corso degli anni il gruppo ha fatto diverse acquisizioni nel panorama italiano per incrementare la sua posizione di azienda leader del settore.

    Azioni Webuild: dati finanziari

    Per avere un quadro completo di questo titolo italiano, in questo paragrafo verranno trattati i principali dati finanziari di Webuild.

    Cominceremo mostrando i numeri della capitalizzazione della società, che sono stati pari a 969.613.281 milioni di euro nello scorso anno.

    Per quanto riguarda il fatturato, prendendo in considerazione i dati relativi al 2018 questo è stato di 6 miliardi di euro. Una cifra decisamente elevata.

    L’utile netto conseguito è stato di 180 milioni di euro, sempre considerando i dati del 2018. Questo risultato è stato leggermente superiore a quello dell’anno precedente.

    La sua piazza di quotazione è quella italiana della Borsa di Milano, con il ticker WBD-I. Essendo un titolo nostrano, tutti i traders italiani potranno effettuare operazioni su di esso senza avere ritardi causati da un fuso orario o altro, come nel caso di un titolo americano.

    Questo permette di muoversi con velocità, un fattore fondamentale nel trading.

    Tenendo sempre in considerazione i dati del 2018, osserviamo come il numero di dipendenti di Webuild sia stato di ben 50.000 lavoratori tra diretti e indiretti. Questi provengono e lavorano da tutto il mondo e sono una dimostrazione della forza internazionale del gruppo.

    Le persone chiavi della società sono il presidente Donato Iacovone e l’amministratore delegato Pietro Salini, che fa parte della famiglia Salini, fondatrice della  precendente società Salini S.p.A.

    Webuild: Azionariato

    In relazione all’azionariato di Webuild, questo si compone nella seguente maniera:

    • Salini Costruttori S.p.A detiene la quota maggioritaria con il 44,99% delle azioni;
    • Cdp Equity S.p.A ha in mano il 18,68%;
    • Intesa San Paolo S.p.A detiene il 5,27%;
    • Unicredit S.p.A possiede anch’essa il 5,27%;
    • Banco BPM S.p.A controlla una piccola percentuale dello 0,67;
    • Uno 0,15% sono azioni proprie;
    • Il restante 24,97% sono azioni flottante.

    Possiamo notare come all’interno dell’azionariato si trovino diverse banche italiane importanti e anche Cassa Depositi e Prestiti, ossia lo stato.

    Un’informazione di questo tipo porta con sé diverse conseguenze interessanti.

    Innanzitutto, la presenza dello Stato con Cdp Equity testimonia la validità del titolo ed è un indizio del fatto che se mai dovesse vivere dei problemi finanziari, lo Stato si attiverebbe per aiutare Webuild.

    Un così alto numero di banche italiane tra gli azionisti, invece, è la dimostrazione che inserire il gruppo nel proprio portafoglio grazie ad una piattaforma come Plus500 potrebbe rivelarsi particolarmente fruttuoso. Infatti, le banche sono solite a comprare azioni di titoli di cui sono certe di ottenere dei ritorni economici.

    Tutto ciò non può che giovare i possibili traders che puntano su Webuild.

    Webuild: prospettive future e competitors

    Sulle prospettive future del gruppo italiano possiamo dire che c’è l’intenzione di continuare a consolidare la propria posizione e sfruttare le nuove opportunità che nasceranno dall’arrivo dei soldi del recovery fund europeo per nuovi progetti edilizi e di ammodernamento delle strutture della nazione.

    Webuild sarà sicuramente tra le aziende che vinceranno maggiori bandi pubblici per costruire nel prossimo futuro.

    Tra i competitors del gruppo si possono trovare alcune delle più grosse realtà internazionali e italiane come:

    • Sir Robert McAlpine;
    • Soletanche;
    • Bam Nuttall;
    • VolkerFitzpatrick;
    • Sacyr;
    • North Midalnd Construction;
    • Inyatsi Construction Group Holdings;
    • Macmahon;

    Tutte queste società sono tra le migliori al mondo in ambito edilizio, ed il competere con esse non può che essere visto come un merito da parte di Webuild.

    Proprio la competizione con questi colossi del settore non può far altro che invogliare il gruppo a migliorarsi costantemente per non perdere terreno. Questo, quindi, non può che rendere felici gli investitori, in quanto il titolo cercherà di essere sempre un passo avanti e ciò si rifletterà sul valore azionario.

    Se si decidesse di inserire Webuild nel proprio portafoglio, si consiglia di adoperare un broker sicuro come ForexTB.

    Comprare azioni Webuild: analisi tecnica

    Terminata la nostra prima analisi, possiamo passare a quella successiva, ossia l’analisi tecnica. Grazie a questo tipo di studio saremo in grado di ottenere delle informazioni estremamente dettagliate sull’andamento del titolo e cogliere il momento migliore per operare su di esso.

    Per farla, siamo andati a prendere in prestito un grafico dal broker online Plus500. Si tratta di un grafico a candele giapponesi. Questa tipologia è tra le più utilizzate nel trading online perché è molto semplice da capire e fornisce numerosi dati.

    Inoltre, all’interno del grafico sono stati inseriti due indicatori, detti medie mobili semplici. Attraverso questi indicatori possiamo scoprire i momenti più indicati per iniziare il nostro investimento.

    Il grafico è quello qui sotto:

    comprare azioni webuild

    Come si può vedere, abbiamo cerchiato di bianco due momenti in cui gli indicatori si intersecano. Queste intersezioni stanno a voler dire che quello è il momento più opportuno per aprire la nostra posizione.

    Nel primo caso, notiamo come il titolo italiano stia per vivere una decisa crescita. In una situazione di questo tipo l’operazione più conveniente che potremmo fare sarebbe quella di acquistare fino a quando dura il trend

    Nel secondo caso, invece, possiamo osservare come Webuild si prepari a vivere un forte ribasso. Con questo tipo di situazione possiamo decidere di utilizzare i CFD. Infatti, grazie a questi saremo in grado di sfruttare il momento di calo vissuto dal titolo.

    Abbiamo concluso le nostre analisi, e siamo stati in grado di fornire tutti gli strumenti utili a coloro che sono alle prime armi per condurre le proprie analisi in autonomia.

    Dopo aver condotto le nostre due analisi, dobbiamo integrare i risultati ottenuti. In questo modo, infatti, saremo in grado di fare investimenti consapevoli e di qualità.

    Comprare azioni Webuild conviene? Pregi e difetti

    Abbiamo trattato su diverse informazioni relative al gruppo Webuild e ora possiamo iniziare a trarre delle considerazioni sulla convenienza del titolo parlando dei pregi e difetti riscontrati.

    Per quanto riguarda i primi, Webuild è sicuramente un gruppo leader del settore in Italia e all’estero, competendo con i migliori al mondo.

    Il numero di opere edilizie che ha costruito in giro per il pianeta e in Italia è enorme e sono tutte di qualità e con una importanza strategica in vari settori. Dalle dighe idroelettriche, alle ferrovie, autostrade , metropolitane e tanto altro, Webuild ha messo il suo tocco un po’ dappertutto.

    Inoltre, il gruppo rilascia dei dividendi ogni anno, e questa è una buona notizia in quanto si tratta di guadagni certi per chi ne acquista le azioni.

    Per quanto riguarda i difetti, invece, questi possono essere ridotti ad uno. Ci riferiamo al rallentamento del settore edilizio che si è avuto durante il lockdown a causa della pandemia da Coronavirus.

    La situazione attuale, che è parecchio instabile, ha portato le azioni Webuild a calare, in quanto i progetti di costruzione in corso sono stati messi in pausa e bisognerà aspettare del tempo prima che la situazione si sblocchi.

    Un possibile scenario che bisogna considerare è l’arrivo dei soldi dell’Unione Europea per le perdite avute dall’Italia durante il Lockdown. Con questi soldi, infatti, si andranno a rimodernare molte infrastrutture e a costruirne di nuove.

    In questa situazione, quindi, bisognerà vedere come Webuild si comporterà e a quali progetti di costruzione parteciperà.

    Dopo aver visto i vantaggi e svantaggi del titolo, scopriamo come è possibile investirci sopra.

    Approfondisci, leggi anche le nostre guide per altri titoli del settore costruzioni come:

    Come acquistare azioni Webuild? Tipi di investimento

    Quando prendiamo la decisione di comprare azioni Webuild, disponiamo di due tipi principali di investimento: possiamo acquistare in maniera diretta oppure utilizzare i CFD tramite un broker riconosciuto come eToro.

    Con l’acquisto diretto, ci troviamo di fronte una tipologia di investimento usata principalmente dai grandi investitori che hanno a disposizioni ingenti capitali.

    Bisogna sapere, però, che non è detto che questi investitori operino soltanto con l’acquisto diretto. Infatti, questo metodo è utilizzato principalmente quando si vuole investire sul lungo periodo.

    L’acquisto di vere e proprie azioni, diversamente dall’uso dei CFD, permette di partecipare alle assemblee degli azionisti e di possedere un potere decisionale pari alla percentuale di azioni possedute.

    Inoltre, per usare questo tipo di investimento bisogna solitamente rivolgersi ad istituti finanziari come le banche, che applicano numerose commissioni per ogni singola operazione.

    Da qui, quindi, il motivo per cui l’acquisto diretto è generalmente utilizzato dai grandi investitori. Proprio per i motivi elencati, non è la scelta ideale per i traders con piccoli capitali a disposizione. Questi, infatti, preferiscono condurre operazioni che siano più veloci, costino di meno e siano più versatili.

    Tutto ciò ci porta a parlare dei CFD, che saranno trattati adeguatamente nel prossimo paragrafo.

    Comprare azioni Webuild con i CFD

    I CFD (Contracts For Difference) sono il corrispettivo italiano dei Contratti per Differenza. Si tratta di un particolare strumento derivato che viene utilizzato quando si investe tramite una piattaforma affidabile come ForexTB.

    La particolarità principale dei CFD è la loro versatilità. Infatti, questi strumenti derivati permettono di investire su di un titolo sia quando esso vive un momento al rialzo, sia quando sta subendo un ribasso.

    Con i CFD, quindi, possiamo sfruttare a nostro vantaggio tutti quei momenti in cui un titolo non sta performando bene e non converrebbe comprare direttamente.

    Inoltre, i Contratti per Differenza hanno un costo di molto inferiore rispetto all’acquisto diretto di azioni. Un svantaggio che portano con sé, però, è quello di non poter partecipare alle assemblee degli azionisti, in quanto non acquisteremo vere e proprie azioni ma dei derivati.

    Oltretutto, non potremmo godere degli eventuali dividendi rilasciati dal titolo su cui abbiamo investito.

    I CFD sono generalmente scambiati su un mercato a parte. L’OTC (Over The Counter). Questo tipo di mercato ha la particolarità di non possedere un riferimento fisico, come lo può avere Wall Street.

    Inoltre, le posizioni aperte sui mercati OTC hanno una loro scadenza, solitamente fissate sulle 24 ore. Se volessimo prolungare la nostra posizione, non dovremmo far altro che pagare il tasso di overnight al broker a cui ci siamo affidati per utilizzare i CFD.

    In ogni caso, I CFD sono la tipologia di investimento preferita dai piccoli investitori e da coloro che hanno appena iniziato nel trading. I motivi sono dati proprio dalla loro versatilità, dalla rapidità di esecuzione e dai costi inferiori.

    Con i CFD, inoltre, si possono aprire posizioni nel breve e brevissimo periodo. Dove si possono utilizzare? Si possono adoperare tramite i broker online.

    Investire su Webuild con il Copy Trading di eToro 

    Il primo broker di cui vogliamo parlare è eToro (visita il sito ufficiale). Si tratta si una piattaforma cipriota che è diventata nel corso degli anni una delle più famose al mondo.

    Non è un caso, quindi, che possa vantarsi di avere una base di clienti di ben 10 milioni.

    Questi hanno scelto questa piattaforma anche per la sua sicurezza. Infatti, eToro ha ricevuto l’autorizzazione e certificazione CONSOB e CySEC. Questi sono due enti di controllo che attestano l’affidabilità del broker e garantiscono che non si incapperà in truffe di qualche tipo.

    Lo strumento più particolare di eToro è il suo Copy Trading. Con questo è possibile fare una vera e propria copia di un investimento fatto dai migliori sulla piattaforma. Ciò, oltre ad essere vantaggioso per i traders alle prime armi, permette di comprendere ciò con cui si ha a che fare.

    Se vuoi sapere di più sul Copy Trading di eToro clicca qui

    Questo broker, inoltre, permette di aprire un conto demo gratuito con cui iniziare a tradare senza mettere a rischio i propri capitali. Si tratta di un ottimo strumento per chi vuole iniziare nel trading online o anche per i più esperti che vogliono affinare le proprie tecniche.

    Registrati gratis su eToro, clicca qui

    Apprendere dai corsi di ForexTB per investire su Webuild

    Il secondo broker di cui vogliamo parlare è ForexTB (visita il sito ufficiale). Si tratta di una delle piattaforme che ha più a cuore gli investitori alle prime armi.

    Infatti, attraverso la sua Trading Academy, è possibile consultare centinaia di video, approfondimenti e lezioni sul trading online. In questo modo, quindi, anche senza avere nessuna competenza in materia possiamo iniziare a migliorarci e perfezionare i nostri movimenti.

    Clicca qui per scoprire di più sull’Academy di ForexTB

    Questo broker è sicuro? Assolutamente si. Infatti, anch’esso può vantare dell’autorizzazione CONSOB, rilasciata solamente quando un broker dimostra di non essere una truffa e di non rubare i soldi dei propri clienti.

    Oltretutto, ForexTB ha zero commissioni sulle operazioni effettuate. L’unico costo che si andrà a pagare è quello dello spread, che è uno dei più bassi presenti nel trading online.

    Anche questa piattaforma, inoltre, mette a disposizione un conto demo gratuito con cui poter iniziare ad operare senza mettere a rischio i propri capitali e imparare i termini tecnici del trading.

    Registrati gratis su ForexTB, clicca qui

    La semplicità di Plus500 per comprare azioni Webuild

    Terzo e ultimo broker della nostra lista è Plus500 (visita il sito ufficiale). Stiamo parlando di un broker che conquistato migliaia di utenti nel corso degli anni ed è diventato main sponsor dell’Atletico Madrid.

    Trattando della sua sicurezza, Plus500 ha ricevuto l’autorizzazione CONSOB, che ne attesta l’affidabilità e garantisce agli utenti di investire senza cadere in truffe.

    Inoltre, Plus500 permette di investire su migliaia di asset come le materie prime, criptovalute, indici e azioni.

    Qui sotto alcuni esempi di operazioni che si possono condurre con questo broker:

    Clicca qui se vuoi saperne di più sulle offerte di Plus500

    Per i traders alle prime armi, Plus500 permette di aprire un conto demo gratuito con all’interno ben 40.000 crediti virtuali. In questo modo, quindi, si avrà tutto il tempo per testare la qualità di questo broker, imparare i termini tecnici e gli strumenti essenziali del trading.

    Quando questi crediti saranno terminati il nostro deposito virtuale sarà rimpinguato nuovamente.

    Registrati gratis su Plus500, clicca qui Azioni Webuild

    Comprare azioni Webuild: considerazioni finali

    Siamo giunti alla conclusione della nostra guida e ci sentiamo di poter affermare di aver fornito un cospicui numero di informazioni sull’importante titolo italiano Webuild.

    Arrivati alla fine possiamo dire che comprare azioni Webuild conviene per diversi motivi.

    Innanzitutto il gruppo edilizio è tra i leader italiani e del mondo e questo non fa altro che aumentarne la valutazione. Inoltre, nel corso del tempo si è dimostrato molto solido.

    Come abbiamo visto, al momento il titolo sta vivendo un ribasso a causa del blocco dei lavori in corso per il Coronavirus. Bisognerà, quindi, tenere d’occhio quando l’Italia riceverà i fondi europei per la ripresa. Con questa iniezione di denaro, infatti, Webuild potrebbe ritrovarsi a costruire diverse nuove infrastrutture e a ripigliare a pieno ritmo i suoi lavori.

    Consigliamo, quindi di tenersi informati sulle ultime notizie.

    Nel caso si volesse investire anche adesso, consigliamo di adoperare i CFD, in quanto permetterebbero di sfruttare la momentanea situazione in calo del titolo.

    Inoltre, grazie ad essi si potranno condurre operazioni più veloci e con costi decisamente inferiori rispetto all’acquisto diretto. Tutto ciò non può che essere positivo per tutta quella schiera di traders agli inizi e per i piccoli investitori.

    Domande frequenti

    Webuild è un titolo sicuro?

    Le azioni Webuild sono sicure in quanto il gruppo edilizio è tra i più stabili in Italia e in Europa. Al momento le azioni sono in calo a causa del blocco dei lavori in corso per via del Coronavirus

    Comprare azioni Webuild conviene?

    Si, comprare questo titolo conviene. Ovviamente dipende dal metodo che si sceglie di utilizzare per fare l’operazione. Infatti, utilizzando le banche si pagherebbero commissioni elevate, mentre con un buon broker online si pagherebbe solo lo spread.

    Qual è il miglior modo per investire in Webuild?

    Esistono molte tipologie di investimento. La più versatile per questo titolo, però, è quella di utilizzare i CFD, che permettono di investire nei momenti di ribasso.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un commento