Cosa influenza i prezzi del petrolio?

petrolio

Il Petrolio è una delle materie prime più chiacchierate in questi giorni, in quanto nel giro di un anno siamo passati da un prezzo di 100 dollari al barile, fin sotto i 40 dollari. La situazione è diventata abbastanza allarmante, e molti non sanno nemmeno per quale motivo i prezzi del petrolio sono in continua fluttuazione. Domanda e Offerta, certo ma i motivi sono anche altri. Scoprili con noi!

Plus500

Se vuoi fare trading con il Petrolio, tentando un acquisto ai minimi oppure provando a vendere alla rottura del prossimo supporto abbiamo 25 euro per te con Plus500! Siamo riusciti grazie a tutti questi anni di partnership a stringere un accordo incredibile, senza alcun impegno… Esatto, non dovrete nemmeno star lì ad aprire il portafoglio per vedere quanti soldi avete da investire per depositare su Plus500… Perché ve li daremo noi! Vi daremo 25 euro GRATIS per fare trading con il Petrolio.

Li daremo a tutti quelli che leggeranno interamente questo articolo! Quindi, ti conviene continuare a leggere attentamente, in quanto in mezzo all’articolo, inseriremo tutte le istruzioni per ricevere i 25 euro gratuiti.

Beh adesso non mi rimane che augurarti un buon proseguimento di lettura. Lettura molto importante per te, in quanto tra poco riuscirai a capire cosa “muove” il prezzo del petrolio.

Cosa muove il prezzo del petrolio

Il Petrolio è una materia prima con una domanda fortissima, e quindi le forti oscillazioni di prezzo possono avere un impatto economico significativo. I due fattori principali che influenzano i prezzi del petrolio sono:

Domanda e offerta, il Sentiment del mercato

Se la domanda aumenta, il prezzo va su. Se la domanda scende, il prezzo va giù. Ma non sempre è così. Il petrolio e il suo prezzo sono basati sul mercato dei Futures.

Un contratto futures sul petrolio è un accordo vincolante che si dà il diritto di acquistare i barili di petrolio ad un prezzo prestabilito in una data predefinita per il futuro. Nell’ambito di un contratto a termine, sia il compratore e il venditore sono obbligati a compiere la loro parte della transazione alla data specificata.

Nel mondo dei Futures però, ci sono due tipi di trader: gli speculatori (noi, ad esempio) e gli Hedgers.

Gli Hedgers sono ad esempio una compagnia aerea come Ryanair, che compra petrolio per coprirsi da possibili rischi nell’aumento dei prezzi. Un esempio di speculatore può essere una persona che vuole prevedere dove andrà il prezzo del petrolio.

Nel mondo del petrolio, la maggior parte del trading lo fanno gli speculatori e soltanto il 3% acquista il Petrolio per tenerlo realmente per scopi futuri (come l’esempio Ryanair fatto poco fa).

I prezzi del petrolio si muovono anche in base al sentiment. Se il mercato crederà in futuro che i prezzi del petrolio incrementeranno in futuro, il prezzo salirà, e vice versa.

Il Petrolio si muove anche in base a dei cicli
, secondo molti. Un ciclo avrebbe una durata di 29 anni (+ o – 1 o 2 anni) . I picchi maggiori ci sono stati infatti negli anni 20, 51, e 1980.

Chi influenza i prezzi del Petrolio?

Oltre al “Cosa” è bene chiedersi anche “Chi” influenza i prezzi del Petrolio.

Prezzi del Petrolio

Prezzi del Petrolio

Come è possibile notare dal grafico pubblicato qua sopra, i prezzi del Petrolio negli ultimi 10 anni hanno subito prevalentemente un ribasso. Il crollo è iniziato dopo la grande speculazione al rialzo che ha portato i prezzi del petrolio a raggiungere un massimo pari a 140 dollari al barile. Ad oggi i prezzi sono diminuiti di oltre il 60%.

Il Petrolio non è certamente una materia prima “anonima” ma è bensì la più importante in quanto la nostra società poggia in gran parte proprio sul petrolio.

Ma perché il prezzo del Petrolio è crollato così tanto negli ultimi anni?

Le cause potrebbero essere dovute all’abbassamento del prezzo causata dall’aumento dell’offerta, così come dalla scoperta di nuove tecniche estrattive non convenzionali, tra tutti l’olio di scisto o petrolio di scisto (in inglese shale oil).

L’export di Petrolio da parte dei membri dell’OPEC è aumentato vertiginosamente. Questo ha portato gran parte dei produttori a ricevere dei ricavi nettamente tagliati, ritrovandosi a vendere sottocosto.

Il prezzo del Petrolio non dipende necessariamente dal costo di estrazione ma da molti altri costi aggiuntivi.

Secondo gli economisti il PIL è aumentato grazie anche agli effetti del calo-petrolio e della bolletta energetica nazionale.

Senza dubbio il risparmio è meno forte in paesi come l’Italia dove le accise e tassazioni varie mantengono ancora molto alto il prezzo del Petrolio. Tuttavia per paesi come gli USA, negli ultimi anni il risparmio sui carburanti è stato tantissimo grazie alle basse tassazioni, e ciò ha stimolato moltissimo la produzione industriale ed i consumi interni.

Per fermare questa grande caduta dovrebbe esserci un aumento della domanda così come un calo di offerta.

Non esiste inoltre una figura che è in grado di influenzare il prezzo del Petrolio. Nè gli USA né l’Arabia sono in grado di influenzare il prezzo del petrolio in maniera permanente. Il Petrolio e Gas di Scisto hanno portato una ventata di freschezza nel mercato del petrolio ma siamo abbastanza certi che il tempo porterà ad un riequilibrio dei prezzi del petrolio in quanto al momento i margini di profitto sono veramente molto risicati per i grandi produttori.

Crediamo tuttavia che più il prezzo si abbasserà, maggiori saranno i tagli agli investimenti e quindi anche la capacità di produzione e conseguente offerta e ciò porterà ad un nuovo aumento dei prezzi. Tutto questo, nonostante siamo ormai alle soglie della nuova “generazione elettrica” che insieme alle energie rinnovabili promette di cambiare tutto. Ma non è ancora il momento, il Petrolio continuerà a rimanere un elemento fondamentale della nostra economia e società.

In conclusione

Il prezzo non si muove soltanto quindi in base alla domanda e offerta. Questo mercato, è guidato in special modo dalle convinzioni dei trader, degli speculatori, e dei cicli, che giocano un ruolo fondamentale in questo mercato.

Fai trading sul Petrolio insieme a noi, clicca qui per aprire un conto su Plus500, registra un account, verifica il tuo profilo e verifica il cellulare attraverso l’SMS. Appena ricevuto l’SMS riceverai subito il bonus da 25 dollari!

Buon trading!

One Response to Cosa influenza i prezzi del petrolio?

  1. Damiano Bucci ha detto:

    Articolo molto interessante, complimenti come sempre. Apprezzo anche molto il suggerimento di plus500 che è uno dei pochi broker che ti fanno guadagnare soldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *