Crearsi un lavoro e vivere facendo trading online senza farsi truffare

La crisi economica e le nuove tecnologie hanno rivoluzionato il mondo del lavoro, nel quale è entrato prepotentemente il settore del trading online. Una volta il sogno per la maggior parte degli italiani era avere un contratto a tempo indeterminato, mentre i più intraprendenti puntavano ad un’attività in proprio, che poteva portare guadagni maggiori rispetto al lavoro dipendente, ma anche a rischi e maggiori responsabilità e fatica.

Oggi questo scenario è mutato profondamente. I contratti a tempo indeterminato sono diventati un’utopia, ed il Governo Renzi sta cancellando l’articolo 18, così da rendere licenziabile anche chi in futuro sarà assunto proprio a tempo indeterminato.

Nel mondo delle attività, aprirle resta costoso e soprattutto faticoso, “grazie” purtroppo ad una burocrazia che nel nostro Paese è lenta ed ingessata, e fa di tutto per scoraggiare invece che incentivare l’apertura di nuove attività e l’assunzione di nuovi dipendenti. E poi con il tasso di disoccupazione sopra ogni record, le attività che chiudono in continuazione (1000 nuovi disoccupati al giorno secondo le ultime indagini Istat), aprire oggi un’impresa od un’attività ci espone a rischi davvero elevati.

Tutto qua? No, perchè appunto le nuove tecnologie ed il mondo web in particolare hanno reso disponibili a tutti le piattaforme per fare trading online (tra le quali ci permettiamo di consigliare senza dubbio Plus500 e 24option).

Di certo poi questo non è un mercato che rischia di entrare in crisi, visto che girano più soldi nel mondo della Finanza in 24 ore che in tutto il Mondo reale in un lasso di tempo di alcuni mesi. E’ bene per correttezza però ricordare che il 95% di chi fa trading perde e va a foraggiare in maniera enorme quel 5% di esperti che vince. Diffidate quindi da chi vi promette guadagni elevati in pochissimo tempo e senza studiare. In realtà le basi per fare trading sono semplici, ma prima di investire cifre elevate bisogna assolutamente diventare degli esperti.

All’inizio si può cominciare anche con 5 euro da piazzare ed andare a lavorare sulle opzioni binarie, mercato preferito dai principianti per la facilità di utilizzo, ma sempre più frequentato anche dagli esperti del settore, per le veloci possibilità di profitto che offre su investimenti dai quali ricevere un ritorno economico in un lasso di tempo anche di pochi minuti, così da non dover essere soggetti ad eventi economici e politici internazionali non prevedibili che possono influenzare anche pesantemente i vostri affari.

Tutti possono cominciare a lavorare nel mondo della finanza grazie al trading online perchè le possibilità di guadagno sono maggiori rispetto a quelle di un lavoratore dipendente, e non richiedono, come nel caso di attività commerciali, grossi investimenti iniziali. Basta trasferire anche solo 1000 euro on line dal vostro conto corrente bancario ad una piattaforma di trading, e dopo aver studiato e studiato a lungo e magari frequentato qualche corso, si può iniziare questo percorso.

Un altro aspetto positivo del trading online, sta nel fatto che che chi vive di questo lavoro occupa in media dai 30 minuti alle 4 ore al giorno, dal lunedì al venerdì e mai nei giorni festivi, e da casa, quindi riesce a dedicare molto più spazio al proprio tempo libero ed agli affetti, senza vincoli di orari (si può fare trading h24) o capi presuntuosi alle spalle.

Continuate allora a seguirci in questo sito e vi sveleremo piano piano come iniziare quest’avventura, ovviamente con tanta prudenza e moderazione.

Giancarlo Sali

4 Responses to Crearsi un lavoro e vivere facendo trading online senza farsi truffare

  1. Hu22 ha detto:

    Ottimi suggerimenti, grazie per questo splendido articoli, proverò a mettere in pratica prima possibile! Siete mitici!

  2. Lorenzo Pini ha detto:

    Da quando ho perso il lavoro 6 mesi fa ho cominciato a fare trading online con Plus500, i risultati sono soddisfacenti. Per il momento ho investito poche centinaia di euro e sto guadagnando qualcosa, comunque vivo dalla mobilità e dai tanti lavoretti in nero che faccio nel tempo libero, vorrei arrivare ad essere esperto nel momento in cui mi tolgono la mobilità in modo da vivere solo di trading. Non voglio essere ipocrita, adesso tra mobilità e lavoretti in nero guadagno più di quello che guadagnavo prima e prima mi dovevo spaccare la schiena, adesso no, però i soldi fanno sempre comodo e più facili sono e meglio è!

  3. Dario Flacovio ha detto:

    Un articolo meraviglioso, ci sarebbe da scrivere un libro sull’uso del forex per guadagnare e come sostituto al lavoro che non c’è. I politici non fanno nulla per i giovani visto che sono espressioni dei sindacati (che rappresentano solo se stessi e i pensionati) i giovani devono cominciare a rimboccarsi le maniche e fare qualcosa in prima persona. La sfida si può vincere

  4. Margie1956 ha detto:

    Da esodata che è stata costretta a reinventarsi dico che sì, si può vivere di trading per me è stata una vera e propria rivoluzione, ho dovuto cambiare il mio modo di pensare, per me prima era tutto dovuto c’era lo stipendio a fine mese che mi era DOVUTO anche se non ero proprio brillante, c’era le pensione poi, insomma, tutto dovuto. La prima grande lezione che ho appreso dal trading online è che ognuno è proprio artefice del proprio destino, ognuno è libero di cambiarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *