Draghi: c’è bisogno di riforme e più investimenti. Importante affrontare nodo sofferenze

Sei in cerca di un profitto extra? Le opzioni binarie potrebbero fare il caso tuo. Si tratta di uno strumento di trading esemplificato, in cui tutto quello che dovrai fare sarà predire la giusta direzione di mercato. Eppure, sebbene semplice, il trading binario comporta come ogni investimento dei rischi, ed ecco perché una buona preparazione risulta essenziale per aiutarti a ridurli. Affidati quindi ad un broker affidabile e regolamentato CONSOB come
OptionWeb per farti guidare passo passo, dalla completa formazione fino al trading vero e proprio, sui mercati.
Provalo qui.

Durante il proprio intervenuto alle celebrazioni per i 40 anni di attività nella ricerca e nella consulenza di Prometeia, il presidente della BCE, Mario Draghi, insiste sulla necessità di affrontare il problema delle sofferenze bancarie, punto vulnerabile del sistema creditizio italiano.
Per Draghi c’è bisogno di “creare le condizioni per un rapido smaltimento dei prestiti deteriorati deve essere parte delle misure di politica economica volte a ripristinare condizioni favorevoli all’accumulazione”.

LA CRISI ALLE SPALLE  “Al termine di una crisi durata otto anni – ha spiegato il governatore della Banca centrale – l’economia europea sembra finalmente reggersi su basi più salde. La ripresa è ora sospinta dalla domanda interna piuttosto che dalle esportazioni; ha mostrato di saper resistere al recente rallentamento del commercio mondiale. A ciò la politica monetaria ha dato un impulso decisivo. Gli strumenti messi in campo dal giugno 2014 hanno dato gli effetti voluti.”

BCE PRONTA A INTERVENIRE ANCORA La Bce continua nel perseguimento di un’inflazione vicina al 2%, tanto che Draghi sottolinea come “dopo la ricalibrazione dei nostri strumenti attuata questo mese dal Consiglio direttivo, ci attendiamo che l’inflazione raggiunga il nostro obiettivo senza indebiti ritardi”. La banca centrale europea è pronta anche ad intensificare l’uso dei propri strumenti per raggiungere in tempi rapidi tale obiettivo di stabilità dei prezzi.
Draghi ha però voluto sottolineare che gli shock che hanno colpito l’economia europea dal 2008 hanno avuto una natura strutturale , oltre che ciclica, precisando che “In questo contesto, la politica monetaria può assicurare la stabilità  dei prezzi, ma da sola non può rendere durevolmente prospera un’economia. E’ quindi essenziale intervenire sia sulla domanda, sia sull’offerta e agire in modo coerente su tutti i fronti, per consolidare l’inversione del ciclo e creare allo stesso tempo le condizioni per una solida e duratura ripresa”.

URGENZA DI RIFORME
Sul fronte delle riforme arriva il chiaro monito di Draghi alla politica . “Quando si tratta di dare concretezza all’agenda riformatrice, sembra che in molti Paesi dell’Eurozona prevalga più l’esitazione che la determinazione”. Il presidente della Bce ha poi aggiunto: “E certamente occorre ricordare come i cambiamenti necessari siano di portata tale da non poter essere attuati senza un vasto consenso. Ma occorre anche ricordare come il ritardo nell’attuazione delle importanti riforme strutturali, che rendono un Paese più ricco e più capace di affrontare le sfide di oggi, può avere talvolta spiegazioni politiche, mai economiche”.

PIÙ INVESTIMENTI DALLE IMPRESE Una politica monetaria efficace e le riforme strutturali da attuare da parte della politica non sono però sufficienti per gli obiettivi di crescita e occupazione che, per Draghi, non saranno raggiunti “se le imprese non investono in ricerca e sviluppo, nello sfruttamento delle nuove tecnologie, nello sviluppo degli skills, nei segmenti alti delle catene del valore”.

One Response to Draghi: c’è bisogno di riforme e più investimenti. Importante affrontare nodo sofferenze

  1. Conte Zio ha detto:

    Draghi parla tanto ma non fa molto…che lo paghino giusto come pappagallo ammaestrato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *