Trading

ETF: cosa sono e dove trovare i migliori

Gli ETF (acronimo di exchange-traded fund) sono particolari fondi di investimento che si distinguono dai consueti fondi e dalle SICAV per due caratteristiche principali:

  • La gestione passiva
  • Il fatto che siano quotati in Borsa come se fossero delle azioni

Queste due caratteristiche degli ETF li rendono enormemente convenienti dal punto di vista delle commissioni. In effetti gli ETF sono gli strumenti di risparmio gestito in assoluto più convenienti.

Non è un caso che promotori finanziari e banche non li propongono mai ai propri clienti mentre tentano sempre di affibbiare loro prodotti costosi in termini di commissioni. La convenienza degli ETF li ha resi però particolarmente popolari e ormai tutti gli investitori smaliziati sanno che uno dei modi più sicuri e intelligenti per investire è proprio rappresentato dagli ETF.

Questa guida spiega, nel dettaglio, come funzionano gli ETF. Spiega anche dove trovare gli ETF più convenienti, quelli dove è possibile operare senza commissioni e applicando anche la leva finanziaria (che consente di moltiplicare i profitti). Una delle migliori piattaforme in assoluto per operare con gli ETF è Trade.com (clicca qui per iscriverti gratuitamente).

ETF cosa sono e come funzionano

Un ETF è un fondo di investimento che replica in maniera passiva l’andamento di un indice azionario, obbligazionario o di qualunque altro tipo.

Il rendimento dell’ETF, quindi, non dipende assolutamente dalla bravura del gestore ma solo dall’andamento del paniere. Di fatto il gestore ha un ruolo puramente burocratico e può intervenire solo in casi davvero eccezionali.

Ad esempio, nel caso di ETF azionario, il gestore può modificare la politica di investimento nel caso in cui una delle società presenti nell’indice fallisca o venga ritirata dal mercato per qualche altro motivo.

Proprio per il fatto che il ruolo del gestore è veramente piccoli, le commissioni sono piccole. In nessun caso sono superiori all’1,5% ma di solito sono inferiori all’1%. Esistono, tuttavia, ETF che possono essere sottoscritti e gestiti con zero commissioni: sono quelli offerti, ad esempio, dalla piattaforma di trading Trade.com.

Trade.com è una piattaforma completa per il trading e l’investimento finanziario online. E’ autorizzata e regolamenta. In effetti è una delle piattaforme indipendenti con il maggior numero di clienti ed è famosa per affidabilità e convenienza.

Nel momento dell’apertura di un conto con Trade.com si riceve anche un conto demo gratuito. Grazie alla demo è possibile fare investimenti con denaro virtuale: in questo modo è possibile provare la piattaforma; i meno esperti ne possono anche approfittare per migliorare la propria conoscenza degli investimenti finanziari, facendo esperimenti e prove senza rischi.

Non è un caso che Trade.com è considerata, a livello europeo, come la migliore piattaforma finanziaria indipendente. Conveniente, facile da usare, senza nessun collegamento con le banche.

Questo significa che non ci sono conflitti di interesse come avviene, purtroppo, nella grande maggioranza delle società di gestione che appartengono a gruppi bancari o finanziari.

Tutte queste caratteristiche fanno sì che Trade sia la scelta migliore per tutti coloro che vogliono fare trading in ETF ma non è finita qui.

Grazie a Trade.com è anche possibile fare trading a leva sugli ETF. Questo tipo di scelta garantisce rendimenti sensibilmente più alti. Una ragione in più per diversificare i propri investimenti utilizzando i servizi gratuiti di Trade.com.

Per cominciare a fare trading è sufficiente effettuare un deposito anche solo di 100 euro.

Tassazione etf

Un argomento importante è la tassazione degli ETF. In generale, come tutte le rendite finanziari, gli ETF sono tassati attualmente al 26%. Il fatto che piattaforme come Trade.com abbiano sede legale all’estero comporta che i controlli del fisco siano impossibili.

Tuttavia pagare le tasse, anche se elevate, è un dovere morale e quindi suggeriamo di effettuare comunque il pagamento, anche se in questo caso sarebbe impossibile per l’Agenzia delle Entrate dimostrare l’evasione delle imposte.

Sarebbe comunque opportuno, da parte dello Stato italiano, una revisione del regime fiscale non solo degli ETF ma di tutti gli strumenti finanziari. Una tassazione accettabile può essere quella al 12,5%, ancora in vigore per i titoli di Stato.

ETF Borsa Italiana

etf borsa italianaIl mercato di Borsa Italiana dedicato al trading di ETF si chiama ETFPlus. Su questo mercato sono quotati ETF convenzionali, strutturati, ETC ed ETN. Gli ETF attualmente quotati sono circa 600, emessi da 11 diversi emittenti.

Da notare che a differenza degli ETF emessi e gestiti da Trade.com, in questo caso ci sono da pagare delle commissioni di negoziazione che possono arrivare anche all’1,5%. In ogni caso, per chi vuole negoziare su Borsa Italia per qualunque motivo (anche se noi consigliamo vivamente di farlo con la piattaforma di Trade.com, più conveniente), gli orari di negoziazione sono continui, dalle 9;05 fino alle 17;25.

Non ci sono aste di apertura e chiusura. Si possono fare ordini di acquisto e di vendita di ETF. La piattaforma si occupa di fare in maniera automatica il matching degli ordini, usando criteri di priorità e di prezzo. Da notare che immettere un ordine sulla piattaforma di Borsa Italiana non garantisce in alcun modo che l’ordine venga eseguito.

Questo avviene solo se è possibile fare un matching con l’ordine di un altro trader. Ad esempio, se voglio comprare un ETF, l’ordine avviene solo se esiste almeno un ordine di vendita nel sistema compatibile a livello di prezzo con l’ordine di acquisto.

Queste limitazioni sono invece completamente assenti nella piattaforma Trade.com perché la piattaforma funziona anche come market maker. Quindi c’è la garanzia assoluta che un ordine venga eseguito, sempre e comunque.

Questo significa, ad esempio, che gli stop loss scatteranno sempre al prezzo giusto e al momento giusto (è solo un esempio ma è significativo visto che non sempre questo è garantito).

ETF petrolio

Per fare un esempio concreto, consideriamo un ETF sul petrolio, prendiamo la scheda informiva ETFS LEVERAGED WTI CRUDE OIL. La descrizione è molto chiara:

L’ETF consente di ottenere una performance giornaliera pari al doppio di quella registrata dall’indice long sulla relativa commodity

Si tratta di un ETF con leva bassa, solo pari a 2, costruito in base alle quotazioni del petrolio. In pratica, chi vuole puntare sull’apprezzamento del petrolio può sottoscrivere un ETF di questo tipo.

Da notare che sino a pochi anni fa, per i trader comuni l’ETF sul petrolio era l’unico metodo per tradare al rialzo o al ribasso il petrolio. Attualmente, è molto più facile eseguire questo tipo di operazioni utilizzando CFD aventi come sottostante il petrolio.

Puoi approfondire l’argomento ETF Petrolio cliccando sul link.

ETC

ETC è una sigla che sta per Exchange Traded Commodities. Possono esistere ETC di due tipi: ETC legati all’acquisto di materie prime fisiche da parte dell’emittente ed ETC legati all’acquisto di derivati. Anche nel caso di ETC, il prezzo dello strumento è legato esclusivamente alla quotazione della materia prima sottostante. Inoltre, si tratta di strumenti quotati.

La scelta migliore per fare trading in ETF

Il nostro consiglio, per tutti coloro che decidono di fare trading in ETF, è quello di aprire subito un conto su Trade.com: è una piattaforma completa che, oltre alla possibilità di fare trading in ETF, mette a disposizione i CFD (contratti per differenza) per fare trading di azioni, materie prime, valute forex, persino bitcoin e litecoin. Si tratta di una delle piattaforme più complete a livello mondiale, molto affidabile e sicura.

Puoi aprire un conto su Trade.com cliccando qui.

In conclusione

Gli ETF sono uno strumento spettacolare per investire sui mercati finanziari: sono fondi passivi, che replicano in maniera esatta l’andamento di un indice o di un paniere di titoli finanziari. Essendo passivi, le commissioni sono molto basse (in generale). Con le migliori piattaforme come Trade.com sono proprio zero. Ricordiamo, per completezza, che con Trade.com è persino possibile applicare la leva finanziaria per moltiplicare i profitti.

Per capire la convenienza degli ETF basterebbe pensare al fatto che non vengono mai proposti da banche e promotori finanziari, sempre pronti a rifilare prodotti costosi, inutili, complicati e che, in fin dei conti, fanno solo perdere denaro! Soprattutto per coloro che decidono di fare piccoli investimenti, è molto meglio agire in prima persona senza passare per intermediari.

Lascia un commento