Euro dollaro: è il momento di investire?

cambio euro dollaro

La maggior parte degli analisti finanziari ritiene che il tasso di cambio tra euro e dollaro aumenterà nel 2018, anche se ci sono diversi esperti del settore che sostengono che entrambi sono destinati a calare. Il tasso di cambio è stato oggetto di molte discussioni a causa delle aspettative di volatilità superiore previste l’anno in corso: ciò è in parte dovuto all’opinione diffusa che il dollaro continuerà la tendenza che ha visto il suo indebolimento nel 2017, mentre l’euro manterrà l’andamento di crescita.

Per quanto riguarda l’euro, la maggioranza ritiene probabile che la valuta si rafforzi nel 2018, mentre prosegue la ripresa della zona euro. Uno degli argomenti più convincenti di chi sostiene che assisteremo ad un indebolimento del dollaro nel 2018 è quello relativo ai flussi di investimenti dagli Stati Uniti nei confronti del resto del mondo, che le previsioni dicono ampiamente in calo. L’idea è condivisa da alcuni big del settore come Deutsche Bank, ING e Morgan Stanley.

In sintesi, il punto di vista – con alcune lievi differenze tra analisti – è il seguente: gli investitori si sono ampiamente dedicati ad attività finanziarie negli Stati Uniti che sono aumentate in modo esponenziale – soprattutto i titoli azionari – ma poiché le valutazioni diventano sempre più alte, il numero di compratori disposti a pagare i prezzi richiesti diminuiranno.
Un’altra previsione che va in questa direzione è che l’aumento della crescita globale rafforzerà la propensione degli investitori per le attività dei mercati emergenti e questo attirerà capitali dagli Stati Uniti nel resto del mondo, indebolendo il dollaro nel processo.

I recenti dati sulle PMI nel settore manifatturiero pubblicati all’inizio dell’anno supportano questa visione dopo aver mostrato risultati superiori alle aspettative nella maggior parte delle economie di mercato emergenti, ma soprattutto in Cina. Anche le materie prime sono in crescita, sostenute dal petrolio che è salito sopra 68 dollari al barile, e in molti casi i metalli hanno raggiunto nuovi massimi annuali. L’aumento dei prezzi delle materie prime è positivo per i BRICS e le economie dei mercati emergenti, in quanto generalmente esportatori di materie prime.

La recente riforma del sistema fiscale degli Stati Uniti è stata vista come uno dei principali fattori positivi per il dollaro e c’è chi sostiene che questo sia il motivo principale per rimanere ottimisti riguardo alla valuta. Tuttavia la tesi opposta è che i tagli alle tasse ridurranno le entrate del Tesoro americano, causando problemi di bilancio e di conseguenze di crescita effettiva.

I pochi analisti che prevedono un rialzo per il dollaro nel 2018, lo fanno anche in ragione dei possibili flussi di rientro dei capitali delle società statunitensi, stimato in 3.500 miliardi, che fino ad ora sono stati depositati all’estero e che potrebbero fare ritorno grazie alle nuove condizioni fiscale favorevoli.

Ad esempio la Bank of America guarda a questa possibilità come ad una delle principali fonti di rialzo del dollaro dal 2018 in avanti, dato che la nuova legislazione fiscale comporta che le aziende non dovranno pagare le tasse due volte sui loro guadagni – una volta nel paese di origine e poi di nuovo sul rimpatrio – ma solo una volta nel paese di origine, e questo dovrebbe essere un forte incentivo.

Cercare di analizzare al meglio il rapporto tra queste due valute è fondamentale ai fini di poter fare investimenti mirati. Gli scambi su queste due monete infatti rappresentano quasi il 30% di tutti quelli che avvengono sul Forex; non solo: l’andamento di queste due monete è il rapporto che rappresenta al meglio la situazione dell’economia del vecchio continente rispetto a quella oltreoceano e viceversa. È possibile operare su questo settore anche con il trading online e sono sempre di più i trader che si concentrano sulle opportunità di profitto di questo mercato.

Una valida opportunità nel mondo del trading è quella offerta dai professionisti di Trade.com, che offrono tutti gli strumenti necessari per fare trading online con i cfd sulle valute in uno dei mercati a cui approcciano sia i neofiti che i più esperti. Per chi si avvicina a questo mondo, Trade.com offre anche dei corsi online ricchi di informazioni e consigli per affrontare meglio questo settore di investimento e non farsi trovare impreparati, oltre al supporto tecnico necessario nelle varie operazioni. Puoi accedere gratuitamente ai corsi cliccando qui.

Dopo il dollaro l’euro è infatti la seconda valuta mondiale per circolazione ed i fattori che incidono su questo tipo di scambio ed operazioni, considerato come un vero e proprio asset, sono diversi: la salute economica dei paesi di riferimento e la forza delle rispettive economie, le politiche monetarie, i tassi di interesse e le eventuali instabilità economiche.
come investimento

Un potenziale investitore deve tener presente che nel mondo del Forex il cambio Euro/Dollaro svolge un ruolo di primaria importanz
a, basti pensare che le due monete appartengono ai sistemi economici più forti al mondo; Stati Uniti e Europa insieme hanno un prodotto interno lordo che corrisponde a oltre il 40% del PIL mondiale ed un terzo degli scambi commerciali a livello globale coinvolge queste due valute.

Il Forex è aperto 24 ore su 24 e permette di operare continuamente. Tuttavia, è fondamentale monitorare quali mercati influenzano maggiormente il cambio Euro/Dollaro, i loro orari di apertura e in quali fasi della contrattazione si rilevano le fluttuazioni maggiori. Questo dato è importante perché è proprio durante questi periodi che un’accurata strategia permette agli investitori di consolidare i guadagni più interessanti.

Uno dei migliori broker per operare sul forex senza rischi e senza problemi è Trade.com. Oltre ai corsi gratuiti offre un’interfaccia veramente user friendly e un supporto disponibile 24 re al giorno. Clicca qui per iscriverti gratis su Trade.com.

One Response to Euro dollaro: è il momento di investire?

  1. LioForex ha detto:

    Allora secondo me il dollaro sarà debolissimo per tutto il 2018. E’ un fatto grave per vari motivi ma se vesto il panno del trader devo solo pensare a come guadagnare più soldi possibili da questo fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *