Fare trading online : guida, piattaforme e accessibilità

In questo articolo di oggi voglio parlare di trading online cercando di fare una panoramica sui vari aspetti che caratterizzano le attività di negoziazione sui mercati. L’introduzione della mobilità e l’evolversi delle piattaforme elettroniche ha reso accessibile le attività di compravendita a tutti gli investitori aumentando di fatto il volume di beni e liquidità scambiata. E’ facile oggi trovare articoli che menzionano termini come azioni, futures e contratti derivati. Si tratta di beni che possono essere “scambiati” sul web.

In questa guida, quindi, mi occuperò dei seguenti argomenti:

Una definizione : cos’è il trading on line?

Come avrai capito dall’introduzione il termine indica l’acquisto e le vendita di titoli, valute, azioni (o altri beni) che possono essere realizzati attraverso una società di intermediazione. Tutto questo ha come precondizione il fatto che ci sia un mercato di riferimento e una piattaforma tecnologica con cui poter fare gli scambi. I mercati internazionali li conoscerai, la funzione di intermediazione viene garantita dai broker, ma ne parlerò più avanti.

I mercati internazionali, la borsa e gli scambi

mercati internazionali
I mercati finanziari, grazie all’aiuto delle tecnologie, possono essere studiati, analizzati ed in parte anche capiti a scopo predittivo. Tutti gli esperti di economia studiano modelli matematici per poter fare delle previsioni basandosi su indicatori economici come l’inflazione, i tassi di interesse, le correlazioni tra le valute. Oltre a questo c’è una componente non prevedibile come la politica fiscale ed economica dei paesi che gioca un ruolo fondamentale.

Alcuni parametri possono essere deterministici, altri no. Se ad esempio il valore di una azione di una società quotata in borsa va su o giù, questo non dipende solo dalla gestione del bilancio o dallo stato di salute del patrimonio.
E’ per questo motivo che molti analisti tecnici studiano i grafici e gli indicatori basandosi su previsioni storiche per cercare di mettere a punto dei sistemi di previsione.

Come avrai capito azzeccare una previsione non è facile anche considerando il fatto che ci sono delle figure sui mercati che alterano l’andamento delle quotazioni, ad esempio gli speculatori.

Quotazioni : stock, indici e materie prime

Torno per un attimo alla borsa, un mercato in cui si comprano e vendono azioni e in cui avviene il meccanismo dello “scambio”. E’ facile incorrere in questa terminologia, tecnicamente si dice che le azioni vengono scambiate.

Le azioni non sono altro che pezzi o quote di società. Quando una quota viene acquistata si diventa un azionista della società. Le società quotate possono avere delle azioni acquistabili sul mercato pubblico. Ovviamente una società può operare attraverso il mercato primario o vendere quote direttamente a investitori privati o grandi istituzioni.

Se operi nel forex devi conoscere anche questi meccanismi e stare attento a quello che accade con le quotazioni. Lo stesso discorso vale per le materie prime o gli indici. Per questi ultimi è molto importante studiare i dati storici e fare analisi.

CFD : i contratti derivati

Nelle sezioni precedenti abbiamo visto come ci siano realmente degli scambi “fisici” con le quote di società o altri beni. Negli ultimi decenni su mercato sono apparsi altri strumenti finanziari che hanno creato delle opportunità enormi sia per gli investitori che per le società: uno di questi è il CFD.

Un CFD non è altro che un accordo tra due parti che si chiama Contratto per differenza (Contract for difference) e che consente di scambiare la differenza tra il prezzo di esercizio o apertura ed il prezzo di chiusura. Questo contratto può essere stipulato tra il trader, ad esempio, ed un broker. Ci sono dei broker CFDs come Plus500 (clicca qui per scoprirlo) che operano esclusivamente con questa modalità.

I Cfds sono strumenti derivati che possono essere usati per speculare sul movimento futuro dei prezzi attraverso posizioni di vendita dette “short” che permettono di trarre un profitto dal calo dei prezzi. Naturalmente non si scambiano beni fisici e dunque il rischio può essere ammortizzato gestendo correttamente il proprio portafoglio.

Guida: l’apprendimento accademico ed i corsi

Ora che hai letto queste brevi nozioni arriva il bello. Come si fa trading online ? Da dove inizio? Una ottima guida la puoi trovare sul sito http://www.comefaretradingonline.com/ in cui troverai i passi necessari per poter iniziare con semplicità.

Dalla risorsa che ti ho segnalato ho capito una cosa e cioè che ci sono due approcci possibili:

  • uno di tipo accademico
  • uno basato sulla esperienza personale

Dire qual è il migliore non è facile anche se sono più un sostenitore del secondo e ti spiego anche perché.
Per imparare a negoziare il primo approccio prevede l’acquisto di libri e corsi, la frequentazione di corsi per capire gli aspetti tecnici e fondamentali. Sarebbe importante inoltre avere supporto completo durante tutte le fasi. Molto spesso i corsi che troviamo in giro, specialmente in Italia, non spiegano veramente ciò di cui si avrebbe bisogno e spesso l’assistenza è a pagamento e non è proprio economica.

Molti corsi sono dedicati a principianti o a inesperti e puntano a formare potenziali trader che magari non lo diventeranno mai. Ci sono molti aspetti come quello psicologico che non vengono per nulla considerati.

Quello che ti può offrire la tua esperienza personale che passa anche tramite gli errori e le perdite nessun corso te lo potrà mai dare, questa è ovviamente la mia visione personale.

Le piattaforme di trading elettroniche

Il requisito fondamentale per poter guadagnare sui mercati è quello di utilizzare una piattaforma di trading efficiente. Sto in pratica parlando dell’intermediazione che viene resa possibile dai mediatori o broker proprio grazie alla fornitura di una piattaforma software.
Attraverso questa un trader può :

  1. creare il proprio conto di trading (account)
  2. studiare i mercati finanziari attraverso strumenti avanzati
  3. effettuare gli ordini attraverso l’apertura, chiusura o gestione di posizione di mercato
  4. accedere alle promozioni offerte dalla società

Fra le più famose ricordiamo la Metatrader della compagnia Metaquotes, scelta da molti investitori che utilizzano gli expert advisor e la Active Trader preferita da chi opera su un vasto numero di valute.

Opinioni : dal broker al partner regolamentato

I brokers finanziari vengono considerati sempre come delle entità a sé, come un qualcosa di inevitabile di cui non si può fare a meno. In realtà molti traders sbagliano nell’approccio iniziale preferendo siti con bonus invece di siti affidabili. Da qui nascono molti dei problemi che ci si ritrova ad affrontare.

Bisogna passare dal concetto di broker a quello di partner. Un sito affidabile è fatto di persone in grado di guidarti durante tutto il percorso di crescita offrendoti tutto il supporto di cui hai bisogno. Inoltre, è conveniente se non necessario utilizzare solo e soltanto broker legali e sicuri. In Italia l’ente che si occupa di concedere le licenze è la Consob (http://www.consob.it). Effettua anche i controlli periodici per garantire gli utenti. Qui puoi trovare la lista dei migliori broker autorizzati CONSOB.

Nel resto dell’Europa altri organismi importanti sono la Cysec e la Financial Conduct Autorithy (FCA) che opera nel Regno Unito. Un sito che è autorizzato da queste non è detto che sia in linea con le direttive Consob, quindi verificalo prima di creare il tuo account.

Strumenti di trading personale: grafici ed analisi

strumenti trading
Una delle domande che fanno i principianti è : come faccio ad analizzare i mercati ? L’uso di strumenti avanzati come i grafici di prezzo è una delle risposte.
I grafici consentono di vedere l’andamento dei prezzi relativi ad una coppia di valute fornendo in tempo reale una fotografia istantanea dei movimenti.

Tra quelli più utilizzati troviamo quelli a linee che forniscono una visione chiara dei prezzi in un dato periodo di tempo. Quelli a linee o istogrammi e a candela forniscono altre semplici informazioni utili.

Gli strumenti di questo tipo si utilizzano nell’analisi tecnica. Questo tipo di studio analizza schemi e movimenti dei mercati sia storici che attuali al fine di individuare delle tendenze e prevedere potenziali punti di entrata o uscita.

Altri modelli invece puntano ai patterns con modelli di analisi di fibonacci per tracciare modelli più complessi, dedicherò un ulteriore articolo a questo come approfondimento.

Un altro tipo di studio è invece l’analisi fondamentale.
Un trader fondamentalista studia le notizie e gli eventi geo politici dei vari stati per cercare di monitorare gli andamenti delle valute. In questo senso è importantissimo essere sempre sulla notizia seguendo tutti gli annunci economici. Se vuoi far parte di questo gruppo di investitori fai riferimento al calendario economico.

Segnali : un requisito per diventare trader di successo ?

Negli ultimi anni le enormi opportunità offerte dal settore hanno fatto emergere tanti servizi di segnali. Chi vuole diventare trader oggi spesso si affida a questi.
Da un punto di vista tecnico i segnali si basano sul principio di generare degli avvisi nel momento in cui è conveniente acquistare o vendere. Un segnale viene generato quando il prezzo incrocia ad esempio una linea di tendenza.

E’ conveniente utilizzarli ? Un segnale si basa su indicatori tecnici dunque ci potrebbe informare sul momento propizio per vendere una valuta o acquistare un titolo, dunque hanno a che fare più con l’analisi tecnica. Tuttavia può essere combinato con l’analisi fondamentale per offrire uno strumento in più.
Sul web trovi molti fornitori di segnali e servizi a pagamento, devo dire però che i broker hanno fatto un passo in avanti significativo iniziando loro stessi ad offrire strumenti di questo tipo. Ci sono poi ottimi ebook e libri su Trading Library (http://www.tradinglibrary.it) di autori molto conosciuti.

Dunque a meno di conoscere la reputazioni di chi vende il servizio è bene utilizzare i siti stessi dove sei iscritto per poter estrarre facilmente le informazioni di cui abbiamo bisogno.

Le novità : il social trading e simulazioni

social trading
Oltre agli strumenti che ho elencato prima il social trading rappresenta un modo evoluto e nuovo per ottenere profitti ulteriori. Fornisce un accesso diretto al guadagno grazie al fatto di poter sfruttare l’esperienza di altri traders già iscritti alle piattaforme.

Il servizio migliore in Italia è fornito da eToro (clicca qui per scoprirlo), che da anni lo eroga in diverse modalità. Attraverso una rete di influencer o guru che condividono strategie o in modalità following.

In questo modo si crea una grande community finanziaria che apre nuovi scenari e offre tante possibilità di guadagnare.

Conclusioni

In questa guida ho affrontato molti aspetti legati al trading. L’ultimo consiglio che voglio dare è quello di affrontare questa sfida con grande passione. Non è da tutti fare il mestiere del trader e vivere di questo, ci vuole grande impegno. Se non sottovaluterete i rischi e affronterete con il giusto atteggiamento tutte le problematiche allora vi potrete togliere grandi soddisfazioni.

Raccontami ora la tua esperienza nei commenti.

3 Responses to Fare trading online : guida, piattaforme e accessibilità

  1. Conte Zio ha detto:

    Nessun commento, articolo tecnicamente perfetto, esaustivo. Leggilo e saprai fare trading online. Ragazzi questa volta avete superato voi stessi!

  2. Peppa ha detto:

    Molto interessante mi ero sempre chiesta come funzionava il trading online, adesso lo so

  3. Stefano Marotta ha detto:

    Ciao,
    condordo quando parli dei broker autorizzati. In effetti moltissimi traders non hanno ancora ben presente la differenze tra le varie licenze. Come spieghi tu meglio essere seguiti da professionisti che ti aiutano in un percoso di crescita professionale piuttosto che inseguire la promozione di turno.

    Come dici te io utilizzo la mia piattaforma da anni, vengo seguito e supportato e questo mi consente di fare trading in maniera profittevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *