Forex

Forex broker truffa: come riconoscerli ed evitarli

Quali sono i forex broker truffa? Per molti di coloro che iniziano per la prima volta ad operare nel mercato valutario, incappare in una truffa è un’esperienza estremamente dolorosa ma, purtroppo, anche molto comune. In realtà non sarebbe difficile evitare queste truffe, basta un minimo di attenzione. Ecco come si riconoscono e (si evitano) i forex broker truffa.

Conoscere il forex

Prima ancora di cominciare con il nostro articolo sui forex broker truffa, è bene mettere in evidenza un principio fondamentale: prima di cominciare a fare forex trading bisogna avere chiaro che cosa sia il forex.

Non si può entrare nel forex pensando che sia un modo, più o meno semplice, di fare soldi: chi entra con quest’idea è destinato a perdere tutto in modo rapido.

Il forex è il mercato dove è possibile comprare e vendere valute. Come si fa a guadagnare con il forex? E’ sufficiente prevedere, in modo corretto, l’andamento della quotazione di una coppia di valuta, cioè quale valuta si rafforzerà e quale si indebolirà. Se la previsione è corretta, si guadagna.

Per fare buone previsioni si possono utilizzare i segnali forex di 24option (clicca qui per ottenerli gratis) oppure si può utilizzare il social trading di eToro (clicca qui per iscriverti gratis). La piattaforma social trading di eToro consente di individuare i trader che hanno guadagnato di più nel passato e poi copiarli automaticamente.

Nè 24option nè eToro, in ogni caso, offrono soldi facili. Anzi, se andiamo sui loro siti troviamo degli avvisi di rischio anche piuttosto insistenti. Come mai ci sono questi avvisi di rischio quando invece le recensioni di 24option o eToro sono sempre estremamente positive? E’ la normativa che lo prevedere, tutti i broker forex in regola con la legge devono avvisare del rischio. Ma è anche un fatto di serietà: 24option e eToro sono broker estremamente seri!

Il primo passo per evitare le truffe è conoscere il forex: leggi la nostra guida completa al forex per ottenere tutte le informazioni sul forex.

Forex broker truffa: che cosa fanno

Chi conosce il forex trading sa bene come evitare i forex broker truffa. Ma chi non lo conosce rischia di cadere direttamente nelle loro mani. Che cosa fanno questi forex broker truffa? Semplicemente, si fanno consegnare denaro dai clienti e poi fanno in modo di non restituire mai nemmeno un centesimo.

Nella grande maggioranza dei casi, questi broker truffa non forniscono nessun avviso di rischio ai loro clienti. Abbiamo già detto che l’avviso è obbligatorio per legge, ma questi broker non hanno una grande considerazione della normativa visto che non sono autorizzati e regolamentati. In pratica, sono broker che operano al di fuori di qualunque normativa europea, al massimo hanno sede in qualche paradiso fiscale.

La maggior parte di questi broker attuano campagne di marketing estremamente aggressive, campagne che promettono guadagni facili e sicuri, a tutti, anche a coloro che non sanno nulla di forex. Ora, è vero che anche chi comincia per la prima volta sul forex può guadagnare molti soldi, ma questo succede solo se si studia e ci si impegna al massimo.

Questi broker, invece, promettono di solito guadagni assicurati anche a chi non ha tempo e voglia di studiare
. Dove fanno queste promesse? Per prima cosa, sul sito web ufficiale. Di solito questi siti contengono anche video promozionali che spiegano come fare a diventare ricchi facilmente.

Il disgraziato che si iscrive, inizia a essere tempestato di chiamate da parte del broker (spesso le chiamate provengono dall’estero e sono in un italiano stentato) fino a quando non cede e trasferisce i suoi soldi al broker.

A questo punto inizia il calvario: ci possono essere piccoli profitti all’inizio, ma poi si inizia a perdere. Quando si perde tutto il denaro presente sul conto, ricominciano le telefonate dal broker. C’è stato un problema, qualcosa è andato storto, ammettono, ma depositando altro capitale si può recuperare tutto. Ovviamente il capitale deve essere superiore a quello depositato inizialmente. Chi ci casca, ovviamente, perde anche questo secondo deposito.

Può sembrare strano ma adesso ricominciano le telefonate e qualcuno ci ricasca e fa l’ennesimo deposito sul conto del broker che andrà perso rapidamente. Insomma, grazie all’abilità dei loro venditori al telefono e all’ignoranza di chi si iscrive, questi broker riescono a rubare milioni di euro, tutti i giorni.

Le vittime della truffa, prima o poi, si rendono conto di quello che hanno subito e si rivolgono alla magistratura. Purtroppo, scoprono velocemente che non riavranno mai indietro i loro soldi perché il denaro è finito in qualche paradiso fiscale dove accedere è impossibile.

Una volta caduti nella trappola di questi broker forex truffaldini, non si può recuperare nulla. Il trucco sta semplicemente nell’evitare di caderci. Ed è molto più semplice di quello che si possa immaginare.

Come evitare i forex broker truffa

Abbiamo già accennato al fatto che i broker truffa non hanno nessun tipo di autorizzazione, mentre i broker per forex sicuri e affidabili sono sempre autorizzati e regolamentati. Questo è il segreto per evitare le truffe: affidarsi esclusivamente a broker che hanno ottenuto una regolare autorizzazione e che quindi consente loro di operare offrendo una garanzia assoluta ai clienti.

Un broker forex che vuole operare secondo la legge deve presentare una formale richiesta all’ente di regolamentazione del paese dove ha sede (in Italia è la CONSOB). L’ente si occupa di verificare il corretto funzionamento della piattaforma, il rispetto rigoroso della legislazione europea e nazionale per la protezione del cliente e del suo denaro e la presenza di politiche contro il riciclaggio di denaro sporco o l’evasione fiscale.

Un broker autorizzato e regolamentato offre sempre la massima garanzia ai suoi clienti, sicuramente non è una truffa, ma richiede anche alcune procedure ai clienti stessi. Ad esempio, la verifica dell’identità mediante l’invio di una fotocopia di un documento di identità in corso di validità (basta fare una foto con il cellulare). Chi vuole evitare le truffe può semplicemente scegliere i broker autorizzati e regolamenti. Avrà la certezza assoluta che il suo denaro sarà al sicuro.

Abbiamo preparato una classifica dei migliori broker per forex: questi broker non solo sono sicuri, ma sono anche facili da utilizzare, convenienti e senza commissioni.

Il ruolo della CONSOB

Abbiamo già spiegato che un broker che voglia ottenere la regolamentazione, e quindi operare in modo legale, deve preventivamente richiedere l’autorizzazione all’ente di vigilanza del suo Paese. In Italia questo ruolo è attribuito dalla legge alla CONSOB.

Un broker italiano, quindi, se vuole operare deve prima chiedere il permesso, per così dire, alla CONSOB. Ci sono broker forex italiani? Sono molto pochi, la maggior parte venne chiusa da CONSOB e Banca d’Italia nel 2011 a seguito di pratiche scorrette o illegali (ne abbiamo parlato in questo articolo).

In questo caso la CONSOB ha dimostrato di avere veramente a cuore gli interessi degli investitori italiani. La maggior parte dei broker migliori sono, oggi, broker europei, con sede in altri paesi dell’Unione.

Questi broker sono autorizzati e regolamentati dall’ente del paese dove hanno la sede legale ma, se vogliono operare anche in Italia, devono sottoporsi alla procedura di registrazione CONSOB.

Con questo meccanismo, in pratica, l’investitore ha una duplice protezione: quella della CONSOB e quello dell’ente di regolametazione del paese dove ha sede il forex broker. Ovviamente, per quanto riguarda i broker che abbiamo inserito nella nostra classifica, anche se non hanno la sede legale in Italia hanno un sito web e una piattaforma di trading in italiano e offrono l’assistenza in lingua italiana.

Lista nera broker forex

Evitare le truffe è molto più facile di quello che si pensa: basta scegliere solo i broker che hanno ricevuto l’autorizzazione e che quindi sono sicuri al 100%. In effetti la maggior parte dei trader forex esperti lavora sempre con gli stessi broker (sono i 5 o 6 più famosi) che oltre a essere sicuri offrono sempre le condizioni di trading in assoluto migliori.

In ogni caso, segnaliamo che la CONSOB, come tutti gli altri enti di regolamentazine europea, pubblicano periodicamente avvisi di broker non autorizzati (quindi truffa) che provano a operare in Europa. Sul sito CONSOB, in particolare, c’è proprio una sezione dedicata alla lista nera dei broker non autorizzati (fa parte del bollettino CONSOB).

Cercare sul sito CONSOB all’interno di questa lista nera non è facile (purtroppo chi ha fatto il sito CONSOB non ha tenuto in nessun conto i principi di usabilità e accessibilità) ma è indispensabile se si utilziza un broker poco conosciuto per la prima volta. Chi invece utilizza i broker più famosi, quelli che abbiamo inserito nella nostra lista, non ha nulla da temere e può evitare di cercare all’interno della lista nera.

Broker forex truffa: i segni

Ci sono in ogni caso dei segni molto chiari che indicano che un broker forex in realtà è una truffa. Qualche esempio? Il primo segnale di allarme è l’assenza del warning sul rischio. La legislazione europea impone (in maniera eccessiva) di segnalare il rischio nel forex. Questo significa che un broker che non segnala il rischio sta violando le regole e quindi non ci si può fidare. I trader esperti sanno, infatti, che più un broker avvisa del rischio e più è sicuro. Può sembrare paradossale ma è così.

Alcuni broker forex truffa non solo non segnalano i rischi ma promettono addirittura guadagni facili e sicuri: quante volte abbiamo trovato pubblicità su internet che promettono la ricchezza in pochi giorni? 5.000 o 10.000 euro al giorno di guadagni facili, anche per chi non sa nulla di forex? Ecco, questi sono segni che devono farci capire subito che si tratta di una truffa.

I soldi facili non esistono: con il forex è possibile guadagnare, anche per i principianti. Ma non basta aprire un conto ed effettuare un deposito: ci vuole impegno quotidiano, studio (si può cominciare da zero ma bisogna studiare molto), coraggio.

Lascia un commento