Forex, previsioni per il 2013

Quali saranno i trend dominanti nel forex nel 2013? Una domanda molto interessante, visto anche il grande successo che il trading forex sta riscuotendo in Italia, anche tra non professionisti. Proviamo ad analizzare i trend in base alle previsioni fatte dalle grande banche d’affari internazionali ma stiamo attenti. Come tutte le previsioni si basano sui dati macroeconomici disponibili al momento e possono quindi essere modificate dagli eventi o dagli interventi dei governi.

Plus500

L’anno del dollaro

Secondo le previsioni quasi unanimi degli analisti, il 2013 sarà decisamente l’anno del dollaro che potrà apprezzarsi considerevolmente rispetto alla sterlina, all’euro e al franco svizzero. Il fatto che sia scampato il pericolo dei fiscal cliff e il perdurare delle tensioni finanziarie fanno sì che il dollaro venga ancora vista come la moneta rifugio per eccellenza. E sappiamo che in tempi di crisi avviene sempre un fenomeno chiamato fly to quality, cioè gli investitori sono felici di rinunciare ai rendimenti (fino ad arrivare a rendimenti reali negativi) pur di vedere preservato il proprio capitale. Tuttavia dobbiamo anche dire che, a prescindere dalle previsioni, Obama potrebbe mettere in atto qualche colpo di testa, come aumenti forsennati della pressione fiscale, che potrebbero indurre ad una fuga di capitali e quindi ad un crollo del dollaro.

La forza dello Yen

Un altro elemento che risulta da tutti i report emessi alla fine del 2012 è la forza dello Yen: la moneta è l’unica che si salva dal rafforzamento del dollaro ed è destinata a rafforzarsi rispetto a tutte le principali divise. Ma anche qui non sappiamo se la previsione si rivelerà corretta. Al governo nipponico non piace questa forza perché danneggia le esportazioni del paese del Sol Levante ed è stata annunciata una politica di smobilitazione delle riserve con l’obiettivo di far scendere lo Yen. Per inciso, le riserve saranno investite nell’acquisto di titoli del neonato ESM, il fondo di stabilità europea, verso cui il governo nipponico sembra mostrare un’ottimistica fiducia, chissà se meritata veramente….

Euro in bilico
previsioni forex 2013

E poi c’è il grande malato, l’Euro. In questi giorni sembra che i mercati abbiano ritrovato fiducia nella moneta unica europea, ma la situazione non è sicuramente delle migliori. E’ vero che lo spread italiano, ad esempio, è calato. Ma ci sono altre grane all’orizzonte, per esempio i problemi di Cipro che è sull’orlo del default. Non perché abbia speso allegramente come hanno fatto l’Italia, lo Spagna o la Grecia, ma perché ha dovuto ricapitalizzare le banche private che, a loro volta, erano state coinvolte pesantemente nella catastrofe greca e nei tagli (illeggittimi oltre che ingiusti moralmente) che i creditori hanno dovuto accetare per salvare la Grecia.

Ebbene, Cipro viene lasciata affondare per mera vendetta. I governi europei non hanno mai digerito la politica finanziaria e fiscale dell’Isola di Venere e adesso che hanno il coltello dalla parte del manico presenteranno un conto salatissimo al governo cipriota.

Perché mai non si applicano gli stessi principi che si sono applicati alla Grecia? I governi europei non si rendono conto che per una meschina vendetta mettono a rischio, ancora una volta, la tenuta dell’intera aria euro.

E di questo passo chissà se nelle previsioni forex dell’anno prossimo parleremo ancora di euro e non di marco, franco, lira.

Vincenzo Colonna

2 Responses to Forex, previsioni per il 2013

  1. Conte Zio ha detto:

    La storia di Cipro è veramente il senso di quanto l’ideologia abbia rovinato le menti dei governanti europei, se non si aderisce al pensiero unico si è condannati. Questa Europa è veramente da cambiare.

  2. Konstantinus ha detto:

    Il modello di Cipro dovrebbe essere esportato a tutta Europa e invece viene demolito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *