Gli hedge fund tagliano le commissioni per fermare l’emoraggia di clienti

hedge fund commissioni

Per coloro che fanno trading online con broker di alta qualità, come Plus500 o 24Fx, pagare commissioni è qualcosa di inconcepibile, infatti i migliori broker sono a zero commissioni.

Chi invece decide di investire affidandosi a qualche esperto deve pagare commissioni che spesso sono anche piuttosto elevato. Se parliamo di fondi di investimento italiani (o piazzati da banche italiane) parliamo di fondi che applicano commissioni elevate e fanno perdere soldi nella maggior parte dei casi. Se invece parliamo di hedge fund, il discorso è un po’ diverso. Perché è vero, le commissioni sono più alte ma si tratta comunque di investimenti redditizi, molto redditizi. Per intenderci, possono arrivare a generare anche profitti del 500% all’anno. La normativa italiana sull’investimento, piuttosto miope, vieta di fatto ai comuni risparmiatori di puntare su un hedge fund. Ma chi ha la fortuna di poter sottoscrivere questi fondi delle meraviglie, paga volentieri corpose commissioni in cambio di guadagni così elevati.


La notizia è che alcuni tra i migliori hedge fund al mondo hanno dichiarato di tagliare le commissioni per venire incontro ai propri clienti
. Tudor Investment Corp., uno dei più antichi e più costosi fondi hedge, ha dichiarato di voler tagliare le commissioni applicate ai propri clienti che hanno iniziato a richiedere il prelievo dei loro risparmi dopo una serie di operazioni sfortunate.

L’azienda da $ 11,6 miliardi di dollari, gestita dal miliardario Paul Tudor Jones, ha dichiarato di voler ridurre le commissioni al 2,25 per cento del patrimonio e il 25 per cento dei profitti, a partire dal 1 luglio. Le commissioni erano rispettiva al 2,75 per cento sul capitale gestito e al 27 per cento dei profitti.

“I fondi soddisfano le aspettative per due, tre anni consecutivi saranno vulnerabili alle pressioni tassa-taglio”, ha dichiarato Peter Rup, responsabile degli investimenti a New York-based Artemis Wealth Advisors, che sorveglia $ 900 milioni per i clienti. “Questo è un altro scuotere stiamo assistendo nel settore.”

Peter Rup, chief investment officer di Artemis Wealth Advisors ha dichiarato:

I fondi con prestazioni deludenti per 2 o 3 anni di seguito sono soggetti a forti pressioni per il taglio delle commissioni. Questa sarà una vera e propria rivoluzione per il settore.

Belle parole, magari la pensassero così anche i responsabili del risparmio gestito delle principali banche italiane. I loro fondi sono 20 o 30 anni che danno prestazioni deludenti, eppure le commissioni crescono sempre, altro che diminuire.

Tudor, che ha subito circa $ 1 miliardo in prelievi dei clienti nell’ultimo trimestre e ha registrato perdite quest’anno, sta tagliando le commissioni dopo che i clienti rimasti hanno protestato. In effetti l’azienda continua a far pagare ancora parecchio di più rispetto ai concorrenti ma il cambiamento nella politica delle commissioni segnala comunque che gli equilibri di potere nel settore dei fondi di investimento ad alto rendimento stanno cambiando.
China Investment Corp, il fondo di investimento sovrano più ricco al mondo, ha dichiarato di essere profondamente deluso dalle elevate tariffe applicate nel settore. Anche il ricchissimo fondo pensioni degli insegnanti della California ha segnalato che ormai il modello commissionale degli hedge fund è da rottomare.

I gestori dei fondi hedge sono tra i più pagati nel mondo della finanza, visto che la commissione media ammonta al 2% del capitale investito e al 20% dei profitti.

Sommario Articolo
Nome articolo
Hedge fund tagliano le commissioni applicate ai clienti
Descrizione
I più prestigiosi hedge fundo al mondo stanno tagliando le elevate commissioni applicate ai clienti in risposta alla caduta dei rendimenti.
Autore
Nome editore
Mercati24.com
Logo editore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *