Economia e Finanza

Guadagnare facendo il “Reseller” di sneakers: il caso delle Adidas Yeezy

Questa è ovviamente una storia vera, non sono un appassionato di sneakers, cioè mi piacciono ok, sono un trader ed analista, ma non sono certamente uno di quei patiti che vanno a fare la coda nei negozi di Nike, Adidas, Asics e tutte le altre sneakers “trendy” che tanto vanno di moda oggi. L’altro giorno ero a Milano, ed ho notato tornando alla metro, che da Foot Locker c’era una fila strana… Quella fila si è dimostrata essere una fila per le cosiddette sneakers o meglio “scarpe da ginnastica” (gli sneakerheads mi odieranno dopo questo, ma la realtà è che pur sempre scarpe da ginnastica/basket sono) più chiacchierate del momento: le Yeezy Boost 350 Black by Kanye West. Ma prima di parlare di questo devo fare un passo indietro, devo parlare del business delle sneakers.

Prima però, è bene segnalare a tutti i lettori la possibilità di ottenere guadagni semplici e sicuri con la piattaforma eToro. eToro è una delle piattaforme più affidabili per investire online, è gratuita e bastano appena 200 euro per cominciare a investire. Il bello di eToro è che è possibile copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno gli altri investitori.

In pratica, una volta iscritto gratuitamente puoi selezionare gli investitori professionali che hanno ottenuto nel passato i profitti più elevati. Con un semplice click inizi a copiarli e ripeti quindi tutte le operazioni che fanno sul mercato questi grandi investitori.

I risultati sono di solito straordinari perché inizi a guadagnare da subito come se fossi un investitore esperto. Puoi iscriverti gratis sulla piattaforma di investimento eToro cliccando qui.

Il Business delle Sneakers

Noi “persone normali” siamo abituati ad un prezzo fisso per un paio di scarpe. Questo prezzo, dopo qualche anno potrebbe calare di qualche decina di euro. Non siamo certamente soliti comprare un paio di scarpe per il solo motivo che queste scarpe sono, essenzialmente come tutte le altre, ma vengono prodotte in quantità limitata.
Ecco, il business dei cosiddetti “Reseller” (ovvero quelli che rivendono su eBay o su siti appositi, a prezzi surreali, le sneaker comprate a prezzo retail) delle sneakers gravita proprio intorno al fattore della scarsità che noi che conosciamo grazie al mondo della finanza: domanda ed offerta (mercato).

domanda e offerta

P è il prezzo del prodotto che è determinato dall’equilibrio tra le due curve della domanda D e dell’offerta S. Nel grafico riusciamo a vedere l’effetto di una crescita della curva di domanda da D1 a D2, dove quindi sia il prezzo sia la quantità che viene venduta aumenta.

Il mercato delle sneakers, è principalmente basato su una cosa chiamata Hype, ovvero la promozione che innesca il desiderio dei cosiddetti “Sneakerheads”, le persone che comprano le scarpe perché sono dei veri appassionati di scarpe.

Quindi, nel mercato delle sneakers, abbiamo da una parte gli sneakerheads, che comprano a cifre assurde le scarpe, e dall’altra i reseller. I reseller si sbattono andando in giro per negozi fisici e online a cercare di aggiudicarsi le scarpe in edizione limitata. Successivamente, rivenderanno ad altri clienti, con guadagni spesso e volentieri superiori al 1000%.

La soluzione sarebbe quindi quella di produrre in maniera maggiore quel modello di sneaker, ma il produttore sa bene che l’eccesso di offerta fa calare all’improvviso il desiderio degli appassionati (e anche il prezzo con il quale verranno vendute).

Siamo quindi di fronte, da un punto di vista economico, ad un mercato iperinflazionato, dove l’appassionato è disposto a comprare un paio di scarpe anche a 10 volte il prezzo retail in edizione limitata.

Come si comprano un paio di sneakers in edizione limitata retail?

Per quanto riguarda la mia esperienza al momento, che è soltanto con le Adidas Yeezy Boost 350, è praticamente impossibile riuscire ad accaparrarsi un paio di scarpe del genere in edizione limitata al prezzo retail. Vengono indette delle registrazioni direttamente nel negozio, e soltanto una piccola percentuale di partecipanti riuscirà ad essere estratta, per poter poi comprare le scarpe super-rare ad un prezzo “umano”, in questo caso 200 euro. In parole povere, per pagare, devi vincere. Siamo quindi in un mondo dove le normali regole del mondo reale sono completamente ribaltate.

Tornando alla fila da Foot Locker

Ok, vedo la fila, vedo il cartellone #YeezyBoost350, già sapevo più o meno cosa erano le Yeezy, e quindi mi accodo per registrarmi all’estrazione. Foot Locker non mi ha quindi né confermato il numero di paia di scarpe disponibili, né il numero di persone che verranno estratte, né il prezzo che dovranno pagare quelli che vinceranno, nulla. Mi chiedono tutti i miei dati, e poi anche la mia ragazza (in preda al cosiddetto hype, dopo aver visto decine di persone in fila) decide di registrarsi, anche se in realtà non gli piace il modello (forse per farmi avere una possibilità in più di vincere, o perché vuole “vincere” lei?).

In fila c’erano ragazzi e ragazze (più ragazzi a dire la verità), molto probabilmente in maggioranza dei Reseller, completamente disinteressati al modello di scarpa ma interessati soltanto al profitto che ci si può ricavare. Dei trader, quindi.

Proprio per questo ho deciso di fare questo articolo: perché ho visto in loro me stesso, un trader ed un analista, ovvero una persona che guarda ed osserva il mercato, per poi entrare al momento giusto ed uscire altrettanto al momento giusto.
E mi ha fatto riflettere quanto sia importante e stimolante il mondo dei mercati, ma anche l’educazione finanziaria in generale, che può essere applicata in tutto, anche in questo mestiere del Reseller.

Yeezy Boost 350 eBay Prezzo

Ecco la stessa scarpa, comprata ad un prezzo retail di 200 euro, che viene poi rivenduta ad oltre 1500 euro su eBay. Da notare che già 4 delle 6 disponibili sono già state vendute. La domanda è quindi altissima, la disponibilità poca e quindi i prezzi sono iperinflazionati.

Qualcuno tra quei Reseller AKA Trader vincerà, e potrà rivendere un paio di scarpe che hanno un prezzo di listino di circa 200 euro, a 1000-2000 euro su eBay. Guadagni che possono arrivare anche al 1000%, facendosi un vero e proprio stipendio nel giro di qualche minuto.

Aggiornamento 2018: 2 anni e mezzo dopo

Sono passati due anni da quando decidemmo di analizzare questo fenomeno, in quel momento ancora di nicchia. Oggi, il mercato del reselling si è espanso in maniera a dir poco incredibile. Possiamo dire con grande tranquillità che la richiesta è aumentata, a fronte di un’offerta che rimane ancora abbastanza “scarsa”. Persino Striscia la Notizia ha creato svariati servizi sul fenomeno “Reseller sneakers serie limitate”.

Oggi, se si vuole cercare di fare soldi all’interno del mercato del reselling, è prima di tutto necessario rimanere aggiornati sulle nuove uscite, che potrebbero portare un grande profitto dal punto di vista del reselling. Questo può essere fatto seguendo siti internet del settore come HypeBeast.

Conviene più il Resell Nike o Adidas?

Sean Wotherspoon X Nike

Sean Wotherspoon X Nike

È ormai accertato che le sneakers (le scarpe “da ginnastica” quindi) sono ancora la nicchia “che tira di più” nello streetwear rispetto invece all’abbigliamento. Negli ultimi due anni tuttavia, le Yeezy 350 di cui parlavamo, hanno perso leggermente mordente (pur rimanendo ancora richiestissime) nei confronti sopratutto di Nike, che attraverso alcune collaborazioni (Off-White e Sean Wotherspoon su tutte) è riuscita a riprendere lo scettro sotto questo punto di vista.

Nike quindi, è riuscita a rispondere in maniera efficace alla minaccia portata dalla divisione Yeezy di Kanye West tramite Adidas negli anni passati, rimanendo in ogni caso l’azienda più grande, con più guadagni e profitto netto.

Bilancio Adidas vs Nike

Nike è quindi il leader incontrastato del settore. Inoltre, crediamo quindi che un reseller che si rispetti, possa decidere anche di diversificare la propria professione, decidendo di acquistare titoli Nike in borsa. Ricordiamo che il titolo di Nike (NKE), solo nell’ultimo anno, è passato da 50 dollari a 75 dollari: un aumento di ben il 50%.

Investire in Nike con eToro

Investire in Nike con eToro

Questo significa che con 1000 euro investiti, in un anno è stato possibile guadagnarne 500, senza praticamente fare nulla. Con la piattaforma trading di eToro, è possibile investire in azioni Nike senza commissioni e all’interno della più semplice piattaforma Social Investment Network. Per investire basta un click sul bottone blu, clicca qua per saperne di più >>

La piattaforma di eToro è regolamentata in europa dalla CySEC e consente di iniziare in modalità demo o reale gratuitamente. Il deposito minimo è di 200 dollari e la trade minima per acquistare titoli è di 50 dollari. Non costa niente aprire oggi un conto di trading e le opportunità per guadagnare con il trading online sono infinite.

Puoi anche acquistare azioni NIKE in demo investendo zero, in modo da farti un’idea sui possibili guadagni sul lungo termine: guadagnare sulle azioni è sempre un’ottima opportunità.

Un’occasione assolutamente da non lasciarsi scappare, e che crediamo sia assolutamente obbligatoria per ogni reseller intenzionato a massimizzare i profitti della propria attività di reselling. Apri un conto DEMO GRATUITO con eToro >>

Come aggiudicarsi le sneakers

SNEAKRS Nike Resell Sneakers

SNEAKRS Nike Resell Sneakers

Il primo luogo dove aggiornarsi, trovare e comprare le sneakers in fase di rilascio ad edizione limitata è l’applicazione SNEAKRS di Nike (App Store, Play Store). Crediamo sia attualmente l’app più “egalitaria” attualmente esistente. L’app è gratuita, e le sneakers vengono rilasciate attraverso delle “Draw” ad un’orario ben preciso, ovvero un sorteggio casuale.

Dopo essere entrati all’interno dell’app e aver confermato l’ingresso alla draw della scarpa selezionata, si riceverà una notifica nel caso in cui si dovesse aver vinto il paio.

Si tratta di un metodo molto valido, considerando che il settore è sempre più inondato dai bot (robot). Questi algoritmi, vengono utilizzati per effettuare acquisti fulminei sui vari siti internet. Grazie a questa soluzione di SNEAKRS, è stato risolto questo problema alla radice.

SNEAKRS ovviamente funziona solo per le scarpe Nike. Non esiste niente di simile per l’app Adidas.

A proposito di Adidas, per quanto riguarda la serie Yeezy, funziona ancora tutto come due anni fa. Le sneakers (o addirittura l’abbigliamento) può essere acquistato tentando la fortuna sul sito ufficiale adidas.com/kanye oppure nei negozi Adidas Originals (seguendo i metodi di release utilizzati).

Off White Resell Sold Out

Off White Resell Sold Out

Per quanto concerne invece altri store, non ci sentiamo di pubblicizzarne alcuni (non li abbiamo provati e comunque non sono ufficiali), se non quello (perennemente sold out) di Off White, che quasi una volta a settimana aggiorna le disponibilità delle sue sneakers Off White x Nike.

Come rivendere o “Resellare” le Sneakers

Se siete riusciti ad aggiudicarvi un paio su uno di questi siti e app, è arrivato il momento di vendere. Per quanto riguarda i veri e propri marketplace dove vendere (o acquistare) segnaliamo siti come StockX, Grailed e Flight Club. Li consigliamo ovviamente per vendere, ma non per comprare (i prezzi sono veramente altissimi per alcuni modelli).

Esistono anche molti gruppi su Facebook. Tra tutti segnaliamo il Drug Fashion Club (DFC): una community su Facebook estremamente coesa e ben moderata, dove viene fatta una vera e propria guerra al “falso”. Il gruppo ha decine di migliaia di iscritti ed è attivo da diversi anni. È possibile rivendere nuove o usate sneakers di ogni tipo, a patto di rispettare le regole di pubblicazione e la netiquette del gruppo.

Le sneakers false sono un pericolo?

Ciò che il mercato resell delle sneakers ha creato è essenzialmente una divisione sociale, tra ricchi e poveri. Tra chi può permettersi un paio di scarpe da 1000 euro e chi no.

Il mercato del resell, aiutato dai metodi di rilascio e strategie di marketing (l’offerta “artificiale”) da parte delle case madri come Nike e Adidas. Ciò ha creato opportunità di guadagno e un certo interesse (il cosiddetto “Hype”) nel resell, tuttavia “gonfiando” in maniera ingiustificabile il prezzo finale.

Quasi a “risolvere” questo problema, è arrivato il mercato delle sneakers false. Attraverso e-commerce come Dhgate e eBay la vendita è aumentata in maniera sproporzionata. Questo mercato “secondario” ha reso accessibili sneakers che non sarebbero mai potuto esserlo proprio a causa di tutto questo “hype”.

Fake Sneakers oppure Non-Authorized Sneakers?

Le “fake sneakers” vengono vendute proprio come false, a prezzi spesso che sono 1/10 rispetto al valore di resell. La qualità è altissima, ma spesso sono presenti alcune imperfezioni rispetto all’originale, mentre invece i migliori falsari riescono a fare delle copie perfette (che spesso vengono anche certificate e rivendute su StockX, quindi attenzione) difficili da riconoscere.

In questo video qua sopra è possibile vedere come vengono create e vendute queste sneakers.

Sicuramente, il mondo delle sneakers false, ha intaccato in qualche modo i prezzi del resell. Questo settore  ha contribuito in maniera pesante ad aumentare l’offerta all’interno del mercato.

Moltissime persone sono disposte a comprare un paio di scarpe a 30-70 euro (rispetto all’originale che ha un valore di resell pari a a 1000 dollari).

Vapormax Vere vs False

Vapormax Vere vs False

Comunque sia, è bene specificare che gli sneakerheads sui gruppi e forum sono spesso molto severi sotto questo punto di vista: se si vende un paio di sneakers false (anche dichiarate come false) su uno dei gruppi, si sarà bannati a vita. Del resto, il mercato delle sneaker false è in qualche modo un problema per il reseller e gli sneakerheads. Questo settore, sta facendo diminuire l’interesse e i prezzi, consentendo a tutti di comprare un paio di scarpe costosissime e rarissime con soli 50 euro (spedizione inclusa).

La realtà però, è che gran parte dei falsi vengono fatti nella medesima fabbrica, con i soliti materiali e dai soliti lavoratori delle originali. Possiamo parlare quindi di copie “non autorizzate” piuttosto che falsi.

Sneakers “Non Autorizzate” o False: come vengono fatte

Fabbrica Nike in Cina

Fabbrica Nike in Cina

La stragrande maggioranza di Nike, Puma, Adidas ecc. sono create da fabbriche indipendenti sotto contratto, in Cina e con stipendi da fame. Spesso, queste fabbriche, decidono di fare delle scarpe “extra” che non sono all’interno del contratto con il marchio. Quindi, le inviano ai canali di distribuzione non ufficiali.

Legalmente quindi, le scarpe sono “non autorizzate” o “false”, ma sono tecnicamente identiche a quelle vere. Alcune fabbriche corrompono i lavoratori nelle fabbriche vincitrici del contratto per farsi inviare i dati delle specifiche. Si tratta di disegni tecnici dettagliati, materiali e, a volte, tecniche di produzione raccomandate.

Finché è possibile reperire i materiali (difficili ma non impossibili, ad esempio con il materiale Adidas Boost utilizzato nelle Yeezy) è possibile creare una replica quasi perfetta, molto più accurata rispetto al reverse engineering della scarpa.

Il problema che sorge nel mondo delle sneakers false, è che su alcuni marketplace, spesso vengono vendute come vere. Questo ha creato un innalzamento della soglia d’attenzione del compratore esperto, e una vera e propria “psicosi” all’interno di gruppi. In questi gruppi viene sempre più richiesto, ancor prima di acquistare le sneakers, il “legit check” (controllo di autenticità) agli sneakerheads più esperti.

Quindi?

Dopo questo lungo excursus, possiamo affermare che il segreto per massimizzare i profitti con il reselling delle sneakers è quello di cercare di “coppare” (copping > afferrare) le sneakers più difficilmente copiabili e con meno offerta sul mercato (sia legit che fake). Queste sneakers sono quelle destinate ad avere in futuro il valore più alto nel mercato resell. Interessante il fenomeno delle Converse CHUCK 70 HI in collaborazione con “OFF-WHITE”:

Converse CHUCK 70 HI in collaborazione con OFF-WHITE Prezzo Opinioni Recensioni

Converse CHUCK 70 HI in collaborazione con OFF-WHITE Prezzo Opinioni Recensioni

Queste scarpe sono state rilasciate in edizione limitata ad un prezzo di 130 euro circa in Italia. Adesso, vengono vendute a oltre 1000-1500 dollari sui vari marketplace. Ciò significa che l’incremento di prezzo e il potenziale profitto si aggira intorno al 1000%.

Questo perché, oltre alla grande richiesta ma bassa offerta sul mercato, sono presenti pochi falsi. Questo avviene a causa della difficoltà nel reperire il materiale trasparente necessario per realizzare la sneaker.

Il trucco è quindi quello di aggiudicarsi scarpe del genere, difficili da “clonare” ed in edizione super-limitata. Tentando di non prendere la cosiddetta “L” (in gergo tecnico significa il fatto di non essere riusciti ad aggiudicarsi il paio di scarpe). Inoltre, consigliamo di diversificare il proprio investimento con le azioni NikePer comprare anche solo 50 dollari di azioni NIKE senza commissioni e con una piattaforma social basta un click, clicca qua per saperne di più >>

2 Commenti
  • Piccolo problemino… ma questi giovani reseller le pagano le tasse? O ci pensano i loro genitori, essendo molti o minorenni o studenti e quindi a carico delle loro famiglie?

  • Fino a 5000 euro lordi annui non si pagano le tasse perche secondo la legge si tratta di compravendita tra privati, e comunque è quasi impossibile aggiudicarsi una di queste scarpe, che poi tra l’altro non si rivendono a 10 volte tanto ma solitamente a 3 volte il prezzo di retail (prezzo di listino)

Lascia un commento