Hai un’idea di business online? StartupHighway ti aiuta a realizzarla

StartupHighway è il business accelerator di Vilnius che accompagna le startup dall’idea al primo round d’investimento, attraverso un programma full-immersion di tre mesi e un seed funding di 14.000€

Sono un digital nomad e da tre anni la mia vita è in un trolley. Certo, devo farle spazio fra le camicie e il macbook, però è molto entusiasta di collezionare souvenir da tutta Europa. Sono emigrato per spirito d’avventura, lasciando in Italia una carriera in pubblicità e una mamma adorabile – con la consapevolezza che la stabilità è un valore importante, ma che i sogni lo sono di più.

startup highway team

A convincermi è stata una donna meravigliosa. Russa. Di cui mi sono innamorato fra le pagine di un libro. Mi ha detto che non dovevo puntare su chi ero, ma su chi sarei potuto diventare: indicando il mio destino come una mia precisa responsabilità. Si chiamava Ayn Rand e il fenomeno degli “startupper” – con il loro spirito imprenditoriale e la voglia di cambiare il mondo – li interpreto come l’apologia dei suoi ideali radicati nella cultura statunitense: dove la fiducia nel talento, nelle idee e nell’innovazione ha dato vita al primo ecosistema favorevole alle digital startup.

Questo ecosistema è in rapida formazione anche in Europa già da alcuni anni, e in quasi tutte le capitali si possono trovare co-working hub, incubatori e acceleratori d’impresa dove la comunità di imprenditori digitali fa networking e sviluppa le proprie idee. E’ una comunità senza barriere geografiche, perché chi fa impresa sul web ha come mercato il Mondo e i capitali per finanziare le idee non hanno bandiera. Ecco spiegato il motivo per cui acceleratori dei Paesi Baltici o di Londra e Berlino cercano startup italiane in cui investire.

Ma cos’è un business accelerator? E’ un programma che fornisce alle imprese digitali un ufficio, un primo investimento e la possibilità di essere guidati da esperti nella costruzione della propria azienda. Startup Highway, ad esempio, fornisce al team un ufficio per tre mesi, fino a 14.000€ di investimento “seed” (da non restituire in caso di fallimento) e una serie di mentors che aiutano gli imprenditori a costruire il prodotto digitale, a creare il business plan, a stabilire una strategia di marketing e a trovare investitori early-stage (dai 100.000 euro in su).

Il sogno di un business accelerator è quello di investire nella “next big thing” – ovvero nella Google o nella
Facebook del futuro – e lo persegue cercando di trasformare delle idee in business profittevoli.
Perché uno startupper dovrebbe scegliere Vilnius? Perché creare un’impresa in Lituania ha numerosi vantaggi. Il primo è la pressione fiscale, davvero molto bassa (26,4%). Il secondo è il costo del lavoro – circa la metà dell’Italia – che è un elemento determinante per le nuove imprese. Il terzo è l’attenzione verso il mondo digital, poichè molti ragazzi scelgono carriere nella programmazione e nel design e c’è internet free in tutti i caffè. Il quarto è il basso costo della vita che permette di vivere dignitosamente, affittando una stanza in centro, con 600€ al mese. Il quinto vantaggio, e non ultimo, è la meravigliosa città di Vilnius, resa vivace da una delle popolazioni più giovani d’Europa (difficile vedere capelli bianchi in giro) e da una vita culturale eccitante e cosmopolita: una reazione all’orrore vissuto durante l’occupazione sovietica.

Insomma una città perfetta per gli startupper, che possono concentrarsi sulla propria impresa senza calvari burocratici e che rimpiangeranno dell’Italia sicuramente il clima e la pizza (ma qualche sacrificio bisogna pur farlo).
Per chi volesse maggiori informazioni o candidare la propria idea, può visitare il sito www.startuphighway.com o scrivermi alla mail valerio@startuphighway.com.

Valerio Genovese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *