Investimenti

Hedge Fund (Fondo Speculativo): cos’è e come investire

Sicuramente la parola Hedge Fund è cosa che rimane ben impressa in mente guardando il notiziario finanziario in TV. Anche leggendo le pagine di un qualsiasi quotidiano economico è possibile imbattersi in articoli che parlando di Hedge Fund.

Ma di cosa si tratta esattamente? Purtroppo in pochi spiegano bene e semplicemente il vero significato di queste difficili parole. I Fondi Speculativi (traduzione italiana della parola Hedge Fund) sono essenzialmente dei fondi comuni di investimento privato.

Gli Hedge Fund sono amministrati da dei traders professionisti ai quali fanno capo società a responsabilità limitata.

La parola Hedge, si riferisce alle tecniche utilizzate per le strategie di copertura utilizzate per ridurre la volatilità nel proprio portafoglio, in modo da bilanciare il rischio, gestendo al meglio il proprio patrimonio.

Ma conviene investire con Hedge Fund? E se si come si fa? Come si può iniziare? In questa guida affrontiamo l’argomento in modo semplice e chiaro e con l’aiuto degli esperti di Mercati24, metteremo in luce pregi e difetti di questa modalità speculativa.

Come sempre, parleremo anche delle alternative e di altre possibilità di investimento speculativo vantaggioso. Ci sono infatti, fondi speculativi disponibili anche online che offrono ottime prospettive di investimento e profitto.

Parleremo delle principali piattaforme senza commissioni che offrono investimenti su fondi speculativi e altre modalità più semplici e dirette di negoziazione come eToro. Piattaforma SENZA commissioni e di facile utilizzo.

Hedge Fund: caratteristiche dei fondi speculativi

I fondi speculativi, permettono di generare dei rendimenti costanti nel tempo, tramite investimenti con rischio relativamente moderato.

Offrono la possibilità di ricevere dei ritorni piuttosto interessanti e per questo gli investitori di tutto il mondo se ne interessano. In sostanza, un’operazione profittevole con gli Hedge Fund, può essere tale da riuscire a bilanciare anche altre operazioni andate male, il P&L finale è poi quello che conta.

Gli hedge fund hanno le seguenti caratteristiche:

  • Leva finanziaria
  • Hedging
  • Possibilità di fare trading in diversi mercati
  • Possibilità di vendita allo scoperto

Hedge Fund: mito o realtà per investire?

Hedge-Fund-Mito

Come è possibile notare dalla foto, gli Hedge Fund sono possono considerarsi sopravvalutati, quasi un mito, in quanto l’aspettativa supera la realtà.

Si, come abbiamo appena detto gli Hedge Fund hanno caratteristiche che possono essere considerate vantaggiose. Tuttavia, non bisogna dimenticare l’altra faccia della medaglia.

Gli Hedge Fund hanno altre caratteristiche che li rendono “elitari” e riservati, non facilmente raggiungibili da chi è un investitore retail. Andiamo a vedere quali sono:

1 – Richiedono enormi capitali

Gli hedge fund sono degli investimenti che hanno un numero ristretto di soci partecipanti, e un investimento minimo richiesto che è solitamente molto elevato.

Stiamo parlando di centinaia di migliaia di euro. È quindi ovvio che gli hedge fund non sono accessibili per tutti. Solo chi dispone di grandi capacità economiche può aspirare a usarli per investire.

2 – Disponibili sono per grossi players

E a parte questo grande problema che impedisce ai più di usare gli Hedge Fund per investire, vi sono altre caratteristiche molto sopravvalutate di questa forma di collocamento di capitali.

A parte l’ingente capacità economica richiesta, bisogna ricordare che gli Hedge Fund non sono una forma di investimento “aperta” o pubblica. I fondi speculativi sono aperti solo a determinati investitori qualificati.

Per “investitori qualificati” quasi sempre si intendono grosse società che vantano altrettanto grandi capitali. Per questo è molto difficile avere accesso a un Hedge Fund se non si è parte di aziende che si occupano di grossi movimenti finanziari.

3 – Richiedono spese e commissioni

Un altro problema da non sottovalutare per i fondi speculativi è sicuramente il costo di commissione. Esistono due forme di commissioni che ricadono sulle spalle dell’investitore che partecipa a un fondo speculativo:

  1. Al gestore va corrisposta una commissione di gestione annuale (che può arrivare anche oltre il 2% delle attività del fondo)
  2. Inoltre sempre al gestore bisogna pagare una commissione di performance. Qui parliamo di costi molto, molto pesanti. Il gestore può chiedere anche oltre il 20% dell’aumento del valore patrimoniale netto del fondo durante l’anno.

Questi costi sono necessari per creare allineamento tra gli interessi dei gestori e l’investitore del fondo, tuttavia, sono costi che vanno sostenuti.

Alcuni Hedge Fund hanno miliardi di dollari in gestione. Quindi i profitti da simili commissioni sono davvero ragguardevoli.

Alternative per piccoli/medi investitori

Come abbiamo visto, gli Hedge Fund offrono vantaggi e svantaggi. Ma una cosa è certa, non sono adatti ai piccoli e medi investitori. Al disotto di un capitale di 100 mila euro non sono nemmeno da prendere in considerazione.

Ma allora quali alternative esistono per i piccoli e medi investitori? In realtà, esistono soluzioni pratiche e di facile gestione accessibili a tutti.

Esistono altri tipi di investimenti speculativi, che fanno sempre parte della famiglia degli hedge fund, e che permettono di guadagnare delle cifre elevate partendo però con un capitale esiguo.

Uno di questi investimenti speculativi più famosi e che hanno un rischio facilmente controllabile, sono gli investimenti in CFD. Si tratta dei famosi “contratti per differenza“, ovvero lo strumento finanziario più usato dai traders privati professionisti e non.

I CFD sono un mezzo per intervenire anche su Hedge Fund particolari, senza doversi accreditare come “top investor” e senza dover far parte di grandi cordate di investimento.

I CFD sono strumenti ad alto rendimento, aperti a chiunque. Si può cominciare anche da un capitale di soli 100€ e provare a investire.

Sono piattaforme come quella di eToro (famosissimo broker di trading online in CFD) che danno questa possibilità. Andiamo a vedere come.

Investimenti speculativi: scegliere eToro

Cominciare a fare investimenti speculativi, è molto semplice. E’ sufficiente recarsi sul sito di eToro, registrarsi e scoprire tutti i suoi eccezionali servizi.

Come dicevamo, eToro è un broker regolamentato e conosciuto sia in Italia sia nel mondo per i suoi esclusivi servizi di investimento aperti a chiunque voglia investire.

La sua piattaforma è stata approvata e autorizzata da Consob in Italia e da CySEC per l’unione europea. Così eToro ora può offrire i suoi servizi su CFD legalmente in Italia.

Tra i beni e titoli negoziabili offerti da eToro rientrano anche dei fondi di investimento gestiti.

eToro CopyFunds: i portafogli gestiti

Su eToro non si può avere accesso a fondi di investimento privati. Tuttavia il broker sulla sua piattaforma ha creato i CopyFunds. Si tratta di fondi che comprendono diversi asset e che funzionano in maniera simile a indici di borsa.

Questi gruppi di titoli o valute Forex, materie prime o criptovalute, sono selezionati in base a calcoli statistici e modelli matematici. Etoro mette insieme gli asset che performano meglio e una volta selezionati li mette a disposizione degli investitori.

Guarda l’immagine sottostante per capire meglio:

fondi di investimento hedge fund su eToro

Ecco eToro all’interno di questi riquadri pone i suoi portfolios di investimento che comprendono aziende di determinati settori:

  • FoodTech
  • 5G Revolution
  • TravelKit

Per TravelKit ad esempio vediamo che la performance su base annua del fondo di investimento speculativo è stata del +21%! Un profitto davvero molto elevato, prova a ottenerlo anche tu: iscriviti a eToro qui, è gratis.

In altre parole, seguendo quel fondo di investimento selezionato da eToro, in un anno si può ottenere più del 20% del capitale investito. Un investimento incredibilmente vantaggioso in quel caso.

Iscriviti a eToro e prova a investire sui CopyFunds. Quello che devi fare è solo scegliere quanto investire. Per il resto il fondo è autogestito. Puoi rimanere a mercato quanto desideri, oppure chiudere la posizione e incassare i profitti.

Non si tratta, infatti, di una forma di investimento di lungo termine, ma è sempre una scelta dell’utente se chiudere o far restare aperta la posizione di mercato.

Investimento: la guida di 24option per speculare

Vorresti conoscere altre alternative? Bene, tra le opzioni disponibili vogliamo parlare anche di 24option (visita il sito ufficiale qui). Questo è un broker molto conosciuto nel settore investimenti italiano, non a caso è sponsor anche della Juventus F.C.

24option è anch’esso un broker riconosciuto e autorizzato. Tra i suoi servizi esclusivi ricordiamo la possibilità di fare investimenti speculativi con CFD aperti anche a principianti.

Questo infatti, è un broker che si prende molta cura degli utenti alle prime armi offrendo loro molti strumenti di supporto. Un esempio? Facciamone due:

  1. Account Manager Personalizzato
  2. Corso di negoziazione gratis

Il primo è un servizio di supporto all’investimento. Viene fatto direttamente da un assistente personale che si pone in contatto telefonico con l’investitore iscritto a 24option. Questo permette di migliorare le strategie e quindi anche le performance di trading.

Clicca qui per iscriverti a 24option e farti seguire da un’assistente personalizzato.

Il secondo servizio è un corso di trading in formato libro elettronico. Un e-book che contiene una serie di informazioni fondamentali per fare trading, offerte da professionisti.

Il corso di trading di 24option è disponibile qui in PDF, scaricalo ora gratis.

Fare profitti con gli investimenti speculativi in CFD

Con gli investimenti speculativi in CFD, fare profitti può essere piuttosto immediato. Ci sono CFD disponibili su qualsiasi mercato immaginabile, ma il più comunemente utilizzato è il Forex, come anche il mercato azionario.

Se si vuole speculare, ad esempio sul prezzo delle azioni Amazon, sarà sufficiente fare una previsione sul loro prezzo. Semplicemente indicando dove andrà secondo noi: crescerà o scenderà? Se il mercato dovesse muoversi nella direzione prevista si ottengono rendimenti.

La pubblicità dei broker CFD è molta sia sul web che in TV, in quanto i clienti di broker come 24option o eToro sono in costante aumento.

Non si può dire la stessa cosa per la controparte degli Hedge Fund, che non fanno mai pubblicità, in quanto con loro il rischio è molto più alto e l’investimento molto più oneroso.

Hedge Fund (Fondi Speculativi), come funzionano

Nell’Hedge Fund, sono presenti strategie aggressive che permettono di fare ottimi profitti, come ad esempio lo short selling e l’uso della leva finanziaria. Ma in realtà questi strumenti sono disponibili anche con i broker CFD come 24option ed eToro.

Gli Hedge fund sono esenti da molte regolamentazioni, e questo aiuta gli investitori all’interno dell’Hedge Fund, a fare percentuali abbastanza allettanti.

L’investimento minimo per un hedge fund, è di minimo 100 mila euro, fino ad 1 milione di euro. Gli investitori pagano quindi una commissione per la gestione del fondo, e gli investitori devono inoltre, pagare anche un 20% sui profitti (che solitamente vengono erogati a fine anno).

Con la crisi finanziaria, sempre meno Hedge Fund riescono a chiudere l’anno in positivo, e molti stanno chiudendo i battenti in quanto sempre più clienti si stanno spostando verso metodi di investimento alternativi, e tra questi ci sono proprio i CFD.

Come abbiamo avuto modo di accennare, è quindi palese che l’investimento negli Hedge Fund non è adatto per chi non ha grandissime quantità di fondi. Le commissioni sono così alte che non ne vale neanche la pena provarci. È differente invece la situazione per i CFD, che sono la strategia operativa di investimento più efficace e più amata in questi anni.

Scegliendo i migliori broker (attualmente sono proprio 24Option, clicca qua per iniziare ed eToro) è sufficiente iniziare anche con soli 100 euro.

Hedge Fund più importanti

Esistono molti fondi di investimento privati importanti, alcuni sono partecipati da grandissimi magnati della finanza come George Soros o Warren Buffett.

Ma andiamo a conoscere storicamente quali sono gli Hedge Fund più importanti:

Bridgewater Associates:

È un hedge fund USA di gestione degli investimenti fondata da Ray Dalio nel 1975. La società serve clienti istituzionali compresi fondi pensione, fondi, fondazioni, governi stranieri e banche centrali. Utilizza uno stile di investimento macro globale basato su tendenze economiche quali l’inflazione, i tassi di cambio delle valute e il prodotto interno lordo degli Stati Uniti.

Alta Park:

Fondata nel 2013, Alta Park Capital, LP è un fondo di investimento con sede a San Francisco che si concentra sui settori della tecnologia, dei media e delle telecomunicazioni.

Northlander Commodity:

Con sede a Londra.  Ha operato investimenti importanti. La principale scommessa sull’aumento dei prezzi del carbonio in Europa ha dato i suoi frutti. Ulf Ek, fondatore e chief investment officer del fondo da 484 milioni di dollari, ha dichiarato inoltre in una nota che Northlander ha beneficiato di “una convinzione insolitamente alta sul commercio del carbonio”. Il Trading System sulle emissioni ha performato per circa un +230 percento anno su anno.

Conclusioni sugli Hedge Fund

I fondi speculativi di investimento possono realizzare enormi profitti, ma come abbiamo visto sono decisamente fuori dalla portata di investitori piccoli o medi.

Solo in rari casi la quota di partecipazione arriva a “soli” 100 mila euro. Nella maggior parte dei casi (più del 90%) è necessario partire da un investimento minimo di oltre 250 mila euro o dollari.

Ecco, c’è una bella differenza con il normale trading CFD che per quanto posa essere altrettanto profittevole, richiede quote di partecipazione decisamente più contenute.

Lascia un commento